LA CAMERIERA parte 1

237Report
LA CAMERIERA parte 1

Ho guidato fino al cancello di una vasta tenuta dove ero stato mandato per un lavoro; sembrava un po' opprimente finché non mi sono ricordato che sarei stato solo un membro di un'intera casa di servi. Fino a quel momento, ero stato mandato a lavorare solo in case più piccole dove ero incaricato di far funzionare l'intera famiglia senza intoppi.

Ho premuto il pulsante dell'interfono e una voce maschile ha detto: "Dichiara il tuo nome e i tuoi affari".

"Elena Marceau. Sono la nuova cameriera dell'ala ovest."

Ho sentito un ronzio e il cancello ha cominciato ad aprirsi. Ho tirato dentro e ho guidato sul retro come indicato dal mio datore di lavoro. Ero stato avvertito che questa era una posizione difficile e che mi sarebbe stato chiesto di fare molte cose al di sopra e al di là del dovere Ma sono stato anche informato che se avessi lavorato 5 anni e li avessi serviti bene, mi sarebbe stato dato un grande bonus abbastanza da permettermi di andare in pensione presto. Potrei quindi viaggiare e fare tutte le cose che avrei mai voluto mentre ero ancora abbastanza giovane da godermelo.

Sapevo che questo bonus sostanziale veniva offerto perché era difficile ottenere e mantenere un buon aiuto; ed era anche dovuto al fatto che molte richieste personali e strane mi sarebbero state fatte nel corso dei 5 anni. Quest'ultima parte mi aveva un po' preoccupato, ma ero determinato che niente mi avrebbe fatto perdere questo lavoro. Non avevo una famiglia di cui parlare e niente soldi. L'unica cosa che avevo era questa opportunità, e avevo intenzione di farla funzionare per me.

Ho parcheggiato la mia macchina e sono entrato con 2 valigie e una borsa da toilette. L'ingresso della servitù conduceva in una zona cucina dove ho visto 2 cuochi che si davano da fare con pentole e padelle e 2 aiutanti che sbucciavano le verdure e tagliavano e tagliavano a cubetti.

"Dove mi presento per lavoro", ho chiesto, a chi era disposto a rispondere.

Nessuno mi guardava tranne la giovane cameriera che sbucciava le verdure. Si guardò intorno e poi mi disse piano: "Attraversa quella porta e percorri il corridoio finché non vedi una porta contrassegnata con 'Mr. Coleman/Head Butler'. Bussa e aspetta finché non senti una risposta. Quando entri, vedi Mr. Coleman, il capo maggiordomo. Ti spaventerà, ma sembra che tu possa farcela. Vai avanti. "

La ringraziai e camminai attraverso la porta e lungo il corridoio. Deglutii a fatica e bussai. Ho aspettato e aspettato, e proprio quando pensavo che non ci fosse nessuno, ho sentito la voce del male, profonda e imponente: "Entra".

Volevo girarmi e scappare, tutte le cose che avevo sentito dal mio datore di lavoro e dalla cameriera in cucina avevano fatto correre la mia immaginazione, ma non ero arrivato così lontano per scappare in questa fase. Mi alzai in piedi, girai la maniglia ed entrai dalla porta.

Un uomo di circa 45 o 50 anni sedeva dietro un'enorme scrivania di quercia, versando fogli, firmando cose, ecc. Ho guardato per un minuto circa prima di avvicinarmi alla scrivania.

«Elena Marceau. Sono la nuova cameriera dell'ala ovest», dissi coraggiosamente, e gli tesi la mano perché mi stringesse.

"Beh, forse lo sei e forse no, mia cara." Mi guardò e sentii il sangue defluire dal mio viso. I suoi occhi scuri e piccoli si fissarono su di me mentre sorrideva freddamente. Lo temevo irragionevolmente, e potevo dire che mi piaceva e mi aspettavo proprio quella reazione.

"Beh, Marie dell'agenzia mi ha detto..."

"Sì, sono sicuro che ti ha detto che hai ottenuto il lavoro. A certe condizioni."

"Sì, capisco che da me ci si aspetterà molto di più di un normale servitore, ma..."

"Ma niente. Il tuo primo giorno sarà una serie di test e inizieranno proprio qui nel mio ufficio. Sono stato con i Bemerton per 18 anni. Quando i miei 5 anni iniziali erano scaduti, avevo programmato di andarmene, proprio come ho" sono sicuro che hai intenzione di farlo. Ma i miei servizi sono stati così apprezzati che mi hanno detto che avrebbero raddoppiato il mio stipendio e il mio bonus se fossi rimasto altri 10 anni. Dopo che i 10 anni sono passati, si sono offerti di raddoppiarlo di nuovo. Me ne andrò qui in 7 anni un uomo molto ricco - cioè se continuo il mio impareggiabile servizio ai Bemerton.

"È mia responsabilità fare in modo che questa casa funzioni senza intoppi, e ciò include l'eliminazione del personale inadatto. Se non faccio quel particolare lavoro particolarmente bene, è allora che corro più forte il rischio di perdere la mia posizione qui La signora Bemerton insiste perché la sua casa funzioni come una macchina ben oliata.

"Eliminare gli indesiderati e tenere in riga il personale non è facile come essere severi e spaventosi. Devo tenere presente che non tutti coloro che sono adatti a questo lavoro lo accetteranno, anche con la grande quantità di denaro offerta. Quindi Devo affrontarlo nel modo giusto".

Annuii, capendo tutto questo, con la mente che correva alla prospettiva non solo di essere un servitore dei Bemerton, ma anche di dover rispondere a quest'uomo. Non immaginavo che questo lavoro sarebbe stato un gioco da ragazzi, ma iniziava a sembrare più di quanto potessi gestire. "Non arrenderti ancora", ho pensato tra me e me.

Ha continuato: "Ecco un quaderno con le regole e l'uniforme. Sarò nella tua stanza alle 21 in punto per vedere se passi l'esame. Voglio che tu sia lavato, con la tua uniforme e pronto a seguire ogni regola in quel libro. alla lettera. Hai capito?"

Annuii mentre premeva un pulsante dell'interfono. "Janet, vieni a far vedere alla signora Marceau la sua stanza."

Una bruna alta entrò da una porta nel retro dell'ufficio che non avevo nemmeno visto prima, vestita con un'uniforme nera attillata, ma non indossava il grembiule e il berretto con gale che avevo visto indossare agli altri in cucina.

«Vieni con me», disse, e mi condusse fuori dalla porta da cui ero entrata. Camminammo più avanti nel lungo corridoio e fino a una porta che conduceva a dei gradini. Scendemmo i gradini e attraversammo un'altra porta.

"Questo è il tunnel che porta dalla casa agli alloggi della servitù. Alla signora Bemerton non piace vedere più persone che si aggirano nella sua proprietà del necessario, quindi gli unici che possono uscire sono giardinieri e addetti alla manutenzione, a meno che non sia il tuo giorno libero. Allora potrai entrare nel giardino del servo. La tua macchina sarà custodita per te finché non te ne andrai o sarai licenziato».

Ho solo annuito. Avevo sentito dire che questi erano requisiti e mi andava bene, come ho detto, non avevo una famiglia di cui parlare. I miei interessi erano i viaggi, quindi non mi importava se sarei andato da qualche parte o meno fino a quando i miei 5 anni non fossero trascorsi.

Siamo arrivati ​​alle scale che portavano agli alloggi della servitù e ho messo la mia mano sul braccio di Janet.

"Fermati un attimo. Posso chiederti una cosa?"

"Certo", disse, "ma fai presto. Nessuno dovrebbe vederci indugiare qui."

"Ok. Qual è la cosa più importante su cui sarò messo alla prova stasera per cui dovrei essere pronto?"

Janet mi ha guardato a lungo prima di rispondere "Sesso".

Avevo pensato che potesse essere quello che c'era dietro tutti i soldi, ma la mia mascella è caduta comunque. Pensavo che il signor Bemerton potesse volere qualcosa del genere ogni tanto, e in effetti mi andava bene. Ma quando ha detto che sarei stato TESTATO sul sesso, sono stato decisamente colto di sorpresa. E il pensiero di quello spaventoso capo maggiordomo, il signor Coleman, che mi metteva alla prova, mi faceva quasi andare in iperventilazione!

"Guarda", disse Janet, "non è poi così male. Se riesci a superare questa sera, fidati di me, sarai in grado di gestirlo qui. Ce l'ho fatta e guardami, ho solo 3 mesi andare e io sono libero! E ricco! Puoi farlo, fidati di me."

"Ma lascia che ti dica un segreto", ha continuato. "Non sarà solo il signor Coleman di cui ti devi preoccupare; sarà anche la signora Cramden. È la più alta al potere dopo il signor Coleman ed è il cameriere personale della signora Bemerton. Nessuno è più affidabile di lei, tranne il signor Coleman. E poiché lavorerai come domestica nell'ala ovest, l'ala della signora Bemertons, dovrai servirla anche sessualmente. Quindi anche la signora Cramden deve metterti alla prova».

Rimasi in un silenzio sbalordito. Non ero mai stato con una donna, nemmeno sperimentalmente, e ora dovevo servire una donna sessualmente! Ed essere testato su di esso non di meno!

"Lascia che ti dia una mancia", disse Janet, "e poi dobbiamo andare. Fai un breve pisolino quando arrivi in ​​camera tua. Forse un'ora o giù di lì, e ti sveglierò a mezzogiorno e ti porterò il pranzo. Dopodiché, versa sopra il taccuino e impara tutto ciò che puoi. Presta particolare attenzione a come vestirti, quando presentarti a quale stazione durante il giorno e cosa simpatie e antipatie dei Bemerton. Quindi, verso le 20:00, prenditi un piacevole caldo bagno. Ti rilasserà. Poi vestiti con l'uniforme e raccogli i capelli. Circa 5 minuti prima delle 9, inizia a masturbarti..."

"Che cosa?!?" Ho pensato che doveva essere pazza!

"No, davvero, è la cosa migliore. Non raggiungere l'orgasmo, renditi bello, sciolto e arrapato. Ti farà brillare gli occhi e nel tuo stato elevato, sarai più aperto alle richieste sessuali che ti vengono fatte e lo farai. essere in grado di eseguirli meglio!"

Quello che ha detto aveva senso.

"Ok andiamo."

Sono arrivato nella mia stanza, ho lasciato cadere le mie cose e mi sono seduto sul bordo del mio letto. Ho guardato nel vuoto mentre tutte queste cose mi passavano per la testa. Il pensiero di partire mi ha attraversato più volte la mente. Poi ho pensato a Londra, alla Grecia, all'Egitto; tutti i posti in cui ho sempre voluto andare e le cose che avrei voluto fare. Non so per quanto tempo rimasi seduto così, ma presto ero esausto mentalmente e mi sdraiai.

Devo essermi addormentato immediatamente e ho dormito molto, perché la prima cosa che ricordo è stata Janet che mi ha svegliato. Bussò ed entrò, portando un vassoio che conteneva un meraviglioso pranzo. Melone fresco, una piccola insalata, pollo alla griglia, riso pilaf e sorbetto all'arancia.

"Come ti senti", ha chiesto.

"Devo ammettere che mi sento molto meglio! Ho le idee chiare e sono pronto ad affrontare questo quaderno."

Lei ha ricambiato il sorriso e io e io ci siamo sentiti come se avessimo iniziato un'amicizia.

"E", ho aggiunto, "sto morendo di fame. Grazie per questo!"

"Nessun problema. Torno verso le 6 e vedo come stai e ti porto la cena."

continua nella parte 2

Storie simili

Programma Alpha-Omega 7

Episodio 7: Debug del codice Zack stava sfrecciando per la strada sul suo nuovo scooter. Era stato in giro solo per divertirsi nell'ultima ora. Alla fine, decise di andare a casa di Brian, per mostrargli il suo nuovo giocattolo. Girò intorno all'angolo successivo e si diresse verso quella parte della città. Zack notò immediatamente che il camioncino di Brian era sparito, quindi Brian quasi certamente non era a casa. Oh bene, pensò. Lo mostrerò a Wendy, allora. Zack bussò alla porta e poi entrò, salutandolo. Sentì la signora Selman chiamare dalla cucina, e così andò in quella direzione. Quando entrò in...

257 I più visti

Likes 0

DIARIO DI UNA FAMIGLIA: PARTE 1

3 settembre Caro diario, mi chiamo Tilly Crawford e negli ultimi dieci anni sono stata la casalinga della Delta House Fraternity qui allo State U. Un altro anno di scuola è iniziato proprio ieri e i ragazzi si stanno preparando per la corsa all'impegno della confraternita settimana organizzando feste e, naturalmente, l'open house per consentire alle nuove matricole di farsi un'idea se desiderano unirsi a Omega House. È stata una lunga estate per me diario, mi manca molto stare con i ragazzi e ovviamente alla mia figa mancava l'attenzione che riceve dai loro grossi cazzi duri!!! Eric è appena passato per...

345 I più visti

Likes 0

Ragazze in spiaggia a tre

È iniziato domenica mattina presto nel weekend del Memorial Day quando mi sono alzato per prendere un bicchiere d'acqua dalla cucina. Stavamo affittando una casa sulla spiaggia nelle Outer Banks e avevo davvero sete per la pizza vegetariana che abbiamo mangiato per cena. Scivolai fuori dal letto e mi diressi in cucina. Ho sentito la TV del soggiorno accesa e ho pensato che le due ragazze fossero tornate tardi dal loro incontro con i ragazzi che prima avevano preso in giro in spiaggia, avessero guardato un po' di TV e l'avessero lasciata accesa. Ho intravisto la TV dallo spazio tra la...

215 I più visti

Likes 0

Il Barfly - cap. 2, riscrivi

Prologo Vorrei ringraziare coloro che hanno letto le mie storie e le hanno commentate. Questa è una riscrittura completa del secondo capitolo della mia storia The Barfly originariamente pubblicato nel forum. Vorrei chiedere a quelli di voi che mi onorano con voti negativi nei gruppi di lasciare alcuni commenti in modo che io possa imparare cosa non piace ai lettori delle mie storie. Vorrei anche chiedere a quelli di voi a cui piacciono le mie storie di lanciare un wote a modo mio per tenerle in una posizione accessibile. Godere J. Bailey Il Barfly, cap. 2, riscrivi Si svegliò la mattina...

215 I più visti

Likes 0

Give Me Some Sugar Part 1 - Prova di Rochelle

​ La vita è sicuramente divertente è come si svolge. Non sono mai stato un uomo religioso, e ancora non lo sono, ma ascoltavo il tipo di Joel Olsteen quando i tempi erano brutti. Era così positivo, che ha aiutato, ma ha anche parlato di come Dio potrebbe recuperare decenni di merda, in pochi anni attraverso un aumento super naturale. Come ho detto, non sono un cristiano e sono agnostico sull'esistenza di una divinità, ma devo ammettere che come minimo, la vita può rimediare a molte sofferenze molto rapidamente. In effetti, penso che ti faccia godere ancora di più della tua...

243 I più visti

Likes 0

A metà di metà settembre

Per nessun motivo particolarmente affascinante mi sono ritrovato a stare con mia zia Renee. Nel prossimo mese, mi sarei trasferito di nuovo a est o mi sarei trasferito nell'appartamento che mia madre stava per acquistare, nel caso avessi bisogno di un po' di tempo di bufferizzazione. 
Sapevo già che avevo bisogno di tempo di buffer. Avevo anche bisogno del tempo di buffer per spiegarle completamente la situazione. Avevo ad un certo punto e momento, capito chi dovevo essere e prima potevo arrivare a quel punto e smettere di essere quello che ero attualmente, meglio per me e per tutte le persone...

225 I più visti

Likes 0

Il furgone - Scopa mia moglie

Una sera io e mia moglie stavamo cenando, è venuto fuori l'argomento di una delle nostre fantasie. L'abbiamo chiamato il furgone. Era stata una nostra fantasia ricorrente prendere diversi ragazzi e farli scopare mia moglie nel retro di un furgone. Questa volta abbiamo deciso di farlo quindi abbiamo aspettato il weekend. Abbiamo noleggiato un furgone bianco per la notte e siamo andati in centro alla ricerca di alcuni ragazzi belli e sani. Indossava un mini abito nero scollato e aveva un letto rifatto nella parte posteriore. Abbiamo guidato per un po' e ci siamo imbattuti in un ragazzo che camminava da...

157 I più visti

Likes 0

Fratello e sorella a casa da soli

Questa è una storia di fantasia Ciao cari lettori, mi chiamo Young e voglio condividere un segreto che ho tenuto nascosto ai miei genitori per un anno. Ho 22 anni e mia sorella ha 19 anni. Viviamo entrambi con i nostri genitori, il che aiuta molto in questa economia. La storia che segue è quello che è successo nel dicembre del 2010, mentre io e mia sorella siamo rimasti a casa da soli per due settimane prima di Natale. I nostri genitori gestiscono un'attività all'estero e sono a malapena a casa. Tanto per cominciare, voglio dire che ho sempre amato mia...

155 I più visti

Likes 0

ESTATE HO COMPIUTO 13

Con le mie scarpe e i miei vestiti in mano, ho camminato nel bosco indossando solo la mia biancheria intima bianca. La mia faccia era calda per l'imbarazzo, la rabbia e qualcos'altro su cui non potevo mettere il dito, o forse semplicemente non volevo. Il mio cazzo era più duro di quanto non fosse mai stato nella mia vita e sembrava diventare sempre più duro più pensavo a Jeff e Bob che vedevano la mia erezione nuda. Sapevo di aver sbagliato dicendo loro di andare a farsi fottere e scappando via come ho fatto io. Anche se avevo appena compiuto 13...

121 I più visti

Likes 0

L'uomo più piccolo

Stavo guardando le gambe di Jerry, mentre era in piedi sullo sgabello davanti a me. Aveva le cosce molto forti, e ho ammirato la sua forma mentre metteva la nuova lampadina nella plafoniera. Questa cosa è un dolore da raggiungere, ha detto Jerry. Poi, mentre lottava con il bulbo, i miei occhi seguivano le sue gambe muscolose fino al punto in cui si incontravano, e ho dovuto sopprimere uno sguardo fisso: c'era un nodulo che giaceva di lato, un piccolo nodulo, ma c'era un nodulo ben definito. Lascia che ti spieghi quello. Stavamo parlando del nostro recente gruppo di feste che...

76 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.