Marissa e Sonya

819Report
Marissa e Sonya

Sono una ragazza "etero". Come in, non uscirei mai con un'altra ragazza, ma mi sono divertito con il porno lesbico e ho la tendenza a fantasticare su altre ragazze e quant'altro.

Sapevo che avrei potuto trascinare le ragazze bisessuali e lesbiche a scuola se avessi voluto, non per vantarmi, ma non ho un brutto aspetto. Pelle abbronzata, 48D, capelli neri, occhi castani. Non penso di essere troppo attraente, ma molti dei miei compagni di classe lo fanno.

Frequento un collegio femminile in California. I miei genitori mi hanno finalmente mandato dopo che avevo implorato di andare l'anno prima. Vivono ancora a casa nel West Virginia. Quindi ero una ragazza libera.

Intendiamoci, non sono una di quelle puttane preppy. Non mi piace il rosa, mi trucco raramente, non voglio un cellulare e sono ancora vergine.

Tuttavia, mi piace vestirmi come una puttana. Ma praticamente tutte le ragazze a scuola lo fanno. Sembro una studentessa cristiana rispetto ad alcune delle altre ragazze, alcune delle mie amiche.

L'uniforme scolastica richiede una gonna nera, un top bianco e scarpe nere. Non ci sono altri regolamenti fintanto che le tue "parti intime" sono coperte. Quindi, come la maggior parte delle altre ragazze, approfitto di quella situazione.

Il mio guardaroba è composto da camicie bianche con bottoni, gonne nere e scarpe nere, proprio come dovrei. Perché sono una "brava ragazza". Si, come no.

Le mie camicie sono bianche trasparenti. Abbottono solo i due bottoni della camicia che sono sul petto, lasciando scoperti il ​​piercing all'ombelico e lo stomaco. Scollatura massima. Indosso reggiseni dai colori vivaci con disegni accattivanti. Le mie gonne sono tutte abbastanza corte e se mi chino puoi vedere le mie mutandine che si abbinano ai miei reggiseni.

Il modo in cui mi vesto non è niente in confronto alla mia migliore amica Sonya. Non indossa sfacciati 38C, ma quello che le manca nel petto lo rimedia nel culo - e solo un bottone sulle tette. Avvolgerle una volta un nastro intorno alla vita le farebbe una gonna più casta rispetto a quella che indossa normalmente. Indossa tacchi alti neri, anzi tacchi a spillo. I suoi capelli sono sempre raccolti in uno chignon disordinato che la fa sempre sembrare come se avesse finito con la scopata più eccitante della sua vita.

***

Sonya e io ci incontriamo sempre dopo la nostra ultima lezione per tornare al nostro dormitorio, ho già detto che siamo coinquilini? Dopo la lezione indossiamo sempre i costumi da bagno e ci dirigiamo verso la piscina. Sonya va a prendere una nuova ragazza quasi ogni settimana: per tua informazione, è lesbica. "Etero curiosa" si definisce, solo perché quando è arrapata e nessuna ragazza lo concede, va nella sala insegnanti (tutto il personale maschile) e si scopa l'insegnante più vicino.


Il costume da bagno di Sonya era ancora meno modesto della sua uniforme, non lasciando nulla, fino alle sue areole, all'immaginazione. Ogni aspirante coppa era in realtà solo un piccolo diamante di materiale sottile che copriva i suoi capezzoli. Il fondo era un diamante più grande che copriva la sua figa rasata. Si collegava alla schiena con un filo sottile che le saliva su per il culo. Niente per coprirle il culo.

"Ancora amici con benefici su Janie?" le chiesi mentre camminavamo verso la piscina. Abbassai lo sguardo sulle sue tette, capezzoli duri come la roccia.

Roteò gli occhi. "Sì, e-" mi afferrò il viso con una mano "- se vuoi, possiamo fare un tentativo." Lasciò andare il mio viso e mi fece l'occhiolino. Ovviamente, dovevo essere più discreto nel controllarla.

Toccava a me alzare gli occhi al cielo. "Non vado da quella parte, non importa quanto tu lo desideri." Le afferrai scherzosamente la testa e le misi il viso sul petto. "Andrà tutto bene, Sonya", lo stuzzicai con una finta voce triste. "Un giorno troverai qualcuno sexy come me che ti darà la scopata più eccitante della tua vita."

Lei rise e mi morse la tetta destra, costringendomi a lasciarla andare. "Delizioso", rise.

Le ho tirato fuori la lingua.

"È un'offerta?"

Le ho lanciato l'uccello prima di scuotere i capelli in modo drammatico e me ne sono andato come fanno le ragazze perfette in quei vecchi film di cattivo gusto.

Ha accelerato il passo per stare al passo con me e due secondi dopo stavamo ridendo delle nostre stupide battute.

Sonya non è nemmeno andata a nuotare oggi, si è seduta sulle ginocchia di Janie e si sono baciate per le due ore in cui ho nuotato in piscina.

Siamo andati direttamente dalla piscina a cena, senza preoccuparci di vestirci in abiti civili. Dopo cena siamo tornati nel nostro dormitorio per rilassarci.

"Ehi, Rissy, io-" iniziò Sonya.

“Ah, andiamo Sonya, non chiamarmi così. Odio quel soprannome.

“Va bene Marissa”. Mi ha tirato fuori la lingua. "Sai come stavo baciando Janie in piscina oggi?"

"Potrei vedere le tue labbra che schioccano l'una contro l'altra sott'acqua", commentai, ridacchiando.

“Beh, questo mi ha lasciato un po'-” arrossì “- eccitata. Ti dispiace se io...?"

Ho alzato gli occhi al cielo. “Sai che non mi interessa. Voglio dire, andiamo, Sonya. Non ho obiettato affatto quando hai lasciato che CeeCee ti mangiasse sul mio letto, mentre ero nella stanza.

Lei rise. "Quella ragazza aveva una lingua lunga".

Ho riso con lei. «Ho comunque delle cose da fare al computer.»

"Di nuovo porno?" chiese, rivolgendomi una faccia innocente.

"Non sono affari tuoi."

Mi ha tirato fuori la lingua. "Porno lesbico?"

"COSÌ?" Non ho alzato lo sguardo, la mia faccia è diventata un po' calda. Ho aperto il mio laptop e l'ho acceso.

"Non capisco perché guarderai ragazze che non conosci scopare ma non mi lascerai nemmeno toccare."

L'ho ignorata mentre aprivo Internet. A dire il vero, ho fantasticato su Sonya più di qualsiasi altra ragazza. Ero troppo imbarazzato per dirglielo. O fare qualsiasi cosa.

Ho aperto Internet e ho digitato xnxx.com nella barra degli indirizzi.

Sonya deve essersi dimenticata della sua "eccitazione" perché si è lasciata cadere sul mio letto e si è sdraiata a pancia in giù per guardare i video con me.

Ho digitato "trib" nella casella di ricerca. Sonya ha indicato il video intitolato "Roommates trib". Le ho tirato fuori la lingua, ma ho cliccato sul video.

Presi play e misi il portatile davanti a me, sdraiandomi a pancia in giù accanto a lei.

Erano passati circa tre minuti dall'inizio del video. Sonya sembrava ricordare la sua eccitazione perché l'ho vista scivolare sotto il petto per pizzicare i capezzoli. Mi sono sentito eccitare anch'io, volevo quasi imitare il video con Sonya. Quasi.

Deve aver fatto scivolare la mano sulla sua figa perché Sonya ha emesso un piccolo sussulto. L'ho guardata, le sopracciglia inarcate, ma lei non è tornata a guardare. Aveva la faccia e il collo arrossati, quindi sapeva che l'avevo beccata.

I miei occhi erano ancora sullo schermo. C'era un primo piano delle fighe della ragazza che si strofinavano l'una contro l'altra. Ho incrociato le gambe e ho potuto sentire quanto la mia figa stesse già diventando scivolosa. Probabilmente più per le mie fantasie su Sonya che per il video.

Non me ne ero reso conto finché non l'ho sentita sussurrare. "Stai respirando un po' a fatica", mi sussurrò Sonya all'orecchio. “Puoi toccarti, Marissa. Non mi dispiace.

Adesso toccava a me arrossire. Nondimeno ho fatto scivolare la mia mano sulla mia figa liscia il più sottilmente possibile.

Sono rimasto stupito di quanto fossi bagnato. Il mio clitoride era eretto e mentre le mie dita scivolavano lungo le mie labbra fino al mio buco fradicio, mi sfiorarono il clitoride. Emisi un lieve gemito involontario.

Sonya si è girata in modo da essere sulla schiena. Le sue dita stavano entrando e uscendo rapidamente dal suo buco, emettendo rumori squittii. I suoi respiri veloci si trasformarono in gemiti.

"Cazzo, cazzo, cazzo!" gemette.

Il mio dito medio e l'anulare stavano lentamente circondando il mio clitoride, dovevo fare respiri lenti per trattenermi dal gemere.

Ho guardato Sonya, che si eccitava di più rispetto al video, che era quasi finito.

Voltò la testa verso di me. La sua bocca era aperta in una O e i suoi occhi erano pieni di lussuria.

“Baciami, Marissa,” gemette, implorò.

Non sapevo cosa fare. Ho esitato. Non l'ha fatto.

Sonya mi ha afferrato il viso come se fosse impazzita stamattina e ha toccato le mie labbra con le mie. Quasi involontariamente, le mie labbra si aprirono ad eccezione della sua lingua. Rotolò sopra di me, a cavalcioni della mia vita, aveva smesso di masturbarsi. Non l'avevo notato, ma si era tolta pantaloncini e mutandine. La sua figa fradicia stava facendo una macchia bagnata sui miei pantaloncini.

Ho dovuto staccarmi per prendere fiato. Le sue labbra si spostarono sul mio collo, lo baciò e lo succhiò come una professionista.

"Cazzo, Sonya," gemetti piano nel suo orecchio. stavo impazzendo. Non capitava spesso di portarmi all'orgasmo perché mi sentivo come se stessi per scoppiare quando mi avvicinavo e il mio corpo non riusciva a gestirlo. "Non posso... non posso venire."

"Vedremo", sussurrò, mordendomi l'orecchio. gemetti. Punto sensibile.

Mi ha tolto i pantaloncini e le mutandine e li ha gettati di lato. Ha tirato fuori le mie dita dalla mia figa liscia e me le ha succhiate pulite. Poi ha fatto scivolare due delle sue dita nel mio buco stretto.

"Dio mio!" Gemetti, la mia schiena si inarcò.

"Lascia che mi prenda cura di te, Marissa", sussurrò, baciando la chiave tra la mia mascella e il collo. I miei occhi erano spalancati e il mio respiro era pesante. “Lo desideravo da molto tempo. Posso accompagnarti, Marissa?"

La mia figa si strinse attorno alle sue dita. Le tirò lentamente fuori, quasi completamente, poi di nuovo dentro. Lentamente. Agonizzantemente lento.

"Per favore, Sonya!" Io ho supplicato. "Non farmi questo!"

"Fare?" chiese innocentemente.

"Stai andando così piano", ansimai. "Non posso prenderlo."

«Prego», ordinò.

Mi morsi il labbro, esitando per il minimo secondo. Si è fermata e ha ricominciato a tirarmi fuori il dito.

"No per favore! Sonya, per favore toccami! Sto impazzendo! Non posso venire da solo! Per favore, fottimi!

Ha tirato fuori il resto della via. La mia schiena si abbassò di nuovo sul letto.

"Per favore", supplicai.

Scese dal letto. La tensione tra le mie gambe era troppa, non riuscivo ad alzarmi per seguirla. Per farla tornare. Era fuori dal mio campo visivo.

Ho sentito il suo peso, quel poco peso che portava, muovere il letto. L'ho guardata. I miei occhi si spalancarono. "Non posso sopportarlo!"

Si era messa una cinghia. Era un dildo viola realistico su un'imbracatura. Era almeno sette pollici e spesso. Molto spesso.

"È così grande!" Le ho detto.

"E sei molto stretto", mi ha informato, come se non lo sapessi già. "Marissa, riuscivo a malapena a infilarti quelle due dita." Ha avvolto la sua mano intorno al cazzo. "Ho intenzione di allungarti."

Non mi ha dato la possibilità di rispondere. Si chinò e mi baciò. Una mano teneva il mio viso contro il suo, l'altra scivolava lungo il mio corpo fino alla mia figa. Allargò la parte superiore delle labbra della mia figa con l'indice e l'anulare. Con il dito medio ha premuto, leggermente, sulla mia clitoride. gemetti.

Ha strofinato le mie labbra, Il mio respiro è diventato di nuovo difficile. Mi ha baciato dolcemente, una tale eccitazione.

Poi, di punto in bianco, si fermò. Seduto a gambe incrociate sul mio supplicare accanto a me.

Ho alzato la testa.

“Vuoi che continui? Elemosinare."

Mi sono rotolato sullo stomaco. Mi faceva male la figa, ero ancora molto teso, se non di più.

"Per favore, Sonya", sussurrai. Mi inginocchiai davanti a lei e le avvolsi le braccia intorno al collo, baciandolo profondamente. "Ho bisogno di te. Fai tutto quello che vuoi per me. Fammi solo venire. Mi sono bagnato a causa tua. Non quel video. Voi. Per favore, non fermarti ora che mi stai facendo impazzire". Ho preso la sua mano nella mia e l'ho messa sulle labbra esterne della mia figa. “Lo senti, Sonya? Sono bagnato per te. Ora ho bisogno di te. Piegami sul letto e scopami se vuoi. Basta non smettere di farlo. Ho premuto il suo dito medio nella mia fessura, non per penetrarmi, solo per illustrare il mio scopo. "Per favore, finiscimi." Continuai a baciarle il collo ancora per qualche minuto. Ho abbassato i fianchi sulla sua coscia nuda e ho fatto scorrere la mia figa avanti e indietro su di essa.

«Per favore», supplicai, baciandola, avvolgendole di nuovo il collo con le braccia.

Mi ha afferrato la vita. Tirandomi più vicino. Il mio buco stretto era sospeso sopra l'enorme dildo.

"È a doppia estremità", mi ha detto. "L'altra estremità è mia." Mi passò la lingua sulle labbra. "Qualunque cosa tu senta, io la sento."

Mi sono abbassato su di esso. Non è stato facile, ma ero così bagnato che non c'era bisogno di lubrificante. Sonya ha aiutato, prendendola con calma.

La testa mi penetrava a malapena, ma era abbastanza lontana da essere seduta contro il mio punto G, premendo contro di esso. Facendomi impazzire di nuovo.

"Cazzo", gemetti. “Sonya, ti volevo tanto, da tanto tempo. Ho fantasticato su di te costantemente. Ti voglio così tanto adesso.

«Allora mostramelo», sussurrò.

Stavo già impazzendo, con il mio clitoride in fiamme e il dildo che premeva nel mio "punto debole".

Mi sono abbassato per il resto. Stavo ansimando pesantemente, Sonya mi ha baciato il collo per calmarmi. Mi ha solo reso più eccitato, più pazzo. Enorme eccitazione, baciandomi il collo.

La mia figa pulsava attorno all'enorme dildo. Sono salito di nuovo, lentamente. I successivi movimenti di Sonya furono rapidi. Era come se non fossero accaduti. Un secondo, ero in cima, risalendo lentamente il dildo. Il prossimo, lei era dietro di me e io ero a pancia in giù.

«Mettiti in ginocchio», ordinò. Ho ascoltato. Si sporse in avanti e mi pizzicò i capezzoli. sussultai.

«Per favore», gemetti.

Mi afferrò i fianchi, la mia figa si strinse di nuovo attorno al dildo per un secondo. "Cazzo, mi fai così eccitare!" gemetti.

All'inizio mi pompava lentamente, probabilmente facendomi abituare. Potrebbero essere passati minuti o ore o secondi dopo che ha iniziato ad aumentare la velocità. Con ogni spinta in lei ha ottenuto un battito o due più veloce. Un periodo di tempo imprecisato dopo era a tutto gas, l'elsa della cinghia che premeva contro il mio fondoschiena.

"Cazzo, cazzo, cazzo!" gemetti. “Più forte, scopami Sonya. Oh oh oh! Sì, proprio lì! Allungò una mano sotto di me e mi fece rotolare il clitoride tra le dita, pizzicandolo e strizzandolo. Stavo per esplodere. Stavo impazzendo di nuovo.

"Non fermarti!" Io ho supplicato. “È così bello, non fermarti! Cazzo, sì! Ah, sto venendo!

I miei fianchi si sono piegati selvaggiamente e, con mia grande sorpresa, Sonya è diventata ancora più veloce. Stavo abbinando i suoi colpi, quindi quando ha spinto dentro ho spinto indietro. È stato incredibile. La mia figa si strinse intorno alla cinghia. Sonya continuava a massaggiarmi il clitoride, il che mi rendeva ancora più selvaggio. È stato, senza dubbio, il più grande orgasmo della mia vita.

La mia figa stava ancora stringendo dentro e fuori dal dildo quando Sonya si sporse in avanti, tenendo il dildo dentro di me fino all'elsa, e mi baciò la spalla.

«Ti amo», sussurrò.

Storie simili

Diventare Zoe

La mia futura moglie Annie aveva accettato un lavoro fuori città e la vedevo solo ogni due settimane circa. Mi mancava così tanto. Lei ed io eravamo diventati amanti a distanza. Aveva un volo di ritorno a casa venerdì sera. Stavo andando a prendere suo figlio Zakk dal suo dormitorio e noi due saremmo andati a prenderla all'aeroporto e ci saremmo goduti il ​​fine settimana insieme. Zakk è al suo primo anno di college e sta studiando per diventare un truccatore per il teatro e lo schermo. Lui e io non ci siamo davvero conosciuti e questo doveva essere il fine...

1.1K I più visti

Likes 0

La banda pt1_(0)

La Banda. pt 1 Questa è la mia prima storia in assoluto, quindi per favore sii gentile nei tuoi commenti. Sono ben accette critiche costruttive. Sono Sarah, ho 26 anni e lavoro in una banca come consulente per piccole imprese. Ho lunghi capelli castani, sono 5'7 taglia 10 con seni piccoli ma impertinenti 32B. Vado in palestra almeno 3 volte a settimana quindi sono in buona forma e sono single da un paio d'anni, anche se mi sono divertito. Comunque ti racconto la mia esperienza con una gang di East Leeds. Era un venerdì e la mia migliore amica Vicky era...

923 I più visti

Likes 0

All'improvviso, tabù

All'improvviso, tabù Se sei un ragazzo abbastanza bello con una personalità gradevole, bravo a chiacchierare con le donne e a muoverti molto, trovandoti nei posti giusti al momento giusto avrai i tuoi momenti di sesso quando meno te lo aspetti; questo è previsto. Ma quando all'improvviso, all'improvviso, senza alcuna indicazione, senza alcuna preparazione, senza alcuna preparazione da parte tua, ti viene servita una figa di prima qualità, e quella figa appartiene alla tua bellissima madre; allora sei un figlio di puttana fortunato. Sono un figlio di puttana fortunato! Una parente di mia madre ci ha inviato un invito al suo matrimonio...

768 I più visti

Likes 0

Allenamento 07

Mi è davvero piaciuto essere usato da Jim. La mia figa del culo sembrava vuota senza il suo grosso cazzo nero dentro. Il sesso con mia moglie era ancora soddisfacente, su questo non c'erano dubbi, ma stare con Jim era diverso. Ammetto di aver avuto una distrazione abbastanza significativa nella mia vita pensando a lui. Ero assolutamente brava al 100% a farmi usare da lui per il suo piacere, essendo la sua cagna o fica, se vuoi. Il piacere che ho provato nell'essere usato come un giocattolo da scopare da Jim era difficile da descrivere, anche a me stesso. Il mio...

345 I più visti

Likes 0

Il weekend di una figlia Pt. 2

Erano passate un altro paio d'ore e Savannah aveva finito per addormentarsi. Ho accostato il vialetto di ghiaia e mi sono fermato davanti alla nostra capanna di famiglia. “Savannah,” le scossi la spalla, “siamo qui”. Gli occhi di Savannah si aprirono intontiti e sbatté le palpebre diverse volte mentre si riprendeva e si orientava. Mentre Savannah si stava svegliando dal suo pisolino, sono scesa dalla macchina e sono andata al portellone del camion per prendere i nostri bagagli. Non riuscivo a smettere di pensare a prima, a come mia figlia avesse preso il controllo e mi avesse effettivamente succhiato. Era sbagliato...

1.6K I più visti

Likes 1

Risvegli 5_(1)

Risvegli 5 -------------------------------------------------- ------------- Tahir e il Capitano stavano analizzando i rapporti che stavano arrivando. Apparentemente, le precedenti azioni di Tahir avevano interrotto per un po' i piani del gruppo del dottore. Ci stavano lavorando da un paio d'ore, quando Tahir notò il rapporto di un cadavere. Gli ci volle un momento per leggerlo, voltandosi verso il Capitano, attirò la sua attenzione. Questo rapporto descrive in dettaglio un corpo che è stato trovato, ciò che sembra strano è che il corpo non aveva alcun cervello. Era quasi come se la cavità cranica fosse stata pulita con l'aspirapolvere. disse Tahir, porgendo il...

1.3K I più visti

Likes 0

Sesso sul treno

Tom è stato a Edimburgo per un incontro di lavoro. Era stata prevista una bella giornata estiva, quindi è vestito con pantaloni chino beige, scarpe brogue marroni, una camicia aperta bianca e un blazer blu. Con la sua pelle abbronzata, sembra piuttosto elegante in città. Il suo incontro è scaduto e così ora è sull'ultimo treno per tornare a Leeds, nello Yorkshire, che sta per lasciare la stazione alle 21:30. Non ci sono molti passeggeri che salgono sul treno quindi sceglie un gruppo di 4 posti con tavolino, si siede nel posto di corridoio con le spalle al senso di marcia...

940 I più visti

Likes 0

DONNE ANZIANE_(1)

Storia di Fbailey numero 219 Donne anziane Quando ho compiuto sedici anni mia madre era impegnata con me. Papà non c'era mai e quando c'era, non c'era ancora. Era il tuo venditore ambulante preverbale. Era un donnaiolo, un ubriacone e una misera scusa per un essere umano. Ha fornito un tetto sopra le nostre teste, ma questo è tutto. La mamma lavorava per pagare il cibo che mangiavamo e i vestiti che avevamo addosso. Ho avviato la mia attività di giardinaggio quella primavera. Ho distribuito volantini in un bel quartiere appena fuori città e ho trovato subito un paio di lavori...

1K I più visti

Likes 1

LA FAMIGLIA DI KRISTI 4_(1)

CAPITOLO QUARTO Quando arrivarono nella sua camera da letto, Roger entrò per primo. Notò per la prima volta che Bob era seduto nella sua poltrona reclinabile, apparentemente a riposo. Guardando il letto, vide che Erin era inginocchiata sul letto e si aggrappava alle sbarre della testiera. Guardando più da vicino, si rese conto che non aveva scelta. I suoi polsi erano legati alla testiera, costringendola a inginocchiarsi, le sue tette penzolanti dal suo petto che gravitavano sul lenzuolo sotto di lei. Tieni quelle gambe aperte puttana! Mi piace guardare il tuo bel culetto. Saremo pronti per il secondo round tra un...

941 I più visti

Likes 1

La mia vera storia di vita: capitolo uno

Diverse persone mi hanno chiesto di raccontare la storia della mia vita poiché ho accennato ad alcune delle mie esperienze insolite. Quindi penso che il miglior punto da cui iniziare sia la notte in cui sono finiti i miei 10 anni di matrimonio. Era un venerdì sera e mio marito Tim è tornato a casa ubriaco. Questa era diventata la sua pratica abituale negli ultimi due anni. Ha affermato che il suo capo gli stava causando un aumento dello stress e ha dovuto fermarsi con i ragazzi per rilassarsi. All'inizio tornava a casa un po' brillo per quando portavo a letto...

799 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.