Degradato e contaminato

529Report
Degradato e contaminato

LA GRANCIA

Grange Hall, la casa ancestrale del Duca di Blundell, è un bell'esempio di tenuta di campagna della fine del XVI secolo, immersa in magnifici giardini, progettati da Capability Brown, a sei miglia da Stamford, nella campagna dolcemente ondulata del Northamptonshire.
È la sede della "Fiera del gioco e della campagna" di quest'anno, un raduno di appassionati di cavalli, pescatori di selvaggina, cacciatori, falconieri, proprietari di cani da caccia, tiratori, tiratori e agricoltori, un vero paradiso per coloro la cui tradizione è vicina alla campagna e a tutti offre: tutte le attività soddisfatte e attivamente incoraggiate.
Delimitata da un muro perimetrale e situata nel cuore della foresta di Rockingham, Grange è circondata dall'Abbazia di Fineshade e dai terreni a nord, da Wakerly Great Wood a sud e da est con il fiume Welland, completando l'isolamento di Grange a ovest, solo il locale I “Redkite” erano liberi di vagare per il suo fascino segreto. Un luogo appartato, potrebbe anche essere descritto come "minaccioso" da alcuni, accessibile solo attraverso i magnifici cancelli in ferro battuto decorati che si trovano alla fine di un lungo viale tortuoso e alberato.
Poco si sa del Duca, essendo lui per natura un individuo incredibilmente riservato, che evita la pubblicità, ma condivide la sua passione per la campagna e le attività artigianali sul campo, anzi la sua serie di "cacciatori" testimoniano il suo impegno verso la tradizione.
Era tuttavia molto insolito che il Duca acconsentisse all'uso di Grange e consentisse l'accesso ai suoi terreni, essendo questa la prima volta che erano aperti al pubblico e, cosa ancora più notevole, l'accesso alla grande sala e alla casa stessa.
Ti stavi godendo la miriade di bancarelle di artigianato con tuo marito, guardando gli falchi e i cani da caccia. Ricco il programma degli eventi, dal tiro al piattello, al lancio con la mosca, alle tecniche di pesca, al salto ostacoli e alle corse con i cani. Mentre eri in coda per i biglietti per vedere la casa, avevi deciso che sarebbe stato meglio dividerci, poiché il cartello diceva che il tour completo sarebbe durato più di un'ora, e mio marito non voleva perdersi gli eventi in riva al mare, che sistemato, hai accettato di incontrarci alla macchina alle 19:00.
Non noti gli occhi che guardano, mentre ti avvicini alla biglietteria, o vedi la ragazza dietro il banco che viene accompagnata via, il suo posto viene preso da un vecchio dall'aspetto cupo vestito con abiti da campagna, completi di pantaloni al ginocchio e cappello da cacciatore di cervi. .
“Vorrei un biglietto per la tournée delle 16.30, per favore” chiedi, l'uomo scannerizza un foglio davanti a lui “scusa” dice l'uomo “quella è l'ultima tournée e purtroppo è pieno, ma se vuoi posso telefonarti la casa principale per vedere se puoi unirti al tour iniziato cinque minuti fa" riflettesti per qualche istante, Grange non sarebbe stato riaperto per molto tempo, se non mai, e si diceva che avesse una collezione di belle arti e ceramiche , per non parlare di una delle più belle collezioni di orchidee e piante tropicali del paese, qualcosa che non volevi perderti, e ormai sapevi che stavi facendo la coda, "Ok va bene" rispondi.

L'uomo si è dato da fare al telefono, dopo una breve conversazione si è voltato e ha sorriso “tutto a posto”, e ti ha consegnato un biglietto, apponendo una grande X rossa sul retro e rifiutando il tuo tentativo di pagamento dicendo “Mi è stato detto di non ti addebito perché il tour è già iniziato” indicando dietro di te disse “se tagli dietro la bancarella delle torte, attraverso il piccolo cancello accanto al labirinto, ti porterà oltre le stalle, la porta principale è dietro l'angolo alla tua destra, qualcuno sarà lì per incontrarti, buona visita”
Ringraziando l'uomo per i suoi gentili sforzi, ti fai strada come indicato, mentre cerchi il telefono per dire al marito del cambio di programma, solo per essere frustrato da una batteria scarica.
"Al diavolo", hai detto a nessuno in particolare, lo raggiungo più tardi. Detto questo cammini a passo svelto e in breve ti ritrovi nel cortile della stalla illuminato dal sole, c'erano stalli su tre lati, la maggior parte erano vuoti, dato che i cavalli erano fuori per una gara di sci di fondo, tutti tranne uno, un maestoso stallone castano, in piedi ad almeno 16 mani dalla spalla, e insolitamente per un cavallo aveva occhi azzurri penetranti, la targhetta con il nome sulla stalla diceva "Lucifero" ti avvicini e gli dai una bella grattata al muso, sei ricompensato dal fatto che ti spinge la mano per maggiore attenzione, frugando nella tua borsetta sarai ricompensato per trovare un tubo di "Polo Mints", il preferito di ogni cavallo, tenendo le mentine sul palmo della tua mano, la lingua ruvida di Lucifero le raccoglie e tu sorridi mentre ascolti il ​​familiare scricchiolio.
"Non stai cercando di rubarlo, vero?" chiede con voce ferma e piuttosto colta, voltandosi, si vede una donna molto attraente, elegantemente vestita, sulla quarantina “Posso aiutarla?” Sembrava scontenta, "questa è un'area privata".
Ti senti arrossire per l'imbarazzo “Mi dispiace ma mi era stato indicato così per il tour” frughi per prendere il biglietto, l'elegante signora lo accetta qui con la mano ben curata e studia i dettagli spalancando gli occhi vedendo il rosso X, "Mi scuso, ci è stato detto che ti saresti unito a noi, sei un po' in ritardo, io sono Lady Helen, la moglie del Duca, e tu lo sei?"
"Jayne, Jayne Smith", sembra che tu stia inciampando nel trovare le parole,
"Puoi chiamarmi Elly, sono felice di conoscerti Jayne", risponde offrendomi la sua mano delicata e ben curata in segno di saluto, tu accetti e sei un po' sorpreso dalla fermezza della presa, non troppo stretta, ma più salda di quanto pensassi necessario.
. "Ti piace il mio cavallo" senza aspettare una risposta, si voltò, si allontanò e con voce un po' autoritaria disse "beh, allora Jayne Smith faresti meglio a seguirmi" mentre scompariva dietro l'angolo.
La casa era bellissima, soffitti alti e decorati in gesso, mobili di tasso, tappeti spessi, c'erano quadri in abbondanza, vetrine piene di ogni sorta di gioielli antichi, pesanti tende di velluto e morbidi divani e poltrone, "ci sono 35 stanze nella casa." " Elly ha osservato, " ci incontreremo durante la visita nell'armeria, in questo momento lì nel giardino recintato, ad ammirare la mia collezione di orchidee, abbiamo sviluppato nuove varietà, ci sono voluti anni per perfezionarle" con ciò ha dato un'idea guarda il vecchio, che riconosci dalla biglietteria dicendo: "Sono sicuro che li troverai molto interessanti".
Spostandosi verso la bellissima biblioteca illuminata dal sole, facendoti cenno di sederti, Lady Helen suonò un campanello d'argento, un servitore appare portando una caraffa di cristallo su un vassoio d'argento "Vino di prugnolo?" chiede, “lo facciamo nella tenuta, è buonissimo” e senza aspettare risposta fa un cenno al maggiordomo, lui versa ad entrambi un bicchiere molto grande, “lasciamo che l’altro si muova avanti prima di partire”.
15 minuti e due bicchieri molto grandi di vino Sloe dopo, parti, girando l'angolo verso la Sala Grande, sei accolto dalla vista della festa principale. "Dannazione" disse Lady Helen. Il gruppo principale è tornato presto dalla serra, ora ci sono una sessantina di persone in fila all'ingresso principale, per accedere alla sala grande, alla biblioteca e all'armeria, “faremo una deviazione intorno a loro” con questo Elly apre un piccolo porta laterale e dice "prenderemo la scorciatoia, attenzione ai passaggi"
Detto questo la segui giù per la stretta scala circolare di pietra poco illuminata, il vecchio sempre presente dietro di te, in fondo inciampi e cadi contro la moglie del Duca, nella confusione non senti l'ago ipodermico nella coscia, inizi a sentirti strano, il tuo udito in qualche modo più sensibile mentre il suono delle scarpe con i tacchi a spillo di Lady Helen risuonava sul vecchio pavimento di pietra "sta bene, signora Smith?"
Sei consapevole che la moglie del Duca ti sta parlando, ma suona strano, vuoto e un po' distante, i tuoi occhi cominciano ad abbassarsi mentre la tua vista si offusca, le braccia ti circondano la vita, ti giri e vedi il vecchio, l'oscurità ti prende come ti abbassa lentamente a terra.
Non hai visto la forma inerte della ragazzina della biglietteria mentre veniva trasportata nell'ingresso posteriore del canile. Nessuno ha fatto nessuno che non avrebbe dovuto farlo comunque.
“Da quanto tempo lavora qui” chiese il conte?
"Proprio oggi" fu la risposta di Simon Atkinson, amministratore della tenuta dei Earls, o "Atty" come era conosciuto dagli altri dipendenti, un uomo bruto con una mente malvagia e un profondo disprezzo per le donne, che piaceva al Duca e con cui si confidava. lui
"Lei proveniva da quell'agenzia di collocamento che usiamo per i lavoratori occasionali, polacca, è stata nel paese solo una settimana, "nome" "Anna Pioski" rispose Atty, "single, senza legami, senza famiglia nel Regno Unito, viveva in un ostello a Kettering, se n'è andato quattro giorni fa, da allora vive in condizioni difficili"
Il Duca rifletté per un momento "perfetto, vai in agenzia e di' loro che non si è presentata al lavoro e stanno mandando un sostituto", "questo li confonderà, non mancheranno per molto tempo" ha detto al sempre attento Avvocato, “semplicemente perfetto, fatela pulire e poi la vedremo bene, poi potremo decidere cosa vogliamo fare con lei”. Entrambi gli uomini si concessero un momento per assaporare ciò che c'era in serbo per la giovane ragazza, l'enorme rigonfiamento nei pantaloni di Atty, sminuito solo dal mostro grottesco nascosto nei pantaloni del Dukes, testimonianza di ciò che sarebbe successo, "dove siamo per quanto riguarda la Smith?»


"Tutto a posto, signore", rispose Atty, "stavamo quasi per portarla dentro, lei è con vostra signoria, e Tom, i suoi file sulla vostra scrivania, il suo vecchio sta aspettando nella "stanza", possiamo iniziare con lei quando vuole.
Il Duca annuì soddisfatto e se ne andò, dirigendosi verso i suoi alloggi privati ​​per studiare il dossier completo che aveva compilato su di te. Ti stava osservando da settimane, da quando ti ha notato fare acquisti nella piccola città mercato di Stamford. aveva deliberatamente fatto di tutto per urtarti "accidentalmente" mentre lasciavi il piccolo bar nella piazza del mercato, rovesciando il contenuto della tua borsetta sul pavimento, Il Duca si è scusato per la sua goffaggine, aiutandoti a recuperare il contenuto, ritirando la patente ne scannerizzò velocemente i dettagli, prima di riconsegnarla. Più tardi, dopo che una chiamata clandestina ad un vecchio ex conoscente delle forze di polizia, aveva rivelato il tuo indirizzo, da allora ti teneva sotto sorveglianza, gli piacevi. Dopo un po' seppero molte cose e quello che non sapevano volevano scoprirlo da te personalmente.
"Signora Smith", mi senti? Una voce vagamente familiare chiede: "Mrs Smith" senti qualcuno che ti stringe il braccio, ti muovi lentamente, il tuo corpo sembra pesare una tonnellata, la tua vista è offuscata e confusa, "Mrs Smith" i tuoi occhi iniziano a concentrarsi su ciò che ti circonda mentre provi sedersi, ma non ci riesce “Mrs Smith” continua la voce insistente, la tua “Mrs Smith” confusa e disorientata riconosci la voce come quella della moglie del Duca.
Cerchi di concentrarti su ciò che ti circonda, ma l'oscurità rimane, inizi a farti prendere dal panico, a urlare e a sforzarti contro i legami invisibili che sono attaccati ai tuoi polsi e alle tue caviglie.
“Signora Smith” comanda una voce molto più severa, “basta adesso, le ordino di fermarla” era il Duca in persona. Continui a dibatterti quando all'improvviso qualcuno ti dà un forte schiaffo su una guancia, ti fermi subito: "Molto meglio signora Smith, non vogliamo farle più male del necessario, ma lei deve capire alcune cose". cose.
“Prima di tutto farai quello che ti è stato detto, e fallo subito! Comprendi la tua situazione, sei completamente vulnerabile.
“Secondo, nessuno verrà ad aiutarti, abbiamo tuo marito, è completamente indifeso, fortemente sedato, rimarrà così fino al momento in cui lo desideriamo, non ricorderà nulla del suo tempo come nostro ospite, tuttavia lo stesso non si può dire per te.
"Signora Smith, nel caso te lo stessi chiedendo, ti osserviamo da mesi, le nostre frequenti perquisizioni domiciliari ci hanno fornito molte informazioni, le tue preferenze, le tue antipatie e, naturalmente, i tuoi "interessi" sessuali. Abbiamo visto nel tuo primo cassetto, le foto e i giocattoli. Tuo marito è stato di immenso aiuto in questo aspetto molto interessante della tua persona, non ha detto volontariamente nulla di quello che capisci, lo abbiamo drogato e interrogato, non sa cosa ci ha detto, sarà facile per noi scoprire se tu stai mentendo e ti puniremo per aver mentito, molto severamente.
"Signora Smith, sto per toglierle le cinture, resta perfettamente immobile finché non mi senti dire il contrario" a un segnale del Duca il resto degli uomini uscirono dalla stanza.
Senti la porta chiudersi e la serratura girare, aspetti un'eternità prima di sentire il Duca attraverso un altoparlante a muro “bravissima signora Smith impari in fretta, togli la benda e apri gli occhi”
Sei in una stanza piccola, senza finestre, il letto singolo a cui eri legato era sulla parete di fondo, un piccolo lavandino con un mobiletto del bagno sopra e un armadio sotto nell'angolo adiacente ad un armadio singolo, un televisore a schermo piatto acceso la parete di fronte al letto completava l'arredamento scarno, le uniche altre caratteristiche erano due porte, una a ciascuna estremità della stanza.
Un piccolo altoparlante si anima: “Penso che sia ora di iniziare. Signora Smith, si sieda sul bordo del letto, accenda la televisione. Se non fai ciò che ti viene detto, verrai punito, annuisci con la testa se capisci la signora Smith, annuisci con la testa.
L'immagine televisiva mostra una vista simile a una sala visita molto grande, piastrelle bianche, con molti lavandini in acciaio inossidabile, scarichi e simili, ci sono vari armadietti, armadietti, vassoi di attrezzature, supporti, tubi, tubi flessibili, pompe, monitor , console e varie altre macchine sconosciute, ad un'estremità c'è un'enorme finestra di vetro che si estende dal pavimento al soffitto e da una parete all'altra, sembra essere una specie di serra, all'interno puoi vedere strane piante, lungo una parete ci sono un certo numero di cose sembrano gabbie vuote, il centro della stanza è dominato da un complesso lettino da visita imbottito completo di staffe, vincoli e altri braccioli, infine, lungo la parete di fondo ci sono 12 posti disposti su tre livelli, in stile cinema.
Di nuovo l'oratore gracchia "Signora Smith, speriamo che la vista le piaccia, questa sarà una delle stanze che frequenterà durante il suo soggiorno con noi, ce ne sono altre, tutte progettate per uno scopo specifico, non la disturberò con il ogni dettaglio, lo scoprirai da solo a tempo debito. Ti si annoda lo stomaco, sei teso mentre un sentimento di paura e terrore ti travolge facendoti rabbrividire, il tuo stato di ansia non passa inosservato, "Signora Smith, vedo che hai paura, hai paura?" Annuisci con la testa: "buona signora Smith, mi fa piacere, aumenta i tuoi sensi, perché pensi di essere qui, signora Smith?" La tua mente corre, sai che succederà qualcosa. “Cosa pensi che succederà qui, signora Smith? Dimmi cosa pensi” Chiudi gli occhi, visioni di tormento e abuso riempiono la tua mente, la sensazione di terrore e paura aumenta così tanto che stai tremando e piangendo. "Mrs Smith" la voce del Duca ti riporta alla realtà, "Ti dirò perché sei qui, sei qui perché" il Duca fa deliberatamente una pausa, lunghi secondi sembrano minuti mentre ti tiene sull'orlo dell'ignoto "La signora Smith è qui per essere violentata e abusata sessualmente in così tanti modi che non puoi immaginare" gridi. "Sì, la signora Smith, violentata e abusata molte volte e sottoposta a depravazioni sessuali che non potresti immaginare, ti costringeremo a fare cose e a provare sentimenti come nessun altro hai mai provato prima, sei qui per essere totalmente sessualmente abusato e violato, vi lascio con questo pensiero: “Guardi lo schermo signora Smith, attiro la sua attenzione sul lettino, presto sarà sua ospite, buonanotte”. La luce nella tua stanza si spegne, questo accentua semplicemente la luce della TV, adesso vedi le persone nella stanza, che preparano l'attrezzatura per il tuo umiliazione, chiudi gli occhi e scivoli in un sonno agitato.
Sei svegliato dal suono dell'altoparlante "Signora Smith, colazione, hai 30 minuti", ti alzi su un gomito e vedi che nella tua stanza è stato messo un pasto leggero a base di succo di frutta e pane tostato, ti rendi conto anche che oltre alle tue mutandine eri completamente nudo, ti avevano spogliato durante la notte mentre giacevi in ​​un sonno drogato. Esattamente 30 minuti dopo, l'oratore ti ha nuovamente svegliato di soprassalto. “Signora Smith togliti le mutandine e attraversa la porta alla tua sinistra, lì troverai un piccolo sgabello, siediti sopra allarga le gambe, affronta le telecamere e raditi il ​​sesso, fallo adesso”
Ascolti incredulo “Ho detto fallo adesso! Signora Smith, non le verrà detto più” esiti voltando le spalle alle telecamere.
"Lei era stata avvertita, signora Smith." La porta si apre ed entrano tre uomini in divisa da dottori e con la maschera, vieni trascinato brutalmente nella stanza accanto, sollevato sul lettino, sei bendato, le tue braccia sono tirate dietro di te e legate, una cintura larga e larga è legati sulla parte inferiore della pancia e infine le gambe vengono divaricate e legate alle staffe.
Ti vengono tagliate le mutandine, poi un colpo secco ti arriva sul sedere, ti dibatti ma gli schiaffi continuano, ti brucia il sedere mentre gli schiaffi continuano, piangi, gli schiaffi cessano, un unguento freddo ti viene spalmato sulle guance in fiamme. Si sente che viene spruzzato un aerosol
"Stai ferma, signora Smith." inizia la rasatura del tuo sesso, poi, soddisfatto, sei privo di tutti i peli, l'olio viene massaggiato sulla pelle “molto bene, ora possiamo vederti molto più chiaramente.
“Signora Smith, lei deve capire una cosa, siamo piuttosto insensibili, le è stato detto di obbedirci, lei ha rifiutato un'istruzione diretta, non ha rispettato, lei è stata immediatamente avvertita.
Le tue guance vengono separate e un piccolo ugello viene spinto nel retto, il fluido lubrificante viene pompato in profondità all'interno, lo schiocco dei guanti da esame ti fa irrigidire.
“Signora Smith, le farò un'intima anale. Spingi fuori come se stessi andando al gabinetto, ti irrigidisci “fallo adesso o ti schiaffeggio ancora, hai 10 secondi per obbedire”.
Lotti per liberarti ma inutilmente, 5 secondi, non vuoi un'altra sculacciata, 1 secondo, ti rilassi. Il dito si insinua all'interno, facendoti sussultare, inizia a muovere il dito dentro e fuori, andando sempre più in profondità, sondando ovunque all'interno del tuo passaggio posteriore, poi all'improvviso il dito scompare.
Le tue guance sono di nuovo aperte, "signori avvicinatevi" dice una voce femminile, senti dei sussurri, poi qualcos'altro che spinge sul tuo fondoschiena, questa volta è più grande, 6 pollici di lunghezza rastremato fino a circa 1 pollice di diametro nel punto più largo, per poi ridursi rapidamente di dimensioni a meno di ½ diametro, con una barra a "T" all'estremità per evitare che venga attirato dentro di te, il tuo muscolo anale si espande mentre viene spinto ulteriormente verso l'interno finché all'improvviso la parte larga scivola dentro e senti il ​​sedere contrarsi e chiudersi attorno al diametro stretto collo, chiudendosi attorno alla spina, il sedere comincia a scaldarsi, poi ti accorgi che è liquido. Ti fanno un clistere, la macchina pompa il liquido in profondità nel sedere, distendendoti lo stomaco, le mani massaggiano e lavorano il basso ventre, un dito gira delicatamente e strofina il clitoride, la piccola protuberanza si gonfia e arrossa in risposta, il dito scivola facilmente nel tuo sesso stimolato e bagnato, facendoti stringere involontariamente i muscoli vaginali attorno al tuo violentatore, la macchina ti riempie e ti svuota costantemente, potenti farmaci e feromoni progettati per aumentare la reazione del tuo corpo alla stimolazione si mescolano nel fluido e con tuo orrore provi ci sono altri spasmi involontari nella tua figa.
Guardate signori, sta già rispondendo” le labbra della vostra figa si aprono e ne esce un rivolo di succo femminile, il dito guantato di lattice spinge più in profondità all'interno, massaggiandovi la cervice, vi mordete il labbro nel tentativo di arginare l'eccitazione sessuale che il vostro corpo sta provando cominciando a visualizzare.
Il Duca continua a masturbarti, sondando il tuo punto G, il piacere aumenta mentre la sonda esperta del dito di Duke continua a stimolarti, respiri più velocemente adesso, i tuoi capezzoli sono diventati duri, stai lottando contro le sensazioni, ma la tua figa ha ancora spasmi.
"Molto brava signora Smith, davvero molto bene, sembra che si stia divertendo con questi signori, guarda la quantità di succo che cola dalla sua figa, credo che le piaccia essere forzata" Il Duca toglie le dita, fermandosi prima di farti venire. Indicando un altro vecchietto il Duca dice “ripuliscila, raccogli tutto, sai cosa fare, usa il numero 3”
Senti qualcosa che ti sonda dentro, il suono ti ricorda quello che usa il Dentista per toglierti la saliva dalla bocca, serve per aspirare il succo sia dall'interno del tuo sesso che quello che è fuoriuscito, il sondaggio e la suzione continuano per ancora qualche secondo finché l'assistente, soddisfatto di aver raccolto ogni goccia, solleva il piccolo contenitore per l'ispezione del Dukes” ottimo, sarà sufficiente, mi ha sorpreso, ovviamente è molto reattiva, usatelo subito, mentre è ancora fresco, il vecchio l'uomo corre via per fare i preparativi necessari.
La macchina per clisteri finalmente ti svuota, il tappo viene allentato, il tuo sedere si apre involontariamente mentre emerge la parte più larga e i tuoi muscoli anali si rilassano mentre viene liberato, mani invisibili ti aprono, un dito spinge il tuo sedere e diventi rigido .
"Rilassati signora Smith, mi assicurerò che tu sia pulita e vuota" rimani tesa, schiaffo, uno schiaffo ti colpisce su un lato del viso "Ho detto rilassati, ora appoggia il mio dito e spingiti sopra" schiaffo un altro schiaffo” fallo adesso o ne pagherai le conseguenze, schiaffo ancora, spingi giù e il dito scivola dentro. Il Duca ti sonda il sedere “stringimi il dito, signora Smith” tendi i muscoli, “va meglio” “ancora ma questa volta stringi e spingi fuori come se stessi andando in bagno” il Duca osserva attentamente mentre ti sforzi contro il suo dito, è più che soddisfatto mentre guarda la tua gemma anale spingersi verso l'esterno, “molto bene signora Smith, molto bene” soddisfatto dell'esame il dito si ritira.
All'improvviso ti viene tolta la benda, la luce intensa ti costringe a tenere gli occhi chiusi.
"Apri gli occhi, per favore, signora Smith", schiaffo, "non abbastanza in fretta, ho detto apri gli occhi"
Apri gli occhi, la luce intensa in alto è stata abbassata, poi il divano inizia a sollevarti in posizione reclinata, è allora che vedi i aguzzini tutti vestiti di bianco da ospedale, i loro volti coperti da maschere, a un segnale del Duca. dei vecchi tira fuori un piccolo sedile dal fondo del lettino da visita e abbassa il fondo.
“Guardalo signora Smith” guardi trepidante mentre il vecchio si avvicina alle tue cosce divaricate e abbassa la maschera, sorride, tira indietro il cappuccio dal tuo clitoride e inizia a leccarti, costringendo la piccola protuberanza a gonfiarsi e pulsare, un viene posizionata una maschera di gomma sul naso e sulla bocca e un forte stimolante nervoso viene pompato lentamente dentro di te per aumentare la tua consapevolezza sessuale.
Con uno sguardo del Duca, Lady Elly slaccia la cintura in vita; l'effetto è istantaneo quando sollevi i fianchi sulla lingua tormentosa, mentre la tua figa si agita e si agita.
“Risposta eccellente! Ora rilegatela”, facendo un cenno al vecchio, il duca continua: “Sai cosa fare e provvedi a farlo”.
Il vecchio annuisce e fa oscillare un braccio flessibile di metallo sui tuoi fianchi e ti attacca un grosso vibratore di gomma a coste, avendo cura di collegare i tubi dell'aria, dell'acqua e i contatti elettrici per i sensori di pressione integrati e gli stimolatori elettrici. Non si trattava di un normale vibratore, era gonfiabile e al suo interno scorreva acqua calda, esattamente alla stessa temperatura di un vero cazzo, poteva anche adattarsi alle risposte di qualsiasi donna per portarla a livelli di stimolazione sessuale mai visti prima. sperimentato prima, e trattenerla è un'agonia sessuale finché non viene comandato di forzare l'orgasmo da lì corpi legati e sovrastimolati.
Il tuo sesso è aperto e il vecchio fissa la punta del vibratore come da istruzioni. "Elly, per favore, inizia" a quel punto Elly inizia a leccarti il ​​clitoride, sondando contemporaneamente il tuo sedere con il suo lungo dito guantato di lattice.
Ti stai eccitando di nuovo, combatti la sensazione, ma Lady Elly continua con le sue cure esperte al tuo sesso, ti sforzi contro la cintura, il tuo corpo risponde involontariamente alla lingua che lecca,
gemi mentre la tua figa si gonfia e si apre, perdendo una piccola quantità di succo dal tuo sesso, i sensori nel vibratore rilevano l'aumento di umidità e lo spasmo della tua vagina e, come programmato, si spinge leggermente in avanti in risposta al minuscolo aumento del tuo bacino trattenuto, annidato appena all'esterno delle tue labbra. Lady Elly tira indietro il cappuccio dal tuo clitoride e inizia a leccare con più forza, la tua figa ha ancora spasmi mentre lotti per bloccare l'assalto al tuo sesso, un'altra spinta involontaria dal tuo bacino intrappolato sollecita un'ulteriore reazione da parte del dildo mentre inizia ad espandersi apri di più, Lady Elly tiene indietro il cappuccio del tuo clitoride mentre attacca una piccola ventosa di perspex trasparente sul tuo clitoride e la collega a un'unità di stimolazione sessuale ET312, contemporaneamente una pompa a vuoto aspira il tuo clitoride all'interno della tazza e inizia un lento pulsando ritmicamente, stimolandoti a produrre più fluidi, i sensori rispondono all'aumento del fluido, mentre il dildo forza una parte maggiore della sua spessa testa a forma di fungo, all'interno del tuo sesso.
Il Duca parla “Avvia l’e-stim Elly, impostalo sull’orgasmo e aumenta lentamente la potenza”
Senti un piacevole formicolio nel tuo clitoride che aumenta lentamente fino a raggiungere un'intensità deliziosa che ti fa sforzare contro i tuoi legami, svanendo solo per ricominciare pochi secondi dopo, ti ritrovi a sforzarti quando l'intensità aumenta e a rilassarti quando diminuisce. L'aspirazione è stata impostata per pulsare e pulsare ritmicamente a tempo con la stima, in breve tempo senti il ​​bisogno di spingere il bacino su e giù a tempo con la stimolazione elettrica e pulsante del tuo sesso, sospiri mentre le onde di piacere iniziano a formarsi, il dildo si spinge un po' più in profondità, e anche se le tue gambe sono legate nelle staffe ti ritrovi a rilassarti e ad aprirti di più per consentire al tuo stupratore di gomma un accesso più facile


Il Duca fa un cenno a Lady Elly ed entrambi guardano attentamente mentre la potenza aumenta, tu gemi e spingi di nuovo contro il tuo violatore meccanico, quello era il segno per Lady Elly di allentare leggermente la cintura, la restrizione ridotta non ti rendi conto che il tuo sforzo è permettendo a una parte maggiore del mostro di invadere il tuo sesso, ti diffonde ancora di più.
Stai gemendo più forte adesso, la potenza aumenta un po' di più, quasi non te ne accorgi ma l'effetto sul tuo sesso è istantaneo quando apri di più, la cintura si allenta di più mentre spingi più forte sul vibratore, questa volta gridi mentre lo fa affonda la sua testa enorme e spessa nel tuo sesso, più potenza e il succhiare sul tuo clitoride si intensifica, la cintura viene rimossa completamente.
Ora rispondi come loro sapevano che avresti fatto, alzi i fianchi per abbracciare il tuo violatore meccanico, i tuoi muscoli vaginali si stringono sulla sua spessa asta a coste, l'acqua calda che lo attraversa lo fa sentire come un mostruoso vero cazzo.
Lady Elly infila il suo dito in profondità nel tuo ano, aggiungendo alle deliziose sensazioni che attraversano il tuo corpo, stimolando il tuo sfintere ti fa forzare di nuovo i fianchi sullo spesso albero di gomma, la tua figa continua a spasmare, stai perdendo succo come mai prima d'ora .
“Ancora” sussurra il Duca. Il vecchio inizia a succhiarti i capezzoli, mentre Elly aumenta il ritmo del ditalino del tuo sedere, tu sussulti e abbassi i fianchi, la testa si tira fuori facendo un forte schiocco, altre leccate ti costringono a spingerti di nuovo verso l'alto, il mostruoso il gallo lo seppellisce ancora una volta.
"Avvia il lubrificante." Senti il ​​vibratore gonfiarsi mentre il fluido caldo viene pompato in profondità nel tuo sesso, abbassi i fianchi nel tentativo di allontanarti dall'enorme intruso, ma con tuo orrore il vibratore rimane bloccato saldamente al suo posto, le leccate e le scopate con le dita sono implacabili. È troppa stimolazione. Desideri ardentemente la liberazione; gli effetti del gas aumentano le tue risposte, la mano preme sul basso addome impedendoti di muoverti.
"Stai ferma, signora Smith, non si muova finché non lo dico io", annuisci con la testa "buon relax". Una macchina inizia a gemere e il dildo inizia a pulsare, gonfiandosi e sgonfiandosi, ogni volta che gonfia una sezione appena all'interno della tua apertura, gonfiandolo più spesso dell'asta fino a raggiungere le dimensioni di un mandarino, ti lamenti per la sua grandezza "che il gonfiore dentro di te è deliberatamente progettato per dilatarti. Sarai sottoposto a tensione interna nelle prossime 24 ore, lo scopo diventerà chiaro a tempo debito, per ora però rimarrai perfettamente immobile, altrimenti verrai punito, capito? annuisci con la testa.
La potenza viene quindi diretta al dildo, i tuoi fianchi iniziano lentamente a reagire alla stimolazione, cercando di pompare su e giù, ma il Duca ti tiene fermo. A un cenno del Duca ti viene tolta la maschera antigas, la tua testa comincia a schiarirsi e la tua situazione comincia lentamente a rendersi conto: vieni violentato, maltrattato, legato, disteso, il tutto davanti agli occhi di una stanza piena di persone, tutte intente a osservare il tuo umiliazione.
Il Duca parla: “Signora Smith, ora hai quattro scelte, puoi sceglierne solo una. Una volta fatta la tua scelta non verrà modificata, capito?” ancora una volta annuisci: “Molto bene, va bene, queste sono le tue scelte, ma prima di sentirle capiscilo! Non sarai rilasciato finché non saremo soddisfatti del tuo, per così dire, progresso, ricordalo quando lo sceglierai.
“Opzione uno, puoi scegliere di farti succhiare e scopare dai vecchi in tutti i tuoi buchi fino a raggiungere orgasmi continui, sarai costretto a ingoiare il loro eiaculato e tutti producono quantità abbondanti. Due, puoi avere Lady Elly come partner d'amore, ti verrà richiesto di baciarla alla francese e leccarle la figa fino all'orgasmo, lei da parte sua ti violerà con un enorme dildo strap-on sia vaginalmente che analmente finché non raggiungerai orgasmi multipli. . In terzo luogo possiamo portare dentro tuo marito e costringerlo a guardarti, mentre lo teniamo legato e tu puoi guardarci mentre lo costringiamo a compiere atti sessuali con uomini. Ovviamente lo violeremo analmente e oralmente finché non ci implora di farlo venire.
Alla fine potresti decidere di resistere alla mia piccola collezione di macchine, al punto che supereranno la tua resistenza e le tue inibizioni, e ti divertirai nella tua situazione. È una tua scelta, ma preferiremmo di gran lunga la seconda, qual è la tua risposta, signora Smith?
L'uso costante del tuo cognome mantiene il procedimento in un'atmosfera molto formale, concreta e distaccata, cosa che trovi molto snervante. Inizi a piangere e con voce sommessa e con grande esitazione rispondi "numero 4".
Il Duca sorride maliziosamente, ha vinto, assapora il momento, ansioso di rafforzare la sua presa su di te, dice beffardo "parla ad alta voce, signora Smith, non riesco a sentirla",
Rispondi leggermente più forte "numero 4"
“Number 4, number 4,” laughs the Duke, “very good, then so be it,” the Duke removes all your leg restraints and the tummy band, “lie still don’t move until told, understand?” you nod your head.
Elly and the old men are beckoned away as the assembled crowd take their seats and begin to watch.
“Very slowly please Mrs Smith, I want you to push your pelvis up very slowly,” you strain against the thick head, “more Mrs Smith push more” you push again and feel the pleasure as the huge head spreads you open and sinks deep inside you tormented sex.
You let out a cry of passion as the monster awakens your desires, more moans as the dildo knot expands even more, putting exquisite pressure on your G spot forcing your clit to stand out even further
“That’s it; very good Mrs Smith, or now that was more acquainted, should I call you Jayne? Jayne I think. Yes lets get a little more personal shall we? Push for me Jayne, take it deeper” his fingers straddle the dildo as he pumps your sex from the outside, you moan louder. “Try to stop yourself cumming Jayne I want you to resist”
You fight the building sensations the but the incessant voice urges you on “More Jayne deeper,” you sigh as your sex clamps hard on the rubber rapist, the knot swells more, the sound of your sex squelching on the dildo fills the room, “nearly there Jean another two inches, come on push harder, you strain your hips up and push, the dildo hits your cervix.
You begin to shake, the dildo is much thicker than anything you have ever had forced in you by your depraved husband, the deep ridges on it’s shaft stimulate you like nothing before, that telltale fluttering in your groin grows stronger, your nipples stand out more as your chest and face flush with sexual excitement you cant stand it “don’t cum Jayne resist, don’t cum.”
You fight it but the Duke starts to rub your clit, he’s urging you not to cum but doing everything he can to do so, you stiffen.
“Not yet Jayne not yet” You’re held down, hands are everywhere stopping you from pumping your hips up and down the thick rubber shaft. The incessant torment to your sex has built your arousal to a level never experienced before, you’re wanting more, you know it’s wrong, but the churning in your womb together with the savage contractions of your vaginal muscles gripping tightly around your rubber rapist, know no bounds as Lady Helen forces your mouth open and begins to deeply French kiss you, her tongue is every where you respond as she pinches your nipples to puffy engorged hard points, Lady Helen breaks the kiss, “Oh God” you cry out “make it bigger” Smiling lewdly, the Duke asks “make what bigger Jayne? The dildo perhaps?”
“Please, the dildo, yes bigger please” your descending deeper into the Dukes world of depravity, and you know it .The Duke points, and the old man inflates the dildo knot even more. “Oh God oh God, its huge please let me cum.”
The sheer size of the dildo, together with the estim and suction to your tortured sex has you panting for release, and it’s proving too much, your body is producing copious amounts of lubrication and pre-cum. “Do you want to cum Jayne” asks the Duke “or shall we stop and resume a little later?” You scream” Oh God, let me cum! Rodger please forgives me, stop them! I can’t help it I don’t want to, please stop, oh God Rodger help me please.”
But Rodger couldn’t help, how could he, at this very moment, in the adjacent room, he was watching you on a large television monitor, whilst orally violating Anna Pioski as she lay strapped in an examination couch, she too had a massive dildo pumping in and out her swollen and sodden sex, the ever present old man sucking up and collecting the young woman’s juices, just as he had done to you.
“You see, your husband Rodger your loyal partner, it was he, he was the instigator of your predicament, he’d planned it all, your resistance to his request’s to try different sex practices over the years, to attend wife swapping, group sex and estimming parties had tried his patience for to long, now it was time for you to be ‘educated’. He was one of those in hospital whites that originally tied you to the couch, he’d been watching and enjoying your total debasement, he revelled in your cries for help, his over engorged penis throbbed and danced as he watch the Duke stimulate you sexually, his cock dribbling, testament to the sheer enjoyment he was deriving hearing you begging to be made to orgasm, filled him with joy, he knew you would submit. The question now was how far you would go in the search for sexual fulfilment. What else will you submit to?”
The Duke speaks “Jayne if you want to cum then open your mouth” you freeze, and let the words sink in. You are aghast. Suck a stranger’s cock, never! You clamp your mouth shut tighter, “so be it” say’s the Duke, he signals to the old man operating the dildo to cut the power, the dildo withdraws from your sex with a loud “pop” everything else stops! No stimulation, no estim, nothing, your sex is spread open with a special three point Higginsons vaginal dilator, once you are stretched open a large rubber ring, about 2½ inches in diameter with a ½ inch groove around the outside resembling a doughnut is push into the entrance of your sex, held in place purely by the muscles at the entrance to your vagina. It’s purpose? To hold you “open”, forcing your sex to contract onto the ring, keeping you in a high state of arousal, but not enough stimulation to let you orgasm, yet allowing free access to the inside of your sex. Cruel but very effective!
Lady Helen approaches with a Foley catheter and proceeds to slowly push it into your urethra, deeper until she sees dribbles of pee. The small balloon on the end is inflated, locking the catheter inside your bladder, she now attaches a large syringe full of a creamy white liquid to the other end of the tube, and slowly forces it’s contents deep inside your bladder, she places her fingers inside your sex, and nods in approval to the Duke, satisfied that your bladder is over inflated, the syringe is removed, and a small plug is fitted to keep your bladder in it’s swollen state.
The Duke rests his giant member against your lips, “Jayne now suck”
Your husband watches as you tentatively part your lips and taste the tip of the Dukes cock with your tongue.
“Deeper Jayne “the Duke pushes himself against your lips, and you open to allow him access to your mouth and suck lightly on the enormous head, “deeper Jayne” he says, and joy of joy hubby cums in Anna Pioski’s mouth as he watches you submitting to the Dukes meat as you allow the angry purple giant mushroom and more of his monster inside you, as you begin to bob your head up and down the shaft.
“Slowly Jayne” you suck harder and feel the Dukes cock stiffen, he signals to Lady Helen who holds your head firmly as the Duke quickens his fucking tempo; you taste the pre-cum.
The ring is removed and the dildo forces its way back in and deep into your sex, and immediately inflates to nearly 3 inches in diameter at the knot, you try to dislodge the invader, but you’re held firm. He’s coming now and as he does he forces two fingers inside your bottom, you let out a muffled scream of release and go rigid as you are pushed over the edge into a massive shattering orgasm. Juice and fluid squirt from around the dildo as the Duke’s massive cock pumps load after load of sperm down your throat.
You lie there totally spent, gasping for air, your tortured sex still spasming and clinging on to your “rubber rapist” dribbles of cum run from the corners of your mouth.
“Jayne it’s time for you to leave us, until later” the mask is refitted over your nose and mouth and soon you slip into unconsciousness as the old man complete with suction machine again removes all traces of your lubrication fluids and this time your milky white cum juice from inside your sex.
Number 3 was locked standing in an open box shaped framework that sat on top of a platform four feet off the floor, his legs spread open and strapped to the metal uprights, a gauze facemask covered his mouth and nose, his head held securely by a neck brace, he was struggling to free himself.
Lady Helen had followed the old man with the container of juice collected from your sex, at a signal from Lady Helen, the old man started to drip the contents of the container onto the face mask until it was totally sodden, the old man backed away as the struggling figure of number 3 suddenly stopped moving.


Lady Helen licked her lips in anticipation, and moved closer, bending forward to see more clearly as number 3’s hips began to move slowly back and forth, his breathing much faster and deeper as he inhaled the scent of your sex, a few droplets of pre-cum oozed from tip of his penis, Lady Helen couldn’t resist licking at the droplets as the effects of the pussy juice took hold, she was always amazed at the sight of number 3’s huge thick cock as it slowly grew until it was some eleven inches long and at least two inches in diameter, Lady Helen could see number 3 was still not fully erect, so she smothered her hands with lubricant, and holding number 3’s swollen testicles in her left hand, and firmly grasping the thick shaft of his cock in her right hand proceeded to slowly rub her hand up and down, number 3’s cock grew even bigger, and the dribble of pre-cum now turned into a steady trickle.
Lady Helen nodded to the old man, he fitted condom over the huge cock, it had a small hose fitted to the tip, the other end was fitted to the top of a large specimen bottle sitting on the floor, Lady Helen lubricated number 3’s anus and inserted a thick tapered probe deep inside until it nestled against his prostate, she then connected the probe to a small box with wires, and turning it on she selected “forced milking” with number 3 already in a high state of sexual arousal, the electrical pulses soon began to take effect as he began to pump spurt after spurt of cum and pre-cum into the bottle, each spurt accompanied by a savage twitching of his cock as his anal muscles kept contracting forcing him to orgasm, the milking of number 3 would continue for sometime.

To be continued?

Storie simili

Barndanza

Un bel giorno... momenti nella nostra stalla: “The Barndance di Phyllis e Roger C'era qualcosa della mia giovinezza che ricorderò per sempre. Avevamo una stalla che prima dell'inverno caricavamo di erba medica per gli animali. Il giorno in cui arrivava il carico era sempre divertente con tutti quei ragazzi mascolini dall'aspetto forte che scaricavano le balle di erba medica e le accatastavano all'interno del nostro fienile. Ammirerei i loro corpi muscolosi che si sollevano e sudano nello scaricare e poi ammucchiare le balle. E mi guardarono piccola e graziosa nella mia veste da casa tutta innocente, la brezza che soffiava sul...

916 I più visti

Likes 0

Perdo la verginità(8)

L'ho incontrata su un sito di chat su Internet. Vivevamo a 800 km di distanza, quindi non ho avuto problemi a flirtare come un matto. Mi ha detto che è alta 1,5 m, lunghi capelli biondi e occhi azzurri con un corpo sexy. Beh ovviamente l'ho presa in giro e le ho detto che se non mi manda una foto non le crederò, mi ha chiesto se le foto di lei sarebbero state solo per i miei occhi ed essendo il ragazzo che sono le ho dato la mia parola, aspettandomi una foto molto cattiva. Quello che ho ottenuto è stata...

1.8K I più visti

Likes 0

Il prato - PARTE I - Lo stagno

L'autunno è rotolato. L'orologio accanto a lei la fissava torvo, i numeri rossi le brillavano sul viso. Erano le 3:33. Questa era la terza notte che accadeva. Sempre alla stessa ora. Il suo cuore batteva forte e bevve un sorso dal bicchiere. Sospirò, calmata dalla quiete della sua stanza. Fece un altro respiro profondo e guardò l'orologio. Ancora 3:33. La sua mano si spostò sul petto, alzandosi e abbassandosi dolcemente mentre il suo cuore rallentava. Il minuto è cambiato. Alzandosi in piedi, Autumn si avvicinò alla finestra, rompendola leggermente. L'aria dolce e frizzante di campagna si spostava verso l'interno, calmandole i...

1.9K I più visti

Likes 0

I viaggi di Alyssa

Mentre sedeva da sola nel suo stato mentale ubriaco, Alyssa si chiese quale fosse la reazione di John al messaggio che aveva appena ricevuto. Aveva una ragazza e lei lo sapeva, ma non era che non l'avesse tradita con altre ragazze. Oh dio Lyssa, ti comporti come una vera puttana! Pensò tra sé e sé. Improvvisamente si è pentita di aver mai inviato un messaggio di testo così audace e casuale. E se ora fosse con la sua ragazza? E se l'avesse visto? Voleva mantenere questo segreto, se fosse successo o meno. Oh, avrei dovuto pensarci bene! Disse a se stessa...

1.2K I più visti

Likes 0

Esploratore mercenario

Mi chiamo Hunter Silvan. Ho diciannove anni e avevo appena finito di seppellire l'ultimo membro della mia famiglia. Viviamo qui, ai piedi delle montagne settentrionali, da dieci generazioni. Sono cresciuto imparando a combattere, seguire e cacciare, mia madre si era assicurata che sapessi anche leggere e scrivere. La vita intorno all'unico valico fuori dal nord era sempre dura. Oltre al King's Keep pieno di soldati, c'erano continue incursioni di elfi oscuri, orchi o goblin, occasionalmente c'erano troll o leoni dai denti lunghi. Mi raddrizzai e guardai attraverso i campi nella valle sottostante per vedere una grande città. Era qui che mi...

1.5K I più visti

Likes 0

Imparare da una nuova famiglia, capitolo 2: la nostra prima doccia

Gli occhi di Sarah si illuminarono di gioia. “Ho sempre voluto provarlo! Aspetta solo un minuto, devo trovare le chiavi per farti uscire! Prima che potessi rimproverarla per avermi rinchiuso senza sapere dove fossero le chiavi, si era allontanata da me ed era fuori dalla stanza. Ho sentito subito la sua assenza. Fortunatamente non ho dovuto aspettare molto prima che tornasse. Mi hai rinchiuso senza sapere dove fossero le chiavi? chiesi mentre rimbalzava nella stanza. Poi ho fatto una doppia ripresa. Avevo dimenticato quanto fosse bello il suo corpo. I suoi capezzoli sporgevano dai suoi seni meravigliosamente vivaci, implorando praticamente di...

1.1K I più visti

Likes 0

My Live-in Maid - La nuova vita della vedova indiana all'estero.-07

My Live-in Maid - La nuova vita di una vedova indiana all'estero.- 7 Una vedova bambina Live in Maid va all'estero La sensualità e la sottomissione Nella Parte 6 leggi Ma eccola qui, che rinuncia alla sua castità e agisce per lussuria nel letto di un giovane con l'età solo di suo fratello minore, e addirittura lo riconosce sottomesso come il suo nuovo signore e marito, IMPENSABILE. Questo è un atto di follia, Anu finalmente affronta il fatto che le sue azioni sarebbero e saranno comunque condannate nel suo villaggio e lei sarà ripudiata e denunciata di ogni onore come donna...

558 I più visti

Likes 0

Non usare le mutandine della mamma 2

Seconda parte di una serie di racconti. È una storia che si costruisce lentamente. Mio fratello lentamente mi ha tolto le mutandine dalla faccia, mi ha guardato e mi ha chiesto: Sei sicuro di questo? Vuoi guardarmi mentre vengo? SÌ! sussurrai con urgenza. Ora sbrigati e fallo prima che cambi idea. Ho visto i suoi fianchi sollevarsi dal letto mentre faceva scivolare i pantaloni e la biancheria intima fino alle ginocchia. Il suo cazzo era rigido e rimasi incantato come in trance mentre lo guardavo piegarsi con le sue mutande e poi balzare indietro quando la cintura lo rilasciava. Gli colpì...

336 I più visti

Likes 0

La fusione dei tre grandi dei!!!

David stava per raggiungere l'orgasmo mentre guardava una bella giovane adolescente farsi sbattere in gola da un gigantesco cazzo mknster. La ragazza era una piccola bionda sporca con le tette blu e una coppa B. Era abbronzata senza segni di abbronzatura e aveva una figura snella ma un culo grosso e sodo. La sua figa era rasata e i suoi capezzoli erano rosa scuro. Fondamentalmente la ragazza perfetta nella sua mente. assomiglia così tanto a Trisha Moon pensò, cosa che alla fine lo mandò oltre il limite. Nel suo momento di piacere non sentì sua sorella salire le scale e dirigersi...

334 I più visti

Likes 0

La storia di Sally, parte 1 - Novità in città

Sally aveva appena compiuto diciotto anni ed era nella sua stanza a preparare le sue cose essenziali. Aveva promesso ai suoi genitori che sarebbe rimasta fino ad allora, ma dopo non avrebbero più potuto trattenerla. Aveva studiato a casa per tutta la vita e viveva fuori da una città di cui nessuno aveva mai sentito parlare e voleva di più. Ha afferrato le basi ma è tutto ciò che aveva comunque. La sua famiglia era minimalista e le aveva comprato dei vestiti. Erano tutti semplici, per lo più jeans e magliette. Poi prese alcune cose dal bagno ed era pronta. Sally...

379 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.