LA CAMERIERA parte 1

1.4KReport
LA CAMERIERA parte 1

Ho guidato fino al cancello di una vasta tenuta dove ero stato mandato per un lavoro; sembrava un po' opprimente finché non mi sono ricordato che sarei stato solo un membro di un'intera casa di servi. Fino a quel momento, ero stato mandato a lavorare solo in case più piccole dove ero incaricato di far funzionare l'intera famiglia senza intoppi.

Ho premuto il pulsante dell'interfono e una voce maschile ha detto: "Dichiara il tuo nome e i tuoi affari".

"Elena Marceau. Sono la nuova cameriera dell'ala ovest."

Ho sentito un ronzio e il cancello ha cominciato ad aprirsi. Ho tirato dentro e ho guidato sul retro come indicato dal mio datore di lavoro. Ero stato avvertito che questa era una posizione difficile e che mi sarebbe stato chiesto di fare molte cose al di sopra e al di là del dovere Ma sono stato anche informato che se avessi lavorato 5 anni e li avessi serviti bene, mi sarebbe stato dato un grande bonus abbastanza da permettermi di andare in pensione presto. Potrei quindi viaggiare e fare tutte le cose che avrei mai voluto mentre ero ancora abbastanza giovane da godermelo.

Sapevo che questo bonus sostanziale veniva offerto perché era difficile ottenere e mantenere un buon aiuto; ed era anche dovuto al fatto che molte richieste personali e strane mi sarebbero state fatte nel corso dei 5 anni. Quest'ultima parte mi aveva un po' preoccupato, ma ero determinato che niente mi avrebbe fatto perdere questo lavoro. Non avevo una famiglia di cui parlare e niente soldi. L'unica cosa che avevo era questa opportunità, e avevo intenzione di farla funzionare per me.

Ho parcheggiato la mia macchina e sono entrato con 2 valigie e una borsa da toilette. L'ingresso della servitù conduceva in una zona cucina dove ho visto 2 cuochi che si davano da fare con pentole e padelle e 2 aiutanti che sbucciavano le verdure e tagliavano e tagliavano a cubetti.

"Dove mi presento per lavoro", ho chiesto, a chi era disposto a rispondere.

Nessuno mi guardava tranne la giovane cameriera che sbucciava le verdure. Si guardò intorno e poi mi disse piano: "Attraversa quella porta e percorri il corridoio finché non vedi una porta contrassegnata con 'Mr. Coleman/Head Butler'. Bussa e aspetta finché non senti una risposta. Quando entri, vedi Mr. Coleman, il capo maggiordomo. Ti spaventerà, ma sembra che tu possa farcela. Vai avanti. "

La ringraziai e camminai attraverso la porta e lungo il corridoio. Deglutii a fatica e bussai. Ho aspettato e aspettato, e proprio quando pensavo che non ci fosse nessuno, ho sentito la voce del male, profonda e imponente: "Entra".

Volevo girarmi e scappare, tutte le cose che avevo sentito dal mio datore di lavoro e dalla cameriera in cucina avevano fatto correre la mia immaginazione, ma non ero arrivato così lontano per scappare in questa fase. Mi alzai in piedi, girai la maniglia ed entrai dalla porta.

Un uomo di circa 45 o 50 anni sedeva dietro un'enorme scrivania di quercia, versando fogli, firmando cose, ecc. Ho guardato per un minuto circa prima di avvicinarmi alla scrivania.

«Elena Marceau. Sono la nuova cameriera dell'ala ovest», dissi coraggiosamente, e gli tesi la mano perché mi stringesse.

"Beh, forse lo sei e forse no, mia cara." Mi guardò e sentii il sangue defluire dal mio viso. I suoi occhi scuri e piccoli si fissarono su di me mentre sorrideva freddamente. Lo temevo irragionevolmente, e potevo dire che mi piaceva e mi aspettavo proprio quella reazione.

"Beh, Marie dell'agenzia mi ha detto..."

"Sì, sono sicuro che ti ha detto che hai ottenuto il lavoro. A certe condizioni."

"Sì, capisco che da me ci si aspetterà molto di più di un normale servitore, ma..."

"Ma niente. Il tuo primo giorno sarà una serie di test e inizieranno proprio qui nel mio ufficio. Sono stato con i Bemerton per 18 anni. Quando i miei 5 anni iniziali erano scaduti, avevo programmato di andarmene, proprio come ho" sono sicuro che hai intenzione di farlo. Ma i miei servizi sono stati così apprezzati che mi hanno detto che avrebbero raddoppiato il mio stipendio e il mio bonus se fossi rimasto altri 10 anni. Dopo che i 10 anni sono passati, si sono offerti di raddoppiarlo di nuovo. Me ne andrò qui in 7 anni un uomo molto ricco - cioè se continuo il mio impareggiabile servizio ai Bemerton.

"È mia responsabilità fare in modo che questa casa funzioni senza intoppi, e ciò include l'eliminazione del personale inadatto. Se non faccio quel particolare lavoro particolarmente bene, è allora che corro più forte il rischio di perdere la mia posizione qui La signora Bemerton insiste perché la sua casa funzioni come una macchina ben oliata.

"Eliminare gli indesiderati e tenere in riga il personale non è facile come essere severi e spaventosi. Devo tenere presente che non tutti coloro che sono adatti a questo lavoro lo accetteranno, anche con la grande quantità di denaro offerta. Quindi Devo affrontarlo nel modo giusto".

Annuii, capendo tutto questo, con la mente che correva alla prospettiva non solo di essere un servitore dei Bemerton, ma anche di dover rispondere a quest'uomo. Non immaginavo che questo lavoro sarebbe stato un gioco da ragazzi, ma iniziava a sembrare più di quanto potessi gestire. "Non arrenderti ancora", ho pensato tra me e me.

Ha continuato: "Ecco un quaderno con le regole e l'uniforme. Sarò nella tua stanza alle 21 in punto per vedere se passi l'esame. Voglio che tu sia lavato, con la tua uniforme e pronto a seguire ogni regola in quel libro. alla lettera. Hai capito?"

Annuii mentre premeva un pulsante dell'interfono. "Janet, vieni a far vedere alla signora Marceau la sua stanza."

Una bruna alta entrò da una porta nel retro dell'ufficio che non avevo nemmeno visto prima, vestita con un'uniforme nera attillata, ma non indossava il grembiule e il berretto con gale che avevo visto indossare agli altri in cucina.

«Vieni con me», disse, e mi condusse fuori dalla porta da cui ero entrata. Camminammo più avanti nel lungo corridoio e fino a una porta che conduceva a dei gradini. Scendemmo i gradini e attraversammo un'altra porta.

"Questo è il tunnel che porta dalla casa agli alloggi della servitù. Alla signora Bemerton non piace vedere più persone che si aggirano nella sua proprietà del necessario, quindi gli unici che possono uscire sono giardinieri e addetti alla manutenzione, a meno che non sia il tuo giorno libero. Allora potrai entrare nel giardino del servo. La tua macchina sarà custodita per te finché non te ne andrai o sarai licenziato».

Ho solo annuito. Avevo sentito dire che questi erano requisiti e mi andava bene, come ho detto, non avevo una famiglia di cui parlare. I miei interessi erano i viaggi, quindi non mi importava se sarei andato da qualche parte o meno fino a quando i miei 5 anni non fossero trascorsi.

Siamo arrivati ​​alle scale che portavano agli alloggi della servitù e ho messo la mia mano sul braccio di Janet.

"Fermati un attimo. Posso chiederti una cosa?"

"Certo", disse, "ma fai presto. Nessuno dovrebbe vederci indugiare qui."

"Ok. Qual è la cosa più importante su cui sarò messo alla prova stasera per cui dovrei essere pronto?"

Janet mi ha guardato a lungo prima di rispondere "Sesso".

Avevo pensato che potesse essere quello che c'era dietro tutti i soldi, ma la mia mascella è caduta comunque. Pensavo che il signor Bemerton potesse volere qualcosa del genere ogni tanto, e in effetti mi andava bene. Ma quando ha detto che sarei stato TESTATO sul sesso, sono stato decisamente colto di sorpresa. E il pensiero di quello spaventoso capo maggiordomo, il signor Coleman, che mi metteva alla prova, mi faceva quasi andare in iperventilazione!

"Guarda", disse Janet, "non è poi così male. Se riesci a superare questa sera, fidati di me, sarai in grado di gestirlo qui. Ce l'ho fatta e guardami, ho solo 3 mesi andare e io sono libero! E ricco! Puoi farlo, fidati di me."

"Ma lascia che ti dica un segreto", ha continuato. "Non sarà solo il signor Coleman di cui ti devi preoccupare; sarà anche la signora Cramden. È la più alta al potere dopo il signor Coleman ed è il cameriere personale della signora Bemerton. Nessuno è più affidabile di lei, tranne il signor Coleman. E poiché lavorerai come domestica nell'ala ovest, l'ala della signora Bemertons, dovrai servirla anche sessualmente. Quindi anche la signora Cramden deve metterti alla prova».

Rimasi in un silenzio sbalordito. Non ero mai stato con una donna, nemmeno sperimentalmente, e ora dovevo servire una donna sessualmente! Ed essere testato su di esso non di meno!

"Lascia che ti dia una mancia", disse Janet, "e poi dobbiamo andare. Fai un breve pisolino quando arrivi in ​​camera tua. Forse un'ora o giù di lì, e ti sveglierò a mezzogiorno e ti porterò il pranzo. Dopodiché, versa sopra il taccuino e impara tutto ciò che puoi. Presta particolare attenzione a come vestirti, quando presentarti a quale stazione durante il giorno e cosa simpatie e antipatie dei Bemerton. Quindi, verso le 20:00, prenditi un piacevole caldo bagno. Ti rilasserà. Poi vestiti con l'uniforme e raccogli i capelli. Circa 5 minuti prima delle 9, inizia a masturbarti..."

"Che cosa?!?" Ho pensato che doveva essere pazza!

"No, davvero, è la cosa migliore. Non raggiungere l'orgasmo, renditi bello, sciolto e arrapato. Ti farà brillare gli occhi e nel tuo stato elevato, sarai più aperto alle richieste sessuali che ti vengono fatte e lo farai. essere in grado di eseguirli meglio!"

Quello che ha detto aveva senso.

"Ok andiamo."

Sono arrivato nella mia stanza, ho lasciato cadere le mie cose e mi sono seduto sul bordo del mio letto. Ho guardato nel vuoto mentre tutte queste cose mi passavano per la testa. Il pensiero di partire mi ha attraversato più volte la mente. Poi ho pensato a Londra, alla Grecia, all'Egitto; tutti i posti in cui ho sempre voluto andare e le cose che avrei voluto fare. Non so per quanto tempo rimasi seduto così, ma presto ero esausto mentalmente e mi sdraiai.

Devo essermi addormentato immediatamente e ho dormito molto, perché la prima cosa che ricordo è stata Janet che mi ha svegliato. Bussò ed entrò, portando un vassoio che conteneva un meraviglioso pranzo. Melone fresco, una piccola insalata, pollo alla griglia, riso pilaf e sorbetto all'arancia.

"Come ti senti", ha chiesto.

"Devo ammettere che mi sento molto meglio! Ho le idee chiare e sono pronto ad affrontare questo quaderno."

Lei ha ricambiato il sorriso e io e io ci siamo sentiti come se avessimo iniziato un'amicizia.

"E", ho aggiunto, "sto morendo di fame. Grazie per questo!"

"Nessun problema. Torno verso le 6 e vedo come stai e ti porto la cena."

continua nella parte 2

Storie simili

Tattia Capitolo 2: Tat l'acquirente di donne

Tattia Capitolo 2: Tat l'acquirente di donne La polizia è arrivata venti minuti dopo. I testimoni sono stati inutili. Uno ha appena sentito uno sparo e basta. Un altro ha visto quello che hanno descritto come un uccello gigante o un pipistrello che volava fuori da una finestra trasportando una ragazza. E poi c'è stata la questione della sorella che è svenuta sulla scena. Era fatta di qualcosa quando la polizia l'ha trovata. Un disegnatore le ha chiesto di descrivere ciò che ha visto. Emetti un mandato d'arresto per Dracula. Disse il capitano della polizia poco prima di posizionare lo schizzo...

108 I più visti

Likes 0

ESTATE HO COMPIUTO 13

Con le mie scarpe e i miei vestiti in mano, ho camminato nel bosco indossando solo la mia biancheria intima bianca. La mia faccia era calda per l'imbarazzo, la rabbia e qualcos'altro su cui non potevo mettere il dito, o forse semplicemente non volevo. Il mio cazzo era più duro di quanto non fosse mai stato nella mia vita e sembrava diventare sempre più duro più pensavo a Jeff e Bob che vedevano la mia erezione nuda. Sapevo di aver sbagliato dicendo loro di andare a farsi fottere e scappando via come ho fatto io. Anche se avevo appena compiuto 13...

1.4K I più visti

Likes 0

Ragazze in spiaggia a tre

È iniziato domenica mattina presto nel weekend del Memorial Day quando mi sono alzato per prendere un bicchiere d'acqua dalla cucina. Stavamo affittando una casa sulla spiaggia nelle Outer Banks e avevo davvero sete per la pizza vegetariana che abbiamo mangiato per cena. Scivolai fuori dal letto e mi diressi in cucina. Ho sentito la TV del soggiorno accesa e ho pensato che le due ragazze fossero tornate tardi dal loro incontro con i ragazzi che prima avevano preso in giro in spiaggia, avessero guardato un po' di TV e l'avessero lasciata accesa. Ho intravisto la TV dallo spazio tra la...

1.2K I più visti

Likes 0

Esibizionista maschio etero Capitolo 1

Ciao. Mi chiamo Tom e sono un esibizionista maschio etero! Fortunatamente per noi esibizionisti non esiste un esibizionisti anonimi. Possiamo semplicemente goderci la nostra perversione. Sono diventato un esibizionista prima di conoscere il significato della parola. Ho molte storie da raccontare. A differenza della maggior parte delle storie esibizionistiche, le mie non finiscono sempre con falsi lavori di testa, lavori manuali o sesso selvaggio. Non so perché gli scrittori debbano finire con una scena di sesso fantasy. Le mie storie di solito sono brevi e finiscono con il pubblico che se ne va mentre ride e ridacchia. Questo mi rende molto...

553 I più visti

Likes 0

Madri in formazione

Una sera Sharon Sampson stava guardando gli annunci per adulti del giornale e notò un annuncio di uno dei nuovi centri di formazione appena aperti. Era ovviamente rivolto a mariti e padri. L'annuncio diceva Se tu e i tuoi figli siete stanchi di essere presi in giro dalla moglie assillante, o se avete bisogno di sbarazzarvi di lei perché hai in mente qualcosa di più giovane, chiamaci. Per un compenso ragionevole, la toglieremo dal tuo mani e sottoporle al nostro rigoroso programma di formazione, dopo di che le verranno assegnate nuove responsabilità nel servizio dell'umanità». La splendida bionda di 30 anni...

168 I più visti

Likes 0

I viaggi di Alyssa

Mentre sedeva da sola nel suo stato mentale ubriaco, Alyssa si chiese quale fosse la reazione di John al messaggio che aveva appena ricevuto. Aveva una ragazza e lei lo sapeva, ma non era che non l'avesse tradita con altre ragazze. Oh dio Lyssa, ti comporti come una vera puttana! Pensò tra sé e sé. Improvvisamente si è pentita di aver mai inviato un messaggio di testo così audace e casuale. E se ora fosse con la sua ragazza? E se l'avesse visto? Voleva mantenere questo segreto, se fosse successo o meno. Oh, avrei dovuto pensarci bene! Disse a se stessa...

126 I più visti

Likes 0

Regina Yavara: Capitolo 37

Capitolo trentasette BROCCO Per favore! L'esploratore elfo urlò. Non capisco perché ti lamenti, dissi mentre lo caricavo sul trabucco, ti riporto al tuo esercito. Tieniti stretto questo, Imperiale, e non rilasciarlo troppo presto. Trenok grugnì, legando le cinghie del paracadute ai polsi dell'uomo terrorizzato. Non funzionerà! Lui pianse. Mi inginocchiai al suo livello e gli posai una mano compassionevole sulla spalla. “I progressi si fanno mettendo a tacere i dubbiosi, piccolo imperiale. Tutti i grandi scienziati del nostro tempo una volta erano chiamati pazzi per le loro idee. Grandi scienziati? Trenok rise: Che calcoli hai fatto? Non hai bisogno di nessuna...

93 I più visti

Likes 0

La ragazza di papà Casey

Il mio nome da ragazza è Casey come lo è il mio nome da ragazzo, sono alto un metro e settantacinque centimetri, 125 fradicio, capelli castani, ragazzo di sedici anni e questa è una storia di pura fantasia per un mio amico speciale, che vorrei amore per un giorno incontrato e ben sai ed essere la sua ragazza! Cosa c'è che non va Casey? Papà mi chiede, quando è entrato in soggiorno e mi ha visto piangere. “Sono gli altri ragazzi a scuola; mi prendono sempre in giro, mi insultano, mi prendono in giro, mi chiamano ragazzino, a volte esprimono il...

1.3K I più visti

Likes 0

Visitare un amico speciale

Ho bussato al cancello di metallo. Era un bungalow piuttosto grande circondato da muri di mattoni con glassa di filo spinato. Il mio cuore batteva. Tutto quello che sentivo era la paura di essere rifiutato o qualcosa del genere. Fortunatamente, suo fratello maggiore, Suleman, ha aperto la porta. Era un ragazzo con un carattere freddo e una corporatura piuttosto muscolosa, quindi ha mantenuto la sua posizione. Mi guardò con giudizio per un momento, sorrise e mi diede una stretta di mano. Ei, cosa ci fai qui? Sono qui per far visita a tua sorella... mi smorzai, sapendo quanto fosse insolito per...

300 I più visti

Likes 0

Il mio sesso ha privato il mio nuovo marito_(0)

Presto sarebbe tornato a casa dal lavoro ed era furioso. Era dovuto agli ormoni, alle ore di lavoro più lunghe e al fatto che non ci scopavamo da settimane. Ero follemente stretto e eccitato, e avevo cercato di farlo eccitare abbastanza da scopare quasi ogni singola notte, ma era al lavoro da così tanto tempo, era stanco e il sesso duro e lungo non era davvero possibile. Un giorno non ce la facevo più. Sapevo cosa gli piaceva, però, e ho controllato l'ora. Avevo due ore prima che tornasse a casa. Se non avessi preparato la cena. Dimentica il cibo. Volevo...

134 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.