Marielle, la mia dolce vicina

123Report
Marielle, la mia dolce vicina

Marielle

Marielle era la mia vicina di casa in questo piccolo condominio in un sobborgo vicino al centro città. Una donnina di bell'aspetto, sui vent'anni. Aveva capelli rossi corti, lentiggini felici e seni piccoli. Sognavo spesso di fare sesso con lei, ma non osavo mai chiederglielo, temendo che rovinasse la nostra amicizia. Di tanto in tanto ci sediamo per una sera, chiacchierando delle cose di tutti i giorni e aiutandoci a vicenda quando ce n'è bisogno.

Ma Marielle aveva dei problemi. Non aveva un lavoro e beveva molto. Con il diabete congenito non è una buona combinazione e spesso l'ho avvertita dei pericoli. Ma lei era un po' hippy per natura e non le importava minimamente.

Una sera eravamo di nuovo seduti nel mio appartamento a guardare film e a goderci il vino. È stata una bella serata e ci siamo divertiti. Marielle sapeva essere socievole e mantenere il buon umore.

Forse mi sarebbe piaciuto di più da lei. Non intendo solo sesso, ma qualcosa di più profondo e duraturo, ma non è mai successo, e questo mi deprime.

La serata è andata bene ma, come spesso accade, Marielle si è ubriacata di nuovo così tanto che ho dovuto accompagnarla a casa. La portai a letto e la misi sotto le coperte. Le ho anche preso un secchio accanto al letto nel caso avesse bisogno di vomitare. Quando tornai a casa, notai che le sue chiavi erano ancora nelle mie mani. Li ho messi sul tavolo e ho deciso di restituirli il giorno dopo.

Al mattino ho avuto un leggero mal di testa, cosa che capita spesso dopo aver bevuto troppo vino bianco. Sono più un bevitore di birra, ma con Marielle ho sempre bevuto vino. Ho preso un caffè e ho letto il giornale del giorno. Ho navigato un po' online finché non mi sono ricordato che avevo le chiavi di Marielle, così l'ho chiamata per dirle che avrebbe potuto ritirarle da me se fosse arrivata da qualche parte.

Ho chiamato tre volte in poco tempo, ma non ha risposto al telefono. Era strano perché non era mai successo prima. Ho aspettato un altro paio d'ore, ma poiché ancora non rispondeva alle mie chiamate ho iniziato a preoccuparmi. Marielle era Marielle, però, e pensavo che fosse andata a continuare a bere.

Il giorno dopo non sono riuscito a contattarla telefonicamente. Avevo le chiavi di casa e lei era da qualche parte, non sapevo dove. Le ho lasciato un messaggio vocale e un SMS per chiamarmi quando torna a casa e poter ritirare le chiavi. Ho dormito tutta la notte, ma la mattina ero davvero preoccupato. Non avevo sue notizie da trenta ore, così ho deciso di andare a vedere se andava tutto bene.

Sono rimasto fuori dalla sua porta e ho suonato il campanello, ma non è successo niente. Ho suonato di nuovo, ma c'era solo silenzio. Ho appoggiato l'orecchio alla porta, ma non ho sentito alcun rumore. Mi chiesi se sarebbe stato educato entrare con le sue chiavi, ma decisi di andarci comunque, temendo che potesse finire nei guai.

Ho chiamato alla porta, ma non ho avuto risposta. Dopo un breve corridoio si aprì il soggiorno, seguito dalla camera da letto dove l'avevo portata. Ho sbirciato attraverso la porta. Era sdraiata su un fianco sotto la coperta, con la gamba che spuntava leggermente da sotto. Mi sono seduto sulla testiera e le ho stretto la gamba per svegliarla, ma ho subito ritirato la mano. La sua gamba era fredda e senza vita.

Mi sono avvicinato al suo viso e ho sentito il polso. Non c'era pulsazione sul collo freddo. Le sue labbra erano bluastre e la sua pelle era quasi bianca come la neve. Ero scioccato. Il mio amico era morto ed era morto da diverse ore da quando la rigidità della morte era passata. Non so cosa mi sia successo, ma l'ho quasi presa tra le braccia e le ho accarezzato i capelli. La sua testa era contro il mio petto e il freddo della sua guancia si irradiava attraverso la mia maglietta. L'ho distesa sul letto.

Era così bella nonostante il suo pallore, la sua pelle pallida si fondeva bene con i suoi capelli rossi. Avevo le vertigini, quindi mi sono appoggiato al muro con la mano. È scivolato e sono caduto sul mio amico morto. Avrei pensato che sarebbe stato terribile, ma con mia sorpresa ho sentito uno strano senso di vicinanza. Ho sollevato un po' la coperta. Indossava mutandine bianche e sopra solo una maglietta senza maniche. Ho sentito un bisogno irresistibile di sdraiarmi accanto a lei, quindi mi sono sdraiato sotto la coperta dietro di lei.

Abbiamo dormito su un cucchiaio. L'ho abbracciata e ho premuto la testa contro la sua. Si sentiva strana perché non respirava, giaceva semplicemente inerte e fredda. I miei fianchi erano contro il suo sedere. Avevo sempre ammirato le sue piccole natiche rotonde, e ora erano lì davanti a me. Mi sono premuto leggermente contro il suo sedere e ho scoperto che avevo iniziato ad avere un'erezione.

Mi sono mosso un po' contro di lei e il mio cazzo era già duro come una roccia. Pensavo che quello che stavo facendo adesso fosse il peccato più grande e non sarebbe stato giusto e accettabile in nessuna circostanza. Tuttavia, sentivo la mia eccitazione crescere. Ho fatto scivolare la mano tra le sue gambe. Sotto il tessuto sottile sentivo una figa morbida che nessuno avrebbe mai più scopato. Sembrava così sbagliato.

Ho messo la mano nelle sue mutandine e ho palpato la sua figa. Era asciutto, ovviamente. Sul comodino ho notato la crema per il viso e me la sono messa sulla mano. L'ho fatto scivolare nel suo buco freddo e ho iniziato a muovere le dita dentro di lei. La stanza era silenziosa. Era strano che non gemesse affatto mentre le toccavo la fica. Beh, in realtà è stato davvero eccitante.

Gettai la coperta sul pavimento e feci sdraiare Marielle sulla schiena. Le sue palpebre erano semiaperte e i suoi occhi sfocati guardavano da qualche parte in lontananza. I suoi graziosi seni saltarono fuori mentre le sollevavo la maglietta. Erano bellissimi, anche se i capezzoli avevano già perso tutto il colore. Mi sono chinato per baciarli. Le ho succhiato i capezzoli e con la mano ho spostato le dita dentro di lei. Come ti ho detto, ho sempre desiderato fare sesso con lei, e ora non c'era più nessuno che mi fermasse.

Mi sono messo sopra di lei e le ho allargato le gambe, che sono cadute ai lati. La crema per il viso le aveva già lisciato la fica, quindi l'ho spruzzata generosamente sul mio cazzo. Alla fine, il mio cazzo duro come la roccia arrivò sulle sue labbra e cominciai a spingermi dentro. Mi sentivo strano. Il freddo circondava il mio cazzo, anzi lo stringeva attorno. Tuttavia, con movimenti lenti, ho cominciato a scoparla. Anche fredda, la sua figa era meravigliosa.

Marielle vacillò selvaggiamente mentre aumentavo la velocità e la forza delle mie spinte. La sua mano cadde a terra e la sua testa oscillò mollemente da un lato all'altro. Abbassai le mani sui suoi seni e premei con forza i miei fianchi contro di lei. Mi chinai e le baciai le labbra. Erano asciutti e freddi. Ho succhiato il suo labbro inferiore in bocca e ho scopato quella donna morta con passione.

Ho ammucchiato i cuscini al centro del letto e ho girato Marielle in modo che si stendesse a pancia in giù. Il suo culo mi ha dato il benvenuto, tentando di scopare. Ho unto di nuovo il mio cazzo e l'ho premuto con un colpo solo nel suo buco del culo. L'avevo già fatto prima, ovviamente, ma poi le donne avevano urlato, non questa volta. La mia amante della morte ha preso il mio cazzo dentro di sé senza protestare.

Ho abbassato tutto il mio peso sopra di lei e l'ho scopata ferocemente nel culo. Il freddo circondava continuamente il mio cazzo, ma cominciavo a godermelo sempre di più. Le ho baciato il collo e l'ho morso. Le ho messo la mano sotto l'ascella e l'ho attirata a me mentre premevo il mio corpo contro il suo. Una donna viva avrebbe gridato di dolore, ma Marielle non si lamentò.

Ero più arrapato che mai. Nessuna esperienza sessuale potrebbe eguagliare il livello che ho vissuto con Marielle. Ho sentito un orgasmo iniziare a emergere da qualche parte nelle profondità sotto la superficie finché la mia coscienza non è esplosa. Il mio cazzo ha vomitato sperma caldo in un culo morto. La strinsi più forte contro di me, e i miei fianchi battevano contro le sue natiche fredde mentre venivo, venivo e venivo.

L'orgasmo mi stava facendo perdere i sensi, era qualcosa che non avevo mai sperimentato prima. Mi sono sdraiato sul suo corpo freddo con il mio cazzo molle nel suo culo. Pensavo di avere ancora qualche ora per fare tutte le cose divertenti con Marielle prima di chiamare i servizi di emergenza.

FINE

Storie simili

Diventare Zoe

La mia futura moglie Annie aveva accettato un lavoro fuori città e la vedevo solo ogni due settimane circa. Mi mancava così tanto. Lei ed io eravamo diventati amanti a distanza. Aveva un volo di ritorno a casa venerdì sera. Stavo andando a prendere suo figlio Zakk dal suo dormitorio e noi due saremmo andati a prenderla all'aeroporto e ci saremmo goduti il ​​fine settimana insieme. Zakk è al suo primo anno di college e sta studiando per diventare un truccatore per il teatro e lo schermo. Lui e io non ci siamo davvero conosciuti e questo doveva essere il fine...

1K I più visti

Likes 0

La sorella della moglie è la puttana dell'ufficio!

Questa non è esattamente una storia normale che potresti trovare su xnxx. Ho trovato questo pubblicato in un forum insieme a un mucchio di commenti di giudizio. Lo sto solo ripubblicando per far divertire le persone. Il poster originale afferma che questo è tutto vero e che ha cambiato i nomi. La sorella di mia moglie è la puttana dell'ufficio e suo padre gliel'ha fatto fare! Katie ha sempre condiviso tutto con me e il percorso professionale di sua sorella è diventato un argomento di cui discutiamo a letto. Rosie ha sempre avuto un corpo delizioso ma non c'è molto da...

850 I più visti

Likes 0

Colto in flagrante_(0)

Colto con le mani nel sacco Questa esperienza ha coinvolto il mio conoscente Ben. Dico conoscente perché l'ho incontrato solo una volta prima, abbiamo parlato a malapena e non aveva molto legame con me: era il figlio della mia amica più grande Vicky. Conoscevo Vicky perché facevo volontariato nel suo negozio di animali e, anche dopo aver finito, ancora oggi restiamo buoni amici. All'epoca avevo 15 anni e Ben 13. Vicky mi ha invitato a fare un barbecue per festeggiare il suo compleanno, quindi insieme a molte altre persone ho accettato, ero il più giovane lì a parte Ben che è...

275 I più visti

Likes 0

Samantha e Kaylee_(0)

Avevo una vicina di nome Kaylee che era meravigliosa. Era alta, atletica e aveva un corpo sodo. Probabilmente circa 120 libbre. pelle abbronzata, capelli castano scuro. Ha sicuramente attirato la mia attenzione. Non era una troia, era più una provocazione. Abbiamo frequentato la stessa scuola superiore. L'ho vista spesso, ma non abbiamo parlato molto. Tutto in lei era ipnotizzante, il modo in cui i suoi capelli erano lunghi e avevano la giusta quantità di riccioli, le sue gambe, la figura sexy, aveva persino delle fossette sopra il sedere che potevo vedere quando era in bikini intorno alla piscina. Era una brava...

262 I più visti

Likes 0

Il furgone - Scopa mia moglie

Una sera io e mia moglie stavamo cenando, è venuto fuori l'argomento di una delle nostre fantasie. L'abbiamo chiamato il furgone. Era stata una nostra fantasia ricorrente prendere diversi ragazzi e farli scopare mia moglie nel retro di un furgone. Questa volta abbiamo deciso di farlo quindi abbiamo aspettato il weekend. Abbiamo noleggiato un furgone bianco per la notte e siamo andati in centro alla ricerca di alcuni ragazzi belli e sani. Indossava un mini abito nero scollato e aveva un letto rifatto nella parte posteriore. Abbiamo guidato per un po' e ci siamo imbattuti in un ragazzo che camminava da...

1.9K I più visti

Likes 1

Fantasia di schieramento

Voglio raccontarvi tutto del mio dispiegamento in Turchia. Ero solo e non avevo voglia di fare lo stesso di tutti gli altri ragazzi. Sai parlare con le ragazze dello stato sperando di poter organizzare qualcosa per quando torno. Ero in una stanza con 8 ragazzi in 4 letti a castello e volevo trovare qualcuno che fosse di stanza qui con la propria stanza. Forse anche una casa. Così sono andato al gruppo di vendita in cantiere su Facebook e ho iniziato a cercare un amico nell'elenco dei membri. Chissà, forse conoscevo qualcuno qui. Beh, mi sono imbattuto in una ragazza di...

2.4K I più visti

Likes 0

Sissy Lucy incontra suo padre

Ho circa 20 anni e gestisco un ristorante/bar locale. Sono 5 piedi e 8 e magro con lineamenti abbastanza femminili. Per la maggior parte delle persone sono solo Tom, un ragazzo normale che ha fidanzate occasionali, ama una birra e guarda il calcio. Per i miei amici più cari sono Lucy, una troia femminuccia che ama il cazzo. Di recente ho trovato un papà online. Era un uomo più anziano e più esperto. Abbiamo iniziato a chattare e gli ho inviato alcune foto e videoclip birichini di Lucy che suonava. Mentre parlavamo ho rivelato che mi piace essere dominato, mi è...

774 I più visti

Likes 0

La mia vera storia di vita: capitolo uno

Diverse persone mi hanno chiesto di raccontare la storia della mia vita poiché ho accennato ad alcune delle mie esperienze insolite. Quindi penso che il miglior punto da cui iniziare sia la notte in cui sono finiti i miei 10 anni di matrimonio. Era un venerdì sera e mio marito Tim è tornato a casa ubriaco. Questa era diventata la sua pratica abituale negli ultimi due anni. Ha affermato che il suo capo gli stava causando un aumento dello stress e ha dovuto fermarsi con i ragazzi per rilassarsi. All'inizio tornava a casa un po' brillo per quando portavo a letto...

752 I più visti

Likes 0

Dare un erede a Lord Ablington

Stavo oziando tutto il giorno aspettando il pranzo quando ho sentito la terribile notizia: Alan Lord Ablington era caduto da cavallo durante la caccia di lunedì mattina ed era completamente morto. Tommy Goodfellow si era fermato mentre andava ad Abbotsford quel martedì mattina per raccontarci, come sapeva, della mia precedente conoscenza con Lady Ablington. Ho provato un misto di emozioni. Lord Ablington aveva recentemente corteggiato e poi sposato la mia dolce metà d'infanzia, una certa Miss Amy Merry, alla quale ero rimasto immensamente affezionato, non si poteva biasimarla, Ablington possedeva la maggior parte del villaggio e molto altro ancora mentre la...

767 I più visti

Likes 0

Caduta cap. 08

Capitolo 8, In cui condivido troppe informazioni Era stato un altro lungo viaggio, ma ero arrivato in tempo per prendere il volo del primo pomeriggio. Ero carico e ansioso di tornare a casa e condividere la buona notizia: avevo ottenuto un altro grosso contratto ed ero sulla buona strada per ottenere il venditore dell'anno e uno stupendo bonus. Grazie al coaching di Stacey, avevo imparato che un po' più di T&A avrebbero fatto molto. Una modesta spesa per abiti spigolosi, calze al posto dei collant e così via, si era trasformata in enormi aumenti degli affari firmati. Alcuni dei miei concorrenti...

280 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.