Il ragazzo del bagno di mamma (parte 1)

573Report
Il ragazzo del bagno di mamma (parte 1)

Jon aveva sempre avuto delle fantasie sporche quando si masturbava. È cresciuto in una famiglia con due sorelle e una madre che era un po' la scapestrata della città. Quando Jon era un ragazzino sentiva sua madre scopare con uomini diversi mentre cercava di dormire. Queste prime esperienze iniziarono a dare forma a una fitta fantasia per Jon di poter vedere sua madre nuda.
Jon giocava nella stanza di sua madre quando era adolescente, scherzava e si nascondeva nella sua grande cesta dei vestiti. Era un enorme contenitore di vimini con un coperchio. Saltava dentro, metteva il coperchio sopra, si sedeva e giocava. Mentre Jon giocava, sua madre Jennifer faceva quello che una donna farebbe nella propria stanza: truccarsi, mettere in ordine, cambiarsi...
Jon guardava sua madre cambiarsi e camminare nuda per la sua stanza. Le grandi tette di Jennifer pendevano leggermente, grandi areole scure contro il suo seno abbronzato. Il suo cespuglio era piuttosto grande e si estendeva dall'ombelico fino all'ano.
Seduto nella cesta di sua madre, Jon annusava e giocava con tutte le mutandine che lo circondavano. A volte erano essenzialmente puliti e odoravano di bucato, ma altre volte erano completamente sporchi. Una massa umida di bordi bianchi incrostati, macchie gialle bagnate e pesanti striature marroni.
Jon ne prendeva un paio o due e se li metteva in tasca, li teneva sotto il materasso e li annusava e talvolta li leccava quando era da solo a masturbarsi.
Man mano che Jon cresceva, i suoi pensieri sporchi non si placavano mai. Sapeva che sua madre era una persona davvero sessuale, e aveva quel tipo di pensieri approvati e cattivi che aveva.
Quando restava a casa malato da scuola, Jon era solito curiosare nella stanza di sua madre. A volte da solo, a volte insieme a sua sorella, che di qualche anno più grande, sembrava conoscere la posizione esatta di tutte le cose brutte che stavano cercando.
Aveva scoperto la sua scorta di vibratori. Avvolto in un asciugamano, nell'ultimo cassetto, Jon ha trovato una collezione di falli grandi e spessi. Alcuni vibravano, altri semplicemente pendevano fittamente davanti agli occhi di Jon. Un vibratore aveva due cazzi attaccati a un manico, uno era largo e lungo, l'altro era più piccolo e snello: uno per la figa e uno per l'ano.
Sua sorella lo ha sfidato a leccarlo. Jon fece finta di essere disgustato, ma colse al volo il suggerimento come se fosse una richiesta da parte della sua sorella maggiore. Jon leccò su e giù il suo dildo. Ha iniziato con il suo duello di cazzi e ha leccato prima il sottile cazzo anale.
"Allora... che sapore ha il culo di mamma?" Meredith presa in giro?
"hhhua schifoso, mi hai sfidato!" Jon sputò
“Scommetto che ti è piaciuto” disse Meredith con un sorriso ironico.
"Non c'è modo! Non ha nemmeno il sapore di niente! Deve averlo pulito." Ha detto Jon
"Scommetto che vorresti che fosse sporco, maledetto fratellino!" disse Meredith, osservando il crescente disagio di suo fratello.
“Dirò alla mamma che ti ho sorpreso qui ad annusare le sue mutandine, so che lo fai, se le trovi nella tua stanza. E poi le dirò che hai giocato con i suoi vibratori!" Meredith pianse.
"NO! Per favore! Per favore! Non dirlo a mamma. Per favore, farò qualsiasi cosa. Per favore, sul serio, farò qualsiasi cosa tu dica se prometti di non dirlo a mamma” implorò Jon.

"Hahaha! Gesù, sei così credulone. Non dirò niente a mamma. Raffreddare! Sei così pervertito, ovviamente sei nervoso perché sai che lo fai continuamente e hai paura che la mamma ti prenda. Ti ho preso! Non pensi che ti veda intrufolarti qui? E che non ho trovato la tua piccola e disgustosa scorta di mutandine della mamma sotto il tuo letto? È brutto che ogni paio che hai preso abbia macchie di merda sopra. Che cosa?! Ti ecciti?!”
"NO! Dio! Grossolano! Non capisci! Non importa! Lasciami in pace!" esclamò Jon
"Non preoccuparti fratello, ti lascerò in pace, ma sappi solo che conosco il tuo sporco segreto e che te lo farò pagare in qualche modo, aspetta e basta..." Meredith poi uscì dalla stanza, lasciando Jon sul letto di sua madre con il suo assortimento di falli, mutandine e tutto il resto sparso sul letto.
Proprio in quel momento, Jon sentì l’auto di sua madre entrare nel vialetto. Panico. Jon iniziò immediatamente a darsi da fare per concludere le cose e metterle via come pensava di ricordarle. Corse dal comò all'armadio e rimise le mutandine nella cesta. Mise i suoi maglioni sopra la pila di vibratori che lui rimise al loro posto. Le rimise a posto le scarpe nello stesso ordine generale che pensava di aver visto mentre le frugava alla ricerca del lubrificante. Si precipitò a rimettere tutto in ordine come poteva ricordare se avesse sentito sua madre parcheggiare e aprire la porta principale. Jon corse di nuovo nella sua stanza, ansimando senza fiato mentre passava davanti alla porta chiusa della camera da letto di sua sorella. Pensò di sentirla ridere dentro, ma era troppo nervoso per dirlo.

Anni dopo, la madre di Jon, Jennifer, ricordava quel giorno e di tanto in tanto rideva pensandoci. Tornò a casa quel giorno e vide e seppe che i suoi figli avevano giocato con le sue cose. Non aveva davvero un’idea completa dell’ambito che avevano realmente trovato e di ciò che avevano fatto. Ma sapeva, intuiva che era naturale essere curiosi e curiosare. Lei rise di come avevano nascosto male le cose. Vide che avevano trovato la sua collezione di vibratori e scrollò le spalle: "vabbè, non è la fine del mondo, prima o poi lo sapranno" pensò Jennifer. Ma non si rendeva conto di quanto profondamente suo figlio Jon avesse pensato e fantasticato su lei e il suo vibratore.
Jennifer aveva pensato che fosse una curiosità innocente, anche se un po' sporca. E pensava che suo figlio stesse solo cercando di imparare qualcosa sul sesso e sulle donne. Ha iniziato ad avere un po' di voglia di dare suggerimenti e qualche informazione in più ed è entusiasta che suo figlio veda e impari.
Jennifer aveva una leggera fantasia che suo figlio potesse spiarla mentre si masturbava, o che potesse provare a intravederla in bagno. Tutte cose innocenti, ma solo la crescita naturale di un ragazzino.
Jennifer cercava di avvicinarsi a suo figlio quando pensava che si stesse masturbando. O lasciargli "accidentalmente" uno spettacolo in cui lei si china, o magari cattura il suo capezzolo che spunta fuori dal top del bikini. Tutte queste cose erano piccoli giochi a cui faceva, traendone un po' di eccitazione, ma soprattutto ridendo tra sé e sé di suo figlio e dei suoi evidenti piccoli segreti sessuali.
Era la stessa risatina di anni fa per tutto ciò che Jennifer si lasciava solleticare mentre tornava a casa oggi. Suo figlio, Jon, che ora ha 22 anni, era a casa dal college in pausa e sua sorella, Meredith, sarebbe tornata a casa tra pochi giorni per la sua pausa universitaria. Tutta la famiglia sarebbe stata insieme per il Ringraziamento per la prima volta dopo pochi anni. La casa era bellissima e in costruzione per alcuni miglioramenti. La ristrutturazione non sarebbe stata completata prima di Natale, ma la famiglia avrebbe potuto stare insieme felicemente per il Ringraziamento anche se i progetti erano incompleti.
Mentre rideva, sentì l'urgenza della vescica che iniziava a salire: Jennifer era rimasta bloccata nel traffico dopo aver lasciato l'ufficio e il suo percorso aveva iniziato a richiedere molto più tempo di quanto avesse sperato e pianificato. In ufficio aveva bevuto circa 3 tazze di caffè e durante il viaggio stava sorseggiando una grande bottiglia d'acqua.
Jennifer iniziò a temere di dover accostare sul ciglio della strada, o di cercare di svuotarsi nella bottiglia d'acqua se il traffico non avesse ripreso più velocemente.
Le auto sembravano iniziare a muoversi, ma il semaforo sembrava diventare rosso ogni volta che si avvicinava. Lentamente, però, iniziò a tornare a casa.

Nel frattempo, Jon era a casa per la prima volta dopo anni, guardò l'orologio e si chiese dove potesse essere sua madre. Era arrivato tardi la sera prima e sua madre era venuta a prenderlo all'aeroporto. Tornarono a casa in un silenzio felice e assonnato. Jon aveva momenti di fantasie sporche riguardo alle donne che lo stavano accompagnando a casa, non ne era mai veramente cresciuto e spesso si masturbava pensando a sua madre e a vari pensieri perversi.
Jennifer, d'altro canto, era semplicemente felice che suo figlio fosse a casa e ansiosa di trascorrere una bella vacanza con lui e sua figlia. Solo loro tre avrebbero trascorso un bel Ringraziamento in tono basso, magari si sarebbero rilassati e avrebbero bevuto del vino, mangiato molto cibo. Semplicemente rilassati.
Quindi, dopo aver aspettato l'arrivo di sua madre per circa un'ora, Jon ha deciso di saltare sotto la doccia e lavarsi prima che sua madre Jennifer tornasse a casa.
A causa dei lavori di ristrutturazione, nella casa era funzionante solo un bagno. Era un piccolo bagno con una minuscola doccia, un lavandino e un gabinetto, il tutto stipato in circa cinque piedi quadrati. La porta era chiusa a chiave, ma avrebbe potuto essere facilmente aperta se qualcuno avesse mosso la maniglia.
Jon si spogliò ed entrò nella doccia, chiuse la sottile tenda intorno a sé e si distrasse.
I suoi pensieri andarono a sua madre e ad alcuni dei pensieri più sporchi che aveva su di lei. Di guardarla farsi inculare sul divano del soggiorno, e poi dal suo trespolo in cima alle scale, guardarla succhiare il cazzo del preside subito dopo che lui glielo ha fatto scivolare fuori dal culo.
Il cazzo di Jon iniziò a crescere e a oscillare tra le sue gambe mentre si insaponava il petto. Il suo cazzo era diventato grosso e lungo durante la sua adolescenza. Sua sorella Meredith lo prendeva in giro dicendogli che avrebbe dovuto fare porno. Passava davanti alla sua camera da letto e si intrufolava per vedere se si stava masturbando, quando lo faceva irrompeva e urlava, e poi correva fuori lasciando la porta aperta.
Jon stava sognando ad occhi aperti tutte queste cose quando si fermò l'auto di sua madre. Non la sentì arrivare e non la sentì correre freneticamente su per le scale.
Jennifer per miracolo era riuscita a tornare a casa senza perdere il controllo della vescica. Ma ora che era a casa era più che urgente e sul punto di scoppiare. Si precipitò su per le scale tenendosi il cavallo attraverso i jeans. Iniziò a sbottonare le patte e ad abbassarle freneticamente mentre correva su per le scale verso l'unico bagno funzionante.
"Merda!" pensò, mentre sentiva la doccia scorrere, "Jon deve essere lì, cazzo!" mise il broncio tra sé e sé mentre ballava cercando disperatamente di slacciarsi i pantaloni.
“Jon! Aprire! È un'emergenza!" Jennifer pianse sbattendo forte la porta del bagno.
A causa del suo stordimento, Jon non aveva sentito il primo bussare e chiamare la madre. Fu solo dopo averla sentita piangere,
“JON! Sto per pisciarmi addosso! Apri quella dannata porta!" solo dopo Jon si era lanciato in azione. Jon saltò fuori dalla doccia e raggiunse la maniglia della porta per far entrare sua madre.
Tuttavia, poco prima che potesse raggiungere la porta, Jennifer aveva girato e fatto scattare la serratura, aprendo la porta.
La prima vista di Jennifer è stata quella di suo figlio che usciva dalla doccia, con il suo grosso cazzo che ballonzolava a 9 pollici tra le sue gambe e puntava dritto verso di lei. Scivolò e saltò indietro cercando di ritrovare l'equilibrio. Mentre Jennifer gli voltava le spalle in parti uguali paura e urgenza. Lasciò immediatamente cadere i jeans sul pavimento, chinandosi per allontanarsi dal cazzo ondeggiante di suo figlio.
Con le mani sulle caviglie, Jon aveva una visione chiara del culo di sua madre, coperto sottilmente da un paio di mutandine di pizzo che giacevano sopra il suo ano rugoso, scuro e grassoccio, coprendo a malapena una frazione della sua ampia circonferenza marrone. Le sue mutandine si scurirono immediatamente con un fiotto di giallo scuro. Li tirò giù e un denso getto di piscio schizzò fuori dalla sua figa e colpì il pavimento vicino ai piedi di Jon, mancando per poco di spruzzare il suo cazzo ormai rigido.

Jon si precipitò di nuovo sotto la doccia mentre sua madre atterrava sul sedile del water e iniziava un torrente di potente pipì che le sgorgava prima nei pantaloni, poi sul pavimento, sul sedile e infine con un sibilo udibile nella tazza del water. Era così sollevata di poter finalmente liberare la pipì che non le importava niente del fatto che suo figlio la vedesse, o del fatto che si fosse bagnata le mutandine e zampillasse sul pavimento.
Lasciò semplicemente che la pipì scorresse e riempisse la ciotola, felice di esserci riuscita. Il cazzo di Jon era balzato alla massima erezione guardando sua madre pisciare nelle sue mutandine e pisciare sul pavimento, il bagno era minuscolo quindi si era nascosto nella tenda della doccia con il lungo cazzo all'altezza mentre ascoltava il suono della pipì di sua madre sibilando all'interno del water.
Jennifer si alzò dal bagno e si tolse i pantaloni e le mutandine bagnate, chinandosi per toglierli dalle caviglie che aveva sorpreso a sbirciare tra le sue gambe, mentre suo figlio sbirciava da dietro la tenda della doccia. Il suo cazzo era visibile dietro la tenda di plastica semitrasparente. I suoi occhi erano fissi sulla sua figa esposta e presentata, che brillava di goccioline di piscio dorato. Anche il suo ano era raggrinzito e puntava dritto verso suo figlio. Era un anello marrone largo e rotondo, increspato verso il centro del suo ano scintillante. Aveva all'incirca le dimensioni della palpebra di un Pringles, era marrone scuro, pelosa e rugosa.
Sapendo che suo figlio poteva vederlo, Jennifer cominciò a tremare il suo ano, facendogli l'occhiolino. Rimase chinata per un secondo in più sapendo che suo figlio aveva una visione completa.
Quando si alzò, un brutto pensiero le attraversò la mente...
Liberandosi delle mutandine inzuppate, Jennifer tirò lo sciacquone e gettò con nonchalance il mucchio bagnato del suo perizoma giallo gocciolante in un mucchio vicino al water. Uscì dal bagno gridando: “oh, grazie figliolo. Stavo per pisciarmela addosso, scusa se ti ho intromesso. Ti lascerò stare e finirò di pulire dopo che sarai uscito.
Ha lasciato la porta socchiusa ed è uscita nuda dal bagno verso la sua camera da letto dove ha iniziato a tirare fuori la sua collezione di falli.

Uscendo dalla doccia, Jon entrò nella pila delle mutandine inzuppate di piscio di sua madre. Ancora calde, schiumavano sotto i suoi piedi mentre faceva uscire una pozza di pipì giallo scuro.
Lasciando cadere la mano nella pozzanghera, Jon sollevò le mutandine e se le drappeggiò sul viso, inalandone l'odore e lasciando che il rivolo di piscio gli entrasse in bocca.

Storie simili

Diventare Zoe

La mia futura moglie Annie aveva accettato un lavoro fuori città e la vedevo solo ogni due settimane circa. Mi mancava così tanto. Lei ed io eravamo diventati amanti a distanza. Aveva un volo di ritorno a casa venerdì sera. Stavo andando a prendere suo figlio Zakk dal suo dormitorio e noi due saremmo andati a prenderla all'aeroporto e ci saremmo goduti il ​​fine settimana insieme. Zakk è al suo primo anno di college e sta studiando per diventare un truccatore per il teatro e lo schermo. Lui e io non ci siamo davvero conosciuti e questo doveva essere il fine...

1K I più visti

Likes 0

La sorella della moglie è la puttana dell'ufficio!

Questa non è esattamente una storia normale che potresti trovare su xnxx. Ho trovato questo pubblicato in un forum insieme a un mucchio di commenti di giudizio. Lo sto solo ripubblicando per far divertire le persone. Il poster originale afferma che questo è tutto vero e che ha cambiato i nomi. La sorella di mia moglie è la puttana dell'ufficio e suo padre gliel'ha fatto fare! Katie ha sempre condiviso tutto con me e il percorso professionale di sua sorella è diventato un argomento di cui discutiamo a letto. Rosie ha sempre avuto un corpo delizioso ma non c'è molto da...

850 I più visti

Likes 0

Il furgone - Scopa mia moglie

Una sera io e mia moglie stavamo cenando, è venuto fuori l'argomento di una delle nostre fantasie. L'abbiamo chiamato il furgone. Era stata una nostra fantasia ricorrente prendere diversi ragazzi e farli scopare mia moglie nel retro di un furgone. Questa volta abbiamo deciso di farlo quindi abbiamo aspettato il weekend. Abbiamo noleggiato un furgone bianco per la notte e siamo andati in centro alla ricerca di alcuni ragazzi belli e sani. Indossava un mini abito nero scollato e aveva un letto rifatto nella parte posteriore. Abbiamo guidato per un po' e ci siamo imbattuti in un ragazzo che camminava da...

1.9K I più visti

Likes 1

Fantasia di schieramento

Voglio raccontarvi tutto del mio dispiegamento in Turchia. Ero solo e non avevo voglia di fare lo stesso di tutti gli altri ragazzi. Sai parlare con le ragazze dello stato sperando di poter organizzare qualcosa per quando torno. Ero in una stanza con 8 ragazzi in 4 letti a castello e volevo trovare qualcuno che fosse di stanza qui con la propria stanza. Forse anche una casa. Così sono andato al gruppo di vendita in cantiere su Facebook e ho iniziato a cercare un amico nell'elenco dei membri. Chissà, forse conoscevo qualcuno qui. Beh, mi sono imbattuto in una ragazza di...

2.4K I più visti

Likes 0

Sissy Lucy incontra suo padre

Ho circa 20 anni e gestisco un ristorante/bar locale. Sono 5 piedi e 8 e magro con lineamenti abbastanza femminili. Per la maggior parte delle persone sono solo Tom, un ragazzo normale che ha fidanzate occasionali, ama una birra e guarda il calcio. Per i miei amici più cari sono Lucy, una troia femminuccia che ama il cazzo. Di recente ho trovato un papà online. Era un uomo più anziano e più esperto. Abbiamo iniziato a chattare e gli ho inviato alcune foto e videoclip birichini di Lucy che suonava. Mentre parlavamo ho rivelato che mi piace essere dominato, mi è...

774 I più visti

Likes 0

La mia vera storia di vita: capitolo uno

Diverse persone mi hanno chiesto di raccontare la storia della mia vita poiché ho accennato ad alcune delle mie esperienze insolite. Quindi penso che il miglior punto da cui iniziare sia la notte in cui sono finiti i miei 10 anni di matrimonio. Era un venerdì sera e mio marito Tim è tornato a casa ubriaco. Questa era diventata la sua pratica abituale negli ultimi due anni. Ha affermato che il suo capo gli stava causando un aumento dello stress e ha dovuto fermarsi con i ragazzi per rilassarsi. All'inizio tornava a casa un po' brillo per quando portavo a letto...

752 I più visti

Likes 0

Dare un erede a Lord Ablington

Stavo oziando tutto il giorno aspettando il pranzo quando ho sentito la terribile notizia: Alan Lord Ablington era caduto da cavallo durante la caccia di lunedì mattina ed era completamente morto. Tommy Goodfellow si era fermato mentre andava ad Abbotsford quel martedì mattina per raccontarci, come sapeva, della mia precedente conoscenza con Lady Ablington. Ho provato un misto di emozioni. Lord Ablington aveva recentemente corteggiato e poi sposato la mia dolce metà d'infanzia, una certa Miss Amy Merry, alla quale ero rimasto immensamente affezionato, non si poteva biasimarla, Ablington possedeva la maggior parte del villaggio e molto altro ancora mentre la...

767 I più visti

Likes 0

Colto in flagrante_(0)

Colto con le mani nel sacco Questa esperienza ha coinvolto il mio conoscente Ben. Dico conoscente perché l'ho incontrato solo una volta prima, abbiamo parlato a malapena e non aveva molto legame con me: era il figlio della mia amica più grande Vicky. Conoscevo Vicky perché facevo volontariato nel suo negozio di animali e, anche dopo aver finito, ancora oggi restiamo buoni amici. All'epoca avevo 15 anni e Ben 13. Vicky mi ha invitato a fare un barbecue per festeggiare il suo compleanno, quindi insieme a molte altre persone ho accettato, ero il più giovane lì a parte Ben che è...

276 I più visti

Likes 0

Samantha e Kaylee_(0)

Avevo una vicina di nome Kaylee che era meravigliosa. Era alta, atletica e aveva un corpo sodo. Probabilmente circa 120 libbre. pelle abbronzata, capelli castano scuro. Ha sicuramente attirato la mia attenzione. Non era una troia, era più una provocazione. Abbiamo frequentato la stessa scuola superiore. L'ho vista spesso, ma non abbiamo parlato molto. Tutto in lei era ipnotizzante, il modo in cui i suoi capelli erano lunghi e avevano la giusta quantità di riccioli, le sue gambe, la figura sexy, aveva persino delle fossette sopra il sedere che potevo vedere quando era in bikini intorno alla piscina. Era una brava...

263 I più visti

Likes 0

La migliore sorella del mondo!!! Parte 2

La migliore sorella del mondo!!! Parte 2 Mi sono svegliato la mattina dopo più riposato di quanto mi fossi sentito da molto tempo. Gli eventi della notte precedente mi stavano attraversando la mente mentre iniziavo a prepararmi per la scuola. Sia io che Sydney ci amavamo molto, in un certo senso fraterno. Non avevo mai pensato a lei sessualmente, ma quando l'ho vista masturbarsi fino all'orgasmo mentre pensava a me... ho iniziato a vederla sotto una nuova luce. Ora la vedevo non solo come mia sorella maggiore, ma come una donna bella e sexy. Sono sceso al piano di sotto, la...

2.5K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.