Un'altra buona notte - Parte III

620Report
Un'altra buona notte - Parte III

Un'altra buona notte - Parte III


Erano passate solo poche notti da quando Jason aveva iniziato a tormentarla, ma già i suoi attacchi disgustosi cominciavano a sembrare una routine costante.

Hannah era già a casa e seduta a tavola a consumare la cena quando il fratello tornò a casa dal lavoro. Anche Sarah era seduta a tavola, il suo piccolo pasto era già finito. Hannah aveva notato che sua sorella era completamente fuori di testa. Le aveva parlato di come andava la scuola, ma Sarah era rimasta seduta tutto il tempo a fissare il vuoto. Non poteva dire a nessuno quello che stava pensando: avrebbero perso Hannah se lo avesse fatto, i tribunali non le avrebbero permesso di stare con un molestatore sessuale e dove altro poteva andare. Ecco di cosa si trattava. Abuso sessuale. E Sarah non aveva idea di quando Jason avrebbe preso la sua verginità. Il pensiero che suo fratello le facesse fare una cosa del genere le fece rivoltare lo stomaco.

Era entrato con una scatola bianca che aveva lasciato accanto alla porta. Si tolse la cravatta, la mise sui ganci ed entrò nell'angolo cottura come un re. Era uno stronzo così compiaciuto. Sarah non riusciva nemmeno a guardarlo. Si sedette al tavolo.

"Portami qualcosa da mangiare." Egli ordinò.

Sarah si alzò e scivolò come un fantasma verso il forno. Tirò fuori la cena che gli aveva tenuto in caldo e la posò sul suo tavolo.

"E una birra." Egli ha detto.

Gli portò una bottiglia di Bud.

Se ne stava seduto lì e si nutriva con le strisce di pollo arrosto; mandando giù il tutto con sorsi di birra fredda. Sembrava così contento e Hannah difficilmente riusciva a credere che non l'avesse ancora sgridata o chiamata per nome. Suo fratello maggiore non era la sua persona preferita. Non appena ebbe finito di cenare, però, Jason la guardò.

"Hai i compiti?" Chiese.

"Alcune somme", rispose Hannah.

"Perché non vai nella tua stanza e ti metti a lavorare," disse, "vuoi che tu vada bene a scuola, vero?"

"Suppongo," gemette Hannah, alzandosi in piedi e afferrando la borsa dalla porta.

Se ne andò stancamente nella sua stanzetta per iniziare i compiti. A nove anni non riusciva quasi a immaginare perché Jason la mandasse sempre nella sua stanza in questi giorni.

"Prendimi un'altra birra, Sarah", ordinò Jason.

Sarah si alzò e andò di nuovo al frigorifero. Lei prese una birra e gliela riportò. Questa volta gli porse la bottiglia. Senza perdere un colpo Jason le afferrò la mano e la tenne nella sua. Era troppo stanca per litigare con lui e quindi si lasciò abbracciare.

"Com'è stata la tua giornata?" Lui sorrise.

Sarah si limitò a fissarlo impotente. Continuò a sorridere poi le portò la mano alle labbra e la baciò.

"Ho pensato a te, tesoro," canticchiò, "Ho pensato a queste belle mani morbide..."

"Hannah ti sentirà." Sarah si accigliò.

"Hai ragione", disse Jason, "dovremmo tenerlo per stasera."

Si mise le dita di Sarah in bocca e iniziò a succhiarle. Sarah distolse lo sguardo; tenendo il braccio teso e lasciandosi succhiare le dita. Alla fine le lasciò la mano.

“Va bene, pulisci questo posto”, disse, aprendo la sua seconda birra, “lava i piatti. Vado a guardare un po' di TV."

Andò in soggiorno e si sedette sul divano. Sfogliando senza pensarci attraverso i canali via cavo. La sera si trasformò in notte proprio in quel modo; Jason guarda la TV e Sarah pulisce i piatti. Quando ebbe finito erano circa le nove e mezza e Jason stava diventando irrequieto.

"Sarah, porta qui il tuo culo", gridò alla fine.

Sarah sentì la sua voce da dove si trovava, al lavandino, e non passò molto tempo prima che reagisse. La stava davvero logorando con la sua costante attenzione. Si avvicinò al punto in cui era seduto. Diede una pacca al divano accanto a lui e lei si sedette scomodamente vicino. Poi, con sua sorpresa, Jason gridò ad Hannah di entrare dalla sua camera da letto. Quando Hannah arrivò, Jason la fece sedere vicino a loro sul divano.

"Hai finito i compiti?" Egli ha detto.

"Sì", rispose Hannah.

"Brava ragazza," disse Jason, "guarda Hannah... voglio parlarti di come picchiavo te e Sarah..."

Gli occhi di Hannah si offuscarono al ricordo recente.

"Ero un vero stronzo, eh," Jason sorrise, "senti Hannah... non lo farò più... okay... non si trattava nemmeno di te... si trattava di Sarah... .”

Sarah non poteva credere a quello che stava sentendo. Si stava davvero giustificando con la loro sorellina di nove anni?

“Vedi”, continuò, “Sarah ha diciassette anni adesso... quindi è una persona adulta come me in famiglia... vedi... e a volte gli adulti litigano e questo rende la vita difficile ai bambini... ... hai capito... ma io e Sarah abbiamo parlato e cercheremo di andare d'accordo e iniziare a piacerci un po' e questo ti renderà la vita molto più facile, tesoro... basta picchiare. .. lo vuoi, vero?"

"U-hu", annuì Hannah.

“Ottimo,” sorrise Jason, “ma ascolta... perché gli adulti vanno come hanno bisogno, hanno bisogno di un po' di tempo da soli... okay... solo un po' di tempo per rilassarsi insieme e fare un po' di... sistemare le cose... quindi se vuoi che tutto vada bene con la nostra piccola famiglia devi andare a letto presto ogni sera... prendimi... dai a me e Sarah la possibilità di dimostrarci quanto ci amiamo ...”

Hannah guardò gli occhi vitrei di Sarah. Sua sorella si stava preparando a piangere?

"Va bene", disse confusa. Sarah non sembrava affatto amare Jason, "ok, vado a letto".

“Brava ragazza,” sorrise Jason, “vai avanti allora. Preparati."

Hannah lasciò la stanza. Prima va in bagno e si lava i denti. Poi ha preso il pigiama, ha fatto la doccia e si è preparata per andare a letto. Jason osservava ogni passo come uno squalo; irrequieto all'idea di iniziare le "cose ​​da adulti" con la sua bella volpe di sorella. Alla fine Hannah ebbe finito e andò nella sua stanza. Chiudendo la porta e spegnendo la luce.

"Dicevo sul serio quello che le ho appena detto, Sarah," Jason tenne dolcemente la nuca di Sarah nella mano, massaggiando la pelle con il pollice, "Non le stavo prendendo per il culo... se voglio essere un bravo ragazzo" a te e Hannah, devi rendermi felice la notte... ti amo così tanto, tesoro, e se non mi permetti di mostrarti quanto ti amo, le cose verranno fuori in altri modi... come me picchiarvi ragazzi...”

Jason avvicinò il suo viso al suo.

"Cristo, hai un buon odore, tesoro", sussurrò, "hai un odore così dannatamente buono... dimmi che ho un buon odore..."

Sarah si fece piccola. Jason le tirò forte i capelli.

"Dimmi che ho un buon profumo, Sarah!"

"Hai un buon odore", fece una smorfia.

"Fammi credere, cazzo, stronza!" Le attorcigliò dolorosamente i capelli nel pugno.

"Tu... hai un buon odore, Jason", piagnucolò, "per favore!"

La sua mano si allentò sui suoi capelli e divenne di nuovo affettuosa. L'altra mano cominciò ad accarezzarle lo stomaco nudo sotto il maglione.

"Non posso credere che tu sia mia, tesoro", sussurrò, "una piccola figa diciassettenne così calda."

La sua lingua penzolò e premette rudemente la bocca bagnata contro le sue labbra. Aprì istintivamente la bocca per cogliere la sua lingua indagatrice e lasciò che lui la baciasse in quel modo disgustoso che aveva sviluppato nel corso degli anni; facendo rotolare dentro e fuori la sua lunga lingua bagnata. Dopo circa cinque minuti si tirò indietro. Poteva sentirne il sapore in bocca.

"Hai baciato con dei ragazzi, vero?" Chiese.

Sarah annuì. La vergogna e il disgusto per tutta quella faccenda erano quasi troppi da sopportare.

"Quanti?"

"Quattro." La voce di Sarah tremò e abbassò gli occhi.

Jason le posò dolcemente la mano sul mento e le inclinò la testa in modo che fosse di nuovo di fronte a lui.

"Pomicia con me come hai fatto con loro", ha detto.

Sarah ha iniziato a piangere.

"Non piangere tesoro," le accarezzò i capelli, "non piangere."

"Per favore Jason", singhiozzò, "non voglio."

"Andiamo tesoro," le accarezzò il viso, asciugandosi le lacrime, "ti amo più di tutti quei fottuti stronzi... baciami..."

"Sei mio fratello, Jason", gridò, "per favore... questa cosa mi sta uccidendo..."

Lui le afferrò la nuca e la attirò fermamente a sé.

"Ascolta tesoro," disse, "non voglio ricattarti, cazzo... ma quello che ho detto ad Hannah è ancora valido... inizierai a trattarmi come il tuo uomo o inizierò trattandovi molto peggio qui..."

Intrecciò una mano tra i suoi morbidi capelli come prima.

“Ora comincio… ogni volta che ti metto la lingua dentro fai lo stesso… fai quello che hai fatto con quegli altri ragazzi…”

Sarah pianse ma non c'era tempo per supplicarlo di nuovo. Lui era già su di lei, le succhiava le labbra e le spingeva la lingua in bocca. Un breve strattone ai capelli la fece reagire; spingendo la propria lingua indietro e nella bocca calda di suo fratello.

“Mmmmm,” gemette Jason.

Sarah pianse.

Lui forzò la lingua dentro e di nuovo Sarah fu costretta a rispondere leccando l'interno della sua bocca il più velocemente possibile prima di farsi forzare di nuovo la lingua nella sua stessa bocca dal suo sondaggio umido. Tutto questo e con la cosa disgustosa dello sputo che rotolava tra loro; Sarah era sicura che Jason stesse producendo più saliva solo per l'occasione.

"Mettimi le mani sul petto, tesoro... ecco... come se fossi il tuo uomo..." disse.

Poi tornò a baciarla. La sua mano era ancora persa tra i suoi folti capelli e li stava ancora tirando rudemente; così ruvido che le ciocche venivano strappate dal cuoio capelluto. Sarah è stata costretta a ritirarsi dalla sessione di baci forzati.

"Smettila di tirarmi i capelli, Jason", disse, "lo sto facendo."

Jason si limitò a ridere e continuò a tirarle violentemente i capelli.

"Smettila!" Lei sussultò.

"Andiamo, tesoro", rise di nuovo, "un ragazzo non è mai stato duro con te?"

"Per favore!" Lei pianse.

"Aw, tesoro," sorrise, "avevo detto che non ti avrei più picchiato... non ho mai detto che non sarei stato violento con te nel sacco..."

Sarah gli mise una mano sulla mano mentre lui le tirava ancora i capelli; costringendo le loro facce insieme e leccandola. Doveva semplicemente tollerare che lui le strappasse i capelli e ridesse mentre lo faceva.

"Okay tesoro," la tirò via, tenendole i capelli.

Sentì un'altra pesante ondata di repulsione quando lui cominciò a slacciarsi velocemente la cintura.

"È ora di un bel pompino sciatto."

Una lacrima le scese lungo tutto il viso mentre Jason finiva di slacciarsi la cintura e poi si abbassava i jeans e i boxer fino alle ginocchia. Il suo cazzo lungo e duro si stagliava con arroganza nell'aria; pieno di sangue furioso e arrapato e le sue palle piene giacevano pesantemente sul divano tra le sue gambe. Non ebbe nemmeno il tempo di assorbire tutto mentre Jason la tirava e la tirava brutalmente sulla sua erezione.

"Aprire!"

Ha solo pianto.

"Dai, stronza!" le spinse i fianchi contro il viso, "succhiatelo".

Lui si abbassò e le aprì la mascella; costringendo la sua cosa nella sua bocca calda.

"Awww, merda!" gemette, “prendi quel cazzo. Fammi un pompino, tesoro! Bel cazzo di pompino sciatto."

Lui le attorcigliò i capelli più brutalmente tra le mani e spinse il suo cazzo così in profondità nella sua bocca che la testa le si incastrò in gola. Sarah tossì violentemente e si allontanò; non poteva fare a meno di sputargli addosso, il che sembrava solo eccitare ancora di più Jason.

"Awww, sì, tesoro, sapevo che ti saresti abituato."

Ha provato a costringere la sua bocca a tornare sul suo cazzo; cercò di staccarsi da lui posandogli le mani sulle cosce.

"Per favore, Jason", ansimò, avendo bisogno di respirare, "e se Hannah si alzasse?"

Le forti mani di Jason si rilassarono sulla testa di Sarah e lui guardò la porta di Hannah.

“Cazzo”, rise, “hai ragione, tesoro. Portiamo questo in camera da letto."

***

Si alzò dal divano, nudo dalla vita in giù e cominciò a trascinare Sarah per i capelli. Per prima cosa la condusse alla porta d'ingresso e recuperò il pacco che aveva portato dal lavoro. Poi l'ha costretta a entrare nella sua camera da letto e l'ha gettata dentro. Chiuse la porta.

"Ecco", sorrise, "più privacy per il mio dolce piccolo succhiacazzi."

Lui le afferrò brutalmente il colletto del maglione e lo strappò violentemente sul davanti. Sarah lanciò un grido strozzato ma Jason continuò ad avvicinarsi a lei. Afferrò di nuovo il materiale e lo strappò di nuovo. Si staccò dal suo corpo come uno straccio rosso sbrindellato, poi cominciò a infilarsi il reggiseno; togliendolo e rompendo la cinghia. L'ha spinta con forza sul letto e poi l'ha aggredita di nuovo; slacciando il bottone dei suoi jeans e togliendoli completamente con un movimento selvaggio. Poteva vedere un filo di liquido pre-eiaculazione dondolare di qua e di là e macchiare le lenzuola mentre lui si muoveva come un animale. Alla fine afferrò l'elastico delle sue mutandine e strappò via anche quelle.

Stava ansimando e piangendo quando finalmente lui le afferrò di nuovo i capelli. La trascinò in giro e fece sedere il culo sul letto coperto di pre-eiaculazione; posizionandola in ginocchio tra le sue. Tenne il viso vicino al suo cazzo e poi Sarah quasi vomitò quando si lasciò cadere un lungo filo bianco di sputo dalla bocca; puntandolo direttamente al suo cazzo. Atterrò pesante e bagnato sulla sua erezione e poi le sue mani insistenti iniziarono di nuovo a tirare la bocca sulla sua cosa. Era scivoloso e coperto del suo sputo e il suo e Sarah pensavano che sarebbe impazzita se avesse dovuto prenderlo di nuovo in bocca.

“Jason,” cercò di allontanarsi, stava piagnucolando e cercando di fargli provare pietà, “Jason... posso... posso fare qualcos'altro?... per favore... non posso dirlo nella mia bocca..."

Jason rise.

"Voglio un pompino, tesoro", disse, "non preoccuparti... ti abituerai a fare pompini... te lo farò succhiare ogni mattina e ogni sera..."

Sarah pianse.

“Per favore”, sussurrò, “è orribile”.

"Fallo, tesoro!" Le tirò i capelli così forte che non poteva credere al dolore, "succhia!"

Lui costrinse la sua bocca sulla sua erezione. La punta bulbosa del suo lungo cazzo era così disgustosa sulla sua lingua e il precum bagnato e lo sputo le facevano sentire come se stesse per vomitare. Ma il peggio fu quando lui glielo spinse in gola; facendola soffocare.

"Per favore!" Lei si tirò indietro dal suo cazzo, soffocando.

"Dai, tesoro," Jason sorrise in estasi, "imbavagliare il cazzo fa parte del succhiare."

"Jason, per favore!"

Lui costrinse il suo cazzo a rientrare e glielo conficcò in gola; tenendole la testa in grembo con le sue forti braccia. Sarah ha lottato e ha cercato di scappare. Stava soffocando a morte. Jason rise e la guardò colpire le sue cosce.

"Rilassati, tesoro," rise, "Ti ho tenuto fermo... non riuscirai a scappare da quel cazzo... respira semplicemente attraverso il naso e impara ad amarlo..."

Rise di nuovo e col tempo Sarah smise di litigare; lì in ginocchio, con la cosa di suo fratello pesante sulla gola, gli occhi aperti e piangenti.

"Okay, tesoro," canticchiò Jason, "lo tirerò fuori e ti lascerò leccare un po' la testa... poi spingerò indietro fino in fondo... dovrai imparare a prendere un il ritmo va”.

Le ha tirato fuori il cazzo in bocca.

"Leccami la fessura del piscio", gemette.

Sarah si fece piccola, ma permise alla lingua di lavorare sul suo disgustoso pomello. Poi l'ha afferrata di nuovo e le ha forzato il cazzo in gola. Ha vomitato. Jason ha mantenuto il ritmo tirando fuori e spingendo più volte di quanto Sarah potesse contare.

“Awww!! Awww!! Leccami, tesoro!!" Era in totale beatitudine: "Succhia quel cazzo! Succhia quella merda, tesoro! Fai un cazzo di pompino, Sarah!"

Ad un certo punto l'ha allontanata.

"Abbiamo bisogno di altro lubrificante, tesoro", sussurrò, e poi sputò altri fili di sputo bianco sul suo cazzo ricoperto di melma, "Okay tesoro, succhialo."

Le fece fare un pompino così per altri quindici minuti. Sarah fece semplicemente del suo meglio per non soffocare o per non assaporare i filamenti moltiplicati dei suoi succhi disgustosi; quello o sentirlo ridere e dirle quanto fosse brava o quanto sembrasse una troia con la testa di cazzo di un ragazzo in bocca. Alla fine cambiò posizione; appoggiando la testa di Sarah ai piedi del letto e avvicinandosi di nuovo alla sua bocca con il suo cazzo.

"Cosa fai?" Lei voltò lo sguardo.
"Mi sto avvicinando alla sparatoria, tesoro", ha detto, "voglio scopare in faccia."

"No per favore."

Lei girò la testa il più lontano possibile solo per vedersela forzare di nuovo a girarla e infilarle di nuovo la sua erezione in bocca. Questa volta ha stabilito il ritmo con i fianchi. Sbattendo il suo culo sottile avanti e indietro e martellando il suo enorme cazzo nella sua gola non protetta. Sarah pensava che sarebbe svenuta, ma niente era più rivoltante che sentire Jason annunciare il suo orgasmo.

“Awww! Merda!" Ha gridato: “bella bocca calda e fottuta! Adoro le troie scopate in faccia! Adoro martellare la tua dolce bocca, tesoro! Sara! Oh, Sara! Ti amo tesoro! Aww! Aww! Farò esplodere! Oh! Sono così dannatamente vicino a svuotare queste fottute noci!! Oh! Prendi il mio sperma, tesoro! Prendi il mio cazzo di... uh! eh! eh!"

Sarah urlò quando lo sentì staccarsi dalla gola e lasciarlo andare in bocca. Il suo seme rivoltante la sommerse lì dentro e lei poté assaporare il sapore impuro e salato del carico esaurito di suo fratello. Pianse per il dolore abietto e l'umiliazione.

“Oh! Gesù!"

Jason tirò fuori il suo cazzo ormai ammorbidito dalla bocca calda di Sarah e la ragazza cercò subito di alzarsi e sputare la corruzione bianca sul pavimento. Ma Jason si è affrettato a reagire. L'afferrò e la costrinse a faccia in giù sul letto; tappandole la bocca con una mano in modo che non potesse sputare. È impazzita, la roba che aveva in bocca era così completamente disgustosa che non poteva sopportare di averla lì dentro un attimo di più ed ecco Jason che la costringeva a provarla, lei scalciava, lottava e cercava di urlare.

“Shh! Shhh!" Le stava accarezzando amorevolmente le scapole da dove giaceva seminudo sopra di lei, “rilassati tesoro. Non ti farò deglutire. Va bene. Tienilo in bocca solo un minuto. Voglio che ti abitui al mio sapore.

Una lacrima le scese lungo il viso mentre ancora una volta era costretta a calmarsi prima che Jason interrompesse quello che le stava facendo.

“Ecco fatto tesoro,” la baciò a schiena nuda, e le toccò le guance nude con la mano libera, “sei stata così brava stasera... tieni quello sperma in bocca ancora qualche minuto... pensaci che sapore ha quella merda, tesoro... la mangerai ogni sera..."

Ha riso. Baciandola di nuovo. Sarah rimase sdraiata lì e guardò i minuti passare sulla sveglia di Jason; cercando di non deglutire. Poi, finalmente, le lasciò andare la bocca e le mise la mano sotto il mento.

"Okay, tesoro", disse, "sputami quella merda sulla mano."

Sputò immediatamente e la melma bianca di Jason si formò nel cavo della sua mano.

“Carina, tesoro”, sorrise, ricambiando il bacio, “sei così gentile. Girarsi."

La girò di corpo in modo che fosse sulla schiena, poi sistemò i fianchi tra le sue cosce nude; il suo morbido cazzo bagnato la toccò laggiù. Sarah aveva sul viso l'espressione più disgustata che avesse mai visto in una ragazza. Era un bel ragazzo e soprattutto le ragazze lo desideravano; anche se non aveva mai fatto una cosa del genere con una ragazza.

"Posso avere un bicchiere d'acqua?" chiese Sarah, evidentemente in preda a una tortura mentale.

"No, tesoro," Jason le sorrise, "non ho ancora finito con la tua piccola bocca calda."

Il labbro di Sarah tremò.

"Sei così carina quando sei pronta a piangere, tesoro," disse Jason, poi le posò la mano sul petto, inclinando il palmo e lentamente, e deliberatamente, versando il suo sperma nel cavo del suo plesso solare sessuale; si è riunito lì dentro in modo così meraviglioso.

Lei si voltò. Pianto.

"Okay, tesoro," la costrinse a rispondere, "è ora che tu mi mostri che ragazzina troia sei veramente."

"Che cosa?"

"Ci faremo un piccolo bacio, tesoro"

Sarah impazzì cercando di spingergli alle spalle.

“Per favore, Jason, non quello! Per favore!"

La ignorò; immergendo la lingua nello sperma profondo sul suo plesso solare e poi cercando di metterglielo in bocca. Sarah impazzì spingendolo più forte che poteva finché non dovette muoversi. Poi saltò giù dal letto e corse nudo nel corridoio e nel bagno. Lei sollevò il coperchio del water e vomitò forte nel lavandino. Tossì, farfugliò e pianse pensando a ciò che Jason voleva che facesse.

Jason la seguì con calma; slacciandosi lentamente la maglietta e restando completamente nudo proprio come sua sorella. Entrò nel bagno e si accovacciò dietro di lei; massaggiandole la schiena in modo confortante.

“Esatto”, disse, “alzati”.

Sputò di nuovo.

"Per favore Jason", gridò, "per favore".

Le passò il braccio forte sotto le ginocchia, l'altro sulla schiena, e la portò come se non pesasse nulla. Prendendola in braccio e posizionando il suo culetto sodo sul lavandino. Aprì il rubinetto dell'acqua fredda e lasciò che un po' d'acqua fresca gli si raccogliesse in mano. Glielo portò alle labbra.

"Prendi un drink, tesoro", disse gentilmente, lei bevve.

Poi si allungò dietro di lei e prese del collutorio dall'armadietto. Svitò il tappo e le premette il beccuccio contro le labbra.

"Aprire."

Lo fece e lui versò il collutorio. Glielo fece bere in bocca, poi le abbassò la testa e la fece sputare nel lavandino. Aprì di nuovo il rubinetto; lavando via ciò che è venuto fuori.

"Per favore Jason", era sconvolta, "non posso farlo."

Jason si limitò a sorridere amorevolmente.

"Certo che puoi, tesoro", disse.

Poi cominciò a spingere ciò che restava del suo sperma su da dove era gocciolato lungo il suo bel corpo e su verso le forme impertinenti del suo seno. Lui si appoggiò di nuovo a lei e leccò via una lunga ciocca del suo sperma dalla sua pelle. Poi, come prima, le presentò la sua lingua ricoperta di sperma affinché lei lo succhiasse.

"Dio, per favore."

Lei si voltò. Le premette la lingua sulla guancia e lasciò che la melma bianca si spargesse su di lei. Lo fece ancora qualche volta, come se cercasse di spingerla a pomiciare con lui in quel modo. Poi, dopo un po', perse la pazienza. Le afferrò il viso e lo costrinse a girarsi con tutta la sua forza; forzando il viso contro il suo e incastrando la lingua bagnata e lo sperma nella sua bocca calda. Lei ha urlato e ha provato di nuovo a scappare ma è stato inutile. La stava pomiciando completamente; spingendo il suo sperma nella sua bocca.

"Per favore, Jason!" Ha urlato la prima volta che si è allontanato.

Ma si era ritirato solo per raccogliere ancora più cose sulla lingua. Glielo spinse di nuovo in bocca e poi lo tirò fuori con la lingua; a volte leccandosi lo sperma sulle labbra e sul viso.

"Adoro un dolce bacio di sborra, tesoro", disse, leccandole ancora le tette e dandole da mangiare, "un bel bacio di sborra..."

Sarah emise un suono di conato mentre la sua bocca cominciava a riempirsi di nuovo di sperma. Aveva spinto così tanto dentro.

"Devi vomitare di nuovo, tesoro", disse Jason.

Sarah annuì. Jason allungò la mano.

"Sputa il mio sperma", ha detto.

Lei gli sputò di nuovo in mano per la seconda volta quella notte e poi lui la riportò in bagno. Le costrinse la testa a gettarsi nel lavandino.

“Va bene, tesoro”, disse, “puoi vomitare”.

Ha avuto conati di vomito ma non c'era niente nel suo stomaco. Jason le diede un minuto solo per essere sicuro, poi le tirò indietro la testa per affrontarlo. Lui leccò una boccata di sperma dalla sua mano e ricominciò a pomiciare con lei.

"Usa la lingua, troia," disse, "rimettimi quella merda in bocca... mostrami che troia è la mia ragazza..."

Dovette afferrarle la gola con forza per farla obbedire ma alla fine il dolore fu troppo forte e lei fu costretta a tirare fuori la lingua; scambiando le cose di suo fratello e riciclandole di nuovo in bocca.

"Oh!" Lui gemette nella sua bocca, "fottuta troia... così fottutamente troia..."

Alla fine cominciò a darle dei piccoli baci sulle labbra lasciando che piccoli fili morbidi della sua roba si formassero e si staccassero tra le loro bocche che si baciavano. Poi, finalmente, si alzò. Lui la guardò; accovacciata, umiliata nel loro bagno con le labbra bagnate di dolce sperma.

“Ti amo, Sarah”, disse, “fai una doccia adesso e vieni a letto, tesoro. Voglio dare un po' di attenzione a quella figa.

Lui le afferrò i capelli da dove era inginocchiata e le costrinse il viso contro il suo cazzo nudo e le sue palle. Iniziò a masturbarsi e a strofinarsi sul suo dolce viso.

“Vedi, tesoro. Guarda quanto sono già duro. Questo è per la tua fottuta fighetta, tesoro"

La colpì per altri trenta secondi e poi la lasciò andare.

"Fatti una doccia", disse, "ti aspetto a letto."

***

Dopo che Sarah ebbe finito di farsi la doccia; accovacciata contro l'angolo della doccia, piangendo e cercando di togliersi di dosso l'odore di Jason, tornò nella sua camera da letto. Sicuramente la stava aspettando; accarezzando il suo lungo cazzo per mantenerlo duro. Aveva aperto il pacco che aveva portato dal lavoro e lì, sdraiata sul letto, c'era la lingerie più porca che Sarah avesse visto. Un reggicalze bianco e un reggiseno, niente mutandine. Lasciò cadere un'altra lacrima.

"Mettiteli," ordinò Jason toccandosi la testa di cazzo e affondandogli le palle con l'altra mano, "d'ora in poi indosserai solo le cose più sexy, tesoro."

Si avvicinò lentamente al letto e Jason guardò con eccitazione da far venire l'acquolina in bocca mentre questa ragazza modello assoluto indossava quella cintura di pizzo sexy e indossava un reggiseno che spingeva le sue tette già sorprendentemente sode in una piccola e leggera scollatura che ti faceva venire voglia di avere tre mani.

Quando ebbe finito di vestirsi per lui, lui si alzò di colpo e l'afferrò per un braccio trascinandola violentemente sul letto. Lui si arrampicò sopra, nudo, e cominciò a leccarle le tette accostate. Le costrinse ad aprire le gambe; esponendo la sua bella figa rosa.

"Mi fa impazzire che tu sia vergine, Sarah," sussurrò, pazzo di lussuria, "mi fa impazzire il fatto che sarò il primo a toccare questa merda."

Iniziò a baciarla e lei non poteva credere alla paura mentre lo sentiva accarezzarle il sesso; iniziando a spingere le sue dita molto lentamente dentro di lei. Le strofinò il collo sul collo; continuando a toccarla dolcemente e superficialmente. Poi sussultò mentre lui palpeggiava il suo cazzo con la mano; iniziando così lentamente a strofinare la sua testa di cazzo furiosa su e giù sulla sua piccola fessura da adolescente.

"Per favore", sussultò mentre lui le mordeva dolcemente l'orecchio, "per favore Jason... non violentarmi."

"Shh, tesoro", sussurrò Jason, "tutte le ragazze hanno paura la prima volta."

Lo sentì cercare di spingere dentro il suo cazzo.

"Per favore!" Lei si abbassò e spinse via il suo uccello, "per favore... Jason!... per favore... io... farò qualcos'altro... userò di nuovo la mia bocca, Jason... per favore... te lo succhio... per favore... non violentarmi... per favore...”

Si dimenava e cercava di alzarsi dal letto. Jason l'afferrò per le spalle; tirandola indietro; insistendo. Provò di nuovo, allineando la testa del cazzo.

"NO!" Lei ha urlato; abbassandosi di nuovo e spingendolo via.

"Cazzo troia!"

Jason ha dato un pugno in piena faccia a sua sorella. Lo fece con tanta forza che le scoppiò il labbro e il copriletto si schizzò rosso del suo sangue.

"Cazzo", imprecò, "guarda cosa mi hai fatto fare adesso, stronza."

Teneva il viso sanguinante con la mano tremante e guardava il muro scuro. Jason si scrollò di dosso il senso di colpa. Tutto quello che sapeva era che era incredibilmente calda e il suo cazzo voleva essere servito. Lui le afferrò i fianchi e li posizionò per scopare.

"Tieni i tuoi fottuti fianchi lì," ringhiò, "Io pago tutto, cazzo... pago per i fottuti vestiti che indossi, stronza... e non mi lasci nemmeno avere la fottuta figa... assolutamente no, cazzo." , Sara...”

Spinse di nuovo la testa del cazzo contro la sua apertura e questa volta Sarah non ebbe la forza o il coraggio di combatterlo mentre sentiva il bulbo spugnoso e umido spingerle nella figa. Muoveva i fianchi avanti e indietro con un ritmo lento e costante; tenendo solo quel testone spugnoso davanti alla porta della sua fica. Poi l'afferrò per le spalle e costrinse tutto il suo peso in una spinta massiccia. La sua mano le coprì la bocca e lei soffocò un urlo mentre tutta la sua massiccia erezione le lacerava la figa; rompendole l'imene e provocando il flusso di sangue dentro di lei.

“Awww! Fanculo!" Non riusciva a credere quanto fosse dolce e stretta quella figa, "ah! Fottuta figa vergine!"

Lui dondolò i fianchi contro di lei; sbattendo il suo cazzo nella sua figa. Sarah stava urlando e piangendo allo stesso tempo, ma Jason lo prese come un gemito contro la sua mano ferma. Lui seppellì il viso nelle sue tette sollevando il culo dal letto con ogni spinta stridente.

"Tieni le gambe aperte, troia!" Ordinò: “continua a prendere quel cazzo! Oh, ti amo! Oh, Sarah, ti amo!

Dopo un po' cominciò a cercare di impressionarla; mostrandole tutte le mosse che aveva imparato in passato con le sue vecchie amiche; a volte la scopa molto velocemente e altre volte ruota i fianchi in circolo così che il suo cazzo la sfonda. Poi, dopo quello che sembrò per sempre una scopata solida, Jason sentì quel familiare formicolio nelle palle.

"Oh!" Le leccò le tette: "Ti sborrerò nella figa".

"Non voglio rimanere incinta." Pianse tra sé.

"Eh?"

"Non voglio rimanere incinta!" Ha pianto più forte.

“Oh! Oh!” Era al settimo cielo, la sentiva a malapena: "Voglio farlo solo per una volta, tesoro... domani comprerò i preservativi... voglio solo... ah! ah!... Venirò... una volta nel tuo... ah! bella figa calda!”

Lei se ne stava lì, con le labbra spalancate, le gambe aperte come una troia, con questo buco del culo che le fregava addosso; pronto a venire che lei lo volesse o no. Poi chiuse gli occhi quando sentì suo fratello sussultare senza controllo.

“Io sono... ah! Sto venendo, cazzo!"

Lui ha soffiato un carico caldo e appiccicoso in profondità nella sua figa e poi altri fili sono schizzati fuori prima di adagiare finalmente il suo corpo caldo e sudato sul suo fantastico corpo snello. Continuò a baciarle e leccarle le tette, con il cazzo ancora dentro di lei, mentre cercava di riprendere fiato.

"Aw, dannatamente fantastico", sospirò a fatica.

Poi ha tirato fuori il suo cazzo bagnato ed è caduto esausto sul letto accanto alla sua splendida sorella. Sarah guardò la sua figa bagnata, piena di sperma e sanguinante.

"Farai di me una ragazza fantastica, Sarah," sussurrò Jason.

"Vai al diavolo, Jason", sussurrò.

Jason la guardò. Poi si limitò a ridere.

"Adesso hai un atteggiamento deciso, troia", disse, "ma ti abituerai a come andranno le cose..."

Iniziò ad accarezzarle la coscia succulenta.

"Presto non lo metterai nemmeno più in discussione," canticchiò, "verrai semplicemente a letto e aprirai la tua dolce fighetta affinché io la colpisca come un martello pneumatico..."

"Lei mi fa schifo." Singhiozzava di dolore.

"Forse," alzò le spalle, poi la tirò verso di sé, forzando il suo culo sodo contro il suo cazzo bagnato; prendendola a cucchiaio, "ma sono il primo ragazzo che fai entrare in questa dolce figa... sono il tuo fottuto ragazzo adesso, Sarah..."

Ha riso; allungandosi e toccandole la figa dolorante.

"Dovrai abituarti a me."

Continuò a toccarla e poi le tolse il reggiseno di pizzo sexy; allungando l'altra mano e palpando i suoi piccoli seni sodi. Spinse un dito il più possibile nella sua figa. Lei si abbassò e cercò di spingerlo fuori; soffriva così tanto laggiù. Lui si è limitato a spingerla contro.

"Non spingermi fuori le dita, cazzo," gridò, "d'ora in poi potrò fare quello che cazzo mi pare con questa figa... sei stato un provocante per me per troppo tempo, cazzo... adesso cerca di dormire un po', tesoro, mi succhierai il cazzo prima che io vada al lavoro domani."

Storie simili

Essere Dakota Capitolo Uno

L'ho descritto come Fiction, ma la maggior parte dei miei scritti sono semi-biografici. Non che io stia abbellendo, più come se stessi smorzando la realtà. Ero a casa da solo quando ho ricevuto la telefonata che mio zio George era morto. Sono andato al funerale e ho incontrato dei parenti che non sapevo di avere. George era il fratello maggiore di mio padre. Ho dovuto volare da solo, mia madre e il mio patrigno non volevano venire. Mio padre è morto quando avevo due anni, quindi non l'ho mai conosciuto. Mia madre si è risposata un anno dopo con un vigile...

1.2K I più visti

Likes 1

Give Me Some Sugar Part 1 - Prova di Rochelle

​ La vita è sicuramente divertente è come si svolge. Non sono mai stato un uomo religioso, e ancora non lo sono, ma ascoltavo il tipo di Joel Olsteen quando i tempi erano brutti. Era così positivo, che ha aiutato, ma ha anche parlato di come Dio potrebbe recuperare decenni di merda, in pochi anni attraverso un aumento super naturale. Come ho detto, non sono un cristiano e sono agnostico sull'esistenza di una divinità, ma devo ammettere che come minimo, la vita può rimediare a molte sofferenze molto rapidamente. In effetti, penso che ti faccia godere ancora di più della tua...

2.4K I più visti

Likes 1

Un nuovo giorno, un nuovo me parte 3

Wow, ho dei bei commenti, grazie a tutti coloro che stanno leggendo il mio lavoro, cercherò di tirarne fuori di più. E mi scuso per l'inizio della storia se ci vuole troppo tempo. Dopo un mercoledì che avrebbe fatto sì che la maggior parte delle persone mi volesse morto per fortuna, il mio giovedì è stato davvero noioso. Alzati, mangia, vai a scuola, torna a casa e goditi il ​​tempo con la mia famiglia. Quindi tua madre ed io andremo fuori città questo fine settimana, dice mio padre mentre stiamo cenando. Congelo solido; il mio orologio interno corre di un miglio...

1.6K I più visti

Likes 0

La mia vera storia di vita: capitolo uno

Diverse persone mi hanno chiesto di raccontare la storia della mia vita poiché ho accennato ad alcune delle mie esperienze insolite. Quindi penso che il miglior punto da cui iniziare sia la notte in cui sono finiti i miei 10 anni di matrimonio. Era un venerdì sera e mio marito Tim è tornato a casa ubriaco. Questa era diventata la sua pratica abituale negli ultimi due anni. Ha affermato che il suo capo gli stava causando un aumento dello stress e ha dovuto fermarsi con i ragazzi per rilassarsi. All'inizio tornava a casa un po' brillo per quando portavo a letto...

932 I più visti

Likes 0

Ragazze in spiaggia a tre

È iniziato domenica mattina presto nel weekend del Memorial Day quando mi sono alzato per prendere un bicchiere d'acqua dalla cucina. Stavamo affittando una casa sulla spiaggia nelle Outer Banks e avevo davvero sete per la pizza vegetariana che abbiamo mangiato per cena. Scivolai fuori dal letto e mi diressi in cucina. Ho sentito la TV del soggiorno accesa e ho pensato che le due ragazze fossero tornate tardi dal loro incontro con i ragazzi che prima avevano preso in giro in spiaggia, avessero guardato un po' di TV e l'avessero lasciata accesa. Ho intravisto la TV dallo spazio tra la...

2.6K I più visti

Likes 0

A metà di metà settembre

Per nessun motivo particolarmente affascinante mi sono ritrovato a stare con mia zia Renee. Nel prossimo mese, mi sarei trasferito di nuovo a est o mi sarei trasferito nell'appartamento che mia madre stava per acquistare, nel caso avessi bisogno di un po' di tempo di bufferizzazione. 
Sapevo già che avevo bisogno di tempo di buffer. Avevo anche bisogno del tempo di buffer per spiegarle completamente la situazione. Avevo ad un certo punto e momento, capito chi dovevo essere e prima potevo arrivare a quel punto e smettere di essere quello che ero attualmente, meglio per me e per tutte le persone...

2.3K I più visti

Likes 0

Natale in riva al mare - parte 5

Per favore leggi le prime quattro parti per capire la storia, è un po' complicata. Divertiti, e questa potrebbe essere l'ultima parte, quindi fammi sapere se deve continuare. -------------------------------------------------- ------------------- Sono entrato in cucina per incontrare chiunque avrebbe dovuto scendere al piano di sotto, ed era Kelly. Stava guardando nel frigorifero, prendendo del latte. Prende molto latte di notte. Probabilmente avrebbe dovuto pensarci stasera. Su. Ho detto. Prendo del latte. Lei grugnì. Va bene. Sono uscito dalla cucina e ho alzato il pollice, una specie di falso allarme. Mi sdraiai accanto a Lisa, ma ero troppo stanco per fare qualsiasi cosa...

1.1K I più visti

Likes 0

DONNE ANZIANE_(1)

Storia di Fbailey numero 219 Donne anziane Quando ho compiuto sedici anni mia madre era impegnata con me. Papà non c'era mai e quando c'era, non c'era ancora. Era il tuo venditore ambulante preverbale. Era un donnaiolo, un ubriacone e una misera scusa per un essere umano. Ha fornito un tetto sopra le nostre teste, ma questo è tutto. La mamma lavorava per pagare il cibo che mangiavamo e i vestiti che avevamo addosso. Ho avviato la mia attività di giardinaggio quella primavera. Ho distribuito volantini in un bel quartiere appena fuori città e ho trovato subito un paio di lavori...

1.1K I più visti

Likes 2

La sorella della moglie è la puttana dell'ufficio!

Questa non è esattamente una storia normale che potresti trovare su xnxx. Ho trovato questo pubblicato in un forum insieme a un mucchio di commenti di giudizio. Lo sto solo ripubblicando per far divertire le persone. Il poster originale afferma che questo è tutto vero e che ha cambiato i nomi. La sorella di mia moglie è la puttana dell'ufficio e suo padre gliel'ha fatto fare! Katie ha sempre condiviso tutto con me e il percorso professionale di sua sorella è diventato un argomento di cui discutiamo a letto. Rosie ha sempre avuto un corpo delizioso ma non c'è molto da...

1K I più visti

Likes 0

Io e Zac

Mi chiamo Taylor. Ho 21 anni... al liceo ero un running back nella squadra di football. Ero 5'9 190 libbre. abbastanza ben fatto con capelli di media lunghezza biondo sporco, occhi azzurri e non una cura al mondo. Ero gay e tutti lo sapevano da anni, non era un problema, tutti erano molto d'accordo e io e il mio ragazzo Zac avevamo una relazione da quando avevamo 15 anni. Zac era alto quasi 6 piedi e 190 libbre. con occhi azzurri e capelli rossi corti. Era muscoloso ma non definito, quindi era forte e lo sembrava, ma era un po' più...

1.1K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.