Vacanze estive parte 5

156Report
Vacanze estive parte 5

La vita diventa piuttosto noiosa quando hai una brutta scottatura sulle braccia, sulla testa e sul collo. Il signor Delauter ha deciso che dovevo andare in chiesa la domenica e considerando che non andavo in chiesa da quasi un decennio mi sono reso conto che non mi mancava molto. Siediti, alzati, canta, prega, inginocchiati e ripeti. Quando siamo tornati tutti gli altri si sono cambiati mentre Loretta mi ha tenuto sotto l'aloe. È stato bello vederla adorare per me considerando che non ricordo che lo facesse quando ero bambino.

Una volta finito, mi rimetto la maglietta, vado nella stanza di Abigail e busso prima di entrare. Si è già cambiata i vestiti della domenica ed è al computer.

"Ehi Abigail, ho una proposta per te", le dico sedendomi sul letto.

"Va bene, ma non ti tocco adesso perché quella roba puzza", scherza Abigail.

“Ah ah, che le origini irlandesi siano dannate perché non hanno capacità di abbronzatura. No, mi chiedevo se volessi andare ad un doppio appuntamento", le chiedo.

“Un doppio appuntamento, con chi”, risponde con una domanda.

“Bene, Carlos e sua sorella”, le rispondo.

"Aspetta, mi hai offerto a Carlos in modo da poter prendere sua sorella", inizia Abigail, "Non sono una merce di scambio per te."

"No, gli ho offerto un doppio appuntamento e lui ha scelto te invece di Bethany", le dico sperando che questo possa calmare un po' il suo ego.

"Aspetta, gli hai dato una scelta e lui ha scelto me", chiede Abigail.

Spiego la conversazione e le mostro il testo che dice il suo nome. Elaboriamo alcuni dettagli; Abigail dice che mercoledì alle cinque sarebbe meglio dato che è dopo l’ultimo giorno di scuola. Mando a Carlos un messaggio di testo dicendogli giorno e ora. Mi risponde con un va bene e che saranno pronti. Abigail e io chiacchieriamo ancora un po’ così posso scoprire della sorella di Carlos. Si chiama Marta, è una brava studentessa e secondo Abigail parlano molto ma lei non esce mai quando non sono a scuola.

Lascio Abigail al suo computer e trascorro il resto della giornata nella mia stanza cercando di rilassarmi e mettermi a mio agio.

Lunedì e martedì vanno e vengono senza incidenti con le ragazze a scuola e io che mi sto riprendendo dall'ustione. Mark d'altra parte ha provato a convincermi ad andare in palestra con lui, ma è difficile allenarsi quando non vuoi muoverti e ti senti come se fossi in fiamme. Trascorro la maggior parte del mio tempo con Loretta anche quando non ho bisogno di un massaggio con l'aloe; mi fa sapere che domani alle undici del mattino avremo il primo appuntamento con un terapista. Alzo le spalle mentre parliamo del passato e imparo qualcosa in più sul tempo trascorso con la sua nuova famiglia. Apparentemente le ragazze avevano un disperato bisogno di una mamma quando Abigail e Bethany non ricevevano aiuto con i loro problemi di pubertà. Mark Jr. si è offerto di aiutare ma ha finito per mostrare loro del porno.

Il legame dura fino a mercoledì quando andiamo dal terapista, è in un edificio privato e non statale come in qualche modo pensavo. Loretta e io arriviamo alle dieci e mezza e dobbiamo aspettare il nostro consulente solo pochi minuti prima che una donna anziana bassa e molto robusta con un maglione lavorato a maglia ci conduca nel suo ufficio. Una volta dentro iniziamo ad esaminare tutte le sciocchezze dei 'sentimenti', 'no, non sono felice perché potrei vedere Loretta', 'no, non sono una persona molto indulgente' sono solo alcune delle frasi che scelgo man mano che riesco a capirle. le sue domande.

"Allora Guy, puoi dirmi qualcosa su tua madre che ti fa particolarmente arrabbiare con lei?" chiede il terapeuta.

“Onestamente non ho mai sentito alcun tipo di connessione con lei, anche gli ultimi due giorni sono stati strani stare con lei. Mi guarda come se stessi per urlarle contro o iniziare a farla piangere la metà delle volte", dico al terapeuta.

Un'ora di stronzate psicologiche e per fortuna potremo andarcene. Loretta è silenziosa quando usciamo dal parcheggio e per tutto il percorso fino ad arrivare a uno dei rifugi. Esce dalla macchina senza dire una parola e io seguo l'esempio suscitando una rapida reazione da parte sua.

"Ragazzo, per favore, non darmi di nuovo da fare, devo fare alcune cose qui prima di tornare a casa", dice Loretta con un po' troppa disperazione.

“Non esco, entro. Voglio vedere questo posto comunque,” ​​le dico tirando indietro il cappuccio mentre arrivo alla porta.

Vedo Loretta confusa dalla mia disponibilità a essere coinvolta dopo la seduta terapeutica, ma mi procura un badge visitatore e ci dirigiamo nel suo piccolo ufficio. È solo una scrivania e due sedie, ma non appena entra c'è un piccolo esercito di ragazze che chiedono il permesso e lei inizia a lavorare sui loro file. Mi siedo e la vedo lavorare sodo quando riconosco una delle ragazze, quella della mia prima visita. Questa volta la noto meglio, capelli castani corti intorno alle orecchie, circa 5'8 "e ho i miei gusti in fatto di giacche di pelle, un paio di pantaloncini di jeans e leggings spogliati che escono da sotto sui suoi fianchi e una spessa maglietta nera -la maglietta è tutto ciò che ha addosso. La guardo un po' più intensamente per cogliere la sua forma e, anche se non riesco a distinguere le dimensioni del suo petto, ha un grosso culo.

Si accorge che la sto guardando e si fa strada per avvicinarsi. Quasi mi fa cadere dalla sedia mentre faccio firmare il suo foglio e mi guarda solo da sopra la spalla mentre lascia l'ufficio.

"Ho molto lavoro da fare", chiedo a Loretta mentre la folla si dirada.

“Scusa tesoro, moduli di richiesta di lavoro per bambini con lavoro e richieste di pausa nel fine settimana. Alcune ragazze qui hanno dei problemi e la maggior parte di loro è in questo o nel riformatorio," mi dice Loretta alzando lo sguardo dalla scrivania," sei annoiata?"

“Un po’, posso dare un’occhiata in giro?” chiedo.

Loretta annuisce e io esco dall'ufficio e inizio a guardarmi intorno. È un edificio a due piani, la maggior parte delle stanze delle ragazze sono al secondo e immagino che ci siano circa trenta ragazze qui. Noto le due sale ricreative e le docce del dormitorio quando vengo sbattuto di nuovo contro un muro dal mio "ammiratore".

"Ti piace prendermi in giro o qualcosa del genere", le chiedo appoggiandomi al muro.

"Perché sei di nuovo qui?" mi chiede senza rispondere alla mia domanda.

"Passerò del tempo con Loretta", le dico.

"Vuoi dire tua madre", dice, "wow, è stato così brutto usare il suo nome."

"Onestamente non ti parlerò della mia vita per metterla in imbarazzo", le dico iniziando ad allontanarmi ma lei mi afferra il braccio.

“Ehi, vieni con me”, dice trascinandomi nella direzione opposta.

Usciamo dalla porta sul retro dell'edificio ed entriamo in un'area di stoccaggio all'aperto con pochi capannoni e alcune attrezzature sparse qua e là. Vedo alcune delle altre ragazze che guardano dalla finestra, ma il mio "ammiratore" mi trascina dietro un capannone e si siede su una schifosa sedia di plastica.

"Okay, ora possiamo parlare", dice, "Allora perché sei così stronzo?"

"Perché sei così dannatamente ficcanaso?" ribatto.

"Perché sei nuovo, non ne riceviamo molte di nuove da queste parti", dice appoggiandosi allo schienale.

Chiacchieriamo un po', si chiama Jackie ed è qui da quando la sua famiglia se n'è andata. Non chiedo cosa significhi "allontanamento", ma immagino che sia il tipo della prigione o della morte.

"Quindi hai un fidanzato o cavalchi la faccia da ragazza", le chiedo decidendo di entrare nei suoi affari.

“Che cazzo, è proprio uno stronzo maleducato. Perché ti piace succhiare il cazzo o hai una cagna che lo fa per te?", ribatte Jackie con rabbia.

Inizio a ridacchiare e mi siedo su una vecchia panchina; Jackie mi fissa con molto calore negli occhi prima ancora che io giustifichi il suo commento.

"Ho tre amiche, tutte a casa", le dico, ricorda un po' le ragazze, "e sì, si conoscono tutte e sono tutte fantastiche."

"Quindi scopi anche con altre ragazze o solo con loro?" chiede curiosa.

“Perché mi fai una proposta?” rispondo sorridendo.

“Oh no stronzo, non ti sto prendendo per il culo. L'ultimo ragazzo che ho scopato mi ha quasi messo incinta il culo," dice Jackie accavallando le gambe.

“Così hai rinunciato agli uomini e hai cavalcato la faccia da ragazza,” ribatto ridacchiando.

Vedo che quel commento è entrato nella pelle di Jackie mentre mi dà un calcio su una sedia. Non mi muovo perché mi manca completamente. Jackie si alza velocemente dalla sedia e inizia a muoversi verso di me, poi si ferma e indietreggia un po', come se qualcosa non andasse. Mi alzo dalla sedia e questo la pietrifica, ancora di più quando mi avvicino a lei e lei indietreggia contro il capannone.

“Ascolta Guy, non farmi del male, okay. Mi dispiace di averti insultato e ti prometto che ti lascerò in pace, okay," supplica Jackie con più paura di quanto mi aspettassi.

Muovo il mio corpo contro quello di Jackie che la immobilizza dolcemente al capannone e inizio a farle scorrere le mani lungo i fianchi, lei trema al mio tocco quindi la mantengo morbida e gentile mentre infilo le mani sotto la sua maglietta e tocco la pelle. Quello che sento dopo non è qualcosa che mi aspetto mentre cerco la pelle morbida e liscia sulla schiena e sui fianchi e sento un leggero tessuto cicatrizzato. Strofino delicatamente i palmi delle mani sulla sua schiena e tolgo una mano per stabilire un contatto visivo. I graziosi occhi castani di Jackie sono terrorizzati da quello che sto facendo, tiro indietro il cappuccio e giro la testa in modo che possa vedere la mia cicatrice quasi guarita da quando sono stato aggredito l'anno scorso.

“L’ho capito quasi un anno fa. So cosa vuol dire farsi male", sussurro a Jackie, "pensi che ti farò del male?"

"Non lo so", risponde Jackie mettendo le mani dentro il mio cappotto e intorno alla mia vita.

"Cosa ti farebbe sentire meglio?" le chiedo tenendo le mani sul suo corpo.

Lascio che mi spinga indietro un po' prima che mi prenda la mano e mi riporti nell'edificio. Una volta dentro, passiamo davanti agli uffici e stabilisco un contatto visivo con Loretta per un secondo prima di arrivare alle docce. Non sento l'acqua scorrere dentro e Jackie mi fa cenno di restare ferma mentre lei si dirige in una sala ricreativa e dice qualcosa a una delle ragazze che si alza e le porge qualcosa dalla tasca. Entrambe le ragazze tornano da me e Jackie mi conduce in bagno mentre la seconda ragazza chiude la porta e rimane fuori.

"Oh Cristo, potrei finire nei guai seri per questo", mi dice Jackie nervosamente.

Mi siedo su una delle panchine e comincio a spogliarmi rimanendo in mutande, una volta finito vedo che Jackie si è solo tolta il cappotto e mi fissa nervosamente.

"Vuoi che ti aiuti, stai bene?" le chiedo notandola ancora vestita.

Inizia prima a togliersi i pantaloncini, lasciando addosso le mutandine bianche. Non appena si toglie la maglietta posso finalmente vederla crescere, con aria di sfida ha qualche chilo in più ma non troppo grassa, solo un po' di ciccia. Il reggiseno di Jackie si stacca e io le faccio vedere per la prima volta i seni della coppa C, ognuno con un bullone attraverso i suoi grandi capezzoli. Jackie si copre nervosamente mentre la guardo.

“Voltati, per favore”, le chiedo.

La sento piagnucolare ma lei obbedisce, poiché vedo che la sua schiena è ricoperta da lunghe cicatrici che non assomigliano per niente alle smagliature. Scivolo dietro di lei e le avvolgo le braccia intorno alla vita, tirando il suo corpo contro il mio. Jackie è rigida dal terrore e mi ci vuole un secondo per capire come calmarla. La giro lentamente e le alzo la testa per avvicinarla per un bacio. All'inizio è imbarazzante ed è ancora terrorizzata quando interrompo il bacio e la guardo morta negli occhi.

"Mi hai portato qui, ora so che hai paura, ma puoi scappare e io te lo permetterò", le dico a bassa voce, "oppure puoi mantenere la tua posizione."

Sento che mi abbraccia di nuovo e mi avvicino e la bacio una seconda volta, questa volta è più aperta e sento un po' la sua lingua mentre stiamo lì a pomiciare in mutande. Jackie mi ferma dopo un po' e va in uno dei box sul retro della doccia dopo aver aperto alcune delle altre docce. La incontro lì dietro e la bacio di nuovo, questa volta con più passione appoggiandola contro le piastrelle fredde. Comincio a far scorrere la bocca lungo il collo di Jackie e sollevando un seno con la mano inizio a succhiarle il capezzolo e il bullone.

"Non tirarlo fuori", ansima Jackie mentre mi metto il capezzolo in bocca.

Abbasso la postura in modo da essere all'altezza degli occhi del suo petto mentre le succhio il capezzolo; Immagino che sia un buon momento per scaldarla davvero. Prendo le mani libere, tolgo le mutandine di Jackie e le butto fuori dal box. Le allargo leggermente le gambe e strofino le dita contro la sua figa non rasata, trovando il clitoride e massaggiandolo leggermente. Le mani di Jackie sono ovunque dietro la mia testa e le mie braccia mentre la succhio e la sditalino, posso sentirla gemere mentre si strofina metodicamente il clitoride con un dito. Jackie inizia a muovere i fianchi contro le mie dita e io lascio cadere la sua tetta dalla mia bocca e cadendo in ginocchio, prendo una delle sue gambe e seppellisco la faccia nella sua figa.

"Oh merda, è troppo", ansima Jackie mentre le succhio il clitoride.

La figa di Jackie è dolce e calda mentre le succhio il clitoride; Uso le mani per tenerla sollevata e in posizione mentre la lavoro. Sto diventando duro ma voglio darle un orgasmo prima di scoparla senza senso. Le scottature degli ultimi giorni mi hanno tenuto lontano da Abigail e Bethany, ma ora è ridotto a un dolore sordo mentre mi stringe la testa come una morsa. Jackie inizia a sbattere la figa contro la mia faccia e gemendo più forte, sento un po' di liquido che mi scorre lungo il mento mentre raggiunge l'orgasmo. Mi alzo e tengo sollevato il corpo di Jackie finché non riprende i sensi. Lei mi guarda con un sorriso stupido e infilandomi la mano nei pantaloncini inizia a massaggiarmi il cazzo finché non diventa duro.

"Oh merda, mi serve il preservativo", dice Jackie bloccando la situazione mentre torna ai suoi vestiti e li tira fuori dalla tasca della giacca.

Una volta tornata nella doccia, Jackie mi tira giù i pantaloncini e apre la confezione del preservativo prima di farlo rotolare sul mio cazzo e alzarsi in piedi. Giro Jackie e la piego in avanti. Appoggia gli avambracci contro il muro e abbassa la testa mentre io strofino lentamente la testa del cazzo contro la sua fessura prima di trovare il buco della sua figa e lentamente infilare metà del mio cazzo dentro. Sento Jackie piagnucolare e mi rimango dentro di lei mentre mi stupisco di quanto sia stretta, non riesco a sentire alcuna consistenza grazie al preservativo ma è abbastanza stretto che decido di prendermi il mio tempo e iniziare lentamente a infilare il mio cazzo a metà dentro e fuori della sua figa.

È un ritmo esasperante per me considerando che non facevo una bella scopata dura dai tempi di Katy una settimana fa, ma Jackie non implora che finisca perché lo mantengo lento e tranquillo. Guardo mentre una delle mani di Jackie cade dal muro e si muove, presumo, tra le sue gambe, massaggiandole il clitoride. Abbasso lo sguardo e riesco a vedere più del suo sperma sul preservativo, quindi spingo fino in fondo. Non appena sono dentro, la testa di Jackie si dondola all'indietro e grugnisce forte per l'invasione, le tolgo le mani dai fianchi e le raggiungo sotto il petto, prendo una tetta in ciascuna mano e inizio a massaggiarle mentre le magro il cazzo dentro figa.

"Lo vuoi più duro o dovrei mantenerlo morbido", chiedo a Jackie dandole piccole spinte del mio cazzo.

"Puoi farlo senza farmi del male?" chiede Jackie guardandomi da sopra la spalla.

Sorrido e lascio andare le sue tette e tiro fuori il mio cazzo dalla sua figa finché non rimane solo la testa dentro di lei prima di sbattere tutti i sette pollici e mezzo in profondità nella figa di Jackie. Lei strilla un po' per lo shock e sposta la mano dalla figa alla bocca. Continuo a tornare indietro fino in fondo e a ricacciarlo dentro quando Jackie mi guarda con uno sguardo disperato sul viso. Scendo entrambi nella stalla finché non siamo in ginocchio e le mani di Jackie sono sotto il suo viso prima di prenderle i fianchi e martellare forte e veloce il mio cazzo dentro e fuori dalla sua figa. Posso sentire Jackie grugnire mentre le colpisco la figa e la tensione sta diventando eccessiva per me mentre mi sento avvicinarmi. Mi fermo sepolto dentro Jackie prima di tirarla fuori e farla rotolare sulla schiena, lei mi guarda confusa e leggermente stordita mentre allargo le sue gambe e la spingo dentro la sua figa.

Avvolgo le braccia sotto quelle di Jackie e le tengo la testa mentre riprendo il mio ritmo frenetico. Jackie mi guarda con lo stesso sguardo spaventato e disperato quando stabilisco il contatto visivo e sento il formicolio alla base del mio cazzo che inizia a venire nel preservativo. Mi irrigidisco e da qualche parte nella macchia sento le sue mani sul mio corpo che mi attirano contro di lei. Sono rimasto lì con la testa appoggiata accanto a quella di Jackie mentre mi massaggia la schiena calmando il mio umore e quando mi alzo per vedere il suo viso ha un sorriso dolce prima di baciarmi leggermente e aiutarmi a uscire dal suo corpo e dalla sua figa.

Mi puliamo un po' e mi vestiamo prima di uscire silenziosamente dalle docce. La ragazza di guardia alla porta fa un cenno a Jackie prima di tornare nella sala ricreativa. Lascio che Jackie mi conduca fuori nei capanni e una volta fuori mi fa sedere sulla panchina e si siede accanto a me.

"Non pensavo che i ragazzi potessero essere così", dice Jackie appoggiandosi a me.

"Immagino che tu abbia conosciuto alcuni ragazzi non di merda nella tua vita", rispondo calorosamente.

Jackie non risponde e io non indago sul suo passato mentre ci sediamo tranquillamente prima di essere raggiunte da altre ragazze. La maggior parte di loro mi guarda come se sapesse cosa ho fatto, ma non dicono nulla mentre parlano con Jackie. Immagino che questa sia la mia occasione per allontanarmi e dopo aver dato una gomitata a Jackie e essermi alzata, la vedo annuire e continuare a chiacchierare. Una volta dentro vedo Loretta ancora alla sua scrivania e mi siedo di fronte a lei.

"Siamo al sicuro", chiede Loretta senza alzare lo sguardo dai suoi documenti.

"Sì, quello che è successo tra me e Jackie è un problema?" chiedo di rimando.

Loretta scuote la testa e chiude la cartella davanti a sé prima di afferrare la borsa e portarmi in un altro ufficio con dentro una robusta donna latina.

"Ho finito per oggi e sarò fuori con mio figlio in caso di emergenza", dice Loretta alla donna prima di partire.

Torniamo alla macchina e appena siamo in strada Loretta decide che andremo al centro commerciale. Una volta nel parcheggio vedo che questo è molto più grande di quello in cui vado a casa, due piani e un teatro incorporato.

"Ehi, dobbiamo comprarti delle belle magliette e dei pantaloni", mi dice Loretta.

Mi ricordo di me prima di Derek e di Heather e devo raggiungere Loretta. Una volta dentro mi trascina in un negozio di stilisti per "giovani uomini" e inizia a guardare polo e pantaloni cachi. Dopo circa mezz'ora e tre diverse fasi di prova delle cose che sceglie, posso vederla frustrata dal fatto che non voglio indossare abiti eleganti.

"Okay, devi provare a lavorare con me su questi vestiti, non ti uccideranno", mi dice Loretta dopo che sono uscita dallo spogliatoio con la mia attrezzatura originale.

"Non mi piacciono i vestiti eleganti, ho smesso di indossarli l'anno scorso", le dico, "mi fanno sentire una femminuccia."

"A Mark e suo figlio piacciono molto e ricordo che tuo padre era d'accordo con loro, quindi cosa c'è che non va tra te e questi vestiti?" chiede Loretta sulla difensiva.

Le spiego di più sulla cosa che è accaduta tra Derek e Heather, le racconto di come sono sempre stato il bravo ragazzo e di quando ho spezzato e bruciato tutti i vecchi vestiti. Si siede pazientemente e mi ascolta prima di prendere due camicie, una nera e una bianca, e dei pantaloni neri.

"Okay, quindi questi sono i tuoi bei vestiti mentre sei quaggiù", mi dice Loretta con un livello di risolutezza.

Vorrei oppormi, ma immagino che non dovrò indossarli tutto il tempo mentre lei paga gli articoli e ci dirigiamo verso l'area ristorazione. Ci sistemiamo per la pizza per pranzo e chiacchieriamo tranquillamente quando lei inizia a fissare alcuni bambini che giocano intorno ai loro genitori. Mi giro e vedo i bambini che corrono in giro e si comportano in modo matto, ma quando mi giro verso Loretta ha l'espressione "sul punto di piangere".

“Riesco a malapena a ricordarti allora. So che oggi cercavi di essere gentile in ufficio, ma ho solo pochi ricordi sobri di te che giocavi da bambino", mi dice Loretta con le lacrime agli occhi.

“Non ho cercato di essere gentile in ufficio, sono stata onesta”, le dico prendendole la mano, “non sono più conosciuta per essere particolarmente gentile con molte persone. Quando Mark mi ha teso un'imboscata, onestamente ho pensato che avrei dovuto andarmene e lasciare che la tua famiglia restasse al vento. Io non sono gentile ma loro lo sono”.

Prendo il telefono e le mostro una foto di Korinna, Katy e Mathilda. Le lascio prendere il telefono e lei si asciuga le lacrime guardandolo.

“Questo è il mio lato carino; Chiedo loro quando sto esagerando con la maggior parte delle cose. L'anno scorso ho salvato Katy da qualcuno peggiore di te e lei ha detto che meritavi una seconda possibilità," le dico stringendole la mano," Odio stare lontano da loro, mi mancano da morire. Immagino solo che possiamo sistemarci su tutto quello che è successo in passato oppure no.

Rimaniamo più seduti in silenzio mentre Loretta riprende la calma e una volta che sta bene buttiamo via i nostri vassoi e lei mi trascina in un negozio di abbigliamento più moderno. Nel negozio si trovano un sacco di pantaloni cargo e magliette spiritose con cinture e stivali borchiati. Le ho lasciato iniziare a esaminare i diversi pezzi finché non ha delle camicie di poliestere abbottonate con fantasie più belle e dei pantaloncini lunghi. Una volta pagato, mi trascina di nuovo in un camerino ed entra per un minuto e dopo essersi guardata intorno solleva la parte anteriore della camicetta mostrandomi la pancia, faccio marcia indietro per un secondo finché non vedo il tatuaggio con "il mio miglior piccolo ragazzo" ' e la foto di una faccia da bambino sulla pancia sul lato destro. Loretta si abbassa la maglietta e esce.

"L'ho capito dopo che tuo padre ha divorziato da me perché pensavo che non ti avrei mai più rivisto", mi dice Loretta cupamente, "Ora portami dove ti farai il tatuaggio."

Mi faccio condurre fuori dal centro commerciale e le do le indicazioni per lo studio di tatuaggi, sono venti minuti di macchina e una volta lì Loretta non perde tempo, scende dall'auto e mi conduce dentro. Una volta entrato riconosco la ragazza al bancone e il vecchio della mia prima visita. La ragazza assume uno sguardo acido quando vede Loretta.

"Signora, posso aiutarla?" chiede la ragazza a Loretta.

"Chiunque sia responsabile dica loro che un genitore ha bisogno di parlare con loro", risponde Loretta facendo sì che la ragazza guardi suo nonno.

Guardo il vecchio che fa per alzarsi ma Loretta non perde tempo e si dirige dietro il bancone e si siede su una sedia accanto a lui.

"Questo è il tuo posto", dice Loretta più che chiedere, "e hai tatuato il mio bambino sotto i diciotto anni senza il consenso dei genitori."

"Ascolta signora, non so chi sei ma il ragazzo voleva un tatuaggio e se lo è fatto, non è stato fatto ma è una cosa tra lui e il mio ragazzo Smitty", risponde chiaramente il vecchio.

“Oh, non sono arrabbiata, sono sua madre e ti do il consenso”, gli dice ricevendo una strana reazione da parte della ragazza e di suo nonno.

"Non sei qui per sporgere denuncia o sporgere denuncia", chiede la ragazza.

"No, volevo solo farti sapere che i suoi affari qui vanno bene e non ci saranno problemi", le dice Loretta riportando la sua attenzione al vecchio, "Va tutto bene adesso?"

Il vecchio annuisce e sorride a Loretta che si alza e mi accompagna fuori dal negozio e alla sua macchina. Stiamo tornando a casa quando lei mi vede fissarla confusa.

"Se dicessi loro che non voglio che tu trovi più lavoro e che sono nei guai, immagino che ti arrabbieresti piuttosto con me", chiede chiaramente Loretta.

Annuisco e vedo che sta sorridendo dal posto di guida. Scuoto la testa per la situazione, prima non vuole che ne prenda uno, ora ho il permesso. Entriamo nel vialetto e parcheggiamo la macchina nel garage, scarico i pochi vestiti che Loretta mi ha comprato e porto anche quelli nella mia stanza passando davanti alla porta aperta di Bethany. Guardo casualmente dentro e vedo lei e Abigail che esaminano cosa indosserà Abigail all'appuntamento di stasera.

Immagino di procurarmi i vestiti per l'"appuntamento" prima di mandare un messaggio a Carlos e assicurarmi che le cose vadano bene. Lui risponde che dovrebbe andare tutto bene e che sta pensando di portare Abigail a vedere un film al centro commerciale per mantenere le cose dal lato "sicuro". Chiedo se Marta è brava a vedere un film e lui non risponde. Immagino che si sia dato da fare e noto che sono solo le due del pomeriggio. Mi rilasso e mando messaggi alle mie ragazze a casa sui miei piani per la serata. Korinna sembra più depressa, Katy mi sostiene e Mathilda mi "minaccia" di abusi sessuali quando torno. Ridacchio e prendo nota di incontrare qualcuno con Mathilda quando torno, ma è Kori che mi preoccupa e mando a Jun un avviso chiedendo a lui e Natsuko di controllarla perché penso che le cose si stiano allontanando troppo. Mi fa sapere che sua sorella è impegnata e di non preoccuparsi. Essendo Kori la prima e la più bella delle tre ragazze, è stato davvero un bene lasciarmi andare quando è successo, ma sono più preoccupato per lei ora che è passata quasi una settimana.

La mia porta si apre di colpo e Mark Jr. è lì con uno sguardo di attesa sul viso mentre chiude la porta e si siede sul divano.

"Quindi porteremo la mia sorellina a un doppio appuntamento", mi dice Mark con una certa preoccupazione.

"Sì, Carlos della sua scuola e sto vedendo sua sorella Marta", gli fornisco chiaramente i dettagli.

"No, voglio dire, vi porterò tutti laggiù e tornerò su", Mark mi informa più che chiede.

"Amico, devi rilassarti dannatamente, ho capito che è tua sorella ma sarò lì e non le succederà niente di brutto," gli dico cercando di calmarlo, "Accetto che tu ci accompagni laggiù ma non restare alle nostre spalle, se vuoi restami vicino e ti manderò un messaggio se succede qualcosa.

Raggiungiamo l'accordo che sarà in zona se qualcosa va storto e rimango di nuovo solo nella mia stanza a chiedermi se sia così protettivo nei confronti di tutto in casa. Decido che è il momento giusto per fare un'altra doccia visto che prima mi sono divertito con Jackie.

Esco dalla doccia e mi prendo il tempo necessario per prepararmi, camicia nera abbottonata con alcuni disegni tribali in rosso sul petto e maniche corte con i miei jeans e stivali blu scuro; Prendo il cappotto e vado nella stanza di Bethany e la vedo aiutare Abigail con un po' di trucco leggero. Mi appoggio sulla soglia e noto Abigail, una semplice gonna gialla e una semplice camicetta bianca abbottonata. Posso ammirarla per aver seguito un percorso semplice, non troppo allettante ma comunque dannatamente carino.

"Ha già un appuntamento", annuncia Bethany mettendo via il trucco.

Conduco Abigail giù al garage e Mark sta aspettando con la sua macchina, io salgo dietro e Abigail sale davanti prima di partire. È quasi mezz’ora di viaggio ma siamo lì pochi minuti prima delle cinque. Mark mi lancia uno sguardo da fratello maggiore e io annuisco mentre io e Abigail entriamo nel centro commerciale.

Facciamo un giro prima di andare a teatro e mando un messaggio a Carlos per dirgli che siamo qui. Invece di una risposta, Carlos si presenta dall'atrio del teatro in pantaloni color kaki e camicia bianca. Sorride quando vede me e Abigail lì in piedi.

"Ehi, non pensavo che saresti venuto", dice Carlos ad Abigail un po' sorpreso.

“Beh, è ​​un doppio appuntamento. Dov’è Marta?” chiede Abigail con aria interrogativa.

"Il tuo appuntamento sta arrivando, la mamma l'ha tenuta qui per un po' ma ha un passaggio e sarà qui tra poco, possiamo prendere posto adesso se voi due volete," spiega Carlos entrando.

“La aspetterò qui amico, ma prima prenderò i biglietti per voi due e comprerò i nostri quando arriverà qui”, dico a Carlos sentendomi generoso riguardo alla situazione.

Consegno loro i biglietti per il cinema, mi siedo su una panchina davanti al cinema e aspetto Marta. È tranquillo quando i film si avvicinano all'inizio e controllo l'orologio per vedere che il film è già iniziato. Me lo scrollo di dosso e tengo d'occhio Marta. Dopo un'ora mi chiedo se mandare un messaggio di testo a Carlos, ma è un film ed è scortese, quindi decido di mandare un messaggio a Mark e chiedergli come sta. Mark risponde che sta solo chiacchierando con una bomba e se le cose vanno bene, dico che andrà tutto bene e metto via il telefono.

Dopo due ore di attesa ho messo il cappotto e il cappuccio, inutile dire che sono di pessimo umore. Mi hanno appena preso in giro, Carlos mi ha preso in giro. Il film finisce e vedo Carlos e Abigail parlare amabilmente quando vedo la coppia dietro di loro, riconosco Marta della scuola e quel ragazzo latino magro con un braccio attorno alla sua vita che era con loro quando ho salutato Abigail. Mando velocemente un messaggio che il film è finito e dove si trova Abigail a Mark con un "Ho finito, cazzo", ricevo una risposta "oh merda" e mi tiro su il cappuccio prima che le coppie escano dall'atrio del teatro. Non appena sono completamente fuori, mi alzo dalla panchina e non appena tutti tranne Abigail mi vedono, ricevo gli sguardi "oh merda".

"Ciao sei tu Guy, io sono Romeo", dice il ragazzo magrolino tendendogli la mano, "ti ho cercato nell'atrio quando è iniziato il film ma non ti ho visto."

Distolgo gli occhi da Carlos e fisso un buco in "Romeo" facendolo indietreggiare accanto a Marta. Abigail è confusa e inizia a fare domande quando la fermo.

"Ehi, devo aver capito male Carlos quando ha detto che avrei preso parte a questo doppio appuntamento", dico con veleno malato, "prendete tutti qualcosa da mangiare, io sono fuori."

"Ehi ragazze, posso parlare un attimo con Guy da solo?" chiede Carlos.

Le ragazze se ne vanno portando Romeo con sé e vedo Carlos che cerca di capire come spiegarsi a me. Non gli do l'opportunità e me ne vado, lo sento chiamarmi ma se sento più parole ucciderò qualcuno. Arrivo all'estremità opposta del centro commerciale e mi siedo su una panchina, ho un messaggio di Abigail che mi chiede anche dove sono andata ma le dico di non preoccuparsi e di divertirsi.

Non passa molto tempo che ricevo un messaggio da Carlos che dice che Abigail è preoccupata per me e di tornare a parlare con loro in modo che possa spiegare. Non rispondo al messaggio e cerco di capire l'intera situazione. Carlos deve aver guardato Abigail per un po' ma non ha avuto alcun approccio per chiederle di uscire, ho espresso interesse per sua sorella e ho offerto un doppio appuntamento che gli ha dato la possibilità di poterla far uscire senza sembrare sciocco. Poi sua sorella porta il suo vero appuntamento e lui può almeno mettere piede nella porta parlando con Abigail. Vorrei quasi farmi tatuare la parola "strumento" sulla fronte, ma decido di non farlo mentre mi accovaccio ancora per qualche minuto prima di mandare un messaggio a Mark che me ne vado per rinfrescarmi o qualcosa del genere.

Esco e inizio a camminare sul marciapiede del centro commerciale cercando di rinfrescarmi. Voglio tornare indietro e picchiare a morte Carlos, ma poi potrò guardare Abigail impazzire mentre il suo simpatico appuntamento semi-normale finisce con le domande della polizia e io con le manette. Comincio a pianificare un'imboscata o qualcosa del genere e quasi vado a sbattere contro qualcuno.

"Ehi cabron, attento dove cazzo vai", sento urlarmi una voce leggermente femminile.

Alzo lo sguardo e mi rendo conto che sto fissando una donna latina arrabbiata di 5'9 pollici con una giacca di jeans, pantaloni abbinati e una canottiera bianca sotto il cappotto. Normalmente sarebbe sexy, ma in questo momento sono troppo incazzato per preoccuparmene e salutarla mentre continuo il mio giro per il centro commerciale. Ancora un minuto e vengo chiamato da una voce sconosciuta.

"Ehi, sei ragazzo", chiede la donna che ho incontrato un minuto fa.

"Sì, che cazzo vuoi", chiedo davvero non in vena per nessuno.

"Beh, fottiti anche tu amico, Carlos mi ha mandato qui per scoprirti perché sono in ritardo per la data", mi dice di prendere un atteggiamento difensivo.

Penso a quello che Carlos ha detto prima, il mio appuntamento era in arrivo. Non ha detto Marta ma quando abbiamo parlato all'inizio della settimana ed è quello che ha detto che avrei visto. Fantastico, non solo mi giocano, ma è un'esca e un interruttore.

"Beh, è ​​fantastico", rispondo a lei, "quindi sei qui ora, ma indovina un po ', non sono davvero interessato a passare più cazzate oggi, quindi vai dentro e dico a Carlos grazie ma no grazie."

"Mi scusi non sono il tuo fottuto messaggero e che cazzo intendi per cazzate", chiede di abbinare la mia rabbia.

"Non è la tua fottuta attività, soprattutto quando prendo la fottuta testa di tuo cugino e lo aprirò come una piñata e vado a cercare caramelle dopo la merda che ha appena tirato", rispondo a girandomi e continuando la mia passeggiata.

Posso sentirla camminare dietro di me, ma lo ignoro mentre immagino che sia al telefono e o parlo con Carlos in spagnolo o cercando di fare un giro veloce da me. Comincio a caricare il mio iPod quando la ragazza mi interrompe di nuovo.

"Okay, ho appena parlato con Carlos e ha detto che ho bisogno di riportarti dentro in modo che possa spiegare", dice cercando di portarmi dalla spalla.

"Togli la tua fottuta mano da me o la mia natura gentile e amichevole che hai visto diventerà davvero brutto", mi ringhio per fermarla a morto nelle mie tracce.

La guardo fermarsi nelle sue tracce e quasi lascio andare il mio cappotto quando vedo i suoi occhi, il fuoco e nessuna esitazione. Lancia un pugno e sto davvero per combattere, ho pensato che Carlos sapesse come tenere la sua merda, ma questa femmina ha il suo fottuto numero da quello che posso vedere.

"Ascolta, mi sono messo in giro per questo perché mia cugina ha detto che eri un culo duro", inizia ", ci siamo incontrati con una brutta merda, il tuo nome è ragazzo, il mio è Imelda. Ora per l'ultima volta, per favore, vieni con me e successivamente possiamo far uscire il cazzo da qui. "

Dovrei semplicemente andarmene e lasciarlo da solo, ogni volta che le persone vogliono spiegare qualcosa che cercano di giustificare il motivo per cui ti hanno fregato. Scuoto la mano di Imelda dalla mia spalla e la seguo di nuovo all'interno del centro commerciale. Ci vuole un minuto per tornare alla food court e vedo che tutti stanno mangiando e meno chiacchierando quando tutti e quattro mi vedono e si fermano del tutto. Tengo una distanza decente dal loro tavolo e guardo mentre Carlos decide di alzarsi e avvicinarsi a me.

"Okay Homes So che sei incazzato, ma fammi spiegare", inizia Carlos con la sua spiegazione ", ho parlato con Marta della data, l'ho davvero fatto. Ma è stata con Romeo da un anno ormai e non voleva uscire con te, quando hai impostato la data ho chiamato Imelda e le ho chiesto di essere il tuo appuntamento da quando ho pensato che voi due sarete andati d'accordo. So che sei arrabbiato ma volevo solo la possibilità di sedermi davvero e parlare con Abby. Riesci a capire il mio punto? "

“Sì, posso capire. Capisco che quando abbiamo avuto questo discorso la prima volta che hai fatto un doppio appuntamento con Abigail e Marta. Capisco anche che mentre mi sono tenuto alla fine dell'accordo di appuntamento, hai fatto il backup e ho tirato fuori un lavoro senza nemmeno cercare di spiegarmi ”, gli dico che si arrabbi più.

"Non volevo che ti ritirassi, puoi almeno essere ragionevole al riguardo", supplica Carlos cercando di tenere sotto controllo le cose.

“Ragionevole, facciamo un accordo e lo rompi. Ragionevole, non ho battuto la fottuta merda dal tuo culo da tradire quando sei uscito dal teatro ", ringhio", non importa quello che dici ora, avresti potuto dirmi solo giorni fa. Immagino che il motivo per cui tieni i tuoi amici intorno a te a scuola è, quindi nessuno calcia la merda dal tuo culo bugiardo. "

Vedo che è lacerato dall'idea che io mi battesse fuori da lui o il mio racconto a Abigail cosa è realmente accaduto. Lo guardo oltre e vedo Abigail che mi fissa in attesa. Sorrido a Carlos e lo spingo davanti a lui che fa un ricordo a Imelda per aspettare dove si trova.

"Quindi non ho avuto tutta la storia dritta la prima volta e ora ho bisogno di prendere il mio appuntamento con la cugina di Carlos in modo che non si sente male", dico ad Abigail di mettere una faccia più amichevole ", ti assicuri Divertiti e chiama Mark quando hai bisogno di un passaggio a casa. "

Vedo Abigail annuire e lei mi prende la mano e lo stringe per farmi sapere che sono gentile per lei. Non guardo nemmeno Marta e Romeo mentre torno a Imelda. Guardo Carlos mentre cammino e Imelda si abbina al mio ritmo mentre iniziamo a camminare nel centro commerciale.

"Allora cosa facciamo ora", chiede Imelda.

"Non me ne frega un cazzo di quello che facciamo, scegli qualcosa", le dico ancora agitato.

Vedo che il viso di Imelda diventa acido e lei mi afferra il braccio e mi trascina in un corridoio di servizi di bagno pubblico dove non ci sono persone che camminano in giro. Non appena siamo nella sala, la guardo controllare le estremità prima di essere spinta contro il muro e sbatte la bocca nella mia in un bacio arrabbiato. Non sono pronto per un bacio, ma l'ho lasciato andare per un minuto fino a quando non lo rompe e mi fissa un po '.

"Mi piace il culo duro, il culo duro è un vero problema da trovare quando tutto ciò che ottengo sono fuori dalle fighe del liceo che pensano che duramente sia la pratica del calcio", mi dice Imelda, "ora voglio un appuntamento decente con un po 'di cibo e un film Prima di riportarti a casa mia e facciamo del buon sesso caldo. "

Non so se lo guardo, ma nella mia testa sono sbalordito dal puro livello di incazzato e chiedo che io abbia davanti a me fare la sua dichiarazione di missione per la sera. Mi ci vuole mezzo secondo per girare i tavoli e metterla contro il muro e sbattere la bocca in Imelda.

"Ho i soldi ma devi decidere dove cazzo che vuoi andare", le dico finalmente rompere il bacio.

Mi districano l'uno dall'altro e ho qualche altro adolescente che fissa, generalmente lo ignoro, ma guardo mentre Imelda fa qualche passo prima di fermarmi e fissare un ragazzo.

"Se non smetti di guardarmi, prenderò una delle tue fottute palle se riesco a trovarle", ringhia Imelda mentre lasciamo la sala.

Le ho lasciato decidere il film, un film d'azione grazie a Dio. E ci dà abbastanza tempo per mangiare in un piccolo negozio di hamburger nel centro commerciale con posti a sedere reali prima dello spettacolo. Ho lasciato l'ordine per se stessa e una volta ordinato posso dire che vuole parlare, quindi finalmente mi tolgo il cofano cercando di aprirmi a lei.

“Non avevi idea di essere il tuo appuntamento per stasera. Bel One Carlos ", dice o chiede Imelda, ma non posso dire quale.

“Sì, non avevo idea che esistesse nemmeno. Pensavo che avrei avuto la possibilità di colpirlo con Marta ", rispondo", ma non credo che calciare la merda da Romeo l'avrebbe fatta interessare. "

Imelda ridacchia alla dichiarazione. Le dico di essere solo una vacanza incasinata per me e che non sarò in giro dopo cinque settimane. Discutiamo le relazioni passate e quando sollevo Heather e Derek la guardo arrabbiarsi visibilmente.

"Vedi che la merda è il motivo per cui non voglio che i miei ragazzi vadano in giro con le puttane che non ho combattuto", esplode Imelda mentre il nostro cibo viene servito.

“Beh, dopo di che ho avuto delle amiche di migliore qualità e mi mantengono davvero a livello. Il più delle volte ", le dico sorridere.

"Oh merda stai tradendo la tua ragazza mentre sei quaggiù", Imelda fermando l'intera conversazione.

Le spiego lo scenario di relazione e le mostro alcune delle foto delle ragazze per aiutare a illustrare la mia onestà in tutto l'accordo. Mi consegna il telefono e riprendiamo a mangiare. Pago l'assegno e arriviamo a teatro con qualche minuto di riserva. Controllo il mio orologio e vedo che sono le nove di notte e scatto un messaggio di testo per segnare di cui mi sono preso cura di me e gli scriverò più tardi quando sarò fuori dal film. Ricevo una risposta che dice che ha Abigail in macchina e che sta sorridendo per la sera e che le dirà che sto bene.

Mentre ci sediamo e guardiamo il film, noto che il bracciolo si muove e Imelda si toglie la giacca del jeans e mi entra dentro il mio cappotto costringendomi a mettermi il braccio attorno a lei. Ci coccoliamo e decido di spingere la fortuna lasciando che la mia mano riposino sul petto di Imelda. Sento il suo turno e mi toglie la mano prima di rimetterlo nella canotta dandomi pieno accesso al suo seno solido.

"Voglio finire il film, quindi rilassati e non fotterlo", mi dice Imelda a guardare ancora lo schermo.

Sento il suo capezzolo un po 'attraverso il suo reggiseno e diventa difficile con un po' di sfregamento prima di appoggiare la mano intorno al tutto e rilassarmi. Immagino che sia una tazza B ma sia distratta dalla scontro a fuoco sullo schermo e rilassarsi in un film decente. Novanta minuti di pistole e esplosioni sono molto meglio del dramma di cazzate per due ore e mentre usciamo dal teatro guardo Imelda rimettere la giacca per coprirle le spalle mentre colpiamo il parcheggio. Vado a cercare un'auto o un camion ma mi interessa un po 'quando Imelda mi conduce a una motocicletta Yamaha dall'aspetto decente. Prendo il casco che si tira fuori dal punto di stoccaggio sotto il sedile e lo fisso prima di sedersi dietro di lei e afferrare i fianchi con le mani mentre scendiamo lungo la strada.

Mi rendo conto di non essere mai stato in bici prima quando al primo turno la sento magra e quando non lo vacilmo un po 'e lei rallenta così posso sentirla urlare contro di me per appoggiarmi con lei. Abbassa il ritmo e dopo circa dieci minuti di guida posso vedere che siamo in un quartiere non così bene mentre ci inseriamo in quello che posso supporre sia il suo posto.

"Non è il posto peggiore in cui sono stato preso dopo un appuntamento", dico a Imelda che le ha restituito il secondo casco.

"Sì, beh, mia mamma e io non possiamo permetterci di meglio, quindi è il suo palazzo, mi aiuterò solo con le bollette", mi dice Imelda con un po 'di orgoglio.

La seguo dentro ed è molto più pulito di quanto pensassi mentre attraversiamo il soggiorno e in quello che posso supporre sia la sua camera da letto nella parte posteriore. Ho abbastanza tempo per entrare prima che Imelda chiuda la porta dietro di me e mi spinge sul letto e mi mette su di me. Non perdo tempo a afferrare il suo corpo e ci immergiamo la bocca in una guerra per il dominio. È buio ma c'è abbastanza luce dall'esterno che posso vederla mentre ci rompe dal bacio/combattiamo e lei si siede e tira fuori la giacca e strappa la canotta. Tiro fuori le braccia dal cappotto e annulla rapidamente i bottoni sulla camicia quando il mio telefono si illumina con una chiamata. Spingo Imelda e mi alzo a rispondere alla chiamata.

“Guy dove sei, Mark e Abigail sono a casa ma hanno detto che il tuo appuntamento era in ritardo. Hai bisogno di un giro tesoro ”, mi viene chiesto da Loretta prima ancora di poter salutare.

"No, sto bene, ascolta sono davvero stanco e sarò a casa la prima cosa la mattina che prometto", dico a Loretta mentre Imelda mi annulla i pantaloni e toglie il mio cazzo duro.

"Sei sicuro, tesoro, posso venire dove sei e prenderti più tardi se sei ancora fuori a divertirti", offre Loretta.

"Andrà tutto bene, prometto che chiamerò se le cose vanno di lato su di me e ho bisogno di aiuto", dico a Loretta mentre guardo Imelda rotolare sulla schiena e prendo metà del mio cazzo in bocca mentre ti tiro i jeans e le mutandine spento.

"Va bene, ti diverti e torna presto domani", mi dice Loretta che termina la chiamata.

Lascio cadere il telefono sul mio cappotto e prendo il seno di Imelda con le mani che le fa lamentarsi sul mio cazzo. Riesco a vedere l'intero corpo di Imelda in condizioni di scarsa luminosità mentre lavora il mio cazzo e striscia sul letto mantenendo il mio cazzo in bocca e una volta che mi metto il viso in posizione iniziando a lingua il clitoride lentamente. La figa di Imelda ha dei bei peli e ha un sapore salato in senso positivo; Riesco a sentire la sua pausa per un secondo prima di riprendere il suo "lavoro" mentre entriamo in scanalatura con i nostri sessantanove.

"Okay, alzati e sdraiati sulla schiena", mi dice Imelda togliendo il mio cazzo dalla bocca.

Decido di rispettare la sua richiesta e rotolare sulla schiena solo per farla prendere la testa e stare a cavalcioni con la sua figa.

"Ti fotterò il viso crudo", mi dice Imelda tirando la bocca al clitoride.

Immagino che sia bello dare un po ', quindi mi afferro i fianchi con le mani e seppellire la lingua nel buco della figa di Imelda. Riesco a sentirla tesa, ma la tengo come un vizio mentre inizia a afferrarmi per le mani per qualcosa da trattenere dopo avermi bocchetto alla testa per i capelli che non ho. La sento gemere e con il suo accento è davvero sexy e porto una mano tutto intorno a lui e inizio a strofinarmi il clitoride che la mia lingua lappano alla sua figa. La nuova sensazione che mette Imelda che mi parla in spagnolo, ma dal momento che non mi schiaffeggia, accelerò fino a quando non inizia a sbattere e controllarsi contro la mia faccia. Ci vuole circa un minuto ma sento la sua figa un po 'contrarre sulla mia lingua mentre l'intero corpo di Imelda si blocca con il suo primo orgasmo.

La rotollo sul suo fianco e mi prendo la faccia dalla figa di Imelda mentre inizia a riprendere fiato. Vedo che si rilassa ma non ho voglia di aspettare mentre mi muovo fino alla testa di Imelda e dopo averla trasformata per affrontare il mio cazzo spingi tutta la lunghezza in bocca. Il primo pompino è stato buono, ma ora scenderò e lei lo prenderà come ho fatto per lei. Afferro i capelli sul retro della testa di Imelda e inizio a scopare il viso forte e veloce. Posso sentire il bavaglio di Imelda ma lei non impazzisce come se fossi successo prima, mi ci vuole un secondo, ma vedo mentre mi sto scopando il viso, le sta già colpendo la figa. Mi tengo una mano sulla testa mentre prendo l'altra e pizzico il suo capezzolo. Posso iniziare a sentire quel formicolio mentre martero la faccia di Imelda con il mio cazzo e decido di andare a rotto forzando il mio cazzo fino in fondo alla sua bocca e sparando direttamente nella sua gola.

Mentre sto sbocciando, sento che le mani di Imelda vanno a quella in testa e mi fanno allentare un po 'la presa mentre riprende a bobandosi la bocca sul mio cazzo. Mi metto la mano sul muro per mantenere l'equilibrio mentre Imelda funziona l'ultimo di sperma dal mio cazzo prima di lasciarmi cadere dalla bocca.

"Se ho mai incontrato una delle tue amiche, le sto ringraziando", Imelda ansima seduto un po 'dal suo letto.

"Chissà cosa succederà", rispondo sdraiato sulla schiena.

Comincio a riprendere fiato, ma Imelda sembra avere altre idee mentre sposta il suo corpo e inizia a succhiare di nuovo il mio cazzo. È quasi doloroso avere Cum così difficile solo per farla succhiare e cerco quasi di fermarla, ma decido di lasciarla lavorare. Il "dolore" si attenua e Imelda mi ha di nuovo duro e mi tira su di sdraiarmi. Guardo mentre si gira e mi metto in ginocchio mentre lei appoggia il culo al mio cazzo prima di prendere la testa e allinearlo con il suo buco della figa.

"Ora non prenderti il ​​tuo tempo e fottemi duro", mi dice Imelda girare la testa in modo da poter vedere il suo ghigno.

Mi prendo i fianchi tra le mani e sbatto la lunghezza del mio cazzo in profondità nella sua figa che fa un gemito da entrambi. La figa di Imelda è liscia e immersa nel suo sperma che rende la mia prossima spinta ancora più facile della prima. Non ho colpito il fondo ma sono palloni nella sua figa e inizio a lavorare sul mio cazzo dentro e fuori in colpi duri e lunghi. Vedo che le piace ma mi guarda quasi chiedendo se mi sto stancando. Ho avuto l'idea e dopo aver appoggiato il mio cazzo a qualche centimetro dalla figa di Imelda, raggiungendo la mia mano sinistra e prendo una manciata di capelli neri nel pugno e tira violentemente la testa indietro mentre sbatte il mio cazzo dentro. Grune alla prima spinta, ma non smetto di andare duro, veloce e profondo. Vedo il suo viso un po 'mentre giro la testa; È tutto contorto per il dolore e il piacere. Stiamo entrambi grugnendo e gemendo mentre scopro la figa di Imelda cercando di romperla o colpire il fondo. Prendo la mia mano destra uno schiaffo la guancia del culo di Imelda con uno schiaffo rapido che attira la sua attenzione veloce. Un altro schiaffo e lei mi afferra la mano e mi spinge in avanti per farmi un po 'più a fondo dentro di lei. Riesco a sentirmi più vicino all'orgasmo mentre inizia a mormorare qualcosa in spagnolo, mi scuoto la mano con i capelli e la sento iniziare a sgorgare sul mio cazzo che mi manda oltre il mio limite e mi cado in avanti con l'ultima spinta a seppellire il mio Cock nel profondo della figa di Imelda, crollando il suo corpo sul letto e sdraiato sulla schiena ancora grugnendo e sparando nella sua figa.

Non so per quanto tempo ci stendiamo lì con me sopra di lei, ma da qualche parte lungo la strada cado dalla figa di Imelda e riesco a schierarsi dal mio corpo dalla schiena, cercando di riprendere fiato. Alla fine guardo Imelda per vedere che mi sta guardando pigramente e sorridendo.

"Beh, è ​​stato qualcosa da portare indietro con te quando torni a casa", chiede Imelda sorridendo maliziosamente.

"Sì, ancora calci la merda da Carlos, ma ne è valsa la pena", le dico che rotolava su un fianco e mettendo un braccio sulla schiena.

"Sì bene la mattina avrò più di quel cazzo in me", mi dice Imelda piano, "lo voglio solo lento e dolce domani, hai un problema con quello?"

La rotollo su un fianco e lo spolò dietro Imelda mentre inizia a sonnecchiare. Devo ancora il rimborso di Carlos per aver avvitato con me sulla data, ma soprattutto devo concentrarmi su cosa fare con Abigail. So che le piace l'attenzione che le sta dando, ma voglio davvero ferirle con la verità su di lui e su di me solo per fargli sentire una merda. Fanculo, scoprirò questa merda domani dopo essere tornato a casa e con ciò mi vado a dormire.

Non hai ancora finito con me fan, so che molte persone sono state preoccupate per il fatto che io abbia smesso nel mezzo della storia. Non succederò, sto solo prendendo più tempo a metterli fuori e voglio dire alle persone che mi hanno inviato che ti ho ascoltato e adoro il feedback positivo. E per il ragazzo che ha deciso di inviarmi con le critiche sessuali, sì, avevi ragione. Le scene erano troppo brevi e non descrittive come una volta, ora chiude. Altre parti in arrivo e più parti, qualche domanda?

Storie simili

Diventare Zoe

La mia futura moglie Annie aveva accettato un lavoro fuori città e la vedevo solo ogni due settimane circa. Mi mancava così tanto. Lei ed io eravamo diventati amanti a distanza. Aveva un volo di ritorno a casa venerdì sera. Stavo andando a prendere suo figlio Zakk dal suo dormitorio e noi due saremmo andati a prenderla all'aeroporto e ci saremmo goduti il ​​fine settimana insieme. Zakk è al suo primo anno di college e sta studiando per diventare un truccatore per il teatro e lo schermo. Lui e io non ci siamo davvero conosciuti e questo doveva essere il fine...

1K I più visti

Likes 0

La sorella della moglie è la puttana dell'ufficio!

Questa non è esattamente una storia normale che potresti trovare su xnxx. Ho trovato questo pubblicato in un forum insieme a un mucchio di commenti di giudizio. Lo sto solo ripubblicando per far divertire le persone. Il poster originale afferma che questo è tutto vero e che ha cambiato i nomi. La sorella di mia moglie è la puttana dell'ufficio e suo padre gliel'ha fatto fare! Katie ha sempre condiviso tutto con me e il percorso professionale di sua sorella è diventato un argomento di cui discutiamo a letto. Rosie ha sempre avuto un corpo delizioso ma non c'è molto da...

850 I più visti

Likes 0

Il furgone - Scopa mia moglie

Una sera io e mia moglie stavamo cenando, è venuto fuori l'argomento di una delle nostre fantasie. L'abbiamo chiamato il furgone. Era stata una nostra fantasia ricorrente prendere diversi ragazzi e farli scopare mia moglie nel retro di un furgone. Questa volta abbiamo deciso di farlo quindi abbiamo aspettato il weekend. Abbiamo noleggiato un furgone bianco per la notte e siamo andati in centro alla ricerca di alcuni ragazzi belli e sani. Indossava un mini abito nero scollato e aveva un letto rifatto nella parte posteriore. Abbiamo guidato per un po' e ci siamo imbattuti in un ragazzo che camminava da...

1.9K I più visti

Likes 1

Fantasia di schieramento

Voglio raccontarvi tutto del mio dispiegamento in Turchia. Ero solo e non avevo voglia di fare lo stesso di tutti gli altri ragazzi. Sai parlare con le ragazze dello stato sperando di poter organizzare qualcosa per quando torno. Ero in una stanza con 8 ragazzi in 4 letti a castello e volevo trovare qualcuno che fosse di stanza qui con la propria stanza. Forse anche una casa. Così sono andato al gruppo di vendita in cantiere su Facebook e ho iniziato a cercare un amico nell'elenco dei membri. Chissà, forse conoscevo qualcuno qui. Beh, mi sono imbattuto in una ragazza di...

2.4K I più visti

Likes 0

Sissy Lucy incontra suo padre

Ho circa 20 anni e gestisco un ristorante/bar locale. Sono 5 piedi e 8 e magro con lineamenti abbastanza femminili. Per la maggior parte delle persone sono solo Tom, un ragazzo normale che ha fidanzate occasionali, ama una birra e guarda il calcio. Per i miei amici più cari sono Lucy, una troia femminuccia che ama il cazzo. Di recente ho trovato un papà online. Era un uomo più anziano e più esperto. Abbiamo iniziato a chattare e gli ho inviato alcune foto e videoclip birichini di Lucy che suonava. Mentre parlavamo ho rivelato che mi piace essere dominato, mi è...

774 I più visti

Likes 0

La mia vera storia di vita: capitolo uno

Diverse persone mi hanno chiesto di raccontare la storia della mia vita poiché ho accennato ad alcune delle mie esperienze insolite. Quindi penso che il miglior punto da cui iniziare sia la notte in cui sono finiti i miei 10 anni di matrimonio. Era un venerdì sera e mio marito Tim è tornato a casa ubriaco. Questa era diventata la sua pratica abituale negli ultimi due anni. Ha affermato che il suo capo gli stava causando un aumento dello stress e ha dovuto fermarsi con i ragazzi per rilassarsi. All'inizio tornava a casa un po' brillo per quando portavo a letto...

752 I più visti

Likes 0

Dare un erede a Lord Ablington

Stavo oziando tutto il giorno aspettando il pranzo quando ho sentito la terribile notizia: Alan Lord Ablington era caduto da cavallo durante la caccia di lunedì mattina ed era completamente morto. Tommy Goodfellow si era fermato mentre andava ad Abbotsford quel martedì mattina per raccontarci, come sapeva, della mia precedente conoscenza con Lady Ablington. Ho provato un misto di emozioni. Lord Ablington aveva recentemente corteggiato e poi sposato la mia dolce metà d'infanzia, una certa Miss Amy Merry, alla quale ero rimasto immensamente affezionato, non si poteva biasimarla, Ablington possedeva la maggior parte del villaggio e molto altro ancora mentre la...

767 I più visti

Likes 0

Colto in flagrante_(0)

Colto con le mani nel sacco Questa esperienza ha coinvolto il mio conoscente Ben. Dico conoscente perché l'ho incontrato solo una volta prima, abbiamo parlato a malapena e non aveva molto legame con me: era il figlio della mia amica più grande Vicky. Conoscevo Vicky perché facevo volontariato nel suo negozio di animali e, anche dopo aver finito, ancora oggi restiamo buoni amici. All'epoca avevo 15 anni e Ben 13. Vicky mi ha invitato a fare un barbecue per festeggiare il suo compleanno, quindi insieme a molte altre persone ho accettato, ero il più giovane lì a parte Ben che è...

276 I più visti

Likes 0

Samantha e Kaylee_(0)

Avevo una vicina di nome Kaylee che era meravigliosa. Era alta, atletica e aveva un corpo sodo. Probabilmente circa 120 libbre. pelle abbronzata, capelli castano scuro. Ha sicuramente attirato la mia attenzione. Non era una troia, era più una provocazione. Abbiamo frequentato la stessa scuola superiore. L'ho vista spesso, ma non abbiamo parlato molto. Tutto in lei era ipnotizzante, il modo in cui i suoi capelli erano lunghi e avevano la giusta quantità di riccioli, le sue gambe, la figura sexy, aveva persino delle fossette sopra il sedere che potevo vedere quando era in bikini intorno alla piscina. Era una brava...

263 I più visti

Likes 0

La migliore sorella del mondo!!! Parte 2

La migliore sorella del mondo!!! Parte 2 Mi sono svegliato la mattina dopo più riposato di quanto mi fossi sentito da molto tempo. Gli eventi della notte precedente mi stavano attraversando la mente mentre iniziavo a prepararmi per la scuola. Sia io che Sydney ci amavamo molto, in un certo senso fraterno. Non avevo mai pensato a lei sessualmente, ma quando l'ho vista masturbarsi fino all'orgasmo mentre pensava a me... ho iniziato a vederla sotto una nuova luce. Ora la vedevo non solo come mia sorella maggiore, ma come una donna bella e sexy. Sono sceso al piano di sotto, la...

2.5K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.