Fantasie e incubi 2

488Report
Fantasie e incubi 2

La testa sul suo grembo si spostò. Lui stava dormendo. Sognando. Quando si fosse svegliato, se lo sarebbe ricordato. Qualunque cosa.

Per ora era solo un sogno. Alcuni ricordi mescolati per rendere il tutto ancora più stabile, certo, ma era a suo vantaggio, non a lui. Forse si era lasciata un po' trasportare dalla cucitrice. Forse si era tuffata nel profondo per vedere saziata una certa curiosità. Non aveva davvero alcuna aspettativa in merito, e questo ha reso il tutto ancora più interessante.

Serata film. Così era cominciato. Mentre gli altri scivolavano via, Ehma ne aveva fatto uso abbondante. Una coperta di conforto. Uno smorzamento dei sensi.

Gina aveva lanciato la sfida, che lo sapesse o no. E onestamente, non sapeva con chi stava scherzando. Ehma potrebbe fare molto se volesse. Se si sentiva maliziosa.

Invece, Ehma scelse una specie di piccolo gioco. Lui fu il primo ad addormentarsi in quel luogo in cui lei teneva sotto controllo la sua mente. Il luogo in cui erano legati nei loro cuori. Successivamente Gina uscì dal pensiero cosciente. Per tutto il tempo, Ehma aveva aspettato. Paziente.

Una volta liberato il divano, il film trasmesso sul grande televisore divenne qualcosa di completamente diverso. I ricordi vissuti da Gina filtravano attraverso la sua comprensione delle cose. I suoi ricordi erano soffocati nella foschia. Come uno stato costante di Deja Vu, dove tutto sembrava così simile eppure il futuro era una tabula rasa.

Anche le due persone sullo schermo si comportavano come lei si aspettava. Quasi. L'alchimia c'era, ma gli eventi furono purificati dal suo irragionevole cinismo.

Quindi, Ehma si è presa la briga di mettere il bicchiere pieno al suo tavolo dopo che se n'era andato per prendere un po' d'aria. Per rendere quel bicchiere di alcol così attraente, Gina lo beveva senza fare domande. Ehma era pronta a staccare la spina nel caso in cui le sue peggiori paure si fossero realizzate. Nel caso in cui si fosse scoperto che era una specie di predatore sessuale.

Gli eventi però non si sono svolti in questo modo, e adesso? Questo era sufficiente per dimostrare a Gina che i suoi desideri egoistici erano inferiori a quelli di Ehma? Ehma aveva il diritto di essere possessivo. Gina no.

La testa che aveva in grembo si spostò di nuovo e lei gli accarezzò i capelli. “Shhh, shhh. Non ho ancora finito. Non ancora. Semplicemente rilassati."

Lui si dimenò più in profondità nell'angolo dei suoi fianchi, il suo respiro era un leggero sbuffo lungo le sue cosce. Quello era buono. Le piaceva che, qualunque fosse il motivo per cui desiderava fidarsi delle sue parole. Ancora un altro punto di controversia: perché semplicemente non poteva tollerare che una ragazza si intromettesse nei loro affari.

I suoi occhi viaggiarono verso la donna rannicchiata in posizione fetale sul divanetto perpendicolare a loro. Non solo i suoi occhi, però. Tutti gli occhi che li circondavano. Tutte le versioni di Ehma che aveva adottato nel corso degli anni, tutte proiettate intorno a loro. Forme oscure e figure imponenti, con tutta l'attenzione rivolta alla strega addormentata.

Con un cenno, Ehma indirizzò uno dei suoi alter ego verso la televisione. Una cosa minuscola. Giovane. Mentre guardava, il messaggio passò attraverso lo schermo e nella sua mente.

****

Come fa una persona a diventare ossessionata da qualcuno? Come avviene esattamente? È qualcosa che scegli tu o...

Forse se fosse stata più simile alle altre ragazze, questo non sarebbe successo. Il suo idiota di fratello non avrebbe portato con sé una pistola la notte in cui è morto. I suoi stupidi genitori non avrebbero preso una bottiglia così forte.

Quando alla fine decise di andarsene, non fu una grande epifania. Non si è verificato alcun evento che ha scosso il terreno. Ehma si alzò una notte dopo che avevano bevuto la terza bottiglia e iniziò a camminare. E camminava. E camminava.

Passarono due ore. Poi tre. Poi un giorno. Poi due. Una parte di lei sperava che quello fosse il momento. Il momento in cui si sono resi conto che il loro mondo era ormai crollato ai loro piedi. Dopo un mese ha smesso di pensarci.

Ha trovato il modo di prendersi cura di se stessa. Luoghi dove fare il bagno. Quali minimarket hanno buttato via cibo vecchio di meno di un giorno e quando. Se avesse scelto i tempi giusti e fosse stata attenta, sarebbe riuscita a passare un'intera settimana senza chiedere il resto davanti al negozio di alimentari.

Quei giorni furono i peggiori. Era troppo giovane per essere una senzatetto. Troppo giovane per avere fame. E il fatto che fosse entrambe le cose rendeva solo più difficile chiedere la sopravvivenza. Era quasi troppo difficile anche solo portare in giro un cartello, ma lo faceva, se doveva.

Quelle persone sapevano almeno cosa significava avere fame? Per essere così vuoti dentro, il pensiero di camminare davanti al traffico sembrava quasi una soluzione migliore? Ne dubitava. Ciò non impedì loro di parlare di Gesù. Ciò non ha impedito loro di citare versetti della Bibbia fino a diventare blu in faccia.

Imparò a stare nascosta non appena il sole pomeridiano cominciava a svanire. I posti tranquilli erano i migliori. Non era stata ancora violentata, quindi era possibile che quella fosse una delle benedizioni di Dio. Tuttavia, l’idea che quello fosse tutto ciò che lui era disposto a darle le lasciò un grosso veleno in gola.

C'era una comunità recintata che preferiva nelle vicinanze. Vicino sia ai minimarket che ai negozi di alimentari, e quella divenne la sua routine. Le sedie non erano poi così comode vicino alla piscina, ma se fosse stata fortunata avrebbe potuto dormire per sei ore intere e riuscire comunque a passare a prendere il cibo senza che nessuno se ne accorgesse.

Ehma non riusciva a ricordare la prima volta che lo aveva visto, e nemmeno la seconda. Forse ha consapevolmente evitato il ricordo. Di notte le buttava il cibo in grandi sacchi - panini freddi, frutta confezionata e cose del genere - e poi lei lo guardava tornare a casa nelle prime ore del mattino.

La prima volta che si ricordò davvero del suo volto, era sdraiata su una sedia accanto alla piscina. Era un buon posto per stare al riparo dalla pioggia, e in realtà il cancello che separava quest'area da quella era più estetico che altro.

Era concentrata sui suoi piedi. Le vesciche che sarebbero comparse nel giro di poche ore. Cosa significherebbe se dovesse scappare. Erano doloranti e doloranti, quindi non si accorse di lui finché non sentì una sedia di metallo raschiare contro la passerella di pietra.

I suoi occhi erano fuori dalle orbite, ma non si muoveva. Non potrebbe, anche se volesse. Questo faceva parte dell'atto. Dovevi fingere di appartenere a quel posto. Era solo una ragazza che usciva di casa e si godeva l'aria fresca della notte. Niente di più. Nientemeno.

Ciò non le ha impedito di provare un'ondata di autocoscienza. Da quanto tempo non faceva il bagno nel bagno del supermercato? Un giorno? Quanto tempo era passato dall'ultima volta che aveva tentato di strizzare via lo sporco e la sporcizia dai suoi vestiti nella fontana? Non riusciva a ricordare.

E cosa ci faceva esattamente lì? Aveva un portatile con sé, quindi forse era uno studente? Forse era lì solo per il WiFi? Sembrava troppo vecchio per essere un ragazzino che si allontanava dai suoi genitori. Troppo giovane per essere un senzatetto come lei. Eppure era lei la senzatetto, nonostante il fatto che probabilmente lui avesse almeno una manciata di anni in più.

Non si parlarono quella notte, o meglio lei no. Ad un certo punto lui se ne andò e lei riuscì a rilassarsi, ma non durò a lungo. Forse un'ora dopo, è tornato. Due piatti in mano, avvolti nella carta stagnola. Ne fece sedere uno e poi ne posò un altro sul tavolo davanti a lei.

"Se lo vuoi."

Questo fu tutto ciò che disse prima di appoggiarvi accanto una Carona. Era una specie di scherzo? Una sorta di pietà per la povera senzatetto? Sapeva almeno che era una senzatetto?

Il forte odore di frutti di mare fritti riempì l'aria della notte, ancor prima che lui cominciasse a mangiare la sua porzione. Lo guardò. Gamberetti in pastella. Un pizzico di limone. Un sorso di birra.

Dieci minuti dopo si alzò e gettò via il piatto insieme alla bottiglia vuota. Senza aggiungere altro se ne andò.

Il cibo caldo non dovrebbe essere mangiato freddo, fu il suo unico pensiero mentre strappava la pellicola. L'aveva cucinato lui stesso? Per lei? Si era reso conto che lei era fuori posto lì?

Le amare insicurezze si sciolsero mentre divorava l'offerta. Questi non erano i gamberetti nani che hai trovato nella sezione dei cibi surgelati. Questi erano veri e propri gamberetti in pastella, fritti e conditi con succo di limone. A metà, guardò la birra. Non si fidava. Non mi fiderei, non importa quanto fosse buono tutto il resto.

Lasciò lì il piatto vuoto e la birra intatta nel caso lui tornasse, e scivolò tra i cespugli. Quanto tempo fosse passato, non ne era sicura. Non più di trenta minuti, probabilmente.

Infatti, proprio mentre le sue ginocchia cominciavano a urlare dalla sua posizione accovacciata, sentì il rumore di una bottiglia di birra mentre il suo tappo si svitava. Perché non ci ha pensato? Certo era minorenne, ma aveva diciotto anni. Potrebbe bere se volesse.

Ehma aspettò che i suoi passi si allontanassero e poi si buttò fuori dai cespugli. Il senso di colpa immediato per non aver detto grazie si fece strada nella sua mente. Passarono i giorni. Lei continuò a guardare, aspettando un'altra occasione per ringraziarlo. Non è mai arrivato.

Una volta, in una brutta giornata, lo vide mentre era seduta fuori dal negozio di alimentari. Era così imbarazzata. Se solo potesse strisciare in se stessa e morire. Il suo sguardo la stuzzicò per un brevissimo istante, ma era come se percepisse la sua avversione. Una volta entrato nell'edificio, lei scappò.

E poi anche quello è diventato parte della sua routine. Ora, quando raccoglieva il cibo scartato dal minimarket, una parte di lei andava a trovarlo. Ora, quando di notte sonnecchiava nell'area libera della piscina, una parte di lei sperava in un'interazione simile. Uno in cui forse questa volta avrebbe davvero aperto la sua stupida bocca.

Parlerebbero. Le avrebbe raccontato dei suoi studi. Le sue speranze. I suoi sogni. Le avrebbe chiesto dei suoi inutili genitori. Sul motivo per cui ha deciso di lasciarli indietro, anche se ciò significava trovarsi in una posizione così difficile. Sarebbe gentile. Premuroso. Gentile con lei. Riderebbero. Si prendevano in giro a vicenda.

Una vampa di calore le salì sulle guance quando pensò a qualcos'altro che lui avrebbe potuto fare. Dopotutto era un ragazzo. Ciò significava che avrebbe voluto delle cose. Farle delle cose. Cose a cui non pensava da molto tempo. Ma se fosse stato lui...

Questi erano il tipo di pensieri che le turbinavano nella testa mentre la sua rotta deviava dalla strada principale della comunità recintata. Giù per l'asfalto in pendenza e nel parcheggio, delimitato da appartamenti di lusso da un lato e nascosto da una fila di cespugli dall'altro. Non ci era voluto molto per sapere dove aveva parcheggiato all'interno della comunità recintata. Non per qualcuno intelligente come lei. Non per qualcuno che era realmente interessato.

Fu allora, proprio in quel momento, che qualcosa scattò dentro di lei. Ehma sbatté le palpebre a quella vista. Tenne gli occhi chiusi con così tanta forza che tutto il suo viso si increspò. Quando li aprì, i due stavano ancora camminando verso il suo appartamento. Non mano nella mano. Non a braccetto. Ma insieme lo stesso.

I pensieri e i sentimenti che riecheggiavano in lei non erano sani. Lo sapeva. Ma neanche lei si sentiva in salute. Non si sentiva nemmeno sana di mente. Aveva davvero seguito quel tizio nell'ultimo mese? E per cosa? Per quale ragione?

Lascerai davvero che ciò accada?

Era come un pensiero normale ingrandito centinaia e centinaia di volte. Così forte da soffocare tutto. Così chiaro che era come se lo stesse ascoltando attraverso le cuffie. Se si fosse voltata, era sicura che ci sarebbe stato qualcuno dietro di lei. Non riusciva proprio a distogliere lo sguardo.

Non aver paura di prendere ciò che ti appartiene.

I suoi piedi erano già stati incollati al loro posto, ma non di più. Un passo seguì il successivo. Tutt'intorno a lei, il brusio mattutino della natura si fece improvvisamente silenzioso. E freddo. Così freddo. Prima faceva caldo, vero? Umido. Le nuvole scure eclissavano il sole della Florida con tale certezza che non poteva esserne sicura.

C'era un vuoto nei suoi pensieri. Un vuoto. Mentre camminava oltrepassò l'uomo che era suo e la donna che stava cercando di prenderlo, notò come i loro corpi fossero congelati. Come manichini di cera incisi nel tessuto del tempo.

Anche la sua reazione a qualcosa del genere sembrava indebolita. Tuttavia non si soffermò su questo. Invece, toccò la maniglia della porta del suo appartamento. Poi si udì un clic udibile.

Da qualche parte nel profondo della sua mente, si chiese come avesse fatto. Perché non fu sorpresa quando la manopola le girò in mano. Perché lui e la donna che sembrava una prostituta malconcia erano ancora bloccati sul posto, anche mentre lei li superava ed entrava nell'appartamento buio.

Quando la porta si chiuse, la sua felpa con cappuccio trovò una nuova casa sull'ingresso del vinile. Ha gettato la maglietta sulla moquette del soggiorno e i suoi pantaloni sono stati lasciati nel corridoio. La luce gialla del bagno danzò sulla sua pelle mentre i suoi pantaloni si avvicinavano. Ciascuno una briciola di pane che lo avrebbe condotto da lei. Lo sapeva.

Notò lo scarno decoro mentre si muoveva per l'appartamento. Un tavolo in legno accanto alla cucina. Un divano nel soggiorno. Niente televisione. Nessun tocco femminile. Allora perché c'era un angolo della vasca ricoperto di shampoo e balsamo femminili?

La moglie non metterà mai più piede in questo appartamento. Troppi ragazzi. Troppe feste.

Il pensiero la confortò e presto una nebbia di vapore riempì il bagno. È vero, non c'erano altri oggetti femminili di cui parlare: un'ispezione che ha condotto mentre usava il filo interdentale. È vero, c'era solo uno spazzolino da denti, che usava. Ben presto l'acqua le bruciò la pelle. Sicuramente non è stato spiacevole. Quanto tempo era passato dall'ultima volta che si era sentita veramente pulita?

Con i capelli bagnati, iniziò il compito di strofinarsi la pelle con un panno insaponato. Ogni pollice. Ogni crepa e fessura. Dopo lo shampoo e il balsamo, passò l'acqua tra i ricci e attese.

Come reagirebbe a questo? Vederla nuda e senza filtri. Sarebbe in grado di controllarsi? Voleva che lo facesse?

Le domande le balenarono in testa mentre fissava le bottiglie abbandonate nell'angolo della doccia. Sapeva che la donna che li aveva lasciati non sarebbe mai tornata? Voleva che lo facesse?

Il labbro di Ehma si piegò in un ringhio, i suoi muscoli si contorcevano in un modo che non credeva possibile. Quella era la sua perdita, chiunque fosse. Uno immerso nel rimpianto. Prima o poi avrebbe dovuto farci i conti, ma a quel punto sarebbe già troppo tardi.

Lo è già.

La porta d'ingresso sbatté contro il suo inceppamento in lontananza. Ehma fu presa dal panico. Questa volta, come le poche volte precedenti, si chiese come avrebbe fatto quello che sarebbe successo dopo. Voleva essere invisibile. Per passare inosservato in questa strana serie di eventi. Invece di tutto ciò, l'interruttore della luce fece un clic udibile e lei fu avvolta dall'oscurità insensibile. Pura e vuota, con solo il calore afoso della doccia a ricordarle che era viva.

L'acqua le pioveva sul viso mentre faceva uno sforzo cosciente per rallentare il respiro. Il suo petto si sollevava ad ogni respiro. Ancora ed ancora. Ancora ed ancora. E poi la porta del bagno si aprì e un cuneo di luce trafisse il suo mondo nero.

Diminuiva senza l'aggiunta della luce del bagno e lei restava lì con i pugni chiusi. Anche con l'acqua che scorreva, il suo cuore batteva forte. Stava facendo un ultimo tentativo con se stessa, annusando strani odori, quando una mano le toccò la schiena.

Non avrebbe nemmeno tirato indietro la tenda? Non avrebbe nemmeno provato a vedere chi c'era sotto la doccia? Alzò gli occhi al cielo a quel pensiero, rendendosi conto che era lei la ragione principale per cui era buio. La mano si spostò verso la sua spina dorsale e lei inspirò un ultimo respiro preventivo. È ora o mai più.

Non aver paura di prendere—

L'acqua le scorreva intorno alle caviglie mentre si girava. I suoi occhi avevano già cominciato a distinguere le forme nell'oscurità e afferrò la mano tesa attorno alla tenda chiusa. Si lasciò tirare e poi il suo palmo aperto le posò sul seno. Un tocco gentile che divenne potente quando il suo peso si posò sulla sua mano, il cuore di lei che batteva in anticipazione.

Facendo attenzione ad evitare il più possibile la tenda, si avvicinò. Una seconda lancetta l'aspettava, appena oltre il velo del mistero. Ehma lo trovò e se lo legò alla vita, assaporando la pelle d'oca che il suo tocco fece venire.

Il suo culo non era il tipo da cui la maggior parte degli uomini era ossessionata, ma le sue dita scavarono comunque tracce nella sua pelle. Non poteva lasciarlo fermare lì. Non lo farebbe.

Con le dita puntate contro la camicia appena sopra la vita dei jeans, un attimo dopo il suo pollice era sul suo bottone. Era distratto dal capezzolo increspato sulla punta delle sue dita e dalla superficie liscia della fessura nascosta dalla curva del sedere. Andava bene. Meglio che bene. Poi arrivò la cerniera e lei si perse nella silenziosa ricerca di ciò che avrebbe dovuto essere suo da sempre.

Un ringhio basso le risuonò in gola quando lo trovò, con la punta liscia nella sua mano. Era chiaro che si era completamente dimenticato della piccola troia che probabilmente lo aspettava in soggiorno. Ciò fu ancora più chiaro quando le sue mani si staccarono e la sua maglietta colpì il pavimento. I suoi pantaloni e boxer vennero dopo con un movimento rapido.

Ehma rabbrividì mentre entrava nella doccia, l'ondata d'aria fredda sostituita dalla sua corporatura muscolosa. Le mani le presero il viso e la premettero contro il muro, la pienezza della sua asta forzata tra le sue cosce. La sua presa sul collo e sul mento si fece più forte mentre la baciava, un atto famelico che le lasciò le braccia inerti e il labbro inferiore dolorante. Tutto il resto dentro di lei ribolliva di calore, i suoi muscoli vaginali dolevano di lussuria.

Mentre la sua lunghezza scivolava contro il suo clitoride, le piegò la gamba sul braccio. Tutte le emozioni che erano cresciute dentro di lei, tutta la disperazione che provava per quest'uomo, anche se non riusciva a spiegare il motivo, si sciolsero quando la corona del suo cazzo la penetrò. La sua grossezza spingeva le sue pieghe labiali verso l'interno con la sua avanzata, e mordergli la carne del collo era tutto ciò che poteva fare per trattenersi dall'urlare.

Tutto il suo corpo si fletté dal piacere mentre un'onda indescrivibile si infrangeva su di lei. Su di lei. Dentro di lei. Non era nemmeno a metà strada e già le sue pareti si stavano contraendo mentre la costringeva a prendere ciò che le sembrava enorme. Ad ogni spinta, la sua lunghezza si piegava e poi scivolava ulteriormente. Più profondo. Le labbra della sua figa si piegarono su se stesse costantemente man mano che lui la riempiva.

Quando la sua testa grassa poggiò contro la sua cervice, si sentì come se fosse sepolto nel suo stomaco. Un lungo colpo in fuori e una forte spinta in dentro. Fu tutto ciò che servì perché le sue gambe cominciassero a tremare in modo incontrollabile. Lottò per accogliere la sua profondità, gli occhi serrati contro il gradito intruso.

Se solo riuscisse a concentrarsi sul silenzio, se solo riuscisse a farlo, tutto il resto andrebbe bene. Ciò si rivelò più facile del previsto poiché ogni spinta le rubava la voce. Tutto quello che poteva fare era ansimare in cerca d'aria a metà corsa. Era un dolore bellissimo che non si aspettava, ma ora che lui stava cambiando la forma delle sue viscere era felice di provarlo. Felice, anche se le lacrime scorrevano lungo le sue guance e sulla sua schiena.

Forse sentiva l'instabilità in lei mentre vacillava contro il suo petto. Forse la sentiva avvicinarsi a un secondo climax. Forse voleva solo assicurarsi di scoparla a fondo nell'oscurità, dove la loro immaginazione avrebbe potuto riempire gli spazi vuoti.

In ogni caso, la sua mano libera si infilò sotto la gamba su cui lei si trovava e il suo equilibrio cambiò mentre lui la sollevava completamente da terra. Entrambe le mani corsero al suo sedere e la strinsero forte per sostenerla. Ansimò in estasi mentre si aggrappava alle sue spalle per la sua vita mentre il suo cazzo colpiva in brevi raffiche contro la sua cervice.

Ehma poteva sentire il suo sperma mentre ricopriva le sue pareti vaginali e poi si mescolava con i succhi del suo precedente orgasmo. Non faceva sesso da prima di compiere diciotto anni. Non aveva fatto sesso da quando era uscita di casa. Questo era considerato sesso? Ciò che le stava facendo era selvaggio e lei lo adorava.

Man mano che il suo ritmo aumentava, lei si inclinò all'indietro furiosamente usando il muro piastrellato come leva per scaricare il suo peso. È stata impalata su di lui, ancora e ancora. Un altro orgasmo arrivò quando il suo grosso cazzo la colpì dentro e il più piccolo dei gridi si fece strada attraverso le sue labbra. Non poteva più pensarci. Tutto quello che poteva fare era cedere alla pressione che le cresceva nello stomaco. Una sensazione che sapeva arrivava solo dopo un orgasmo.

Le sue gambe ondeggiarono mollemente mentre la sua eccitazione cresceva e poi si strinsero parzialmente mentre cadeva oltre il bordo. Con le sue forti braccia avvolte attorno alla sua vita, Ehma venne attirata dentro di lui ancora e ancora. Lui le ha quasi ordinato di venire secondo il suo desiderio. E lo fece mentre lui continuava a percuotere la sua povera figa con forti spinte che le provocavano crampi alle gambe.

L'acqua schizzava tra i loro corpi mentre i seni di lei gli schiaffeggiavano il petto. Ancora un po', implorava la sua mente. Con il suo splendido cazzo infilato nel suo grembo, non sarebbe passato molto tempo. E poi lo sentì.

L'intensa sensazione travolse lei e poi travolse lui. Stava facendo parlare la sua figa e sembrava che dei deliziosi maccheroni fossero mescolati. La sua figa gli stava dicendo che stava spruzzando, la prova era evidente dai suoni schiaccianti quando i loro fianchi si scontravano.

Era questo. Questo era quello che voleva. Tutti quei giorni trascorsi, persi. Abbandonato. Terrorizzato. Le sue paure svanirono dalla sua presa, proprio come la notte in cui le aveva mostrato un semplice atto di gentilezza.

Se avesse potuto mantenere quella sensazione per sempre, lo avrebbe fatto. La pienezza dei suoi muscoli della schiena mentre lei li artigliava. Il calore dei suoi respiri frenetici mentre costringeva i loro corpi a incontrarsi, ogni impatto solido le faceva formicolare il cervello. Proprio mentre il suo corpo rilasciava un potente getto di liquido ai suoi piedi, sentì il cazzo alloggiato nel suo grembo gonfiarsi contro il suo punto G e poi iniziare a esplodere nel suo grembo.

Non era sicura di poter sopportare altro mentre il suo orgasmo esplodeva dentro di lei. Era così caldo. Così giusto. Le sue viscere bevevano il suo seme con una tale fame che aveva quasi paura di se stessa. Spaventato da ciò che implicava quella fame.

Il suo pene strofinava parti di lei di cui lei non aveva mai saputo l'esistenza. Pulsava come un secondo battito cardiaco che sembrava così... familiare. Anche se faticavano a riprendere fiato, poteva sentire la pienezza che lui le dava. La sensazione di essere spaventata sarebbe diventata cavernosa una volta rimossa.

Prendendosi il suo tempo, Ehma appoggiò i talloni sul bordo della vasca mentre i suoi respiri gutturali si affusolavano contro il suo petto. Lo teneva lì. Avrebbe avuto bisogno di tempo per riprendersi dai propri tremori. E questo le avrebbe dato un momento per godersi i suoi capelli, quelli che sembravano seta bagnata tra le sue dita.

Quanto tempo fosse passato, non ne era sicura. Un'ondata di emozioni infuriava nel suo petto, e lei si chiedeva se lui potesse sentirle. Tutti lottano per essere riconosciuti allo stesso tempo. Quando le sue labbra si chiusero attorno alla sua areola, pensò che forse lo aveva fatto.

L'allattamento la portò ad altre cose e prima che lei se ne rendesse conto lui la stava adagiando sotto lo spruzzo della doccia. Nel suo stato indebolito, probabilmente non ce la faceva più, ma lui voleva di più, quindi cosa poteva fare?

Quando una mano le torse i capelli, non ci fu tempo per esprimere il suo piacere. Le sue labbra si schiantarono contro quelle di lei troppo velocemente. Troppo brutale.

Tutto quello che poteva fare era gemere nella sua bocca mentre due dita le pizzicavano il cappuccio gonfio del suo clitoride. Una seconda mano le passò attraverso la fessura del sedere e quasi sussultò quando un solo dito le sfiorò l'ano. Per diversi lunghi istanti rimase lì con il pene appoggiato contro il suo fianco, una mano che si occupava delle sue sensibili pieghe labiali e un'altra che si muoveva ritmicamente contro il suo sedere.

Le era mai piaciuto l'anale, o anche solo pensato di lasciare che un ragazzo le facesse una cosa del genere? Pensava di no, ma c'era una strana sensazione nel profondo del suo cuore che diceva di sì. Sì, le è piaciuto. Se fosse stato lui.

Se è quello che vuole.

Quando la punta del suo dito entrò nel suo anello stretto, il suo corpo affondò in avanti. Non per dolore. Non per sorpresa. Lei gli tirò il cazzo e dopo aver dato un bacio sensuale al suo prepuzio, usò la lancia per dirigerlo dietro di sé.

Cosa sto facendo? Ehma non capiva bene perché si sentisse così bene, schiaffeggiando il suo cazzo contro il suo clitoride e poi sporgendosi in avanti solo per appoggiare il sedere contro il suo elmo gonfio. Lo ha fatto comunque. Ciò deve aver fatto scattare qualcosa anche in lui, perché in pochi secondi uno spesso strato di saliva si spalmò sul suo buco raggrinzito.

Non poteva prendere qualcosa di così grosso nel culo. L'avrebbe fatta a pezzi. Comunque, accettalo, lo farebbe. Lei prenderebbe ogni centimetro e lo prosciugherebbe di tutto lo sperma rimasto. Il suo seme era il suo.

Prima di perdere il coraggio, iniziò a sforzarsi di tornare indietro. Lui grugnì ai suoi movimenti sinceri e lei sentì un pollice premere sulla punta. Da allora in poi ogni pensiero cosciente andò a rilassare i suoi muscoli per lui e proprio non appena pensò di potercela fare - letteralmente in quel preciso momento - la testa scivolò oltre il suo anello.

"Merda", gemette mentre si tirava indietro delicatamente per contrastare la pressione.

L'intero corpo di Ehma si contrasse non appena sentì la sua voce. Quanto tempo era passato dall'ultima volta che aveva provato a parlarle quella notte? Quanto tempo aveva aspettato di sentirlo dire qualcosa? Ora lui le aveva già ricoperto il grembo con il suo seme e lei si sarebbe lasciata inculare come...

Troia?

La voce che sussurrava nella sua testa fu la goccia che fece traboccare il vaso e lei quasi crollò per l'intensità del suo primo orgasmo anale. Doveva aver sentito il suo corpo vacillare in avanti: doveva averlo fatto, perché le afferrò i polsi e la tenne in posizione verticale mentre la allungava di qualche centimetro. Ognuno la soddisfaceva in un modo che non avrebbe mai immaginato possibile. E c'era ancora di più.

Il suo anello lo strinse mentre giocava con lei, l'anticipazione cominciava a contorcersi dentro di lei. Forse era l'acqua calda che le scorreva lungo la schiena. Forse era il modo in cui le stringeva possessivamente i polsi. Forse era il modo in cui le permetteva di adattarsi a questa nuova e meravigliosa sensazione. Non poteva proprio sopportarlo.

"Tesoro, fottimi."

L'affondo feroce che seguì fu colpa sua. Non le importava. Non proprio. Tutto ciò che le importava era la sensazione del suo buco più tabù avvolto attorno alla base del suo cazzo. E poi iniziarono le lunghe bracciate.

Fino a quando il suo anello anale minacciò di liberarlo. Fino a quando i suoi fianchi non sbatterono contro il suo sedere. Ancora e ancora mentre la sua figa le inondava le cosce di calore.

"Più forte... per favore," piagnucolò tra una spinta e l'altra.

Glielo ha dato. Così forte a volte che temeva che il suo seno le avrebbe colpito in faccia. Così difficile che sembrava che il suo stomaco fosse stato rivoltato. Le sue palle le schiaffeggiavano le labbra della figa ad ogni spinta, ed era qualcosa che non si aspettava. Come una dolce glassa tra gli strati di una torta.

E poi la stava sollevando. Stringendosi i seni con fame primordiale. Succhiandole il lobo dell'orecchio e mordendolo. Accarezzandole il clitoride in cerchi ritmici mentre le prendeva il culo dall'altro lato. Specialmente in questa posizione, sembrava che la base del suo cazzo l'avesse allungata in due. Il suo angolo era semplicemente troppo bello. Ciò non accadde però, e le fece solo roteare gli occhi dietro la testa mentre la sua figa inondava i loro piedi.

Come mai era così eccitata da tutto ciò? Sembrava così sporco. Eppure era più che eccitata. Stava venendo dal culo mentre veniva scopata. E vengo forte. Era perché era lui? Ti sentiresti mai così bene con un'altra persona?

L'anello stretto di Ehma si contrasse quando un'ondata di calore esplose dentro di lei. La sua presa sui suoi fianchi la costrinse a scendere più in profondità che poteva e il suo corpo quasi si sgretolò sotto il peso di un altro orgasmo. Qualcosa in quella specifica sensazione le ha fatto questo effetto. I suoi fianchi contro la curva delle sue guance rotonde, la sensazione del suo anello anale mentre lo stringeva fino all'ultima meravigliosa goccia.

Meno del suo seme la riempiva di prima, ma era un calore in un luogo che non aveva mai sentito. Tuttavia, niente di tutto questo era qualcosa che aveva mai provato, quindi chi può dire quale fosse meglio. La sua unica conoscenza, oltre al cazzo che le pulsava nel culo, era che era suo. Finalmente e completamente.

Ogni fibra del suo essere si sentiva sazia. Curato da. Amato? Cos'era quella sensazione di solletico nel petto? Non riusciva a ricordare che fosse mai stato lì prima, quindi forse. Forse era...

Da qualche parte nel mondo oscuro che avvolgeva il loro momento intimo, uno schianto sonoro fece a pezzi tutto. Non un colpo prolungato. Nemmeno un rispettoso toc toc. Ci fu un boom e un tintinnio a tutto campo mentre la porta del bagno sbatteva contro il muro, la maniglia di metallo echeggiava con un suono rabbioso.

Ehma non riuscì a raccogliere in tempo i suoi pensieri. Si sentiva nuda. Era nuda. Non appena la luce ambientale del mondo esterno baciava il soffitto, i pioli della tenda della doccia ridacchiavano di lato.

"E che cazzo sta succedendo qui, dannazione?"

Storie simili

Io e Mike

Si chiamava Mike e lo conoscevo da quando aveva iniziato a consegnare il mio compito all'età di quindici anni. Dato che all'epoca avevo solo vent'anni e mi sentivo a mio agio nel prenderlo in giro per il suo bell'aspetto straziante, si rese presto conto che ero gay e mi dedicavo a corromperlo. Era 5'9 e 140 libbre. con occhi scuri e capelli scuri lunghi fino alle spalle su una struttura abbronzata e magra e muscolosa. Non vedevo l'ora che diventasse maggiorenne. Nei tre anni successivi abbiamo portato l'arte del flirt a un nuovo livello. Naturalmente a quel punto mi ero praticamente...

468 I più visti

Likes 0

Un nuovo giorno, un nuovo me parte 3

Wow, ho dei bei commenti, grazie a tutti coloro che stanno leggendo il mio lavoro, cercherò di tirarne fuori di più. E mi scuso per l'inizio della storia se ci vuole troppo tempo. Dopo un mercoledì che avrebbe fatto sì che la maggior parte delle persone mi volesse morto per fortuna, il mio giovedì è stato davvero noioso. Alzati, mangia, vai a scuola, torna a casa e goditi il ​​tempo con la mia famiglia. Quindi tua madre ed io andremo fuori città questo fine settimana, dice mio padre mentre stiamo cenando. Congelo solido; il mio orologio interno corre di un miglio...

1.5K I più visti

Likes 0

Sex on the road side pt dei miei racconti

Siamo stati al cinquantesimo compleanno di tua madre [arty e stiamo tornando a casa nella tua macchina, mi hai guardato tutta la notte come se volessi mangiarmi vivo e hai deciso di accostare la macchina al lato del strada e trascinami fuori, camminandoci in un campo mi dici di togliermi il vestito. Mi dici di stare lì al freddo con indosso solo il reggiseno e le mutande francesi; stai di fronte a me guardandomi prima di decidere cosa vuoi fare. Noto che quattro uomini stanno passando per la strada da qualche parte e mi guardano in piedi di fronte a te...

1.4K I più visti

Likes 0

Apple È l'insegnante...

Apple ha parcheggiato la sua auto a un isolato dalla spiaggia e si è diretta verso il punto in cui i suoi amici avevano detto che sarebbe stata la festa. Rebecca l'aveva invitata all'inizio della settimana e aveva detto che aveva degli amici che voleva davvero che incontrasse, qualunque cosa significasse. Apple stava solo cercando di uscire di casa dopo una lunga settimana, quindi qualsiasi scusa ha funzionato. La festa era alla casa sulla spiaggia degli amici di Rebecca e stava andando abbastanza bene quando Apple si è presentata. Era arrivata sulla spiaggia a circa mezzo miglio più in alto, e...

1.9K I più visti

Likes 0

Io e Zac

Mi chiamo Taylor. Ho 21 anni... al liceo ero un running back nella squadra di football. Ero 5'9 190 libbre. abbastanza ben fatto con capelli di media lunghezza biondo sporco, occhi azzurri e non una cura al mondo. Ero gay e tutti lo sapevano da anni, non era un problema, tutti erano molto d'accordo e io e il mio ragazzo Zac avevamo una relazione da quando avevamo 15 anni. Zac era alto quasi 6 piedi e 190 libbre. con occhi azzurri e capelli rossi corti. Era muscoloso ma non definito, quindi era forte e lo sembrava, ma era un po' più...

1K I più visti

Likes 0

OOPS 3

OOPS 3 Durante la cena con mio marito Nathan e suo figlio Nate ho ripreso l'argomento di cui avevo parlato con le mie amiche a partire dalla nostra promessa reciproca. Ora ci siamo promessi la totale verità l'un l'altro dissi Prendendo un caffè oggi, Natalie ha detto di aver sorpreso suo figlio e 3 dei suoi amici a masturbarsi nelle sue mutandine e pensa che tutti i ragazzi lo facciano Quindi Nathan, l'hai fatto come un ragazzo? Strewth, è un po' imbarazzante chiederlo? disse Nathan Ho guardato Nate con aria interrogativa perché sapevo che aveva annusato il mio ma non ero...

709 I più visti

Likes 0

Ragazze della California 3

Ragazze della California 3 Oh merda, sono le 7 del mattino esclamò Kate. Wow, siamo stati tutta la notte, sorrise Hannah, siamo delle puttane arrapate rise. No, sul serio, è un male, mia sorella sarà a casa tra mezz'ora. Kate ha detto alzandosi in piedi, Uh, merda a me le gambe, gemette, strofinandosi le ginocchia, agh e il mio bacino sembra come se qualcuno l'avesse battuto con un martello. Wow la scorsa notte è stato divertente sorrise Hannah ancora di più, Dovrei prendermi un cane! . Preoccupati dopo, aiutami a ripulire un po' di questo sperma, è ovunque! Merda è ovunque!...

2K I più visti

Likes 0

L'Harem dell'Imperatore - Parte 2

2. Mi sono svegliato la mattina dopo con la mia imperatrice drappeggiata su di me da dietro. Il suo braccio agile mi abbracciò il petto e sentii i suoi capezzoli contro la mia schiena. Avevo sposato Rayne per motivi politici, la crescita del mio regno richiedeva l'annessione di uno adiacente, praticamente delle stesse dimensioni di Marad. Sebbene i miei generali mi assicurassero che la capitale poteva essere catturata e la terra aggiunta alla mia, il costo del sangue era troppo grande per me da sopportare. Fu organizzato un matrimonio che avrebbe unito i nostri due imperi, ma in effetti Corlan fu...

2K I più visti

Likes 0

Il mio prurito - Parte 2

Quando sono tornato al condominio, ho afferrato la mia borsa e sono corso verso la porta, gridando di trionfo quando le luci si sono riaccese pochi secondi dopo. Sapendo che non avrei avuto molto tempo, ho preso rapidamente diversi asciugamani spessi dal bagno e li ho infilati nell'asciugatrice insieme alla maglietta inzuppata di Itch e l'ho acceso in alto. Tornai di corsa in camera da letto, recuperando un cesto della biancheria che tenevamo nelle unità per gli ospiti e tornai in soggiorno. Ho acceso il camino elettrico al minimo, quel tanto che basta per riscaldare la piccola area intorno ad esso...

1.9K I più visti

Likes 0

La linea di gesso

La linea di gesso una storia di Le Fantasma © 1997 Si erano conosciuti online, in una chat room. Era stato attratto dai suoi modi tranquilli e le aveva mandato una rosa come presentazione. Immediatamente hanno formato un legame. Il loro flirt occasionale ha portato a discussioni più profonde su film e profumi preferiti, cose erotiche, sensualità... È sbocciato, il giorno dopo si sono ritrovati a cercarsi, trovandosi ogni volta che hanno firmato... Parlavano di vite e di amori, di cose divertenti e tristi... Si scambiavano un bacio... tenero e gentile, approfondendosi rapidamente fino a diventare una passione quasi ingestibile... Né...

1.6K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.