Buon Compleanno_(4)

387Report
Buon Compleanno_(4)

“Jack, tuo padre ed io staremo via tutto il fine settimana. Puoi invitare i tuoi amici per la tua festa di compleanno, ma la zia Peggy della porta accanto terrà gli occhi aperti, quindi non lasciarti sfuggire il controllo. Adesso hai 17 anni, quindi ci aspettiamo che inizi a comportarti come un adulto. Anche tu devi prenderti cura di tua sorella. Ti lascio abbastanza soldi così puoi ordinare se vuoi, ma c'è cibo in abbondanza nel frigorifero.

“Va bene mamma, limiteremo il ruggito a un livello basso. Verranno solo pochi amici quindi andrà tutto bene. Possiamo prenderci cura di noi stessi. Terrò d'occhio il munchkin così non si metterà nei guai." Jack si stava già chiedendo come avrebbe fatto a far uscire di casa sua sorella quindicenne in modo che non fosse un ostacolo alla sua festa.

“Torneremo domenica sera. “Detto questo, i suoi genitori caricarono le valigie in macchina e uscirono dal vialetto.

Era venerdì sera e Jack cominciò a preparare tutto per il giorno successivo, quando sarebbero arrivati ​​i suoi amici. Stava ancora cercando un modo per convincere sua sorella ad andarsene per qualche ora. Sua sorella Sarah scese nella sala ricreativa nel seminterrato dove stava apparecchiando un tavolo per spuntini e bevande per la festa.

"Jack, posso chiederti un favore?"

"Che tipo di favore, Munchkin?"

“Se domani dovessi sopportare i tuoi amici altezzosi, mi limiterò a urlare. Ti andrebbe bene se andassi a casa di un mio amico mentre hai la tua festa?"

Jack pensò: "C'è un dio". “Immagino che andrebbe bene. Stai lontano dai guai. Non voglio doverti pagare la cauzione per uscire di prigione.

Sarah lo abbracciò forte e disse: “Grazie; sei il miglior fratello maggiore del mondo. Mentre lei si voltava per tornare di sopra, Lui pensò: "Non è così cattiva, se solo non fosse così appiccicosa". Erano sempre stati vicini, ma negli ultimi mesi sembrava che lei stesse facendo di tutto per stargli vicino. Non che fosse una brutta cosa, ma a volte aveva bisogno di un po' di tempo da solo. Doveva stare attento a chiudere a chiave la porta della sua camera da letto quando faceva le seghe. Un giorno fu quasi sorpreso da Sarah quando lei entrò correndo nella sua stanza senza bussare. Lei non disse nulla, ma lui non era del tutto sicuro che non avesse visto il suo cazzo da 7 pollici agitarsi in aria prima di coprirlo.

Ora che Sarah stava maturando, aveva cominciato a riempirsi nei posti più piacevoli e lui a volte si sorprendeva a guardarla in modo poco fraterno, specialmente quando andava in giro solo con maglietta e mutandine. A volte, quando i genitori non erano in giro, camminava per la stanza indossando una canottiera che evidentemente le era diventata troppo grande e minuscole mutandine che sembravano insinuarsi nella sua fessura. Almeno lei se ne sarebbe andata mentre lui avrebbe potuto festeggiare con i suoi amici.

Più tardi quella sera, Jack era nel cortile sul retro, a falciare il prato. Sua cugina Sherry fece capolino attraverso il cancello della recinzione privata tra i loro cortili e lo chiamò a sé. Sherry aveva 16 anni ed era molto sexy. Era alta 5'6 pollici con un seno a coppa C e un viso molto carino. Aveva i capelli biondi, gli occhi azzurri e le gambe che si sollevavano e facevano una figuraccia. Cugina o no, Jack voleva scoparla da anni.

"Che succede, Sherry?"

“Jack, so che la tua festa di compleanno è domani e volevo darti un campione del tuo regalo di compleanno. Seguimi."

Jack la seguì in un grande magazzino dietro casa sua e lei chiuse la porta dietro di loro. "Dov'è il mio regalo?"

"Giusto qui." Sherry sollevò la parte anteriore della maglietta sopra i seni nudi, vi posò le mani e, avvolgendogli le braccia attorno al collo, lo baciò. Questo non era un bacio da cugino; era un bacio a bocca aperta e con la lingua. Poi fece un passo indietro, abbassando la maglietta e disse: "Domani riceverai il resto del regalo".


Jack tornò nel suo cortile con un'espressione sbalordita sul viso. Non riusciva nemmeno a ricordare perché si trovasse nel cortile sul retro. Tutto quello che sapeva era che doveva tornare nella sua stanza, chiudere la porta e scaricare un carico il prima possibile. Si sdraiò sul letto chiedendosi se il resto del suo regalo includesse il cazzo di Sherry. Ci pensò così tanto che dovette masturbarsi una seconda volta per liberarsi della sua erezione.

La mattina dopo, Jack si alzò dal letto, andò a farsi una doccia e a vestirsi. Quando scese le scale, sentì un odore buono proveniente dalla cucina. Quando entrò, Sarah gli fece preparare frittelle, salsicce e uova. Quando si sedette, lei mise al suo posto un bicchiere di succo d'arancia e lo baciò sulla guancia. "Buon compleanno, fratello maggiore."

“Grazie, Munchkin, è fantastico. Puoi farlo tutti i giorni se vuoi."

"Oh, no, è solo perché è un giorno speciale per il mio fratello speciale."

Sarah si sedette e fece colazione con lui. Vide che indossava una maglietta troppo piccola per lei e poteva dire che non indossava il reggiseno. Indossava pantaloncini attillati che mettevano in mostra il suo piccolo sedere rotondo. Mentre faceva colazione, sentì sollevarsi i pantaloni quando la guardò. Pensò: "Wow, ho bisogno di trovare una ragazza".

Dopo colazione, Sarah ripulì la cucina e lo raggiunse in soggiorno, dove guardarono la TV per qualche ora e parlarono dei loro programmi per la giornata. Verso l'una Sarah disse: "Adesso vado dal mio amico dato che i tuoi ospiti arriveranno presto".

"Va bene, ci vediamo più tardi, Munchkin."

"Chiamami al cellulare quando la festa è finita, così saprò quando sarà sicuro tornare a casa." Detto questo uscì di casa.

Verso le 2:00 iniziarono ad arrivare gli ospiti. Jack portò gli snack e le bevande nel seminterrato e tutti trascorsero il pomeriggio giocando, ascoltando musica e ballando. Ad un certo punto, la zia Peggy di Jack entrò e gli fece gli auguri di buon compleanno e gli regalò un maglione. Vide che tutti sembravano comportarsi bene e li lasciò al loro divertimento. Quando Peggy tornò a casa, disse a Sherry che doveva andare in ufficio per finire un po' di lavoro e che sarebbe tornata dopo cena.

Alle 5:00 la festa cominciò a finire e tutti gli amici di Jack se ne andarono. Quando Sherry vide le macchine partire, chiamò Jack e disse: "Ci vediamo al cancello".

Jack uscì nel cortile sul retro e dopo pochi minuti Sherry venne da lui. Gli mise una benda sugli occhi e disse: "Devi fare esattamente quello che dico altrimenti non riceverai il resto del regalo".

Jack acconsentì e lasciò che Sherry lo riportasse al magazzino. Quando entrarono, Sherry gli fece togliere la maglietta e lo fece sdraiare su uno stretto lettino. Gli legò le mani sopra la testa. La sentì far scorrere le mani sul suo petto e sul suo stomaco. Lei si mise a cavalcioni dei suoi fianchi e si sedette su di lui, chinandosi per baciargli le labbra e mordicchiargli il lobo dell'orecchio. Sentì i vestiti che venivano tolti e sentì delle mani che gli slacciavano i pantaloni e glieli tiravano via. Poi, sentì una mano avvolgere il suo cazzo da 7 pollici, stringendolo e accarezzandolo per tutta la lunghezza. Sentì il respiro caldo e la bocca premere contro la sua durezza. Un paio di mani scivolarono sotto la cintura dei suoi boxer e lui sollevò i fianchi mentre venivano tirati via da lui. Saltò quando sentì qualcosa di morbido e caldo toccargli il cazzo. Una lingua leccò l'asta dalle palle fino alla punta. Si riversò su ogni centimetro del suo cazzo prima di avvolgerne la testa tra labbra morbide. Gemette mentre quelle labbra lo prendevano sempre più profondamente nella sua bocca calda e bagnata. Lo accarezzò lentamente mentre succhiava la punta del suo cazzo gonfio. Rimase deluso quando la bocca si staccò dal cazzo, ma poi provò una sensazione nuova e ancora più piacevole. Una figa bagnata cadde sulle sue cosce, scivolando verso l'alto finché il suo cazzo non fu annidato tra le labbra calde e bagnate della figa. Scivolarono avanti e indietro, ricoprendo il suo cazzo con il succo scivoloso della ragazza. Lei sollevò i fianchi e li infilò in mezzo per tenere il suo cazzo in posizione verticale e lo strofinò avanti e indietro sulla sua figa. Sospirò mentre lei abbassava la sua fica calda su di lui, penetrandola per tutta la lunghezza. Si muoveva su e giù, avanti e indietro e ogni volta che lo sentiva avvicinarsi all'orgasmo, si fermava finché non si calmava. Ben presto, iniziò a muoversi sempre più velocemente mentre il suo orgasmo si avvicinava e lui sentì la sua figa stringergli il cazzo mentre lei cominciava a venire, inondandogli il cazzo con i suoi succhi. Ciò scatenò il suo orgasmo e lui pompò un nastro dopo l'altro di sperma nel suo canale dell'amore. Lei crollò contro il suo petto e lui sentì i suoi capezzoli duri come la roccia contro la sua pelle nuda. Labbra morbide baciarono dolcemente le sue e una lingua gli infilò la bocca.

Poi lei si alzò e lui sentì il rumore dei vestiti che venivano rimessi. Una mano sollevò il suo cazzo flaccido e ne leccò lo sperma, assicurandosi che non andasse sprecato.

Sherry gli slegò le mani e gli ordinò di aspettare due minuti prima di togliersi la benda. Sentì la porta chiudersi ed era solo. Attese quello che pensava fosse il tempo corretto e tolse la benda. Uscì dal capannone e non c'era nessuno in giro. Tornò a casa e prese da bere in cucina. Poi si ricordò di chiamare Sarah per dirle che poteva tornare a casa. Ha detto che sarebbe tornata a casa tra poco e circa mezz'ora dopo è arrivata.

"Hai fatto una bella festa?"

"Sì, ci siamo divertiti."

"Hai ricevuto dei bei regali?"

"Oh, sì, ho ricevuto dei regali davvero carini."

“Bene, sono felice che ti sia divertito. È sempre bello ottenere qualcosa che desideri da molto tempo.”

Jack si chiese cosa volesse dire mentre cominciava a salire le scale. Lei lo guardò da sopra la spalla e sorrise.

Quella notte, Jack si infilò nel letto e ripensò alla sua giornata. Si addormentò ma un rumore lo svegliò poco dopo. Poi sentì le coperte sollevarsi e un corpo caldo e nudo scivolare nel letto con lui. Gli occhi di Jack si aprirono e vide Sarah che lo guardava. Lei mise la mano nei suoi boxer e gli afferrò il cazzo, accarezzandolo mentre si gonfiava per tutta la sua lunghezza.
“Questa volta voglio che tu veda la mia faccia quando mi fai venire di nuovo. Buon compleanno"

"Eri tu?"

“Sì, volevo farlo da molto tempo. Amo il mio fratello maggiore e voglio che anche tu mi ami.

"Pensavo fossi vergine."

“Lo ero fino ad oggi. Almeno con un uomo. Ho preso in prestito il dildo di Sherry qualche tempo fa e mi sono rotto la ciliegia, ma mi sono tenuto da parte per te. Non potevo pensare a nessun altro con cui lo avrei fatto. Volevo solo te."

"Oh, Munchkin, non so cosa dire."

“Non dire niente; rimettimi dentro questo meraviglioso cazzo. Ho bisogno che tu mi faccia venire di nuovo. È stata la sensazione più meravigliosa che abbia mai provato.

Sarah si avvicinò al corpo di Jack e premette le labbra sulle sue. Aprì la bocca e lasciò che la sua lingua danzasse con quella di lei. Si baciarono come amanti finché Jack non ce la fece più. Fece rotolare Sarah sulla schiena e lasciò che le sue mani esplorassero il suo corpo. Le sfiorò i seni con i palmi delle mani, catturando i suoi capezzoli duri come la roccia tra le dita, pizzicandoli e tirandoli. Sarah strillò di gioia. La bocca di Jack seguì subito dopo, leccando e succhiando la carne tenera. Lui fece scivolare una mano sul sedere, stringendo il suo corpo contro di sé.
Le teneva il sedere in mano, stringendolo e strofinando l'indice tra le guance e attraverso il suo buco raggrinzito. Si immerse più in basso per raccogliere l'umidità dalla sua figa e la riportò nel suo buco per stuzzicarla di nuovo. Sarah riusciva a malapena a riprendere fiato perché era così eccitata. "È molto meglio quando non hai le mani legate."


Jack disse: “Se pensi che vada bene, aspetta. Va meglio.” Cominciò a baciarle il petto, leccando e succhiando la sua pelle morbida. Immerse la lingua nel suo ombelico e scese appena sopra il suo monticello. Jack si spostò tra le sue gambe e, sollevandole la gamba sinistra, la baciò dietro il ginocchio. Lasciò che la lingua e le labbra risalissero lungo l'interno della sua coscia fino ad arrivare alle labbra gonfie della sua figa umida. Lui allargò le labbra esterne e fece scorrere la lingua dal buco del culo al clitoride. Lui leccò i suoi succhi fluenti e spinse la lingua più in profondità che poteva nella sua fica. Lui succhiò e sorseggiò i suoi succhi e mentre si avvicinava al clitoride, immerse un dito nella sua fica, alla ricerca del punto G. Le succhiò il clitoride in bocca, mordicchiandolo e facendolo svolazzare con la punta della lingua.

Sarah, perse il controllo mentre cominciava a venirgli in bocca, tenendogli il viso stretto contro la figa. Lei urlò la sua gioia mentre gli spruzzava la sborra sul viso e sul petto. Le sue gambe erano serrate attorno alla sua testa mentre il suo corpo si irrigidiva per l'orgasmo.

Jack fece un respiro profondo mentre lei finalmente si rilassava abbastanza da lasciarlo andare. Tornò su e baciò Sarah, lasciandole assaporare se stessa. Era così stimolata che non riusciva a parlare. Cominciò a ridere, ad abbracciare Jack e a baciargli tutto il viso.

“È stata la cosa più sorprendente di sempre. Voglio farlo ogni giorno.

"Munchkin, possiamo farlo quando vuoi purché le unità parentali non siano in giro."

“Mi lascerai prendermi cura di te adesso? Mi sembra giusto.”

"Se vuoi, aiutati."

"Non l'ho mai fatto prima, quindi dimmi se non lo sto facendo bene."

"Non sei stato tu a spompinarmi nel capannone oggi?"

«No, quello era Sherry. A proposito, vuole venire domani per finire di darti il ​​suo regalo. Vuole che anche tu la scopi. Le ho detto che ero abbastanza sicuro che saresti stato disposto a condividere questo grosso cazzo con lei.

Sarah scivolò giù dal letto e prese in mano il cazzo di Jack. Lei tirò fuori la lingua e leccò leggermente la punta del suo cazzo, assaporando il suo pre-sperma. Lo lasciò scivolare sulle sue labbra e leccò la lunghezza della sua asta. "È piuttosto grosso, non so se riesco a mettermelo tutto in bocca."

"Va bene; non devi prenderti tutto”.

Fece scivolare le labbra sulla testa del suo cazzo palpitante e cominciò a succhiarlo in bocca. All'inizio prese solo la testa, ma man mano che divenne più coraggiosa, la prese sempre più in profondità. Lasciò che la sua lingua massaggiasse il fondo del suo cazzo mentre lo faceva entrare e uscire dalla bocca. Con una mano cullava le sue palle, facendole rotolare avanti e indietro nel palmo. Riuscì a prenderne la maggior parte in bocca, ma quasi rimase imbavagliata quando le colpì la parte posteriore della gola.

"Quando vai così in profondità, devi deglutire per evitare di soffocare." Jack lo consigliò. Ti avviserò quando mi avvicinerò. Non devi finirmi in bocca se non ti senti a tuo agio.

“Voglio che tu mi venga in bocca, voglio assaggiarti e ingoiare il tuo sperma come hai fatto con il mio. Sherry dice che ha un buon sapore. Se lei riesce a ingoiarlo, posso farlo anch'io."

Detto questo, Sarah rimise il cazzo nella sua bocca affamata, facendolo lavorare sempre più velocemente. Spinse ancora di più il viso contro Jack e non appena il suo cazzo le raggiunse la gola, deglutì e con le mani dietro le sue cosce, lo attirò completamente dentro di sé finché le sue labbra non furono strette attorno alla base del suo cazzo. Lei si tirò indietro, prese fiato, alzò lo sguardo e disse: Penso di aver capito tutto quella volta, e sorrise. Tornò al lavoro e dopo qualche altro colpo; Jack l'ha avvertita che stava per venire. Lei succhiò più forte e lo prese più profondamente che poteva, aspirando il suo sperma in bocca mentre ingoiava ogni goccia. Non smise di succhiare finché non ebbe tutto il suo sperma e lui iniziò a rimpicciolirsi nella sua bocca.

"Com'è stato?"

“Munchkin è stato il miglior pompino che abbia mai avuto. Adesso avvicinati e lascia che ti tenga in braccio."

Si sono coccolati a lungo e hanno parlato del futuro. Entrambi volevano continuare la relazione, ma concordarono che avrebbero dovuto stare molto attenti affinché nessun altro lo sapesse mai. Naturalmente, Sherry lo sapeva già, quindi hanno deciso che avrebbe potuto far parte della loro cospirazione e anche Jack avrebbe potuto scoparla se avesse voluto.

Dopo un po’, Sarah sentì il cazzo di Jack tornare in vita. "È ora che me lo riporti dentro?"

“Oh sì, penso che sia ora di guardare la tua faccia mentre sborro nella tua dolce piccola figa. Oh mi sono dimenticato. C'è la possibilità che tu rimanga incinta?"

“Va tutto bene, prendo la pillola. L'ho fatto prendere da mia mamma. Le ho detto che avevo problemi con il ciclo. Possiamo scopare quanto vogliamo."

Jack fece scivolare la mano sul suo inguine, le strofinò la figa e le fece scivolare le dita dentro per prepararla. Quando fu abbastanza bagnata, lui si inginocchiò tra le sue gambe e strofinò la testa del suo cazzo su e giù per la fessura, lubrificandosi. Alla fine guidò la testa tra le sue labbra e scandagliò il passaggio verso il suo canale dell'amore. Era bagnata e molto stretta. Si spinse lentamente, indietreggiando e poi spostandosi più in profondità a ogni colpo. Ben presto fu sepolto completamente nella sua fica succosa. All'inizio cominciò ad accarezzarla lentamente, lasciandola abituare alle sue dimensioni.

Sarah si sentì sazia quando lui la penetrò e cominciò a muoversi con lui, spingendolo a scoparla più forte e più velocemente. Il loro ritmo accelerò, ma mentre si avvicinavano al climax, Jack rallentò per farlo durare più a lungo. Nessuno dei due voleva che finisse mai. Si baciarono teneramente ed esplorarono la bocca dell'altro con la lingua. Le loro mani si muovevano toccando ogni parte che potevano raggiungere. I loro movimenti erano così sincronizzati che era come se fossero un unico corpo. Ben presto raggiunsero l'apice della passione ed esplosero in un enorme orgasmo condiviso che li lasciò entrambi prosciugati. Jack cadde di lato e con il cazzo ancora piantato in Sarah, si addormentarono.

Jack si svegliò per primo; Sarah era drappeggiata sul suo petto con la testa sulla sua spalla e una gamba sopra la sua. Rimase immobile, guardandola dormire finché lei non aprì gli occhi e sorrise.

Quando iniziò ad alzarsi, gli diede il bacio del buongiorno. Condivisero la doccia e scesero le scale per fare colazione. Sarah indossava solo una maglietta e delle mutandine e Jack si limitava ad indossare un paio di pantaloncini e una maglietta. Riuscivano a malapena a tenere le mani lontane l'uno dall'altro. Se erano in piedi, si tenevano per mano o si abbracciavano. Se erano seduti, Sarah sedeva sulle sue ginocchia. Si baciavano spesso e si abbracciavano ogni volta che si incrociavano.

Sarah disse: “Ho promesso a Sherry che l'avrei chiamata stamattina in modo che potesse venire. Va bene per te?"

"Sì, falla venire quando vuole."

Sarah chiamò sua cugina e in pochi minuti era alla porta sul retro.
“Bene, voi due sembrate felici stamattina. Hai passato una buona nottata?"


Sarah disse: “Beh, se intendi se abbiamo fatto sesso diverse volte, sì, abbiamo passato una bella notte. Immagino che anche noi avremo una bella giornata.

“Sono così felice per voi due. So che Sarah lo desidera da molto tempo.

Jack disse: “Credo di essere in debito con te per averci incastrato ieri. Grazie; hai fatto qualcosa che penso abbia cambiato le nostre vite per sempre.

"Prego; Spero di riuscire a raccoglierlo abbastanza presto. Dopo avervi guardato ieri, mi ha lasciato molto eccitato. Spero che accetterai di portarmi su nella tua stanza e di scoparmi finché non riuscirò più a stare in piedi.

"Sherry, desidero farlo con te da quando avevo 15 anni. Sei sempre stata la mia cugina preferita e una delle donne più sexy che conosco."

«Allora mettiamoci a nudo, ragazzone, e lasciami prendere in mano quel tuo cazzo. Ieri era molto gustoso ma lo voglio davvero tra le gambe.

Jack le prese la mano e la condusse nella sua camera da letto. Lei gli lasciò togliersi i vestiti e si sdraiò sul suo letto mentre lui si spogliava. Il suo cazzo aveva già aperto la bocca per accogliere la sua lingua. Sherry avvolse le braccia attorno a Jack e gli sussurrò all'orecchio: "Jack, sono così felice che sarai il mio primo. Voglio che tu vada piano così possiamo farlo durare. Mi sono rotta la ciliegia con un vibratore ma non sono mai stata con un ragazzo prima. Mi stavo risparmiando per te. Prendo la pillola quindi puoi venirmi nella figa.

Jack le sollevò la mano al seno e le strofinò leggermente il capezzolo, facendolo erigere. Catturò il capezzolo tra le dita e lo tirò e lo girò facendo strillare Sherry di gioia. Le baciò il collo e le mordicchiò il lobo dell'orecchio.

Brividi correvano lungo la schiena di Sherry e lei ridacchiava dicendo che le faceva il solletico. Le baciò gli occhi, il naso, la guancia e le labbra. Si alzò e assaporò la sua bellezza, non credendo che finalmente avrebbe potuto fare l'amore con una ragazza su cui aveva fantasticato da quando aveva 15 anni. Jack lasciò che le sue labbra seguissero il percorso dalla bocca di lei al mento e lungo il collo fino a lei. petto dove lasciò che la sua lingua toccasse la punta del suo capezzolo facendola sussultare per l'eccitazione. Prese in bocca il capezzolo ormai duro e lo succhiò mentre la sua lingua vi svolazzava sopra.

Sherry gli tenne la testa contro e lui lasciò che la mano si spostasse nel punto in cui sentiva la piccola striscia di capelli che incoronava il suo monticello. Lui tirò delicatamente i capelli prima di far scivolare le dita sulle sue labbra esterne. Ha tracciato lungo un lato e risalito dall'altro. Sentì l'umidità crescente e quando la toccò, le sue labbra esterne si separarono dando accesso alle labbra interne rosa e al tunnel che era la sua destinazione. Lui immerse la punta del dito nella sua pelle, facendo uscire un po' di umidità e spalmandola sulla sua figa. I fianchi di Sherry si alzarono per incontrare la sua mano invitandolo di nuovo dentro di lei. Inserì di nuovo il dito, questa volta più in profondità. Ogni carezza andava più in profondità e le sue labbra si muovevano lungo il petto fino all'addome, oltrepassavano l'ombelico e scendevano per seppellire il naso nella piccola zona di pelo. Inalò il suo odore, stimolandolo a una passione ancora più grande. Le sue labbra trovarono il suo clitoride e lo baciò lasciando che la sua lingua solleticasse la dura protuberanza della sua copertura protettiva. Lo succhiò e lo leccò mentre pompava le dita nella sua figa. Sherry gridò quando venne per la prima volta a chiamare il suo nome. Le sue gambe gli afferrarono la testa e le sue mani la tenevano saldamente nella sua figa pulsante. È venuta così forte; il suo viso era inondato del suo dolce nettare. Lo bevve il più velocemente possibile, spingendo la lingua in profondità nel suo canale d'amore.

Quando cominciò a riprendersi, Jack si avvicinò al suo viso per baciarla. Lei gridò: “Oh, Jack, fottimi adesso. Per favore, fanculo a me adesso. Ho bisogno di te dentro di me adesso."

Jack guidò il suo cazzo duro come l'acciaio fino all'apertura della sua fica e lo conficcò fino in fondo. Lui pompava dentro e fuori da lei mentre il suo orgasmo riprendeva. Sembrava che non appena passava un orgasmo, un altro inondava il suo corpo. Il suo sperma schizzò lungo il canale bagnando il cazzo di Jack e inzuppando il letto sotto di loro. Il pulsare delle pareti della sua fica portò Jack al suo culmine e loro si spinsero l'uno contro l'altro come se stessero cercando di strisciare dentro.


Quando finirono, Jack si lasciò cadere esausto al suo fianco e, ancora con il cazzo annidato nella sua figa allagata, si addormentarono presto.

Sarah, li lasciò riposare per un po' e poi entrò nella stanza con da bere per loro e si sedette accanto al letto con loro. “È davvero, davvero bravo, vero Sherry? D’ora in poi noi tre ci divertiremo moltissimo”.

"Sarah, sei sicura che non ti dispiaccia condividerlo con me?"

“Va tutto bene, lo amiamo entrambi e lui ci ama entrambi e tu ed io abbiamo condiviso tutto da quando ricordo. Perché non possiamo essere tutti innamorati insieme?

Jack ha detto: “Penso che sia una grande idea. In effetti, ho qualcosa su cui ho avuto delle fantasie e volevo provare se voi due siete pronti.

"Cosa hai nella tua piccola mente perversa, fratello maggiore?"

“Voglio provare una cosa a tre. Uno di voi è seduto sul mio cazzo e l'altro seduto sulla mia faccia.

"Bene, se Sarah vuole togliersi i vestiti, possiamo provarci adesso."

Jack disse: “Se non ti dispiace, prima vorrei farmi una doccia. Sono piuttosto sudato in questo momento.

Tutti e tre entrarono nella doccia, giocando tanto quanto lavandosi e ridendo più di ogni altra cosa. Dopo essersi asciugati a vicenda, cambiarono le lenzuola del letto di Jack e entrarono tutti, una ragazza su ciascun lato e Jack al centro.

"Chi vuole essere dove?", chiese Jack.

Sarah ha detto: “Penso che l’unico modo logico per scegliere sia lanciare una moneta”. Prese una moneta dalla scrivania di Jack e disse: "Sherry, prendi tutto ciò che ti capita". Ha lanciato la moneta ed è uscita testa.

Jack si sdraiò sul letto e Sarah si avvicinò e si mise a cavalcioni dei suoi fianchi. Strofinò la sua figa bagnata su e giù sul suo cazzo mentre Sherry prendeva posto sedendosi sulla faccia di Jack. Si accovacciò e Jack iniziò a banchettare con la sua dolce figa mentre Sarah guidava il suo palo di carne da 7 pollici nella sua fica.


Jack ha immerso la lingua in profondità nella figa di Sherry, leccando i suoi succhi e solleticandole il clitoride. Lui fece scivolare un dito dentro di lei e le mordicchiò le labbra, facendola tremare per l'eccitazione.

Sarah cavalcò il suo cazzo e strofinò il clitoride contro il suo osso pubico. Lei gridò: “OH, Jack, adoro il tuo cazzo dentro di me. Fammi venire per te." Lei rimbalzò, si girò e si allungò dietro per accarezzargli le palle. Lei si abbatté su di lui e gridò quando raggiunse l'orgasmo. Sherry era subito dietro mentre urlava: "Oh, sì, mangiami la figa e fammi venire sulla tua faccia". Lei lo inzuppò con il suo sperma e lui deglutì più velocemente che poteva, avvicinandole i fianchi al viso e spingendo la lingua in profondità nella sua fica.

Jack ha iniziato a venire e ha spruzzato un carico dopo l'altro su sua sorella mentre lei lo cavalcava. Ben presto crollarono tutti sul letto, abbracciandosi e baciandosi. Alla fine Jack si rese conto che stava iniziando a farsi tardi e dovevano pulire tutto prima che i genitori tornassero a casa. Fecero una doccia veloce, cambiarono le lenzuola, si vestirono e Sarah portò le lenzuola sporche in lavanderia e iniziò a lavare. Avevano ordinato una pizza e la stavano finendo quando i loro genitori tornarono a casa.

"Bene, vedo che la casa è ancora in piedi e non ci sono auto della polizia fuori, quindi immagino che sia andato tutto bene questo fine settimana."

“Sì, papà, è stato un fine settimana piuttosto tranquillo. Non siamo nemmeno usciti di casa, tranne che Sarah è andata a casa di un'amica durante la festa. Non è molto affezionata ai miei amici. Zia Peggy si è fermata per un po' ma non è successo niente di troppo emozionante. Successivamente abbiamo anche ripulito il nostro pasticcio.

“Bene, va bene, figliolo. Sapevo che sarebbe andato tutto bene. Confidiamo che tu ti prenda cura delle cose quando siamo lontani. Potremmo anche fare più viaggi ora che sappiamo che tu e tua sorella avete la situazione sotto controllo."

"Lo facciamo papà, il mio fratello maggiore si prende cura di me."
FINE

Storie simili

DONNE ANZIANE_(1)

Storia di Fbailey numero 219 Donne anziane Quando ho compiuto sedici anni mia madre era impegnata con me. Papà non c'era mai e quando c'era, non c'era ancora. Era il tuo venditore ambulante preverbale. Era un donnaiolo, un ubriacone e una misera scusa per un essere umano. Ha fornito un tetto sopra le nostre teste, ma questo è tutto. La mamma lavorava per pagare il cibo che mangiavamo e i vestiti che avevamo addosso. Ho avviato la mia attività di giardinaggio quella primavera. Ho distribuito volantini in un bel quartiere appena fuori città e ho trovato subito un paio di lavori...

1K I più visti

Likes 2

Non c'era altro modo Pt. II

Perché, pensavo volessi scoparti mia moglie? L'uomo con la pistola ha risposto: Lo faremo, e tu puoi succhiarmi il cazzo mentre quei due fanno a modo loro, altrimenti Tom! Faresti meglio a fare come dico ventosa! Ho guardato mio marito incredulo per quello che stavo sentendo, un uomo che gli diceva di succhiargli il cazzo ma poi c'era di nuovo coinvolta una pistola. Le mani che mi stavano afferrando il culo e spingendo il loro cazzo dentro di me fino in fondo e poi macinando hanno iniziato a tirarsi fuori. Stava guardando l'uomo armato e l'ho sentito dire: Ecco, lascia che...

737 I più visti

Likes 0

OOPS 3

OOPS 3 Durante la cena con mio marito Nathan e suo figlio Nate ho ripreso l'argomento di cui avevo parlato con le mie amiche a partire dalla nostra promessa reciproca. Ora ci siamo promessi la totale verità l'un l'altro dissi Prendendo un caffè oggi, Natalie ha detto di aver sorpreso suo figlio e 3 dei suoi amici a masturbarsi nelle sue mutandine e pensa che tutti i ragazzi lo facciano Quindi Nathan, l'hai fatto come un ragazzo? Strewth, è un po' imbarazzante chiederlo? disse Nathan Ho guardato Nate con aria interrogativa perché sapevo che aveva annusato il mio ma non ero...

657 I più visti

Likes 0

Tempo in gioventù_(0)

Sono entrato nella chiesa dove ogni giovedì si tiene il gruppo giovanile a cui vado. Di solito arrivo lì un'ora o due prima per dare una mano. La mia amica Anah mi ha sorpreso abbracciandomi forte mentre entravo. Anah, cosa fai qui così presto? chiesi ricambiando l'abbraccio. Beh, di solito arrivi qui prima di chiunque altro, e io non avevo niente da fare, quindi ho pensato di venire e uscire insieme. Non passiamo abbastanza tempo l'uno con l'altro, disse alzando lo sguardo alla mia con grandi e teneri occhi azzurri che erano complimentati sia dai suoi lunghi capelli biondi che dal...

378 I più visti

Likes 0

Perché le cose succedono sempre a me

Perché le cose mi succedono sempre Prima di iniziare mi rendo conto che non ci sono molti uomini che vanno in giro con un cazzo da 12 pollici. E quindi l'ho soprannominata una fantasia e una farsa. Basta già detto alla storia. Mi chiamo Samuel Longfellow, sono il proprietario di una delle più grandi società di sicurezza dello stato. È così che guadagno i miei soldi (sette cifre all'anno) La mia passione è la ricerca sulla fauna selvatica e ho una borsa di studio presso il college locale. Faccio le mie ricerche nella mia fattoria di 680 acri. Ora la mia...

2K I più visti

Likes 0

Perdo la verginità(8)

L'ho incontrata su un sito di chat su Internet. Vivevamo a 800 km di distanza, quindi non ho avuto problemi a flirtare come un matto. Mi ha detto che è alta 1,5 m, lunghi capelli biondi e occhi azzurri con un corpo sexy. Beh ovviamente l'ho presa in giro e le ho detto che se non mi manda una foto non le crederò, mi ha chiesto se le foto di lei sarebbero state solo per i miei occhi ed essendo il ragazzo che sono le ho dato la mia parola, aspettandomi una foto molto cattiva. Quello che ho ottenuto è stata...

1.8K I più visti

Likes 0

Diventare Zoe

La mia futura moglie Annie aveva accettato un lavoro fuori città e la vedevo solo ogni due settimane circa. Mi mancava così tanto. Lei ed io eravamo diventati amanti a distanza. Aveva un volo di ritorno a casa venerdì sera. Stavo andando a prendere suo figlio Zakk dal suo dormitorio e noi due saremmo andati a prenderla all'aeroporto e ci saremmo goduti il ​​fine settimana insieme. Zakk è al suo primo anno di college e sta studiando per diventare un truccatore per il teatro e lo schermo. Lui e io non ci siamo davvero conosciuti e questo doveva essere il fine...

1.1K I più visti

Likes 0

La banda pt1_(0)

La Banda. pt 1 Questa è la mia prima storia in assoluto, quindi per favore sii gentile nei tuoi commenti. Sono ben accette critiche costruttive. Sono Sarah, ho 26 anni e lavoro in una banca come consulente per piccole imprese. Ho lunghi capelli castani, sono 5'7 taglia 10 con seni piccoli ma impertinenti 32B. Vado in palestra almeno 3 volte a settimana quindi sono in buona forma e sono single da un paio d'anni, anche se mi sono divertito. Comunque ti racconto la mia esperienza con una gang di East Leeds. Era un venerdì e la mia migliore amica Vicky era...

926 I più visti

Likes 0

All'improvviso, tabù

All'improvviso, tabù Se sei un ragazzo abbastanza bello con una personalità gradevole, bravo a chiacchierare con le donne e a muoverti molto, trovandoti nei posti giusti al momento giusto avrai i tuoi momenti di sesso quando meno te lo aspetti; questo è previsto. Ma quando all'improvviso, all'improvviso, senza alcuna indicazione, senza alcuna preparazione, senza alcuna preparazione da parte tua, ti viene servita una figa di prima qualità, e quella figa appartiene alla tua bellissima madre; allora sei un figlio di puttana fortunato. Sono un figlio di puttana fortunato! Una parente di mia madre ci ha inviato un invito al suo matrimonio...

771 I più visti

Likes 0

Allenamento 07

Mi è davvero piaciuto essere usato da Jim. La mia figa del culo sembrava vuota senza il suo grosso cazzo nero dentro. Il sesso con mia moglie era ancora soddisfacente, su questo non c'erano dubbi, ma stare con Jim era diverso. Ammetto di aver avuto una distrazione abbastanza significativa nella mia vita pensando a lui. Ero assolutamente brava al 100% a farmi usare da lui per il suo piacere, essendo la sua cagna o fica, se vuoi. Il piacere che ho provato nell'essere usato come un giocattolo da scopare da Jim era difficile da descrivere, anche a me stesso. Il mio...

348 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.