La linea di gesso

111Report
La linea di gesso

La linea di gesso

una storia

di

Le Fantasma

© 1997

Si erano conosciuti online, in una chat room. Era stato attratto dai suoi modi tranquilli e le aveva mandato una rosa come presentazione. Immediatamente hanno formato un legame. Il loro flirt occasionale ha portato a discussioni più profonde su film e profumi preferiti, cose erotiche, sensualità... È sbocciato, il giorno dopo si sono ritrovati a cercarsi, trovandosi ogni volta che hanno firmato...

Parlavano di vite e di amori, di cose divertenti e tristi... Si scambiavano un bacio... tenero e gentile, approfondendosi rapidamente fino a diventare una passione quasi ingestibile... Né erano del tutto nuove... né del tutto vissute... Le loro passioni si approfondirono....si scambiarono parole d'amore...sia sapendo che un incontro nel mondo reale non sarebbe mai potuto avvenire...sia sapendo che quella non era la prima volta che si incontravano.

Ogni volta che si incontravano, iniziava allo stesso modo... una conversazione casuale, una parola dolce, un'affermazione gentile... Poi, senza preavviso, una sola scintilla divampava nell'uno o nell'altro... I tocchi diventavano reali... si sentivano fortemente come se fossero stati insieme... Le loro passioni crescevano ad ogni incontro... La loro conoscenza delle reciproche simpatie e antipatie diventava più profonda di qualsiasi amante della vita reale... Parlavano e scrivevano... scambiandosi storie erotiche giorni e notti... nessuna fantasia era troppo piccola o umile... Finalmente, non potevano più trattenersi... con mani tremanti digitò il suo numero di telefono nel computer... "Quando?" ha digitato di nuovo. "Ora" rispose lui e lei scomparve dal suo schermo... E' arrivato il panico... l'aveva insultata? Il telefono squillò, esplodendo nel silenzio... "Ciao," sussurrò, temendo di scoprire che non era lei. Le risate tintinnarono dolcemente attraverso le righe e lui la riconobbe... suonava esattamente come scriveva... Parlavano lentamente, ognuno imparava l'uno dall'altro, ognuno desiderava continuare... nessuno dei due voleva muoversi. Le loro voci divennero morbide, appena un sussurro... entrambi sapevano che erano solo a una parola di distanza... Si sono incontrati di nuovo online... incapaci di continuare senza oltrepassare i limiti... ne hanno parlato... ognuno sapendo che il la prossima volta... sarebbe successo.

Hanno fatto l'amore molte volte nei mesi successivi, a volte online a volte al telefono... senza mai sapere esattamente quando sarebbe successo... una parola... un sospiro... a volte dichiarato apertamente... a volte ammantato di vaghi insinuazioni... i tempi insieme diventavano sempre più intensi... lui la prendeva in giro per avergli spedito fotografie di lei... diventava un gioco di volontà che cercavano ciascuno di guidare l'altro in un angolo. si erano scambiati le foto, lui sapeva che aspetto avesse ma non sapeva che aspetto avesse sotto tutti i vestiti, conosceva abbastanza bene la sua lingerie da avere i pezzi preferiti. Conosceva i colori ei disegni. Poteva immaginare nella sua mente l'aspetto delle sue dita mentre le accarezzavano i capezzoli o scivolavano delicatamente dentro l'elastico delle mutandine del bikini. Eppure poteva solo immaginare.

Un giorno, lo chiamò... eccitazione che risuonava nella sua risata... parole che uscivano... rapide e staccate... come messaggi istantanei verbali... Stava venendo nella sua città... "Potremmo incontrarci". chiese: "Dopotutto, siamo amici oltre che amanti". "Dovremmo essere in grado di incontrarci... di parlare faccia a faccia solo una volta..." per guardarci davvero gli occhi che si muovono... Niente sesso, concordarono, Si sarebbero solo guardati, parlare con l'un l'altro una volta, di persona, in modo che potessero dire di averlo fatto.

Andò al banco di registrazione dell'hotel e chiese la busta che lo aspettava, in essa c'era la chiave magnetica della sua stanza. I suoi poteri di concentrazione erano inesistenti... La sua mente vagava davanti a lui... nella stanza al piano di sopra... sentiva la stessa emozione familiare che provava ogni volta che firmava e vedeva il suo nome... Cercò di concentrarsi su gli eventi mentre si svolgevano... non su quello che ci aspettava... Questo è stato solo un incontro casuale tra amici... niente sesso... niente baci...

L'ascensore salì strisciando verso l'alto guadagnando lentamente sul suo piano... Una breve passeggiata lungo il corridoio... la chiave magnetica scivolò nella fessura e la porta si aprì lentamente... Colse i primi deboli odori di vaniglia... e lui sapeva...

Era seduta sul letto, le braccia tese dietro di lei, i palmi delle mani sul letto che la sostenevano e rivelavano la curva dei suoi seni. Le sue gambe erano incrociate, il vestito viola scuro abbastanza tirato su per permettergli di guardare a lungo le sue gambe calzate, che terminavano con alti tacchi viola a spillo. Una linea polverosa di gesso è stata tracciata per tutta la lunghezza della stanza, dividendola a metà e separandola da lui. C'era una sedia dalla sua parte, di fronte al letto e accanto ad essa un comodino e un telefono. Un altro telefono era appoggiato sul letto accanto a lei, accanto a una piccola scatola di cartone. Questo non era affatto quello che si aspettava. Prese silenziosamente il telefono... le sue dita volarono velocemente sui pulsanti e all'istante il telefono accanto alla sua sedia prese vita.

Sobbalzò quando la sua estensione squillò; e lei rideva come lui l'aveva sentita ridere tante volte prima... provava le stesse emozioni che provava ogni volta che squillava il suo telefono, ogni volta che si firmava, ogni volta che leggeva le sue lettere... è culla, la bocca secca, la voce tremante per l'attesa.

Ciao a te, sospirò sorridendo nel telefono. Ciao indietro, ha risposto, pensando a Dio che questo è meraviglioso, sembra, suona, odora proprio come avevo immaginato che sarebbe nella vita reale. Capì perfettamente che la linea era più di una linea di gesso, era la "linea che non poteva attraversare". Il suono era stato disattivato sul suo ricevitore, quindi la voce proveniva da lei, non da quella. Ma ha continuato a parlare al ricevitore, proprio come aveva fatto tante volte prima con lui, giocando con il cavo del telefono, avvolgendolo intorno alle dita e accarezzandolo sul seno mentre lo fissava intensamente.

"Indossando un vestito di seta nero, senza reggiseno, un reggicalze nero, calze naturali e tacchi a spillo neri." "Niente mutandine... oggi", aggiunse come ripensamento. E aprì lentamente le gambe lasciando intravedere fugacemente, la sua gonna scivolò un po' più in alto. "Scommetto che se potessi vedermi, ti godresti la vista", sussurrò.

Era come se la sua immaginazione fosse sbocciata completamente, le cose che aveva solo pensato di vedere negli ultimi mesi erano davanti ai suoi occhi. Il familiare indurimento lo attraversò mentre faceva scorrere la cerniera verso il basso. "Sono così duro," sussurrò." e posso sentire le tue dita su di me." Le sue dita si avvolsero attorno alla sua rigidità guidata dai suoi desideri. "Toccami." sussurrò di rimando. ""Fammi sentire le tue mani su di me."

Lentamente la sua mano si mosse sulla sua rigidità, come sapeva che avrebbe fatto la sua. "Oh dio", pensò, "potrei venire in questo momento se me lo permettessi." Amava portarla all'orgasmo prima che finalmente si riunissero in una frenesia di gemiti.. "Togliti il ​​vestito, sussurrò, e lei posò il telefono sul letto mentre si alzava, facendo scivolare le cinghie sulle spalle e lasciando che il morbido scivolare di seta nera sul pavimento. "È spento," sospirò piano nel telefono, appoggiandosi allo schienale della testiera. Con due leggeri colpi, le sue scarpe caddero a terra, "e anche le mie scarpe sono tolte."

La sua lingerie nera contrastava con la sua pelle cremosa. I suoi morbidi capelli rossi le incorniciavano il viso come aveva immaginato. Un morbido cumulo di rosso germogliò dalla "V" delle sue gambe. Le sue mani iniziarono a esplorare lentamente il suo corpo, in perfetta imitazione dei suoi pensieri, giù sui suoi seni, fermandosi solo per stringerle delicatamente i capezzoli, poiché sapeva che lui l'avrebbe sospirato, gli occhi chiusi, le spalle tornarono indietro spingendola verso l'alto. Poteva dire che era sia consapevole della sua presenza che ignara di essa. Le sue mani si muovevano lentamente sul suo cazzo mentre si infilava i pantaloni sulle gambe. La sua testa si voltò verso di lui, le sue labbra socchiuse, la lingua che le inumidiva in preparazione per quello che sarebbe successo... "Riesci a sentire le mie dita che ti toccano", sussurrò? "Sì," gemette piano nel ricevitore. "Io posso." La sua mano scivolò sullo stomaco verso il morbido mucchio di capelli, esplorando mentre procedeva, allo stesso modo in cui sapeva che lui l'avrebbe esplorata.

"Vorresti che mi togliessi le calze," sussurrò al telefono, sapendo esattamente quanto lo eccitasse. Slacciò rapidamente la giarrettiera, facendo scivolare le morbide calze sulle gambe, lentamente, in modo agonizzante, poi gettandole casualmente sul pavimento. La sua mano si mosse lentamente sulla sua durezza... in perfetta imitazione di come avrebbe fatto lei. La sua testa si girò verso di lui ei loro occhi si incontrarono mentre le sue dita aprivano delicatamente le morbide pieghe alla ricerca del minuscolo bottone che avrebbe liberato le sue passioni. "Toccami", sussurrò, "voglio sentire le tue mani su di me." "Toccami, mentre io tocco te." Scivolò giù lentamente sulla sedia, la sua mano scivolava dolcemente sul suo cazzo irrigidito mentre le sue dita entravano delicatamente nella sua umidità.

Le sue gambe si aprirono come per accettarlo, "Voglio sentire la tua lingua su di me", gemette. La sua mano si mosse più velocemente sul suo cazzo.. Le sue dita si mossero in piccoli cerchi sul suo clitoride, la sua mano sinistra premette contro il morbido tumulo mentre la sua mano destra scivolò profondamente dentro... la sua schiena si inarcò. "Ti sto prendendo in bocca," sussurrò, il telefono abbandonato da tempo sul letto, "riesci a sentirlo?" "Sìsssssssssssssssssssssssssss." gemette...

Le sue dita si muovevano dentro di lei, sondando, esplorando, cercando in perfetta imitazione di lui... Dentro e fuori, muovendosi velocemente, poi lentamente, poi ancora velocemente. Le sue carezze corrispondevano ai suoi movimenti. La sua mano sinistra si spostò sui suoi seni, afferrandoli, stringendoli, impastando... facendo rotolare delicatamente i capezzoli tra le dita... tirandoli. Le sue gambe si tesero per aprirsi di più, per permettergli di entrare in lei, i suoi fianchi si spinsero contro di lui, rotolando da una spalla all'altra mentre si contorceva sotto di lui... i suoi gemiti aumentarono, non riusciva più a soffocarli, le sue carezze divennero più veloce, più intenso, il suo corpo si irrigidì in previsione dell'imminente assalto.

I suoi occhi si strinsero strettamente, i suoi denti si morsero il labbro nel vano tentativo di placare le grida dell'edificio, la testa si girò di nuovo verso di lui, gli occhi si aprirono, lo sguardo fisso sul suo cazzo irrigidito, la lingua le passò sulle labbra come se per assaggiarlo. La vista delle sue carezze intensificò la sua passione..., i suoi respiri divennero sussulti... "Sìsssss," sussurrò con voce roca e lui capì che le piaceva guardare tanto quanto essere osservata.

Le sue dita si muovevano furiosamente contro il suo clitoride gonfio mentre la sua mano accarezzava il suo cazzo irrigidito... La sua mano alternativamente accarezzava e massaggiava i suoi seni, il suo corpo si contorceva e si girava sul letto... i suoi occhi si spostarono dal suo cazzo al suo viso... bloccandosi per un istante con il suo... i suoi fianchi si sollevarono verso l'alto per incontrarlo e le sue belle cosce tremarono in attesa dell'orgasmo che stava costruendo... Sempre più forte e veloce le sue mani si mossero, in perfetto ritmo con lui... Nel profondo della sua gola, cominciò a formarsi un piccolo gemito di estasi.

I loro occhi si incrociarono mentre il suo cazzo iniziava a pulsare, sempre più velocemente si muovevano, il suo piagnucolio cresceva nonostante i suoi vani tentativi di trattenerlo... sempre più vicini si spostavano verso il bordo... insieme... in perfetta armonia... Le contrazioni iniziarono a incresparle lo stomaco, come le increspature di un lago, la schiena inarcata mentre il fluido scorreva attraverso di lui. Insieme, i loro gemiti divennero urla di passione, ciascuno soffocando l'altro.

Insieme si contorcevano in estasi versando i succhi dell'amore, mescolandoli, frullandoli mentre si maneggiano per settimane al telefono... ancora e ancora, si contraeva mentre ogni scossa di assestamento le passava attraverso... i suoi gemiti diventavano una canzone che si fondeva con il suo in un duetto di passione e amore... che esplode con lampi di luce attraverso i loro corpi.

Più e più volte, gli spasmi scorrevano attraverso di loro finché non si abbassarono, si esaurirono, gli occhi ancora si guardavano l'un l'altro, i sorrisi giocavano sulle loro labbra... "Allora", sussurrò, "vuoi ancora onorare quella linea?"

-30-

Storie simili

Ragazze in spiaggia a tre

È iniziato domenica mattina presto nel weekend del Memorial Day quando mi sono alzato per prendere un bicchiere d'acqua dalla cucina. Stavamo affittando una casa sulla spiaggia nelle Outer Banks e avevo davvero sete per la pizza vegetariana che abbiamo mangiato per cena. Scivolai fuori dal letto e mi diressi in cucina. Ho sentito la TV del soggiorno accesa e ho pensato che le due ragazze fossero tornate tardi dal loro incontro con i ragazzi che prima avevano preso in giro in spiaggia, avessero guardato un po' di TV e l'avessero lasciata accesa. Ho intravisto la TV dallo spazio tra la...

622 I più visti

Likes 0

Il Barfly - cap. 2, riscrivi

Prologo Vorrei ringraziare coloro che hanno letto le mie storie e le hanno commentate. Questa è una riscrittura completa del secondo capitolo della mia storia The Barfly originariamente pubblicato nel forum. Vorrei chiedere a quelli di voi che mi onorano con voti negativi nei gruppi di lasciare alcuni commenti in modo che io possa imparare cosa non piace ai lettori delle mie storie. Vorrei anche chiedere a quelli di voi a cui piacciono le mie storie di lanciare un wote a modo mio per tenerle in una posizione accessibile. Godere J. Bailey Il Barfly, cap. 2, riscrivi Si svegliò la mattina...

631 I più visti

Likes 0

Give Me Some Sugar Part 1 - Prova di Rochelle

​ La vita è sicuramente divertente è come si svolge. Non sono mai stato un uomo religioso, e ancora non lo sono, ma ascoltavo il tipo di Joel Olsteen quando i tempi erano brutti. Era così positivo, che ha aiutato, ma ha anche parlato di come Dio potrebbe recuperare decenni di merda, in pochi anni attraverso un aumento super naturale. Come ho detto, non sono un cristiano e sono agnostico sull'esistenza di una divinità, ma devo ammettere che come minimo, la vita può rimediare a molte sofferenze molto rapidamente. In effetti, penso che ti faccia godere ancora di più della tua...

696 I più visti

Likes 0

La migliore sorella del mondo!!! Parte 2

La migliore sorella del mondo!!! Parte 2 Mi sono svegliato la mattina dopo più riposato di quanto mi fossi sentito da molto tempo. Gli eventi della notte precedente mi stavano attraversando la mente mentre iniziavo a prepararmi per la scuola. Sia io che Sydney ci amavamo molto, in un certo senso fraterno. Non avevo mai pensato a lei sessualmente, ma quando l'ho vista masturbarsi fino all'orgasmo mentre pensava a me... ho iniziato a vederla sotto una nuova luce. Ora la vedevo non solo come mia sorella maggiore, ma come una donna bella e sexy. Sono sceso al piano di sotto, la...

794 I più visti

Likes 0

Fratello e sorella a casa da soli

Questa è una storia di fantasia Ciao cari lettori, mi chiamo Young e voglio condividere un segreto che ho tenuto nascosto ai miei genitori per un anno. Ho 22 anni e mia sorella ha 19 anni. Viviamo entrambi con i nostri genitori, il che aiuta molto in questa economia. La storia che segue è quello che è successo nel dicembre del 2010, mentre io e mia sorella siamo rimasti a casa da soli per due settimane prima di Natale. I nostri genitori gestiscono un'attività all'estero e sono a malapena a casa. Tanto per cominciare, voglio dire che ho sempre amato mia...

768 I più visti

Likes 0

Amore nerd

Mentre i giovani corpi caldi si contorcevano intorno Jimmy stava accarezzando il suo cazzo duro di 17 anni, 6 pollici e mezzo il più velocemente possibile. Quando è entrato nel suo calzino Jimmy ha pensato che sarebbe stato fantastico essere l'uomo nel porno che stava guardando, avere una ragazza che lo avrebbe davvero scopato è il suo sogno. Jimmy non ha molte abilità sociali, vedi, va a scuola online il che significa che non può incontrare nuove ragazze e anche se lo facesse probabilmente non lo prenderebbero nemmeno in considerazione a causa del suo essere eccessivamente magro e della sua goffaggine...

663 I più visti

Likes 0

ESTATE HO COMPIUTO 13

Con le mie scarpe e i miei vestiti in mano, ho camminato nel bosco indossando solo la mia biancheria intima bianca. La mia faccia era calda per l'imbarazzo, la rabbia e qualcos'altro su cui non potevo mettere il dito, o forse semplicemente non volevo. Il mio cazzo era più duro di quanto non fosse mai stato nella mia vita e sembrava diventare sempre più duro più pensavo a Jeff e Bob che vedevano la mia erezione nuda. Sapevo di aver sbagliato dicendo loro di andare a farsi fottere e scappando via come ho fatto io. Anche se avevo appena compiuto 13...

756 I più visti

Likes 0

L'uomo più piccolo

Stavo guardando le gambe di Jerry, mentre era in piedi sullo sgabello davanti a me. Aveva le cosce molto forti, e ho ammirato la sua forma mentre metteva la nuova lampadina nella plafoniera. Questa cosa è un dolore da raggiungere, ha detto Jerry. Poi, mentre lottava con il bulbo, i miei occhi seguivano le sue gambe muscolose fino al punto in cui si incontravano, e ho dovuto sopprimere uno sguardo fisso: c'era un nodulo che giaceva di lato, un piccolo nodulo, ma c'era un nodulo ben definito. Lascia che ti spieghi quello. Stavamo parlando del nostro recente gruppo di feste che...

498 I più visti

Likes 0

Mia sorella mi fa mostrare la sua parte 01

Mia sorella mi fa mostrare a lei di Vanessa Evans Parte 1 Ciao, mi chiamo Archie e mia sorella si chiama Alice, siamo gemelli di 18 anni. Siamo sempre andati d'accordo, aiutandoci a vicenda con i compiti scolastici e parlandoci di tutto, e dico proprio tutto. Pensavo che tutto significasse tutto tranne poco tempo fa Alice mi ha raccontato una fantasia che aveva da anni. Mi ha detto che voleva che gli uomini la vedessero nuda. All'inizio sono rimasto scioccato perché, sebbene condividessimo il bagno da anni e l'inevitabile fosse accaduto occasionalmente, ho sempre pensato che Alice fosse una brava ragazza...

702 I più visti

Likes 0

CAW#11 - Giornata degli inverni freddi

Era una fredda notte d'inverno, nel tardo autunno. La nebbia era calata; poco prima di mezzanotte e ricoprì gradualmente le strade. L'aria era piena di nebbia e la visibilità diventava difficile, mentre camminavo per le strade della città. Il mio protettore è costretto a lavorare per strada stasera. Speravo in una notte proficua; per tenere lui e i suoi scagnozzi, lontano da me e dalla mia famiglia. Mi chiamo Louise e sono una madre single di 21 anni e anche una prostituta. Ho una figlia di tre anni, Misty (Melissa). Era accudita da un caro amico. Stanotte il mio corpo snello...

502 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.