Caduta cap. 08

280Report
Caduta cap. 08

Capitolo 8, In cui condivido troppe informazioni

Era stato un altro lungo viaggio, ma ero arrivato in tempo per prendere il volo del primo pomeriggio. Ero carico e ansioso di tornare a casa e condividere la buona notizia: avevo ottenuto un altro grosso contratto ed ero sulla buona strada per ottenere il venditore dell'anno e uno stupendo bonus.

Grazie al coaching di Stacey, avevo imparato che un po' più di T&A avrebbero fatto molto. Una modesta spesa per abiti spigolosi, calze al posto dei collant e così via, si era trasformata in enormi aumenti degli affari firmati.

Alcuni dei miei concorrenti e colleghi avevano gridato allo scandalo, ma io lo consideravo invidia. Voglio dire, qual era davvero la differenza tra affidarsi a una spogliarellista o ad una escort e farlo da solo?

Non avevo provato a imbrogliare sul serio, con la magia, da quel viaggio in Texas. Non aveva funzionato molto bene e Stacey aveva deciso che era troppo rischioso continuare a provarci. Inoltre, era bello sapere di aver vinto tutti gli affari da solo, senza trucchi, qualunque cosa dicessero i piagnucoloni. Se mi impegnavo per concludere un affare - e onestamente, per me era tanto un piacere quanto un affare - beh, stavo solo facendo quello di cui comunque mi avevano sempre accusato.

Stacey sopportava tutto questo come un male necessario, perché io ci sostenevo e tornavo sempre a casa da lei. Non me lo aveva mai chiesto, quindi non sentivo il bisogno di dirle che ero ancora in contatto regolare con Jenny, la mia amante segreta.

Ho tirato fuori il telefono e ho guardato la sua ultima foto. "Screma per te," mi aveva scritto, insieme al primo piano della sua figa sexy che spuntava da sotto una minigonna a balze super corta. Si era tenuta i capelli lontani, proprio come me, e i segni dell'abbronzatura erano sbiaditi quasi completamente.

"Tu troia," risposi. "Forse il mese prossimo! XOXOX." Mi piaceva mandarle scatti di creampie quando ero in viaggio; se i nostri programmi coincidessero, avremmo fatto sesso telefonico ogni notte in cui ero via. Non vedevo davvero l'ora di fare il mio prossimo viaggio in Texas, e non solo perché il tempo stava cambiando.

Mi ero reso conto che mentre Jenny e io condividevamo qualcosa, i miei compagni di stanza - sebbene li amassi entrambi teneramente - erano più egocentrici. Potrei passare ore con la testa intrappolata tra le cosce di Stacey, facendole un piacevole bagno con la lingua e portando entrambi all'orgasmo dopo l'altro, ma è stata l'unica volta in cui mi ha permesso di toccarmi.

Poi c'era Michael. Era un po' difficile da spiegare, ma usava il mio culo per fare sesso gay. All'inizio ero riluttante, ma la sensazione di lui che mi sodomizzava adesso mi faceva davvero eccitare, e avevo chiarito a Stacey che non avevo intenzione di negarglielo.

Ad ogni modo, era ovvio che Stacey fosse gelosa del tempo che trascorrevo con Michael, anche se stavo attento ad assicurarmi di trascorrere lo stesso tempo con entrambi. Avevo provato a fare una cosa a tre una volta, ma non era stato un successo. La sensazione di mangiare Stacey mentre ricevevo un cornhole da Michael mi ha fatto venire così forte che mi sarei fatto la pipì addosso, ma loro due si erano fissati per tutto il tempo.

Forse ci proverei di nuovo con Jenny, se potessimo trovare un ragazzo disponibile. Ho riso, guadagnandomi uno sguardo curioso da parte del tassista. Lei e il suo ragazzo, Daniel, si erano lasciati, ma ero abbastanza sicura che trovare un uomo con cui potessimo condividere non sarebbe stato un problema.

In parte era perché Jenny diventava così accomodante una volta che la conoscevi. Stacey non era proprio una stronza, ma aveva aspettative più alte. Era difficile ascoltare le lamentele sul fatto che non avevamo la macchina, che l'appartamento era troppo piccolo e così via. L'auto, comunque, sembrava un insensato spreco di denaro per una ragazza di città, ma Stacey pensava che ce ne meritassimo una. Mi sentivo in colpa per averla delusa, ma questo mi aveva solo motivato a lavorare di più. Speravo che la notizia dei miei ultimi successi l'avrebbe aiutata a tirarla su di morale.



"Sono a casa!" Ho chiamato, guidando la mia borsa a rotelle attraverso la porta. Ho fatto un respiro profondo, assaporando il profumo delle candele di Stacey. Hanno disseminato il nostro appartamento da quando si è trasferita lì, ma puzzava come se ne avesse accesi più del solito. Era un po' come una cigar lounge, solo che non mi faceva venir voglia di tossire. Ho inspirato di nuovo profondamente e poi ho lasciato che la tensione accumulata scorresse via mentre espiravo.

"Linnea! Stavamo proprio parlando di te!" Stacey chiamò dal divano. Il suono della sua voce fece volare il mio cuore e far gocciolare la mia astuzia. "Guarda chi è venuto a trovarci!"

Rimasi a bocca aperta. Non vedevo né parlavo con i miei genitori da tre anni, ed erano lì, seduti sul nostro divano. Grazie a Dio indossavo la gonna senza lo sperma essiccato sopra! "Papà! Mamma! Che sorpresa!" Ero felice di vederli, ma non potevo fare a meno di sentirmi un po' deluso dal fatto che avrei dovuto aspettare ancora un po' per farmi scopare.

"Vedo che stai lavorando duramente per essere una grande delusione quanto lo è stata lui," brontolò papà. Non credo che avesse pronunciato il nome di Peter da quando aveva incontrato Michael, tranne probabilmente per dire al suo avvocato di sospendere i pagamenti fiduciari. "Non hai vergogna?"

"Oh, Edward, non vediamo Linnea da sempre. Non puoi astenervi dal giudicare per qualche minuto?" La mamma ha sempre fatto la pacificatrice. Mi guardò attentamente mentre ci abbracciavamo e commentò: "Sembri cosmopolita, caro".

Avvertito dal suo tono di voce, mi concessi una rapida occhiata. Non avevo molte rughe e mi ero sistemata i capelli e il rossetto in taxi. La mia camicetta trasparente metteva in risalto il mio seno e i miei capezzoli erano eretti per l'attesa, come al solito. La gonna non era la mia preferita, era un po' più lunga di quanto preferivo adesso, ma non c'era niente di sbagliato. Non mi sembrava che le mie calze o le mie giarrettiere si fossero spostate.

Guardai Stacey con aria interrogativa e alzai leggermente le spalle. Non mostrava alcun segno di disapprovazione, quindi ho lasciato che le cose scivolassero. "Stai bene," ho detto alla mamma, mentendo solo a metà. Era ancora in buona forma per la sua età, ma il suo seno era cadente e il suo cespuglio aveva davvero bisogno di essere ripulito.

Poi non potevo più aspettare e mi sono avvicinato a Stacey e le ho dato un grande bacio tesoro: sono a casa. Mi sono aggrappato a lei, succhiando la sua lingua e premendo le mie tette contro le sue, finché lei mi ha gentilmente allontanato. Sempre sottobraccio, mi voltai a guardare i miei genitori.

Papà mi guardò torvo mentre continuava ad accarezzargli l'erezione, ma era la sua solita espressione, quindi non la presi sul personale. "È vero?" chiese la mamma. "Sei con questa ragazza?"

"Faglielo vedere," mi ha esortato la ragazza in questione, così ho aperto la cerniera della gonna e ne sono uscita. Per non spiegazzarlo, lo appoggiai sul bracciolo del divano, facendo attenzione a non disturbare le candele fumanti sul tavolino.

Mi sono messo di fronte al mio pubblico e ho allargato leggermente le gambe. La mamma guardò gli anelli che brillavano nella luce irregolare delle candele; Stacey inserì casualmente un mignolo in uno di essi e mi tirò avanti in modo che la mamma potesse vedere meglio. C'erano due anelli che cullavano il mio clitoride: uno davanti che correva verticalmente attraverso il cappuccio, e un secondo anello orizzontale posizionato dietro di esso.

Entrambi mi sfioravano il clitoride ogni volta che mi muovevo. Ora che ero completamente guarito, rendevano le mie sessioni mattutine sul tapis roulant più piacevoli e le sensazioni che provavo quando qualcuno mi scopava erano davvero intense, anche se continuavo a preferire l'anale.

Stacey era sembrata un po' seccata la prima volta che li aveva visti, ma ormai erano parte di me. "Me li ha presi", disse a mia madre, il che era vero per quanto ne sapeva.

"Sei così nuda," ha sussurrato la mamma, allungando un dito per tracciare la pelle attorno alla mia figa che perde. "Non hai mai avuto questo aspetto da quando eri una ragazzina!" Tirò indietro la mano come se avesse preso una scossa elettrica e mi guardò in faccia. "Siamo così contenti che tu abbia finalmente trovato qualcuno, tesoro," ha esclamato.

Papà sembrava molto meno impressionato. "Io..." ringhiò, ma poi le rughe sul suo viso si attenuarono e cominciò a stringere avidamente la sua erezione. Raggiunse l'orgasmo, apparentemente non per la prima volta, e si rilassò ancora di più. "Sapevo che quelle cose che dicevano su di te non potevano essere vere?" La sua voce suonava insolitamente disorientata.

"Quali cose?" ho chiesto, pronto ad arrabbiarmi, ma Stacey mi ha zittito. Ho cercato sostegno in Michael, l'altro mio compagno di stanza, ma lui stava fissando papà e ci è voluta un'eternità per attirare la sua attenzione.

"Linnea," chiese Stacey, "perché tu e Michael non preparate la cena? Ci sono alcune cose che aspettano in cucina." Era davvero senza speranza quando si trattava di qualsiasi cosa domestica. "Vorrei dedicare ancora qualche minuto a conoscere meglio i tuoi genitori." Mi ha rivolto un sorriso allegro prima di lasciarsi cadere sul divano tra papà e mamma e agitare la mano verso Michael. "Vai avanti, sciò!"

Portai in fretta la mia borsa nell'armadio del corridoio e mi tolsi la camicetta e le calze in modo da non metterci niente addosso, prima di tornare in cucina per raggiungere Michael. "Va tutto bene?" Gli ho chiesto.

Michael si scosse e mi sorrise imbarazzato. "Credo di aver dimenticato quanto è bello tuo padre, Peter; la noce non è caduta lontano dall'albero, eh?"

Molto spesso usava un soprannome, ma a volte mi chiamava ancora con il nome del mio fratello morto. Michael aveva la convinzione sbagliata di essere in qualche modo responsabile del suicidio di Peter, e io lo stavo solo aiutando a superare il suo processo di elaborazione del lutto. Qualcuno che lo vedeva per la prima volta avrebbe potuto spaventarsi, anche se cominciavo a sospettare che Michael avesse dimenticato che non ero Peter.

Ho pensato alla sua osservazione. Papà era bello, immagino, anche se non l'avevo mai visto sotto quella luce. "Perché si masturba?" sussurrai, anche se probabilmente non era necessario. "Non poteva semplicemente scoparsi la mamma?"

"È una cosa di Stacey," rispose Michael. "Devo riconoscerglielo; è davvero furba. Avresti dovuto vederli quando sono arrivati ​​qui; penso che sia stato peggio di quando mi hai presentato quella prima volta! Ha sfondato la porta, già incazzato, si è guardato intorno ed è impazzito. Pensavo che l'avrebbe uccisa!"

Stacey era una governante indifferente, ma una rapida occhiata intorno non suggeriva nulla su cui valesse la pena preoccuparsi. Le candele che ingombravano ogni superficie orizzontale facevano sembrare l'appartamento più piccolo di quanto non fosse, ma era accogliente. Sapevo che c'erano macchie di vernice sulla moquette da quando avevamo rifatto le pareti e il soffitto, ma anche il pigmento quasi nero non si vedeva chiaramente nella scarsa illuminazione. "Perché?" Alla fine ho chiesto, perplesso.

"Che importa?" sospirò Michael. "Ma tu conosci Stacey; può convincere chiunque a fare qualsiasi cosa." Ho sorriso in silenzioso accordo. "Alla fine li ha convinti a sedersi, ma lui interrompeva quasi ogni frase che pronunciava."

Non avevo mai vinto una discussione con papà che non implicasse l'abbandono di lui, quindi potevo simpatizzare. "Che cosa ha fatto?"

Fece un gesto espansivo. "Alla fine lei gli ha urlato che se non era d'accordo con qualcosa, avrebbe dovuto semplicemente masturbarsi invece di fare lo stronzo." Michael fece una pausa per un momento, lasciando che la mia suspense aumentasse. "Pensavo che l'avrebbe schiaffeggiata fino a farla perdere i sensi, ma poi ha avuto questa espressione buffa sulla faccia e ha iniziato a tirare il suo cazzo, e bam! Sta soffiando dappertutto."

"A proposito," dissi in modo allusivo, e feci scivolare la mano oltre l'elastico in vita dei pantaloni del pigiama di Michael per trovarlo più che mezzo pronto. Avevo molta più esperienza adesso rispetto a quando mi aveva preso la prima volta, e c'era ancora qualcosa nel cazzo di Michael che mi faceva sentire meglio di qualsiasi altro che avevo provato.

Guardò in direzione del soggiorno. "Pensi che sia intelligente, con i tuoi genitori qui?"

"Che importa?" ho chiesto, quasi sul serio. Sentendomi frustrato, ho allungato la mano e gli ho abbassato i pantaloni, rivelando il suo cazzo rubicondo. L'ho stretto leggermente e girato in alto, qualcosa che avevo imparato che Peter faceva sempre.

Michael mi ha ricompensato con un respiro inspirato e una grossa goccia di sperma. "E se tuo padre ci sorprende?" chiese, ma perversamente il suo organo si irrigidì ancora di più. Tremò mentre continuavo ad accarezzarlo, raccogliendo più del suo sperma e facendolo scorrere lungo la sua asta dura.

"Fottimi e basta," ho supplicato, girandomi in modo che potesse vedermi il culo. "Avanti, Batman, alla Bat-caverna!"

La vecchia battuta, insieme allo stimolo familiare, lo fecero finalmente muovere nella giusta direzione. Sospirai soddisfatto e mi appoggiai al tavolo mentre Michael cominciava a infilarsi il sedere. "Cazzo, sì," grugnii, appoggiandomi contro di lui. "Picchiami, Michael!"

"Hai bisogno di aiuto, caro?" La mamma ha chiamato dal soggiorno.

"NO!" Ho gridato, rimproverato. Solo perché ero una sgualdrina non significava che avessi bisogno che i miei genitori mi guardassero. Papà probabilmente proverebbe a tenermi in punizione per tutta la vita, anche se non vivessi più con loro! Ridacchiai involontariamente, immaginando come lo avrei spiegato a Jenny.

"Questo è così sbagliato," mi ansimò Michael all'orecchio, ma lo sentii gonfiarsi dentro di me, e avevo una presa mortale sul suo braccio che gli impediva di scappare. La mia mano libera stuzzicò un capezzolo, portandomi più vicino al rilascio, ma mi rilassai, cavalcando il limite del mio incipiente orgasmo.

Come già accaduto in precedenza, l'eccitazione sembrava alimentare il mio cervello e mi ritrovai a collegare punti che non avevo nemmeno realizzato fossero davanti ai miei occhi. L'occhio della mia mente immaginava Stacey parlare ai miei genitori, ordinando loro di trasformare la loro resistenza in autogratificazione fisica.

Ricordavo come mi ero sentito quando io e Jenny avevamo sperimentato l'uno sull'altro, e il ciclo di feedback di desiderio ed eccitazione che ci aveva risucchiati nei nuclei primordiali di noi stessi. "Orgasmo" era una parola troppo banale per descrivere le sensazioni che avevo provato quando noi due inavvertitamente ci eravamo fatti a vicenda trasformando le troie che eravamo adesso.

Solo l'eco di quel ricordo fu sufficiente a lasciarmi tremare e urlare sotto il corpo spinto di Michael. "Non fermarti!" Ho urlato, quando lo ho sentito esitare.

"Ci ucciderà!" Michael si oppose, ma continuò.

"Forse ci ringrazierà", ho scherzato. Se litigare con Stacey facesse sì che papà si masturbasse, cosa accadrebbe se sorprendesse Michael a scoparmi il culo? Wow, è stato un pensiero emozionante. "Riempimi! Voglio sentirti fuoriuscire da me tutta la notte!" Ho toccato i miei anelli, stuzzicando il mio clitoride eccitato fino a renderlo quasi insopportabile. Non pensavo nemmeno che Michael potesse resistere ancora a lungo.

"Linnea Grace," tuonò la voce di papà con toni ben ricordati di infinita disapprovazione, "cosa stai facendo?"

"Oh cazzo!" Michael urlò, e poi scaricò quello che sembrava un litro di sperma bollente nel mio culo stretto.

Ho cavalcato quell'onda, letteralmente, ed è bastata la rotazione di un anello per farmi urlare e vedere le stelle. Davvero non vedevo l'ora che i miei genitori mi vedessero in questo modo, ma dopo il modo in cui Michael si era arrabbiato, non potevo lamentarmi.

"Vedo che le notizie sul tuo comportamento osceno non sono esagerate, dopotutto!" Papà stava dicendo che avrei potuto concentrarmi di nuovo su di lui. Paradossalmente si agitava furiosamente sul suo organo eretto. Quando Michael tirò fuori instabilmente, e poterono vedere dov'era stato il suo cazzo, la faccia di papà diventò rossa per un momento e il suo cazzo schizzò sul pavimento.

Le mani della mamma svolazzavano inutilmente lungo i fianchi, ma potevo vedere il luccichio di umidità sull'interno delle sue cosce. Mi guardò a bocca aperta come se non mi avesse mai visto nudo prima. I loro orgasmi erano stati grandi quanto i miei?

Michael mi guardò come se mi vedesse per la prima volta. "Linnea? Fottimi!" Si sedette pesantemente.

"Pensavo che avresti apparecchiato la tavola, non che ti saresti servito come portata principale," ha commentato Stacey, con la voce un po' fredda. Posò un paio di candele nere sul tavolo insieme alle altre, e ne riaccese una che si era spenta.

"Solo un antipasto," ridacchiai, rotolando in piedi e sentendomi curiosamente impudica. Ancora carico di endorfine, ho deciso all'improvviso di vedere quante volte avrei potuto far raggiungere l'orgasmo agli altri. Tutti dovrebbero divertirsi tanto quanto me.

Non sapevo cosa Stacey avesse pianificato, se non altro, ma sapevo che tutti sarebbero stati più felici se fossimo potuti andare d'accordo. Forse dopo qualche altro orgasmo si sarebbero addirittura sciolti! Se non fosse per il fatto della mia esistenza, penserei che nessuno dei miei genitori l'avesse mai fatto. Ho ridacchiato di nuovo.

Cantando tra me "I Kissed a Girl", ho iniziato a esaminare la cena. Ovviamente Stacey non aveva cucinato. Il bancone traboccava di scatoloni per le consegne del catering di fascia alta un paio di isolati più in là: probabilmente aveva speso di più che se fossimo semplicemente usciti in un posto carino, anche se sembrava più intimo poter mangiare a casa. C'erano un paio di bottiglie di vino polverose e francesi, un bel tocco.

Stacey era vestita in modo esagerato, non importa come la guardassi. Non avevo mai visto quel vestito blu prima, ma probabilmente era di alta moda, a giudicare da come le stava addosso. Tutti gli altri erano nudi; questo ha reso facile capire cosa stavano pensando.

Pensavo che avrei potuto sentirmi a disagio con i miei genitori, ma era vero il contrario. Mi sentivo libero, totalmente disinibito e inspiegabilmente eccitato. Di solito pensavo in termini di manovrare le persone affinché facessero ciò che volevo, o di soddisfare i miei bisogni personali. Questa volta stavo solo cercando di eccitarli, anche se in modo ambiguo, ed è stato fantastico. Mi chiedevo se Jenny si sentisse così quando si esibiva e decisi di chiederglielo.

Il nostro tavolino era sovraccaricato oltre la capacità, quindi, da brava padrona di casa, ho sistemato gli altri attorno e ho preparato un posto per me all'estremità del bancone. Avevo pensato forse di sedermi sulle ginocchia di Stacey, ma a quanto pare quella notte non aveva voglia di coccole. In ogni caso, mi è stato più facile trasportare il cibo avanti e indietro tra il bancone della cucina e il tavolo.

Ho colto ogni opportunità per toccarli mentre servivo. Niente di gratuito, tranne il rigonfiamento di un seno contro una spalla, un capezzolo nella parte posteriore o il rigonfiamento del mio sedere al loro fianco. Quando mi sedevo sulla sedia del bar al bancone, tenevo un tallone appoggiato sulla traversa superiore, dando a tutti una visione chiara del mio sesso sbavante e degli anelli che lo decoravano.

Stacey osservava con gli occhi socchiusi e papà stava mangiando con una mano sola quando ebbi finito di portare via l'insalata. Michael aveva iniziato in modo molto rigido, ma si era rilassato dopo che gli avevo mostrato il sedere un paio di volte; sembrava ancora un po' disorientato e non diceva quasi nulla.

L'unica luce proveniva dalle candele fumose che tremolavano al centro del tavolo, conferendo a tutto un'atmosfera intima, simile a quella di un grembo materno. La conversazione si interruppe finché la mamma, dopo aver lasciato cadere la seconda forchetta, mi chiese del mio viaggio.

"Ho chiuso l'affare!" Risposi con comprensibile orgoglio. "Non credo che Alan riuscirà a recuperare il ritardo, anche se lecca il culo a tutti gli amministratori delegati di New York. Avrò il miglior anno di vendite nella storia dell'azienda!"

"Siamo preoccupati per te, Linnea," ha detto papà, cercando di tenere gli occhi sul mio viso. "Le voci dicono che stai facendo un sacco di scalpore in ufficio." Si sforzava di sembrare un genitore preoccupato, ma non aveva molta esperienza. Il modo in cui stuzzicavo lentamente un capezzolo probabilmente non lo aiutò, ma se lo meritava.

"Ah!" Ho riso con disprezzo. "Sai bene quanto me che tutto ciò che interessa a quei dinosauri sciovinisti è il denaro - e farsi scopare, di solito non dalle loro mogli!"

La mamma mi ha lanciato uno sguardo stupito e ha iniziato a dondolarsi lentamente sul sedile, mentre papà si è accigliato. Mi sono reso conto tardivamente che il colpo avrebbe potuto essere caduto involontariamente vicino a casa.

"Mi dispiace, mamma," dissi, sinceramente scusato, "ma, papà, sai che è vero!" Poso la mia forchetta, dimenticando temporaneamente i pensieri di provocazione. "Senti, la settimana scorsa ho ricevuto una domanda da un cliente su alcuni 'documenti di follow-up' che avevamo inviato. Scrivevo meglio in quinta elementare!"

"Ho contattato e ho scoperto che era stato fatto dall'assistente marketing di Alan. Si scopre che questa ragazza ha appena 19 anni, non ha nemmeno un GED e viene pagata quasi quanto il mio stipendio base dell'anno scorso!"

"Beh, sono sicuro..." cominciò papà.

"È qualificata?" Finii seccamente la sua frase. "Le sue qualifiche sono che ha svolto più lavoro di Barbie. E respira." Mi alzai e lasciai che mi guardassero di nuovo. "Alan ha pensato di poterla scambiare con me, e nessuno se ne sarebbe accorto perché entrambi abbiamo le tette e le gambe lunghe e siamo andati fuori. È così che pensano tutti!"

Ci fu un silenzio sconvolto. "Allora cosa hai fatto?" chiese Michael, che era il miglior ascoltatore di tutti i presenti, anche nel suo stato innaturalmente sottomesso.

Mi sono toccato distrattamente nel ricordo affettuoso e ho sorriso. "Le ho detto - Candi, con una 'I', se puoi crederci - che sapevo che si stava scopando con Alan, e che avrebbe scopato anche me."

"Poi l'ho piegata sulla gamba e l'ho sculacciata una volta per ogni errore commesso in quel contratto; era molto. Le ho detto che avevo standard più alti di Alan e che se avesse commesso più errori, sarebbe stata sculacciata di nuovo. E se mai mandasse qualcosa a uno dei miei clienti prima che io lo recensisca, non riuscirebbe a sedersi per un mese!"

Mi sono guardato intorno verso il pubblico. La mano di papà era chiaramente al lavoro sotto il tavolo, ed era il turno di Stacey di accigliarsi cupamente. "Sai, è triste", ho riflettuto. "Non credo che Candi abbia mai avuto un mentore prima di me."

"Alcuni dei tuoi colleghi ti accusano di molestie sessuali", ha detto papà.

"Questa è la cosa più ridicola che abbia mai sentito!" Mi sono rialzato di scatto. "Ti sembra che debba molestare qualcuno per scopare?"

Michael sbuffò. "Linnea, sembri tuo padre." Lui sospiro. "Non vedi niente di sbagliato nel costringere Candi a fare sesso?"

"E perché l'hai fatto, in primo luogo?" Stacey sibilò velenosamente. "Tradendomi?"

"Non stavo tradendo!" Ho obiettato, punto. "Erano solo affari; lo fanno tutti, lei non significa niente per me!"

La mamma fece un piccolissimo squittio e lasciò cadere di nuovo la forchetta.

Papà sorrise leggermente. "Forse hai una comprensione della realtà migliore di quanto ti credessi." Ho visto che si stava accarezzando di nuovo, il che significava che non si trattava esattamente di un'approvazione incondizionata.

"Allora non c'è motivo per non dare a Linnea l'accesso al suo fondo fiduciario, vero?" Il sorriso di Stacey era tutto dolcezza sdolcinata.

Si trattava solo di questo? Soldi? Non stavo abbastanza bene da solo? Ho guardato avanti e indietro i due, leggendo la risposta di papà nel movimento frenetico della sua mano, e ho sentito la mia rabbia perdere il controllo.

"Che cosa?" gli ringhiai. "Quando vi scopate ogni donna che si spande per voi, siete dei giganti dell'industria, ma se faccio la stessa cosa, divento una troia? Beh, ho una notizia per voi: sono una troia, e mi piace!"

Mi accarezzai lascivamente e rilassai il mio sfintere abbastanza da rilasciare parte del carico appiccicoso di Michael. Girandomi abbastanza per essere sicuro che potessero vederlo colare lungo la mia coscia, ne raccolsi una generosa quantità sulla punta di un dito e me la portai alla bocca, leccandola prima di continuare.

"Una troia! Mi piace farmi scopare e non farò finta del contrario. Non per te, papà, e non per nessun altro. Se devo scopare e succhiare per avere una pausa, sono felice di farlo farlo, e almeno lo faccio per andare avanti invece che semplicemente per tenere le persone sotto il mio controllo." Li ho fissati tutti. "E con chi scelgo di andare a letto sono affari miei, quindi lascia perdere!"

Solo Michael sembrava di supporto. La mamma sussultava spasmodicamente e tirava la tovaglia. Un getto di sperma di papà si sviluppò dal suo grembo e atterrò su una delle candele e sul bordo del piatto di Michael.

Stacey era stranamente ancora seduta a capotavola, ma si alzò all'improvviso e mi fece cenno. "Io e Linnea abbiamo bisogno di un momento da soli. Vieni!"

Mi stavo muovendo prima ancora che potessi pensarci e la seguii nella sua camera da letto.

"Forse preparo un po' di caffè," disse Michael dietro di noi.



Stacey si voltò e mi scrutò attentamente. "Cosa c'è che non va in te, Linnea? Puoi dirmelo."

"Non c'è niente che non va," ho obiettato. "Lo sai che ti amo, Stacey." Mi sono chinato per baciarla, ma lei mi ha respinto.

"Pensavo che avessimo risolto il problema," sospirò. "I sentimenti che quegli uomini in Texas ti hanno imposto sono sbagliati, Linnea. Non sei un giocattolo da usare per gli uomini. Nessuno di questi impulsi è tornato, vero? Dimmi la verità."

"Non ci penso affatto," dissi sorridendo. Era la verità, per quanto era possibile. Quando Stacey fu soddisfatta del fatto che non mi importava più quello che voleva Big Bill, i miei capelli avevano impiegato mesi per riacquistare la loro lunghezza originaria.

"Va bene," disse, sciogliendosi e accarezzandomi i capelli. "Ma pensavo che avessimo un rapporto speciale. Mi ha ferito molto sapere che sei andato a letto con quella ragazza Candi, Linnea. Ci sono altre persone con cui sei stato?"

"Dozzine, forse un centinaio ormai." Ho riso nervosamente, a disagio per la direzione in cui stava andando la conversazione. "Lo sai. Ma nessuno di loro cambierà mai quello che provo per te, Stacey; ti amo."

"Lo so," sospirò. "Mi dai una leccata?"

Sorridendo felicemente, crollai in ginocchio e l'aiutai a sollevare l'orlo del vestito sopra i fianchi. L'ho baciata dolcemente, quasi con reverenza, e poi ho accarezzato le sue pieghe con la lingua prima di sistemarmi per mungere i succhi dal suo corpo. Mentre il gusto di Stacey si intensificava nella mia bocca e le sue dita mi scorrevano tra i capelli, finalmente mi sentivo come se fossi di nuovo a casa.

Lei fece un passo indietro prima di raggiungere l'orgasmo. Alzando lo sguardo, mi resi conto che mi aveva tagliato una piccola ciocca di capelli mentre ero distratta. Mentre continuavo a inginocchiarmi davanti a lei, lei eseguì il rituale ormai familiare di rivestire due volte i capelli e di tenerli vicino alla candela sul comò vicino.

Quello che è successo dopo mi ha sorpreso. Invece di far cadere la ciocca della candela, Stacey la tenne sopra la fiamma finché non cominciò a bruciare in modo costante e la trasferì, ancora accesa, alla bocca. Ho sentito un sibilo e lei ha fatto una smorfia di dolore prima di deglutire, e poi un'ondata di calore ha inondato il mio corpo.

Guardavo felicemente Stacey, perso nella sua bellezza, mentre la sua voce fluttuava verso di me come dichiarazioni dal Cielo. Ogni sillaba mi spremeva l'umidità dalla figa.

"Mi ami assolutamente, Linnea," sussurrò. Cantato? Cantava? Il movimento del suo vestito frusciava nella stanza come le ali degli angeli. "Faresti qualsiasi cosa per me, perché aiutarmi ti fa sentire così bene, non è vero?"

"Oh, sì," gemetti, quasi raggiungendo l'orgasmo solo per la sensazione di poter rispondere alla sua domanda.

"E tu non mi nasconderesti mai, vero? Mi racconterai sempre tutto."

Annuii con entusiasmo, nel disperato tentativo di compiacerla.

"Perché ti definisci una troia? Chi ti ha detto di farlo?"

"Nessuno! Io sono così," spiegai. "Adoro la sensazione delle persone che usano il mio corpo per fare sesso." Il lieve fastidio sul volto di Stacey mi fece venire le lacrime agli occhi. "Non posso farci niente!" Aspettavo, trattenendo il respiro, che lei dicesse qualcosa.

Il silenzio si prolungò mentre lei mi guardava. Alla fine Stacey sospirò. "Sei una troia," concordò, e io tirai un profondo sospiro di sollievo. "Ma tu sei la mia troia, Linnea. D'ora in poi, non farai niente con nessun altro - o con te stessa - a meno che non te lo dica io. So che sarà dura per te, ma essere obbediente quando voler essere cattivo mi dimostrerà quanto mi ami."

"SÌ!" Ho sussultato con urgenza. Stavo gocciolando sul tappeto e mi sono reso conto che stavo per toccarmi. A scatti portai le mani lungo i fianchi e mi sedetti su di esse, sentendo un'altra corsa mentre negavo me stesso come Stacey mi aveva chiesto.

"Sei stato con altre troie?"

"Parecchi!" Ho risposto con entusiasmo, pensando che forse ne voleva alcuni. "Candi è..."

"No," disse Stacey, e io rabbrividii. "Sei stato con altre troie che erano proprio come te? Chi ha avuto esattamente le stesse cose che fai tu?"

Mi si è stretta la gola ed ho esitato, dilaniato dall'indecisione. Il momento che avevo temuto per mesi era alle porte. Il mio cuore si sentiva come se fosse stato diviso in due e gli occhi di Stacey si strinsero. "Sì," gemetti, e vacillai mentre il calore cresceva dentro di me, ma il mio subconscio lottava ancora per rimanere in silenzio.

"Chi?" Stacey si inginocchiò per guardarmi dritto in faccia. "Dirmelo mi renderà molto felice." Fece scorrere scherzosamente un dito lungo il mio corpo, facendomi venire la pelle d'oca sulle braccia e sulle gambe. "Dimmi chi è, Linnea." Ha premuto leggermente sui miei anelli.

Piangevo senza ricordare il perché. Ho sussurrato con voce spezzata "Jenny" e ho urlato mentre Stacey sorrideva e un enorme orgasmo mi faceva roteare gli occhi nella testa. Persi l'equilibrio e crollai di lato, senza ossa, ma Stacey mi afferrò tra le sue braccia.

L'eternità è passata, ma deve essere stata più breve perché nessuno era ancora venuto a cercarci. Stacey mi teneva, accarezzandomi dolcemente come un gatto, e la mia carne sembrava in fiamme ovunque toccasse la sua.

"Parlami di Jenny."

Storie simili

Diventare Zoe

La mia futura moglie Annie aveva accettato un lavoro fuori città e la vedevo solo ogni due settimane circa. Mi mancava così tanto. Lei ed io eravamo diventati amanti a distanza. Aveva un volo di ritorno a casa venerdì sera. Stavo andando a prendere suo figlio Zakk dal suo dormitorio e noi due saremmo andati a prenderla all'aeroporto e ci saremmo goduti il ​​fine settimana insieme. Zakk è al suo primo anno di college e sta studiando per diventare un truccatore per il teatro e lo schermo. Lui e io non ci siamo davvero conosciuti e questo doveva essere il fine...

1K I più visti

Likes 0

La sorella della moglie è la puttana dell'ufficio!

Questa non è esattamente una storia normale che potresti trovare su xnxx. Ho trovato questo pubblicato in un forum insieme a un mucchio di commenti di giudizio. Lo sto solo ripubblicando per far divertire le persone. Il poster originale afferma che questo è tutto vero e che ha cambiato i nomi. La sorella di mia moglie è la puttana dell'ufficio e suo padre gliel'ha fatto fare! Katie ha sempre condiviso tutto con me e il percorso professionale di sua sorella è diventato un argomento di cui discutiamo a letto. Rosie ha sempre avuto un corpo delizioso ma non c'è molto da...

850 I più visti

Likes 0

Colto in flagrante_(0)

Colto con le mani nel sacco Questa esperienza ha coinvolto il mio conoscente Ben. Dico conoscente perché l'ho incontrato solo una volta prima, abbiamo parlato a malapena e non aveva molto legame con me: era il figlio della mia amica più grande Vicky. Conoscevo Vicky perché facevo volontariato nel suo negozio di animali e, anche dopo aver finito, ancora oggi restiamo buoni amici. All'epoca avevo 15 anni e Ben 13. Vicky mi ha invitato a fare un barbecue per festeggiare il suo compleanno, quindi insieme a molte altre persone ho accettato, ero il più giovane lì a parte Ben che è...

275 I più visti

Likes 0

Samantha e Kaylee_(0)

Avevo una vicina di nome Kaylee che era meravigliosa. Era alta, atletica e aveva un corpo sodo. Probabilmente circa 120 libbre. pelle abbronzata, capelli castano scuro. Ha sicuramente attirato la mia attenzione. Non era una troia, era più una provocazione. Abbiamo frequentato la stessa scuola superiore. L'ho vista spesso, ma non abbiamo parlato molto. Tutto in lei era ipnotizzante, il modo in cui i suoi capelli erano lunghi e avevano la giusta quantità di riccioli, le sue gambe, la figura sexy, aveva persino delle fossette sopra il sedere che potevo vedere quando era in bikini intorno alla piscina. Era una brava...

262 I più visti

Likes 0

Il furgone - Scopa mia moglie

Una sera io e mia moglie stavamo cenando, è venuto fuori l'argomento di una delle nostre fantasie. L'abbiamo chiamato il furgone. Era stata una nostra fantasia ricorrente prendere diversi ragazzi e farli scopare mia moglie nel retro di un furgone. Questa volta abbiamo deciso di farlo quindi abbiamo aspettato il weekend. Abbiamo noleggiato un furgone bianco per la notte e siamo andati in centro alla ricerca di alcuni ragazzi belli e sani. Indossava un mini abito nero scollato e aveva un letto rifatto nella parte posteriore. Abbiamo guidato per un po' e ci siamo imbattuti in un ragazzo che camminava da...

1.9K I più visti

Likes 1

Fantasia di schieramento

Voglio raccontarvi tutto del mio dispiegamento in Turchia. Ero solo e non avevo voglia di fare lo stesso di tutti gli altri ragazzi. Sai parlare con le ragazze dello stato sperando di poter organizzare qualcosa per quando torno. Ero in una stanza con 8 ragazzi in 4 letti a castello e volevo trovare qualcuno che fosse di stanza qui con la propria stanza. Forse anche una casa. Così sono andato al gruppo di vendita in cantiere su Facebook e ho iniziato a cercare un amico nell'elenco dei membri. Chissà, forse conoscevo qualcuno qui. Beh, mi sono imbattuto in una ragazza di...

2.4K I più visti

Likes 0

Sissy Lucy incontra suo padre

Ho circa 20 anni e gestisco un ristorante/bar locale. Sono 5 piedi e 8 e magro con lineamenti abbastanza femminili. Per la maggior parte delle persone sono solo Tom, un ragazzo normale che ha fidanzate occasionali, ama una birra e guarda il calcio. Per i miei amici più cari sono Lucy, una troia femminuccia che ama il cazzo. Di recente ho trovato un papà online. Era un uomo più anziano e più esperto. Abbiamo iniziato a chattare e gli ho inviato alcune foto e videoclip birichini di Lucy che suonava. Mentre parlavamo ho rivelato che mi piace essere dominato, mi è...

774 I più visti

Likes 0

La mia vera storia di vita: capitolo uno

Diverse persone mi hanno chiesto di raccontare la storia della mia vita poiché ho accennato ad alcune delle mie esperienze insolite. Quindi penso che il miglior punto da cui iniziare sia la notte in cui sono finiti i miei 10 anni di matrimonio. Era un venerdì sera e mio marito Tim è tornato a casa ubriaco. Questa era diventata la sua pratica abituale negli ultimi due anni. Ha affermato che il suo capo gli stava causando un aumento dello stress e ha dovuto fermarsi con i ragazzi per rilassarsi. All'inizio tornava a casa un po' brillo per quando portavo a letto...

752 I più visti

Likes 0

Dare un erede a Lord Ablington

Stavo oziando tutto il giorno aspettando il pranzo quando ho sentito la terribile notizia: Alan Lord Ablington era caduto da cavallo durante la caccia di lunedì mattina ed era completamente morto. Tommy Goodfellow si era fermato mentre andava ad Abbotsford quel martedì mattina per raccontarci, come sapeva, della mia precedente conoscenza con Lady Ablington. Ho provato un misto di emozioni. Lord Ablington aveva recentemente corteggiato e poi sposato la mia dolce metà d'infanzia, una certa Miss Amy Merry, alla quale ero rimasto immensamente affezionato, non si poteva biasimarla, Ablington possedeva la maggior parte del villaggio e molto altro ancora mentre la...

767 I più visti

Likes 0

Principiante della schiavitù

Maria strinse i denti quando il maestro del bondage incappucciato si presentò, non per nome ma stabilendo il suo completo controllo su mia moglie. Rimase in silenzio davanti a lui, completamente nuda, sottomettendosi a qualunque umiliazione le sarebbe stata inflitta. Aveva iniziato facendole scorrere le mani sul corpo, indugiando sulle sue enormi tette, allargando le gambe in modo da poterle raggiungere. Bella fica stretta, per una troia, aveva grugnito. Adesso ha fatto un passo avanti. Fece oscillare la mano con un backswing completo, collegandosi al seno sinistro. Lo schiaffo echeggiò nella camera di cemento. Il seno di Maria si sollevò, colpendola...

256 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.