La linea di gesso

1.6KReport
La linea di gesso

La linea di gesso

una storia

di

Le Fantasma

© 1997

Si erano conosciuti online, in una chat room. Era stato attratto dai suoi modi tranquilli e le aveva mandato una rosa come presentazione. Immediatamente hanno formato un legame. Il loro flirt occasionale ha portato a discussioni più profonde su film e profumi preferiti, cose erotiche, sensualità... È sbocciato, il giorno dopo si sono ritrovati a cercarsi, trovandosi ogni volta che hanno firmato...

Parlavano di vite e di amori, di cose divertenti e tristi... Si scambiavano un bacio... tenero e gentile, approfondendosi rapidamente fino a diventare una passione quasi ingestibile... Né erano del tutto nuove... né del tutto vissute... Le loro passioni si approfondirono....si scambiarono parole d'amore...sia sapendo che un incontro nel mondo reale non sarebbe mai potuto avvenire...sia sapendo che quella non era la prima volta che si incontravano.

Ogni volta che si incontravano, iniziava allo stesso modo... una conversazione casuale, una parola dolce, un'affermazione gentile... Poi, senza preavviso, una sola scintilla divampava nell'uno o nell'altro... I tocchi diventavano reali... si sentivano fortemente come se fossero stati insieme... Le loro passioni crescevano ad ogni incontro... La loro conoscenza delle reciproche simpatie e antipatie diventava più profonda di qualsiasi amante della vita reale... Parlavano e scrivevano... scambiandosi storie erotiche giorni e notti... nessuna fantasia era troppo piccola o umile... Finalmente, non potevano più trattenersi... con mani tremanti digitò il suo numero di telefono nel computer... "Quando?" ha digitato di nuovo. "Ora" rispose lui e lei scomparve dal suo schermo... E' arrivato il panico... l'aveva insultata? Il telefono squillò, esplodendo nel silenzio... "Ciao," sussurrò, temendo di scoprire che non era lei. Le risate tintinnarono dolcemente attraverso le righe e lui la riconobbe... suonava esattamente come scriveva... Parlavano lentamente, ognuno imparava l'uno dall'altro, ognuno desiderava continuare... nessuno dei due voleva muoversi. Le loro voci divennero morbide, appena un sussurro... entrambi sapevano che erano solo a una parola di distanza... Si sono incontrati di nuovo online... incapaci di continuare senza oltrepassare i limiti... ne hanno parlato... ognuno sapendo che il la prossima volta... sarebbe successo.

Hanno fatto l'amore molte volte nei mesi successivi, a volte online a volte al telefono... senza mai sapere esattamente quando sarebbe successo... una parola... un sospiro... a volte dichiarato apertamente... a volte ammantato di vaghi insinuazioni... i tempi insieme diventavano sempre più intensi... lui la prendeva in giro per avergli spedito fotografie di lei... diventava un gioco di volontà che cercavano ciascuno di guidare l'altro in un angolo. si erano scambiati le foto, lui sapeva che aspetto avesse ma non sapeva che aspetto avesse sotto tutti i vestiti, conosceva abbastanza bene la sua lingerie da avere i pezzi preferiti. Conosceva i colori ei disegni. Poteva immaginare nella sua mente l'aspetto delle sue dita mentre le accarezzavano i capezzoli o scivolavano delicatamente dentro l'elastico delle mutandine del bikini. Eppure poteva solo immaginare.

Un giorno, lo chiamò... eccitazione che risuonava nella sua risata... parole che uscivano... rapide e staccate... come messaggi istantanei verbali... Stava venendo nella sua città... "Potremmo incontrarci". chiese: "Dopotutto, siamo amici oltre che amanti". "Dovremmo essere in grado di incontrarci... di parlare faccia a faccia solo una volta..." per guardarci davvero gli occhi che si muovono... Niente sesso, concordarono, Si sarebbero solo guardati, parlare con l'un l'altro una volta, di persona, in modo che potessero dire di averlo fatto.

Andò al banco di registrazione dell'hotel e chiese la busta che lo aspettava, in essa c'era la chiave magnetica della sua stanza. I suoi poteri di concentrazione erano inesistenti... La sua mente vagava davanti a lui... nella stanza al piano di sopra... sentiva la stessa emozione familiare che provava ogni volta che firmava e vedeva il suo nome... Cercò di concentrarsi su gli eventi mentre si svolgevano... non su quello che ci aspettava... Questo è stato solo un incontro casuale tra amici... niente sesso... niente baci...

L'ascensore salì strisciando verso l'alto guadagnando lentamente sul suo piano... Una breve passeggiata lungo il corridoio... la chiave magnetica scivolò nella fessura e la porta si aprì lentamente... Colse i primi deboli odori di vaniglia... e lui sapeva...

Era seduta sul letto, le braccia tese dietro di lei, i palmi delle mani sul letto che la sostenevano e rivelavano la curva dei suoi seni. Le sue gambe erano incrociate, il vestito viola scuro abbastanza tirato su per permettergli di guardare a lungo le sue gambe calzate, che terminavano con alti tacchi viola a spillo. Una linea polverosa di gesso è stata tracciata per tutta la lunghezza della stanza, dividendola a metà e separandola da lui. C'era una sedia dalla sua parte, di fronte al letto e accanto ad essa un comodino e un telefono. Un altro telefono era appoggiato sul letto accanto a lei, accanto a una piccola scatola di cartone. Questo non era affatto quello che si aspettava. Prese silenziosamente il telefono... le sue dita volarono velocemente sui pulsanti e all'istante il telefono accanto alla sua sedia prese vita.

Sobbalzò quando la sua estensione squillò; e lei rideva come lui l'aveva sentita ridere tante volte prima... provava le stesse emozioni che provava ogni volta che squillava il suo telefono, ogni volta che si firmava, ogni volta che leggeva le sue lettere... è culla, la bocca secca, la voce tremante per l'attesa.

Ciao a te, sospirò sorridendo nel telefono. Ciao indietro, ha risposto, pensando a Dio che questo è meraviglioso, sembra, suona, odora proprio come avevo immaginato che sarebbe nella vita reale. Capì perfettamente che la linea era più di una linea di gesso, era la "linea che non poteva attraversare". Il suono era stato disattivato sul suo ricevitore, quindi la voce proveniva da lei, non da quella. Ma ha continuato a parlare al ricevitore, proprio come aveva fatto tante volte prima con lui, giocando con il cavo del telefono, avvolgendolo intorno alle dita e accarezzandolo sul seno mentre lo fissava intensamente.

"Indossando un vestito di seta nero, senza reggiseno, un reggicalze nero, calze naturali e tacchi a spillo neri." "Niente mutandine... oggi", aggiunse come ripensamento. E aprì lentamente le gambe lasciando intravedere fugacemente, la sua gonna scivolò un po' più in alto. "Scommetto che se potessi vedermi, ti godresti la vista", sussurrò.

Era come se la sua immaginazione fosse sbocciata completamente, le cose che aveva solo pensato di vedere negli ultimi mesi erano davanti ai suoi occhi. Il familiare indurimento lo attraversò mentre faceva scorrere la cerniera verso il basso. "Sono così duro," sussurrò." e posso sentire le tue dita su di me." Le sue dita si avvolsero attorno alla sua rigidità guidata dai suoi desideri. "Toccami." sussurrò di rimando. ""Fammi sentire le tue mani su di me."

Lentamente la sua mano si mosse sulla sua rigidità, come sapeva che avrebbe fatto la sua. "Oh dio", pensò, "potrei venire in questo momento se me lo permettessi." Amava portarla all'orgasmo prima che finalmente si riunissero in una frenesia di gemiti.. "Togliti il ​​vestito, sussurrò, e lei posò il telefono sul letto mentre si alzava, facendo scivolare le cinghie sulle spalle e lasciando che il morbido scivolare di seta nera sul pavimento. "È spento," sospirò piano nel telefono, appoggiandosi allo schienale della testiera. Con due leggeri colpi, le sue scarpe caddero a terra, "e anche le mie scarpe sono tolte."

La sua lingerie nera contrastava con la sua pelle cremosa. I suoi morbidi capelli rossi le incorniciavano il viso come aveva immaginato. Un morbido cumulo di rosso germogliò dalla "V" delle sue gambe. Le sue mani iniziarono a esplorare lentamente il suo corpo, in perfetta imitazione dei suoi pensieri, giù sui suoi seni, fermandosi solo per stringerle delicatamente i capezzoli, poiché sapeva che lui l'avrebbe sospirato, gli occhi chiusi, le spalle tornarono indietro spingendola verso l'alto. Poteva dire che era sia consapevole della sua presenza che ignara di essa. Le sue mani si muovevano lentamente sul suo cazzo mentre si infilava i pantaloni sulle gambe. La sua testa si voltò verso di lui, le sue labbra socchiuse, la lingua che le inumidiva in preparazione per quello che sarebbe successo... "Riesci a sentire le mie dita che ti toccano", sussurrò? "Sì," gemette piano nel ricevitore. "Io posso." La sua mano scivolò sullo stomaco verso il morbido mucchio di capelli, esplorando mentre procedeva, allo stesso modo in cui sapeva che lui l'avrebbe esplorata.

"Vorresti che mi togliessi le calze," sussurrò al telefono, sapendo esattamente quanto lo eccitasse. Slacciò rapidamente la giarrettiera, facendo scivolare le morbide calze sulle gambe, lentamente, in modo agonizzante, poi gettandole casualmente sul pavimento. La sua mano si mosse lentamente sulla sua durezza... in perfetta imitazione di come avrebbe fatto lei. La sua testa si girò verso di lui ei loro occhi si incontrarono mentre le sue dita aprivano delicatamente le morbide pieghe alla ricerca del minuscolo bottone che avrebbe liberato le sue passioni. "Toccami", sussurrò, "voglio sentire le tue mani su di me." "Toccami, mentre io tocco te." Scivolò giù lentamente sulla sedia, la sua mano scivolava dolcemente sul suo cazzo irrigidito mentre le sue dita entravano delicatamente nella sua umidità.

Le sue gambe si aprirono come per accettarlo, "Voglio sentire la tua lingua su di me", gemette. La sua mano si mosse più velocemente sul suo cazzo.. Le sue dita si mossero in piccoli cerchi sul suo clitoride, la sua mano sinistra premette contro il morbido tumulo mentre la sua mano destra scivolò profondamente dentro... la sua schiena si inarcò. "Ti sto prendendo in bocca," sussurrò, il telefono abbandonato da tempo sul letto, "riesci a sentirlo?" "Sìsssssssssssssssssssssssssss." gemette...

Le sue dita si muovevano dentro di lei, sondando, esplorando, cercando in perfetta imitazione di lui... Dentro e fuori, muovendosi velocemente, poi lentamente, poi ancora velocemente. Le sue carezze corrispondevano ai suoi movimenti. La sua mano sinistra si spostò sui suoi seni, afferrandoli, stringendoli, impastando... facendo rotolare delicatamente i capezzoli tra le dita... tirandoli. Le sue gambe si tesero per aprirsi di più, per permettergli di entrare in lei, i suoi fianchi si spinsero contro di lui, rotolando da una spalla all'altra mentre si contorceva sotto di lui... i suoi gemiti aumentarono, non riusciva più a soffocarli, le sue carezze divennero più veloce, più intenso, il suo corpo si irrigidì in previsione dell'imminente assalto.

I suoi occhi si strinsero strettamente, i suoi denti si morsero il labbro nel vano tentativo di placare le grida dell'edificio, la testa si girò di nuovo verso di lui, gli occhi si aprirono, lo sguardo fisso sul suo cazzo irrigidito, la lingua le passò sulle labbra come se per assaggiarlo. La vista delle sue carezze intensificò la sua passione..., i suoi respiri divennero sussulti... "Sìsssss," sussurrò con voce roca e lui capì che le piaceva guardare tanto quanto essere osservata.

Le sue dita si muovevano furiosamente contro il suo clitoride gonfio mentre la sua mano accarezzava il suo cazzo irrigidito... La sua mano alternativamente accarezzava e massaggiava i suoi seni, il suo corpo si contorceva e si girava sul letto... i suoi occhi si spostarono dal suo cazzo al suo viso... bloccandosi per un istante con il suo... i suoi fianchi si sollevarono verso l'alto per incontrarlo e le sue belle cosce tremarono in attesa dell'orgasmo che stava costruendo... Sempre più forte e veloce le sue mani si mossero, in perfetto ritmo con lui... Nel profondo della sua gola, cominciò a formarsi un piccolo gemito di estasi.

I loro occhi si incrociarono mentre il suo cazzo iniziava a pulsare, sempre più velocemente si muovevano, il suo piagnucolio cresceva nonostante i suoi vani tentativi di trattenerlo... sempre più vicini si spostavano verso il bordo... insieme... in perfetta armonia... Le contrazioni iniziarono a incresparle lo stomaco, come le increspature di un lago, la schiena inarcata mentre il fluido scorreva attraverso di lui. Insieme, i loro gemiti divennero urla di passione, ciascuno soffocando l'altro.

Insieme si contorcevano in estasi versando i succhi dell'amore, mescolandoli, frullandoli mentre si maneggiano per settimane al telefono... ancora e ancora, si contraeva mentre ogni scossa di assestamento le passava attraverso... i suoi gemiti diventavano una canzone che si fondeva con il suo in un duetto di passione e amore... che esplode con lampi di luce attraverso i loro corpi.

Più e più volte, gli spasmi scorrevano attraverso di loro finché non si abbassarono, si esaurirono, gli occhi ancora si guardavano l'un l'altro, i sorrisi giocavano sulle loro labbra... "Allora", sussurrò, "vuoi ancora onorare quella linea?"

-30-

Storie simili

Il weekend di una figlia Pt. 2

Erano passate un altro paio d'ore e Savannah aveva finito per addormentarsi. Ho accostato il vialetto di ghiaia e mi sono fermato davanti alla nostra capanna di famiglia. “Savannah,” le scossi la spalla, “siamo qui”. Gli occhi di Savannah si aprirono intontiti e sbatté le palpebre diverse volte mentre si riprendeva e si orientava. Mentre Savannah si stava svegliando dal suo pisolino, sono scesa dalla macchina e sono andata al portellone del camion per prendere i nostri bagagli. Non riuscivo a smettere di pensare a prima, a come mia figlia avesse preso il controllo e mi avesse effettivamente succhiato. Era sbagliato...

1.6K I più visti

Likes 1

Diventare Zoe

La mia futura moglie Annie aveva accettato un lavoro fuori città e la vedevo solo ogni due settimane circa. Mi mancava così tanto. Lei ed io eravamo diventati amanti a distanza. Aveva un volo di ritorno a casa venerdì sera. Stavo andando a prendere suo figlio Zakk dal suo dormitorio e noi due saremmo andati a prenderla all'aeroporto e ci saremmo goduti il ​​fine settimana insieme. Zakk è al suo primo anno di college e sta studiando per diventare un truccatore per il teatro e lo schermo. Lui e io non ci siamo davvero conosciuti e questo doveva essere il fine...

1.1K I più visti

Likes 0

La banda pt1_(0)

La Banda. pt 1 Questa è la mia prima storia in assoluto, quindi per favore sii gentile nei tuoi commenti. Sono ben accette critiche costruttive. Sono Sarah, ho 26 anni e lavoro in una banca come consulente per piccole imprese. Ho lunghi capelli castani, sono 5'7 taglia 10 con seni piccoli ma impertinenti 32B. Vado in palestra almeno 3 volte a settimana quindi sono in buona forma e sono single da un paio d'anni, anche se mi sono divertito. Comunque ti racconto la mia esperienza con una gang di East Leeds. Era un venerdì e la mia migliore amica Vicky era...

923 I più visti

Likes 0

All'improvviso, tabù

All'improvviso, tabù Se sei un ragazzo abbastanza bello con una personalità gradevole, bravo a chiacchierare con le donne e a muoverti molto, trovandoti nei posti giusti al momento giusto avrai i tuoi momenti di sesso quando meno te lo aspetti; questo è previsto. Ma quando all'improvviso, all'improvviso, senza alcuna indicazione, senza alcuna preparazione, senza alcuna preparazione da parte tua, ti viene servita una figa di prima qualità, e quella figa appartiene alla tua bellissima madre; allora sei un figlio di puttana fortunato. Sono un figlio di puttana fortunato! Una parente di mia madre ci ha inviato un invito al suo matrimonio...

768 I più visti

Likes 0

Allenamento 07

Mi è davvero piaciuto essere usato da Jim. La mia figa del culo sembrava vuota senza il suo grosso cazzo nero dentro. Il sesso con mia moglie era ancora soddisfacente, su questo non c'erano dubbi, ma stare con Jim era diverso. Ammetto di aver avuto una distrazione abbastanza significativa nella mia vita pensando a lui. Ero assolutamente brava al 100% a farmi usare da lui per il suo piacere, essendo la sua cagna o fica, se vuoi. Il piacere che ho provato nell'essere usato come un giocattolo da scopare da Jim era difficile da descrivere, anche a me stesso. Il mio...

345 I più visti

Likes 0

Risvegli 5_(1)

Risvegli 5 -------------------------------------------------- ------------- Tahir e il Capitano stavano analizzando i rapporti che stavano arrivando. Apparentemente, le precedenti azioni di Tahir avevano interrotto per un po' i piani del gruppo del dottore. Ci stavano lavorando da un paio d'ore, quando Tahir notò il rapporto di un cadavere. Gli ci volle un momento per leggerlo, voltandosi verso il Capitano, attirò la sua attenzione. Questo rapporto descrive in dettaglio un corpo che è stato trovato, ciò che sembra strano è che il corpo non aveva alcun cervello. Era quasi come se la cavità cranica fosse stata pulita con l'aspirapolvere. disse Tahir, porgendo il...

1.3K I più visti

Likes 0

Fare Storia

Ah, ma se l'avessi vista capiresti... Ad essere onesti, i tutorial stavano iniziando a diventare un po' noiosi lato. Non fraintendermi, mi stavo godendo il corso nel complesso, ma lo ero nel mio secondo anno ormai e dovevo ancora incontrare un tutor che mi ha ispirato. La maggior parte di loro sembrava stanca del proprio lavoro, aspettando il momento giusto fino alla pensione. Settimana dopo settimana, ero difficile ma difficile compiti stimolanti e ogni settimana tornavo con la sensazione di aver guadagnato molto poco. La storia è una passione. Me ne ero innamorato nella mia prima adolescenza, circondato da una famiglia...

988 I più visti

Likes 0

Sesso sul treno

Tom è stato a Edimburgo per un incontro di lavoro. Era stata prevista una bella giornata estiva, quindi è vestito con pantaloni chino beige, scarpe brogue marroni, una camicia aperta bianca e un blazer blu. Con la sua pelle abbronzata, sembra piuttosto elegante in città. Il suo incontro è scaduto e così ora è sull'ultimo treno per tornare a Leeds, nello Yorkshire, che sta per lasciare la stazione alle 21:30. Non ci sono molti passeggeri che salgono sul treno quindi sceglie un gruppo di 4 posti con tavolino, si siede nel posto di corridoio con le spalle al senso di marcia...

940 I più visti

Likes 0

DONNE ANZIANE_(1)

Storia di Fbailey numero 219 Donne anziane Quando ho compiuto sedici anni mia madre era impegnata con me. Papà non c'era mai e quando c'era, non c'era ancora. Era il tuo venditore ambulante preverbale. Era un donnaiolo, un ubriacone e una misera scusa per un essere umano. Ha fornito un tetto sopra le nostre teste, ma questo è tutto. La mamma lavorava per pagare il cibo che mangiavamo e i vestiti che avevamo addosso. Ho avviato la mia attività di giardinaggio quella primavera. Ho distribuito volantini in un bel quartiere appena fuori città e ho trovato subito un paio di lavori...

1K I più visti

Likes 1

Barndanza

Un bel giorno... momenti nella nostra stalla: “The Barndance di Phyllis e Roger C'era qualcosa della mia giovinezza che ricorderò per sempre. Avevamo una stalla che prima dell'inverno caricavamo di erba medica per gli animali. Il giorno in cui arrivava il carico era sempre divertente con tutti quei ragazzi mascolini dall'aspetto forte che scaricavano le balle di erba medica e le accatastavano all'interno del nostro fienile. Ammirerei i loro corpi muscolosi che si sollevano e sudano nello scaricare e poi ammucchiare le balle. E mi guardarono piccola e graziosa nella mia veste da casa tutta innocente, la brezza che soffiava sul...

908 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.