La moglie e le amanti che condivideva con me

977Report
La moglie e le amanti che condivideva con me

Un evento che mi è rimasto impresso nella memoria è stato il pomeriggio in cui la mia adorabile mogliettina mi ha chiesto se volevo partecipare a un trio con la sua migliore amica! Aveva incontrato e stretto amicizia con un genitore single nella scuola frequentata dalle nostre figlie, quando avevano iniziato l'asilo l'anno prima, e voleva che noi due portassimo l'amica a letto. Sadie aveva solo ventidue anni e suo figlio era dello stesso anno delle nostre figlie. Sadie e Lyndsey erano diventate amiche proprio all'inizio dell'anno scolastico precedente e avevano parlato di molti argomenti; a quanto pare includendo le dimensioni della mia virilità! Sadie aveva avuto un solo amante, che l'aveva abbandonata quando era rimasta incinta alla tenera età di diciassette anni. Non era ben dotato e lei lo ha descritto come un "commerciante di due pompe e un mercante di schizzi". Ho pensato che fosse piuttosto rozzo, personalmente, ma lei lo conosceva e io no. Avevano dormito insieme solo per poche settimane prima che facesse un corridore. Neanche lui l'aveva impressionata esattamente con la sua esibizione in camera da letto, e la mia cara mogliettina aveva offerto la mia virilità alla sua migliore amica, "se fossi d'accordo".

Ricordo di aver chiesto a Lyndsey: "È questo il tuo modo di imburrarmi per andare a letto con un altro ragazzo?" Sono sempre stato un tipo sospettoso, e questa sembrava la ragione ovvia.

Sembrò ferita per alcuni secondi e poi iniziò a sorridere. "Merda, non ci avevo pensato", disse con una risata, "ma no, voglio solo mettere le mie labbra intorno ai capezzoli di Sadie e la mia lingua dentro la sua piccola figa succosa. Mi hai sempre detto che il mio ha un sapore così dolce, e dovrei essere d'accordo con te, da quello che ho assaggiato di me stesso, sulle tue dita o sul tuo cazzo. Ora voglio solo assaggiare un altro barattolo di miele, in modo da poter scoprire se ha un sapore dolce come il mio. Oltre a questo, voglio guardarti mentre la metti in ginocchio e fai scivolare il tuo grosso salame su per il suo vergine passaggio posteriore.

Si mise una mano sul cuore mentre diceva: “Non ti chiederò di condividermi con un altro ragazzo; Giuro che non lo farò! Non voglio correre il rischio di rimanere delusa da un'esibizione poco brillante ', e ho preso il giuramento tanto seriamente quanto quello che ha prestato in chiesa, indossando il suo vestito di seta bianca. “Sono solo un po 'curiosa di andare a letto con un'altra donna, come Sadie, e ora sembra proprio il momento di provarci. Non ti opponi, vero, tesoro? Quando tua moglie presenta la sua migliore amica e ti chiede se vuoi fotterla nel culo, rifiuti?

Mi sono rivolto a Sadie e ho chiesto: "Ti senti a tuo agio con le idee che la mia dolce e innocente mogliettina sta proponendo, e ingoi?"

“Ho sempre deglutito nel breve periodo in cui ho succhiato, anche se non pretendo di essere bravo a farlo; è un'abilità che uno di voi potrebbe dover insegnarmi. Sono stato un po' bi-curioso per un po', come Lyndsey, e visto che non ho scopato negli ultimi cinque anni, buoni, cattivi o indifferenti, farò quel che due di voi vogliono, per un po' di piacere carnale, purché mi promettiate di essere gentile con me. In qualche modo, però, non penso che tua moglie sia neanche lontanamente dolce o innocente come affermi! Tutti e tre abbiamo riso di questo, e Lyndsey si è offerta di insegnare a Sadie a, cito, "succhiare il cazzo come una piccola troia professionista, proprio come faccio io!"

Abbiamo promesso e, dopo che Sadie ha preso la pillola e la mia cara moglie ha comprato un dildo a doppia punta, per i successivi cinque anni e un po', abbiamo condiviso regolarmente il letto matrimoniale con la migliore amica di mia moglie; almeno una volta a settimana; a volte molto più spesso. Per le prime due settimane era ogni giorno della settimana; anche se solo per un paio d'ore quando i bambini erano a scuola. Lyndsey ha portato i bambini a scuola una mattina, ha preso Sadie e l'ha portata a casa per divertirsi.

A mia insaputa, loro due avevano guardato un bel po' di porno insieme e Lyndsey aveva preso in simpatia l'idea di essere una dominatrice. Aveva convinto Sadie a considerare di essere la sottomessa, alla sua dominatrice, e quando loro due sono arrivate per la prima sessione, ho offerto a Sadie un bicchiere di vino, pensando che potesse averne bisogno per calmare i suoi nervi.

Lyndsey mi ha lasciato uno shock considerevole quando ha annunciato, ad alta voce, per non dire in modo indescrivibilmente crudo, che: “Non ha fottuto tempo per bere fottuto vino! L'unica cosa che quella sporca piccola puttana ha il tempo di fare, è entrare nella fottuta camera da letto, togliersi le sue fottute mutandine e mettersi in ginocchio, fottutamente con le fottute tette di fuori. Dopo avermi succhiato la fica, prenderà il mio grosso cazzo di gomma nella sua piccola fica stretta, fottutamente forte! Mentre io fotto la piccola puttana da un lato, voglio che tu la fotti dall'altro e le scarichi in gola. Tu ed io le batteremo entrambe le piccole prese strette, finché non sarà fottutamente dolorante e implorerà pietà!

Oh!! Quello non era il Lyndsey che conoscevo e amavo, ma qualcuno completamente diverso; qualcuno aggressivo in camera da letto, in un modo che non ho mai visto, da qualche parte circa dieci anni. Non era mai stata aggressiva in camera da letto con me; permettendomi sempre di essere al comando. Quando siamo rimasti soli, Lyndsey è stata mansueta e sottomessa a letto come non lo era mai stata prima. Era aggressiva e dominante solo quando avevamo un terzo partner in camera da letto con noi, e non per tutto il tempo in cui lo faceva, era mai in grado di spiegarlo, né a se stessa, né a me. Non credo che Lyndsey sapesse davvero perché era così aggressiva con un'altra donna. Tuttavia, non posso negare di aver trovato un tale comportamento da parte della mia mogliettina solitamente mite e mansueta come una grande eccitazione!

Non credo di aver mai visto niente di così erotico ed eccitante come quando ho visto mia moglie infilare il suo dildo nella vagina della sua migliore amica, palparle i seni e chiederle, cito: "Come fa la tua piccola fica stretta ad apprezzare la sensazione di questo grosso cazzo di gomma l'ha spinto su, al posto del piccolo wurstel del tuo ultimo ragazzo, piccola sporca puttana rossa del cazzo?

Ho scoperto che a Lyndsey piaceva molto parlare in modo scortese e sporco con la sua migliore amica, a letto, e questo mi ha eccitato ancora di più; soprattutto quando mi ha detto, senza mezzi termini: “Dai tesoro, dai da mangiare a quel grosso cazzo proprio nella gola della piccola puttana e schizzale nella pancia. Solletica le narici della puttanella con il tuo pube e falle fare ciò che io non voglio; falla ingoiare il tuo succo di cazzo dal sapore disgustoso, prima di nutrire quel fottuto cazzo enorme nel suo stretto culetto vergine. Mentre la sbatti su per il culo, ci mangeremo le fiche a vicenda e, tra di noi, faremo urlare la piccola troietta fottutamente forte!

Lyndsey era certamente un'efficace dominatrice quella mattina, e molte altre mattine, ottenendo qualsiasi cosa sessuale che voleva da Sadie; o per se stessa, o qualunque cosa volesse vedermi fare alla sua sottomessa piccola schiava del sesso. Sadie ha fatto ciò che Lyndsey voleva, per un piacere sessuale come niente che avesse mai conosciuto prima. Il padre di suo figlio non era stato in grado di confrontarsi con ciò che le avevamo fatto, e in cambio di tale piacere, entro limiti ragionevoli, era felice di fare ciò che le era stato detto.

Alla fine il nostro divertimento si è interrotto quando Sadie ha trovato un uomo che l'amava. Aveva quasi vent'anni più di lei ed era abbastanza benestante. Lyndsey fece le presentazioni e poco dopo gli parlò un po' di Sadie. Gli disse, senza mezzi termini, che l'adorabile giovane donna che lui immaginava era "molto sporca" ed era stata "abbastanza ben addestrata da uno stallone abile e ben dotato" e "non dovrebbe essere una delusione nel sacco, anche se se riesci a tenere il passo con il suo appetito è tutta un'altra questione!

Sadie ha chiamato per vederci il giorno dopo il loro primo appuntamento e riusciva a malapena a crederci: “Ho scopato al primo appuntamento; anche senza sella! Voi due mi avete trasformato in una vera troietta! Quando mi ha portato a casa, mi ha detto che ero una puttanella sporca, cosa che suppongo di essere, e mi ha chiesto se poteva vedermi e, cosa più importante, scoparmi di nuovo! Finalmente ho trovato un ragazzo che sa cosa fare con il suo cazzo, quindi immagino di non poter più condividere il tuo letto. Mi mancherà il nostro divertimento insieme, specialmente mangiando la zuppa di Lyndsey ogni settimana, ma dovrò essergli fedele. Posso tornare da te ed essere di nuovo la tua piccola sgualdrina, se non funziona?"

Le abbiamo detto che poteva tornare a fare la nostra troietta quando voleva, ma tutto sommato avremmo preferito che non avesse bisogno di tornare; sarebbe stato meglio per lei se fosse rimasta con il suo papà di zucchero per tutto il tempo in cui è vissuto. Alla fine si sono sposati; il suo nuovo marito adotta suo figlio e la mette incinta altre due volte. Lyndsey ci ha trovato molte altre donne da condividere nel corso degli anni. Erano tutti più giovani di noi, attraenti e pieni di figura. Non ho mai chiesto da dove venissero, o come Lyndsey li avesse fatti accettare di condividere il nostro letto regolarmente, mi piaceva solo fare sesso con loro.

Abbiamo sostituito Sadie entro tre settimane. La sostituta fu Judith, una bisessuale di ventinove anni, petto grosso, capelli rossi, divorziata da poco.

A mia insaputa, il giorno in cui Sadie ci ha lasciato, Lyndsey aveva messo degli annunci su un paio di riviste online di contatti personali, pubblicizzando quello che volevamo; o forse più precisamente, ciò che Lyndsey voleva per se stessa. Non ho nemmeno avuto voce in capitolo!
Ricercata: una donna avventurosa, bisessuale e sottomessa, per una coppia relativamente benestante di trent'anni da viziare. Maschio; 39, alto, magro, ben dotato e bello, con capelli biondi, occhi azzurri e dieci pollici di cazzo grosso con cui giocare. Femmina; 34, ama essere sculacciata, molto attraente, lunghi capelli castani, occhi grigi, alta un metro e mezzo, taglia otto, figa rasata, figura a clessidra, un culo come una pesca, tette grandi come angurie con capezzoli grandi e succhiabili e molto sporca tra le lenzuola.

Alla ricerca di qualcuno con uno spirito avventuroso e una mente aperta, disposto a provare la maggior parte delle cose, e deve essere sulla pillola o con un impianto contraccettivo per bareback. L'età, l'aspetto e la razza sono molto meno importanti delle dimensioni delle tue tette, della dolcezza dei tuoi succhi di fica e della tua volontà di obbedire alla tua Padrona.

Abbiamo ricevuto la prima risposta e una fotografia nel giro di pochi giorni. Ci sono state un totale di quattro risposte; tre delle quali includevano fotografie della donna che rispondeva; l'immagine del quarto non si apriva.

Lyndsey scelse questa risposta, mi mostrò la fotografia allegata, di un'attraente donna dai capelli rossi, che sembrava avere circa venticinque anni, e chiese la mia opinione. La sua scelta delle parole era piuttosto rozza, come avevo cominciato ad aspettarmi. "Ecco, stallone, come pensi che starebbe questa rossa in ginocchio, con il tuo cazzo sepolto, le palle in profondità, in gola, e uno dei miei di gomma speronato in profondità nella sua fica allo stesso tempo?"

L'annuncio diceva: "Mi chiamo Judith, ho 29 anni e ho divorziato da poco. Da quando mi sono sposata, sono stata ben addestrata come sottomessa dal mio ex marito bastardo e traditore. Sono alto cinque piedi e tre pollici e indosso vestiti di taglia quattro. Ho i capelli rossi, gli occhi verdi e il mio impianto contraccettivo è buono per almeno un altro anno. Ho un bel culo, grandi, sode, succose tette 46E, una figa ben rasata e sono disposto a obbedire alla mia Padrona e fare ciò che mi chiede.

C'è poco che il mio ex marito non mi abbia fatto fare a un certo punto, quindi sono sporca come un cazzo e sto solo soffocando per una bella scopata. Non sono mai stato con una donna prima, ma sono sempre stato almeno un po' bi-curioso, interessato al sesso con un'altra donna, e sono disposto a imparare come compiacere la mia Padrona. Sono sempre stato di larghe vedute quando si tratta di sesso e non sono stato coinvolto troppo a lungo, quindi sono disposto a iniziare il prima possibile.

Posso giocare solo di giorno, visto che mia figlia sarà a scuola”.

Abbiamo contattato Judith e l'abbiamo invitata a mangiare con noi, in un ristorante, in un pomeriggio a sua scelta. Ci siamo incontrati e ci siamo trovati bene. Lyndsey ha spiegato i termini e le condizioni a Judith, che ha accettato, abbastanza prontamente, di essere poco più della nostra troia schiava del sesso, chiamandoci persino "padrone" e "padrona". prima sessione di sesso, ma Judith ha insistito perché ci incontrassimo a casa sua. Mi è sembrato un po' strano fare sesso con una donna che avevo appena conosciuto, ma la donna in questione era abbastanza disponibile. Fece ciò che la Padrona richiedeva, e questo includeva lasciarmi avere lei, non protetta, e analmente, molto volentieri, quel primo pomeriggio, anche se Lyndsey insistette per avere il "primo giro", come avrebbe fatto con qualsiasi donna con cui condivideva il letto. noi.

Abbiamo viziato la nostra piccola schiava del sesso con regali nei mesi successivi; compreso ciò che sua figlia desiderava davvero per Natale; e che non poteva permettersi; la console di gioco più recente, per non dire ridicolmente costosa. Le abbiamo comprato dei bei vestiti, tra cui lingerie di seta, biancheria intima di pizzo, stivali di pelle, camicette di raso e gonne. La nostra schiava sottomessa fu invitata a cena di Natale con noi e a portare sua figlia, che aveva solo pochi mesi meno delle nostre figlie, e loro tre andarono d'accordo, diventando presto amiche, come a volte fanno i bambini.

Lyndsey cucinava per tutti noi, come insisteva che una moglie dovrebbe fare, e il pasto era sostanzialmente migliore di quello che Judy avrebbe cucinato per sé e per sua figlia. La faccia della piccola Chloe era un'immagine, mentre apriva l'involucro sulla console di gioco e si rendeva conto di ciò che le era stato appena regalato. Anche quello di Judy non era molto diverso. Una volta che le ragazze stavano giocando insieme, entrambe abbiamo trovato l'opportunità di portare Judy al piano di sotto nel club e fare sesso con lei. Chloe non si è nemmeno accorta che sua madre era scomparsa per quasi un'ora e mezza, mentre serviva il suo Padrone e la sua Padrona! Lyndsey vinse il lancio della moneta e andò per prima, lasciandomi a tenere d'occhio i bambini. Dopo parecchio tempo, è tornata nell'appartamento e mi ha sussurrato all'orecchio: “Tocca a te scendere le scale e dare da mangiare alla piccola puttanella. L'ho lasciata china sul bancone, con le mutandine intorno alle caviglie, ad aspettarti. Sculacciale il culo se si è mossa! L'ho fatta ficcare la fica per me diverse volte, ma ho lasciato solo il suo culo per te, in modo che tu possa scoparla lassù davvero forte e farla urlare quanto vuoi! Nessuno ascolterà, tranne voi due.

Quando sono sceso, Judy era ancora china sul bancone, con le mutandine intorno alle caviglie, e ho fatto l'amore con lei. Lyndsey ha rifiutato di usare il termine; insistendo che faceva l'amore solo con me; in nessun caso faceva l'amore con le "strette". L'opinione di Lyndsey sulle strette era piuttosto semplice e piuttosto rozza. Ha detto che: "Tutte quelle sono, sono troie economiche, facili da scopare per noi".

Forse la testa di Lyndsey diceva cose del genere su quelle donne attraenti, ma il suo cuore diceva il contrario. Si prendeva cura di ognuno di loro; comprava sempre loro regali, e il più delle volte, nel caso di quelli con bambini, comprava anche regali per i bambini. Quei bambini spesso ricevevano regali di compleanno e di Natale che le loro madri non potevano permettersi di far loro; spesso con i nomi delle loro madri sopra, piuttosto che il suo. Le piaceva sempre vedere i loro volti mentre aprivano le scatole incartate dei regali e guardavano cosa c'era dentro.

Abbiamo tenuto Judy per quasi un anno, prima che diventasse troppo grande per noi e passasse alla scena swing per davvero. Non c'era modo che Lyndsey lo sopportasse. Le piaceva vedermi eiaculare in Judy, ma se Judy voleva che anche altri uomini facessero lo stesso con lei, allora doveva andarsene; Troppo rischio che io mi ammali in quel modo, e poi che trasmetta anche a Lyndsey il vaiolo. Siamo rimasti in contatto con Judy nel corso degli anni, perché ci siamo lasciati in buoni rapporti.

Lyndsey non ha impiegato molto a procurarci un sostituto, e sono stato molto sorpreso di essere presentato a Maria; una donna di colore attraente, tettona, di cinque piedi e nove pollici, sui venticinque anni. Sin dai tempi di Sadie, Lyndsey aveva insistito sul seno grosso perché la seconda donna fosse nel nostro letto; ha sempre affermato di essere una "donna cinciallegra". Come ha scherzato Lyndsey, più tardi quel giorno, “Non sono un tesoro razzista; Non mi preoccupo del colore della pelle di una spremuta. L'importante è che tira fuori le tette, si abbassa le mutandine, si china e apre le gambe quando le dico che voglio scoparla con il mio grosso cazzo di gomma.

Se riesce a tirar fuori le sue parti femminili per me, quando glielo dico, allora è accettabile nei miei libri. Non mi interessa da quale cultura provenga, quale lingua parli o quale dio adori; Sono molto più preoccupato per le dimensioni delle sue tette, la tenuta della sua figa e le sue abilità sia nel leccarmi la figa che nel succhiare il tuo cazzo. Voglio vederti darle un viso lattiginoso, mentre le stringo le tette e la scopo forte da dietro, durante la prima scopata che abbiamo. Dobbiamo assicurarci che capisca la situazione abbastanza chiaramente!

Quando eravamo a letto quella notte, Lyndsey mi ha chiesto se avevo mai portato a letto una ragazza nera prima, e poi voleva i "dettagli sporchi, succosi", quando ho ammesso di averlo fatto.

(Avevo diciannove anni, e ad una festa di compleanno. Il mio migliore amico e sua sorella gemella festeggiavano il loro diciottesimo compleanno, e avevano convinto i loro genitori a lasciarli soli con degli amici. Uno di quegli ospiti era una ragazza di colore diciottenne tettona, Katie. Il drink scorreva, insieme alla musica, e Katie sembrava trascorrere una quantità eccessiva di tempo con me. Ho pensato che le piacessi, quindi ho deciso di correre un piccolo rischio. L'ho baciata e le ho messo una mano su camicetta per accarezzare uno dei suoi seni. Non sono stato schiaffeggiato, così ho messo l'altra mano sotto la sua gonna, facendo scorrere le dita sul tassello delle sue mutandine. Quando non mi ha schiaffeggiato, ho messo l'altra mano tirata su anche la gonna, abbassato di qualche centimetro le mutandine, per infilarle un solo dito nella vagina, e comunque non sono stata schiaffeggiata.

Era come una bandiera rossa per un toro, davvero; palpeggiarla a una festa; palesemente così, e senza essere preso a calci nell'inguine o schiaffeggiato intorno alla testa. Decidendo che volevo fare sesso con lei, ho preso in mano la mia reputazione e le ho chiesto se voleva andare in un posto molto più tranquillo per continuare quello che stavamo già facendo, e riuscivo a malapena a crederci quando ha detto "sì".

Sulla strada per casa mia, ho chiesto a Katie fino a che punto voleva spingersi, e lei mi ha detto che se avessi avuto i preservativi, per la prima volta nella sua vita, sarebbe andata "fino in fondo" con me. Non avevo mai dormito con una vergine prima, e in qualche modo mi sembrava davvero sporco; a letto una vergine ubriaca così. Non ci siamo preoccupati di fare molti preliminari, perché eravamo entrambi così eccitati, e in poco tempo ho avuto Katie sulla schiena, mentre la penetravo delicatamente per la prima volta. Katie ha ammesso che non si aspettava che la mia virilità fosse così grande, ed era un po' spaventata. Non potevo fare molto, a parte offrirle di lasciarla uscire, e poi prometterle di essere gentile, quando voleva continuare, ma l'ho comunque ferita un po', con la prima penetrazione. Mi ha lasciato più tardi quella notte, dopo un gioco di circa tre ore e mezza, abbastanza soddisfatta, ma è tornata la mattina, ammettendo che si era divertita la notte precedente, ma pregandomi di non dire a nessuno quello che avevo fatto a lei.

A quel punto gli effetti dell'alcool erano svaniti entrambi e, a dire il vero, mi sentivo un po' un bastardo per quello che avevamo fatto; dopotutto era un po' ubriaca. Mi sentivo un po' squallido, così abbiamo deciso che non avremmo detto a nessuno quello che avevamo fatto, e lo avremmo negato se ci fosse stato chiesto.

Se qualcuno avrebbe creduto alle nostre smentite era tutta un'altra questione, visto che diverse persone mi avevano visto palparla e avevano notato che ce ne eravamo andati insieme. Abbiamo deciso di raccontare la storia che avevamo intenzione di fare sesso, ma quando ha visto le dimensioni della mia virilità, Katie ha avuto paura e si è tirata indietro prima di darmi la sua ciliegia. La storia è stata accettata, come volevamo, dalla maggior parte delle persone.)

Ci furono molte altre "strette", come le chiamava Lyndsey, negli anni successivi. Lyndsey ne portò a casa non meno di quattordici, forse un altro paio. In confronto, ne ho preso uno tutto e, in tutta franchezza, quello mi ha preso. Aveva ventuno anni, era sposata e incinta di cinque mesi. Aveva appena scoperto che suo marito la tradiva. Ha accettato di perdonarlo, se anche lei poteva avere una relazione. Farebbe solo un'avventura di una notte; semplicemente per farlo sentire come lei.

Lo voleva semplicemente seduto a casa, sapendo che la sua cara moglie era fuori, a farsi sfondare da un altro tizio. Pertanto, è entrata nel bar più vicino e si è guardata intorno in cerca di qualcuno adatto a andare a letto e, per qualsiasi motivo, ha scelto me. Quando le ho detto che ero sposato, mi ha suggerito di dividerla con mia moglie; se a mia moglie non importava, allora non lo farebbe nemmeno lei. Mi chiedevo quale possibilità avremmo potuto portare a letto con la donna incinta, visto che le nostre figlie erano a casa nostra! A quel punto erano poco più che adolescenti, quindi invitai Lyndsey a scendere al livello del bar e poi accompagnai le due donne in una stanza tranquilla dell'edificio. È stata l'unica volta in cui sono andato a letto con una donna molto incinta, per non dire sposata (a parte quella che era sposata con me, e non voleva fare l'amore quando era incinta), e mi sono sentito un po' strano. Sembrava anche sporco, in qualche modo. Penso che fosse dovuto al fatto che portava in grembo il figlio di suo marito, oltre che al fatto che voleva essere cavalcata a pelo. Voleva che il marito traditore vedesse le prove della sua infedeltà quando tornava a casa e si metteva a letto con lui.


La nostra cattura premio era una ragazza che Lyndsey mi ha descritto per la prima volta come: "Una bionda alta, con un bel viso, un culo che voglio disperatamente sculacciare, grandi tette che non vedo l'ora di uscire e succhiare, e una bocca che voglio serrata intorno alle labbra della mia figa nei prossimi minuti. Voglio scoparmela fino a metà della prossima settimana! Ragazzo, era qualcos'altro!

Lyndsey era stata originariamente nel bar che gestivo, visto che le nostre figlie erano in gita scolastica, e il lavoro del manager arrivò con un appartamento di quattro camere da letto sopra il bar. La bionda aveva fatto un gioco chiaro per portare Lyndsey a letto, nonostante l'anello nuziale. Lyndsey si era avvicinata a me, mi aveva indicato la bionda e mi aveva chiesto, senza preamboli, se le avrei permesso di portarla a letto quella notte, al solo scopo di fare sesso extraconiugale con lei. Mi sono ricordate delle due settimane che ho passato a far scivolare Sadie per la mia lunghezza mentre Lyndsey era in ospedale, quindi ho accettato di lasciarla, “scopa la ragazza bionda senza sensi nel nostro letto stasera, tesoro. Se lei è ancora lì quando finisci, e se le piace, allora la dividerò con te; Prometto che lo farò!" come voleva lei. Erano circa le nove.

Quando sono entrato nell'appartamento verso l'una, l'unica cosa che potevo sentire dalla camera da letto erano gemiti orgasmici mentre loro due erano ancora lì. Loro due erano sul letto, Lyndsey sopra, e le sue prime parole quando sono entrato sono state: “Ehi tesoro, cosa ne pensi delle tette di questa scoria adolescente? Provaci e dimmi cosa ne pensi. Ho notato che alla proprietaria dei seni non era stato nemmeno chiesto se le dispiaceva che la palpassi, ma ho anche notato che non ha protestato. Erano grandi e sodi e ho commentato come tali dopo averli provati bene. Poi mi sono sistemato a guardare nell'angolo della camera da letto, ed è stato abbastanza divertente. La ragazza bionda era completamente calva in basso, e potevo vedere il modo in cui la sua vagina stava diventando rossa dal modo in cui la mia cara mogliettina l'aveva usata per il proprio piacere.

Mentre ero seduto a guardare, Lyndsey istruì la ragazza bionda; nessuno di noi conosceva il suo nome in quel momento, a "Apri la bocca, tesoro, è ora di riempirla di cazzo". All'inizio rifiutò, alla fine accettò quando le fu detto: "Se vuoi essere su questo letto con me, ancora una volta, succhierai il cazzo di mio marito e inghiottirai il suo sperma, e lo farai subito, cazzo. sporca piccola troia bionda! Sapevi che il prezzo per condividere il mio letto era il servizio di mio marito se fossi stato ancora qui quando avrebbe finito di lavorare. Te l'avevo detto che stanotte avresti preso lo sperma in almeno uno dei tuoi buchi stretti da adolescente. Mi aspetto che lo preferiresti in bocca, piuttosto che nella tua piccola fica dolorante, o su per il tuo culo vergine, ma se lo preferisci in uno di questi modi, sono sicuro che può essere organizzato.

Ti do venti secondi per avere una delle tue cavità piene del cazzo di mio marito; Immagino che non gli importerà in quale buco lo infila, purché lo infili in uno di essi; altrimenti sai dove sono i tuoi vestiti. Puoi indossarli e andartene a casa, ed è l'ultima volta che riuscirai a sederti sulla mia faccia, il modo in cui ti diverti così tanto. Ora, apri quella fottuta bocca, sporca piccola puttana da quattro soldi! Chiunque fosse, non le piaceva, ma fece quello che Lyndsey le aveva detto di fare; aprendo la bocca per me per mettere la mia virilità in.

Quando Lyndsey ha visto la bionda, con la bocca piena del mio pene, i suoi occhi sembravano illuminarsi di divertimento, mentre le sue dita vagavano, e parlava sporco alla ragazza, dicendole cosa fare.

Una volta che la ragazza si è vestita ed è tornata a casa, ho chiesto a Lyndsey come si chiamava e sono rimasta piuttosto sorpresa quando non lo sapeva. "L'hai scopata per più di quattro ore e non conosci il suo nome?" Ho chiesto.
"No", ha risposto, come se non le potesse importare di meno, e per essere onesti, probabilmente non le sarebbe importato molto di meno.
"Allora come ti sei rivolto a lei", sembrava una domanda ragionevole.
“Come mi sentivo! Ha risposto a "cagna", "troia" o "puttana", e lo hanno fatto per me. Quando era nell'ascensore fino all'appartamento, e le ho detto di togliersi le fottute mutandine, le ho detto che con il suo atteggiamento era davvero una sporca troietta del cazzo, e non si è lamentata. Più tardi, le ho fatto ammettere quello che era. Ha risposto a "sporca puttana", quindi mi sono accontentato di quello. Ero sbalordito, a questo. Sapevo che Lyndsey aveva già interpretato una dominatrice, ma mai così. “È stata la cosa più divertente che abbia mai avuto con una stretta prima, e mi divertirò molto di più con lei se riuscirò a modo mio; e a giudicare dai rumori che ha fatto, farò a modo mio. La farò gemere, gemere e urlare molto di più. D'ora in poi, quella puttana adolescente bionda sarà la mia puttanella del cazzo, e farà qualunque cazzo le dirò di fare.
«Cosa le dirai?»
«Come stasera, tesoro. Non credo che fosse vergine, ma non aveva avuto un grosso cazzo nella fica, prima di prendere il mio grosso strap-on, fino in fondo.
«Le hai dato quello grosso?» ho chiesto, perché ho pensato che sarebbe stato insolito per Lyndsey usarlo su una ragazza così giovane.
“Cazzo sì; Le ho dato quello grande va bene; tutti gli undici pollici, duri e da dietro; come la piccola cagna sporca che è; e il modo in cui amo prendere il tuo cazzo. Se solo fossi stato lì a guardare, perché avresti dovuto sentire il modo in cui la piccola troietta gemeva e strillava, mentre glielo spingevo su per tutto! All'inizio non voleva che usassi quello grosso su di lei, ma quando le ho mostrato con quanta facilità mi entrava nella fica, si è chinata per prenderlo nella sua quando le ho detto di farlo. Ovviamente ho trascurato di menzionare il fatto che ho avuto due figli, e quindi non sono neanche lontanamente unita come lei.

Prima si è sdraiata sulla schiena, con quelle bellissime tette fuori, e io l'ho stuzzicata finché non ha implorato solo di essere scopata; promettendomi qualsiasi posizione volessi. Dopodiché, l'ho messa in ginocchio, con le sue tette tra le mani, e ho lentamente nutrito quel grosso cazzo di gomma nella sua piccola fica adolescente. Mi ci è voluto un po', e un sacco di lubrificante per farlo salire su di lei la prima volta, ma una volta che è stato dentro, l'ho vista bene e bene; facendola urlare ad alta voce con il suo primo orgasmo! Dopodiché, si è inginocchiata e mi ha pregato di scoparla di nuovo. Come hai visto, la sua figa stava diventando rossa quando sei arrivato in camera da letto. Non ero sorpreso però; visto che avevo spinto il più grande dei miei cazzi strap-on, proprio su di lei, per circa l'ottava o la nona volta a quel punto; Ho quasi perso il conto dopo quello che penso, anche se non ne sono sicuro, sia stato il quinto tentativo di salire su quella stretta fica adolescenziale. Ti divertirai anche ad ararla e sborrarle nella fica; adorerai quanto si sente stretta la sua fica intorno al tuo cazzo! È anche molto rumorosa nel suo piacere; come senza dubbio avrai notato, ha urlato molto mentre le speronavo il buco fradicio! All'inizio della prossima settimana, voglio vederti speronare la troia bionda, duramente, prima di inchiodarla anche nel suo culo vergine!

Abbiamo rivisto la ragazza la settimana successiva e, dopo aver appreso qualcosa su di lei, l'abbiamo curata adeguatamente a letto, mentre Lyndsey la dominava adeguatamente; assicurandosi che sapesse chi era la Padrona e chi era la cagna sottomessa che avrebbe fatto tutto ciò che le era stato ordinato di fare. Era molto chiaro, quando Lyndsey ha spinto Leigh nel suo secondo atto di sesso anale, con me, che Leigh sarebbe sempre stata sottomessa a Lyndsey. Inizialmente voleva che Lyndsey mi facesse indossare un preservativo, ma Lyndsey non voleva niente di tutto ciò, sottolineando che: “Ho un impianto, stupida piccola fica; a cosa ci servono le gomme? Farai qualunque cosa ti dico di fare, ogni volta che ti dico di farlo, e ora ti sto dicendo di prendere il cazzo di mio marito nel tuo culo quasi vergine, senza sella! Voglio vederlo sparare il suo carico proprio dentro di te. Obbedisci o subisci la punizione!

Leigh obbedì, anche se non avevo idea di quale potesse essere la punizione.

Sono stato sorpreso di scoprire che Leigh era una studentessa di diciotto anni, all'università qui a Washington con un ex fidanzato, che l'aveva sedotta all'età di sedici anni e che non era mai andato a letto con un'altra donna prima di incontrare Lyndsey. Tuttavia, è stata lussuria a prima vista, con una sensuale donna anziana. Nonostante abbia poco più di quarant'anni, però, non credo che a Lyndsey piacesse essere definita una "donna più anziana. "Abbiamo organizzato che Leigh venisse a casa nostra il martedì mattina e il venerdì pomeriggio, dato che erano momenti in cui Leigh non sarebbe stato all'università, i nostri figli non sarebbero stati a casa e noi tre avremmo fatto sesso per un paio d'ore. Di tanto in tanto, Leigh veniva a trovarci per ragioni diverse dal sesso, se si sentiva sola, perché non aveva mai avuto molti amici, anche se in quelle occasioni cercavamo di trovare abbastanza pace da qualche parte per fare sesso con lei almeno una volta.

Quella prima mattina, Lyndsey ha sostanzialmente dettato a Leigh che sarebbe stata la schiava sessuale di Lyndsey. Poteva accettare di obbedire alla sua Padrona, in qualunque "atto sessuale depravato" la Padrona richiedesse, oppure poteva tornare a casa; è stata una sua scelta. Come ogni donna, però, "No" era sempre nel suo vocabolario; ogni volta che voleva andarsene, le aprivamo la porta. Non sarebbe mai stata costretta a fare qualcosa che non voleva fare; Lyndsey lo ha chiamato "stupro" e ha sottolineato che non eravamo così inclini. She admitted to knowing what it felt like to be raped, and said that she never wanted to feel as if she was doing that to another woman. We wanted a willing partner; one we would give pleasure to, when she was in our bedroom.

It was clear to both Lyndsey and myself, right from the start, that Leigh’s interest in sex with the two of us, centered entirely on Lyndsey; I just got in the way of that. Leigh knew though, that if she wanted Lyndsey, then she had to accept my participation in events. That changed within the first couple of months though, as she realized how much pleasure she could get, from letting me make love to her, in a way that her ex never really managed to do.

The change in attitude manifested in an unusual way. One day I was sitting in my office, up to my ears in paperwork; which I’ve always hated, when there was a knock on the door. I figured that there would only have been myself and Lyndsey in the building, seeing as our daughters were out, and would be out for hours. Besides which, it wasn’t as if any of those three ever knocked on the door, anyway; they just barged right in! I got up to open the door, quite puzzled as to who I could expect to find on the other side of it, and was quite surprised to see Leigh standing there, wearing what she called her ‘I’ve just been on the receiving end of a big rubber dick,’ look.

Clearly Lyndsey had arranged the outfit for her, and brought her to me, quickly leaving after knocking on the door, because Leigh would have been unable to reach the office, wearing that blindfold, and she wouldn’t have been able to knock on the door, with her hands cuffed behind her back.

She was a lovely, sexy sight, I must admit. She was wearing a short skirt, high boots and a silk blouse; and they were all she was wearing. The skirt had been turned sideways, with only the top button fastened, and the material was pulled up and pinned to the lower portion of her blouse, baring her vagina, which had clearly been recently put to use; there was artificial lubricant spread around the outside of it, and spread around the top couple of inches of her thighs. The blouse had been opened all the way to the collar button, and the bottom button fastened behind her back, baring her magnificent firm teenage breasts. Written in Lyndsey’s elegant handwriting, on the area of skin where her pubes should have been were the words ‘Insert cock here, sweetie’ with an arrow pointing down to her vagina.

I grabbed one of her arms, pulled her into the office, and shut the door. Then I pushed her back against the door, cupped her breasts, and kissed her. It was something that Lyndsey never liked to see me doing. To this day, I haven’t figured that one out. I never figured out how it was worse for Lyndsey to see me kissing another woman, than it was for her to see me having every kind of sex imaginable with that same woman, but that was how it was.

“Mistress’s compliments,” Leigh said, after I’d stopped kissing her. “You must be getting bored with paperwork by now, so Mistress sends some entertainment, and I’m ready to serve.”
“Serve?” Ho chiesto.
“Yes Master. I have my orders from Mistress. I’m to have one load of cum shot up into my slit, and another load splattered all over my face, and then I’m to be sent back upstairs to Mistress, so that she can see that I’ve been an obedient slave.”
“You didn’t say anything about being on the pill, before.” I observed.
“I’m not,” she answered.
“You’re not on the pill, and you want unprotected sex?” Ho chiesto; quite surprised, as you might expect.
“Mistress commanded it of me, so I will do as I am told. If I don’t, I’ll be punished again.”
“Punished?” Ho chiesto.
“Yes Master; punished. When I told Mistress that I didn’t want to have your baby, she promised me an abortion if I fell pregnant, and then she bent me over her lap and spanked me for questioning her order. Mistress spanks hard, too! Then she repeated her order, threatening me with another spanking if I didn’t do what I was told.”
“What was the order she gave you?”
“I can’t repeat it; I’m not allowed to use such foul language.”
“She won’t hear you, and I won’t tell her.”
“You promise, Master?” Leigh asked.
“Of course,” I assured her.
“Ok then. Mistress reminded me that I’m no better than a dirty little fucking blonde slut-bitch from the projects, where Mistress says I would be popular among the locals; especially dressed like this. Mistress said that she only keeps me around for the pretty face she likes to sit on, the big firm tits she likes to squeeze, and the fact that I’m a dirty, obedient little cunt who takes cock any way that she’s told to. She told me that I’m only good for one thing anyway; spreading my legs for cock, and then she told me to get my cute, shapely, tight, whorish little ass into your office, and beg you to fill my barely legal little cunt with spunk, and then squirt more spunk all over my pretty face. I have to do both, to avoid being punished, so, please Master, fill my cunt with spunk, and then squirt on my face, because really I am just Mistress’ filthy little blonde slut-whore. I suppose that I may as well be your filthy little slut-whore, too.

How do you want me, Master; bent over the edge of your desk, or on my back, on the floor; I’ll let you do it to me any way you want.”
“Up against the wall,” I replied, figuring that it would be more comfortable for her than being bent over the sharp, wooden desk edge. There wasn’t a great deal of space on the floor either, so I maneuvered Leigh into the correct position, with her back up against the office wall, and then, keeping hold of those magnificent big firm breasts, I began to make love to her.

Before too long I decided to turn her round, rolled up the back of her mini-skirt, and got her to keep hold of it in her hands. Then, pressing her breasts into the wall, I pulled her hips away from it, and eased myself back inside her, telling her that, “You’re right about what you are, Leigh; you’re a filthy little eighteen year old whore. But you’re a downright beautiful, filthy little whore. If I wasn’t married, I’d love to do this to you every day.” From the angle of her face, I swear that she blushed slightly from the compliment on her beauty, and on her desirability. Feeling the moment of climax approaching, I withdrew most of my manhood from her vagina, and I gave Leigh another chance to back out, before I ejaculated inside her. The feeling of Leigh pushing her hips back to push my penis back inside her vagina, and the whispered instruction to, “Just fill my tight little teenage cunt with spunk, Master, please. I’ve never had a man spunk in my cunt before and I don’t care about the consequences. I want you to be the first to initiate my cunt, and I don’t care if you get me up the duff because of it!” was one of those feelings; the description of which just can’t be put into words. Therefore I took a firm grip on Leigh’s hips, and buried myself right back inside her.

It felt a little strange to me, to be ejaculating inside Leigh; knowing that we weren’t using any contraception, and knowing that I could get her pregnant, but she wanted me to, so I did.

After I had sex with Leigh, I got back to my paperwork, but I left my pants around my ankles, and a few minutes later, Leigh maneuvered herself around my desk, with my directions, difficult though it was with the blindfold still on, inviting me to hold out my manhood and guide her open mouth around it. Then she went down on me; reminding me to ejaculate all over her face, after which she asked for my assistance in operating the elevator, so that she could go back to her beautiful Mistress, to be inspected for obedience, and as I watched my semen trickling down her face, dripping onto her breasts, she looked just so dirty, that I could quite happily have taken her again, and again and again. I failed to resist the temptation to slip a couple of fingers inside her, and then gently put them into her mouth to have them sucked clean. I’d have kissed her again if it hadn’t been for the semen that I’d squirted on her face.

Apparently Mistress was pleased with her little slave’s obedience, and didn’t spank her again. Lyndsey sent Leigh into the shower to clean the ‘disgusting mess’ off her skin, ready to take her back into the bedroom, tie her to the bed, and sit on her face for a sixty-nine. I had been surprised at first, both that Lyndsey would go down on her slave, seeing as she had semen in her vagina, and that Leigh enjoyed letting Lyndsey treat her so badly, obeying Mistress’ commands, but it was quite clear that she did enjoy it. The worse she was treated, the happier she seemed to be.

Later that night, I tried to tactfully get Lyndsey talking about what we’d done with Leigh earlier on. I guess I wasn’t quite tactful enough, because Lyndsey figured out what the conversation was going to be about and said, “I know I spanked her a bit too hard, so I apologized when you sent the cum-splattered mess back to me. I asked what she wanted from me, to make up for my bad behavior. Next time she’s here, she wants to see me with my mouth full of your sperm, and then I’m to swallow the lot. Clearly she really wants to punish me, because after that, I’m to bend over, and take the big dildo, rear entry, as she squeezes my tits and spanks my buttocks, while you fire another load down my throat.”

Rear entry was one thing squeezes weren’t allowed to do to Lyndsey; that was the one thing that she reserved for me alone, but she must have been feeling guilty at her treatment of Leigh, to allow that; especially with the biggest of her double ended dildos. That was bigger than my real penis, and so far it had never been fed into her anus; into several squeezes’ anuses, yes; including Leigh’s, but never between the halves of Mistress’ lovely, plump little peach.

Two days later, that changed. We got Lyndsey onto the bed, naked, and I settled down above her head, feeding my penis into her mouth, as Leigh eased two fingers into her vagina, and began to talk dirty to her. I’ll probably never forget the way an eighteen year old girl told my darling wife to, “That’s it, you filthy little fucking slut; you take that cock to the back of your dirty mouth, and milk it for all it’s got. Take every drop down into your belly, like the good little whore that you are!”

When Lyndsey had swallowed my semen, Leigh got her onto all fours on the bed, and demanded that she part her plump buttocks, to be lubed up for the big rubber prick; she wasn’t going to get away with taking one of the smaller ones. Just the sight of that big rubber penis being fed into my little wife’s anus was enough to turn me on again, and listening to the way Leigh talked to Lyndsey, the way Lyndsey usually talked to Leigh, just made it even better; especially when she told me to, “Come on stud, it’s time for the dirty little bitch’s second helping of man-milk. Stick it as far down her throat as it’ll go; she’ll deep-throat you now, and if she knows what’s good for her, she’d better fucking swallow!”

Within an hour, Leigh had also taken the big rubber phallus, rear-entry, as she sucked on the real phallus, and that was probably one of the best sessions the three of us ever had, especially the moment that Leigh took front and rear entry at the same time. Within a month, Leigh missed a period, seeing as her Mistress had demanded to see her with a vagina full of semen on a regular basis. She missed the next period, too, so she was clearly pregnant. She swore that I was the only man she’d had sex with, so the baby must have been mine. She needed an abortion, which we paid for, as Mistress promised we would, and we got her a supply of the pill at the same time, so that I could have her unprotected, whenever Mistress demanded it, and Mistress demanded it quite frequently.

We bedded Leigh all the way through her university course, until she went home, and, as my darling little wife put it, ‘If a girl could get a qualification for slutiness, she’d get whatever the top mark was.”

We got a single letter from Leigh, about six or seven months after she went back home, to take her place in the family business. She told us that she’d missed us terribly, until she found a new Master and Mistress to serve. Apparently Leigh’s new owners were an experienced dominatrix, in her early thirties, and her husband, and the pair of them had put Leigh through her paces at the end of their first ‘date’, and had pronounced Leigh the best little slave they’d ever had. Leigh also conveyed the thanks of her new owners, to the couple who had trained her as a submissive, so well. She was already pregnant with her Master’s baby and was going to be rewarded for going full-term with the child and giving it up to her Mistress to adopt, because Mistress couldn’t have one of her own. There was no return address on the letter, so we were unable to send a reply, and there were no more letters. Leigh was our last little squeeze; we just never did get around to replacing her.

I think it was simply the fact that we knew we’d never get any better than Leigh; anyone else would be an anti-climax.

At one point, I had offered Lyndsey a threesome with another bloke, or a foursome, with another couple, if she wanted it. It was, I said, only fair, after the amount of other women I’d gotten to have sex with, while I was married to Lyndsey. She wouldn’t hear of it, despite being curious as to the amount of pleasure she may have been able to get from another man. A couple we’d known for years had always been into the swinging scene for as long as we’d known them, and they’d talked to us about it many times; offering to take us with them one night, because they thought we’d both be well received at one of the parties they attended. She liked the look of me, and he liked the look of my wife, and both figured that the opinions would be shared by many of the other swingers. I knew that Lyndsey was curious, solely from her facial expressions; I could read her like a book by then! To be fair, though, she could also read me like a book, and she’d been able to do it for far longer than I had been able to read her. I asked her why she didn’t want to do it, because I could clearly see that she was interested, and received a reply I would not have imagined, even though I had known her more than twenty years by then.

She took me by the hand and silently led me into the bedroom, before picking up one of her rubber penises and saying, “If we bring another woman into this bedroom, and I put this on, I can have as much fun with her as you can. I can orgasm from sticking this into her pussy, in the same way that she can orgasm from you putting the real thing into hers. If we bring another man to bed, you don’t have that option. I can’t see you wanting to bugger another bloke; nor him wanting to do that to you, so it would simply be unfair to you, for me to have the fun of a second man in the bedroom, while you got nothing in return!

I’ll do it for you, if you really want to watch another bloke fuck me; I’ll kneel on the bed and let him fill me with his sperm if you want me to, but I’m not really bothered about it myself. I don’t need extra-marital cock, sweetheart, considering the size of yours, and the ability you have to pleasure me with it, whenever you feed it to me. After all, I have you, and you’re all I’ll ever need!”

She knelt down at my feet, and said, “I appreciate the offer though, sweetheart, and I’ll not forget the consideration that prompted you to make it. I promised you, before our very first threesome, that I would never ask your permission to bed another man, and it’s a promise I will keep until the day I die, or the day you get another woman, and don’t share her with me! I’ll be content with using one of my rubber cocks on whichever women you or I can get to drop their knickers for us. If you fancy some extra-marital cunt, sweetheart, then as long as you bring that self-same cunt home, for me to have my share of, with my big rubber cock, I’ll let you have first ride; I’ll contentedly watch you spray your load inside her, if she’s dirty enough to let you do that. I might even lick it out of her afterwards, as you ride me. That’s the closest we’ll get to fair fun for both of us; a bi-babe we can both fuck, and I’ll be content with that.” Then she reached into the bedside cabinet for a condom, to thank me for the offer I’d just made!

I explained to my darling little wife, that it wasn’t something I wanted to see; I just thought that after she’d brought so many women home, and permitted me to have my wicked way with them, that it would be mean of me not to allow her another man, on occasion, if she wanted to permit one to have his wicked way with her. For the next couple of days, Lyndsey bent over backwards to please me; she was so moved by my willingness to let her have another man, regardless of my thoughts, if it was what she wanted.

Storie simili

Diventare Zoe

La mia futura moglie Annie aveva accettato un lavoro fuori città e la vedevo solo ogni due settimane circa. Mi mancava così tanto. Lei ed io eravamo diventati amanti a distanza. Aveva un volo di ritorno a casa venerdì sera. Stavo andando a prendere suo figlio Zakk dal suo dormitorio e noi due saremmo andati a prenderla all'aeroporto e ci saremmo goduti il ​​fine settimana insieme. Zakk è al suo primo anno di college e sta studiando per diventare un truccatore per il teatro e lo schermo. Lui e io non ci siamo davvero conosciuti e questo doveva essere il fine...

1.1K I più visti

Likes 0

La banda pt1_(0)

La Banda. pt 1 Questa è la mia prima storia in assoluto, quindi per favore sii gentile nei tuoi commenti. Sono ben accette critiche costruttive. Sono Sarah, ho 26 anni e lavoro in una banca come consulente per piccole imprese. Ho lunghi capelli castani, sono 5'7 taglia 10 con seni piccoli ma impertinenti 32B. Vado in palestra almeno 3 volte a settimana quindi sono in buona forma e sono single da un paio d'anni, anche se mi sono divertito. Comunque ti racconto la mia esperienza con una gang di East Leeds. Era un venerdì e la mia migliore amica Vicky era...

923 I più visti

Likes 0

All'improvviso, tabù

All'improvviso, tabù Se sei un ragazzo abbastanza bello con una personalità gradevole, bravo a chiacchierare con le donne e a muoverti molto, trovandoti nei posti giusti al momento giusto avrai i tuoi momenti di sesso quando meno te lo aspetti; questo è previsto. Ma quando all'improvviso, all'improvviso, senza alcuna indicazione, senza alcuna preparazione, senza alcuna preparazione da parte tua, ti viene servita una figa di prima qualità, e quella figa appartiene alla tua bellissima madre; allora sei un figlio di puttana fortunato. Sono un figlio di puttana fortunato! Una parente di mia madre ci ha inviato un invito al suo matrimonio...

768 I più visti

Likes 0

Allenamento 07

Mi è davvero piaciuto essere usato da Jim. La mia figa del culo sembrava vuota senza il suo grosso cazzo nero dentro. Il sesso con mia moglie era ancora soddisfacente, su questo non c'erano dubbi, ma stare con Jim era diverso. Ammetto di aver avuto una distrazione abbastanza significativa nella mia vita pensando a lui. Ero assolutamente brava al 100% a farmi usare da lui per il suo piacere, essendo la sua cagna o fica, se vuoi. Il piacere che ho provato nell'essere usato come un giocattolo da scopare da Jim era difficile da descrivere, anche a me stesso. Il mio...

345 I più visti

Likes 0

Il weekend di una figlia Pt. 2

Erano passate un altro paio d'ore e Savannah aveva finito per addormentarsi. Ho accostato il vialetto di ghiaia e mi sono fermato davanti alla nostra capanna di famiglia. “Savannah,” le scossi la spalla, “siamo qui”. Gli occhi di Savannah si aprirono intontiti e sbatté le palpebre diverse volte mentre si riprendeva e si orientava. Mentre Savannah si stava svegliando dal suo pisolino, sono scesa dalla macchina e sono andata al portellone del camion per prendere i nostri bagagli. Non riuscivo a smettere di pensare a prima, a come mia figlia avesse preso il controllo e mi avesse effettivamente succhiato. Era sbagliato...

1.6K I più visti

Likes 1

Risvegli 5_(1)

Risvegli 5 -------------------------------------------------- ------------- Tahir e il Capitano stavano analizzando i rapporti che stavano arrivando. Apparentemente, le precedenti azioni di Tahir avevano interrotto per un po' i piani del gruppo del dottore. Ci stavano lavorando da un paio d'ore, quando Tahir notò il rapporto di un cadavere. Gli ci volle un momento per leggerlo, voltandosi verso il Capitano, attirò la sua attenzione. Questo rapporto descrive in dettaglio un corpo che è stato trovato, ciò che sembra strano è che il corpo non aveva alcun cervello. Era quasi come se la cavità cranica fosse stata pulita con l'aspirapolvere. disse Tahir, porgendo il...

1.3K I più visti

Likes 0

Sesso sul treno

Tom è stato a Edimburgo per un incontro di lavoro. Era stata prevista una bella giornata estiva, quindi è vestito con pantaloni chino beige, scarpe brogue marroni, una camicia aperta bianca e un blazer blu. Con la sua pelle abbronzata, sembra piuttosto elegante in città. Il suo incontro è scaduto e così ora è sull'ultimo treno per tornare a Leeds, nello Yorkshire, che sta per lasciare la stazione alle 21:30. Non ci sono molti passeggeri che salgono sul treno quindi sceglie un gruppo di 4 posti con tavolino, si siede nel posto di corridoio con le spalle al senso di marcia...

940 I più visti

Likes 0

DONNE ANZIANE_(1)

Storia di Fbailey numero 219 Donne anziane Quando ho compiuto sedici anni mia madre era impegnata con me. Papà non c'era mai e quando c'era, non c'era ancora. Era il tuo venditore ambulante preverbale. Era un donnaiolo, un ubriacone e una misera scusa per un essere umano. Ha fornito un tetto sopra le nostre teste, ma questo è tutto. La mamma lavorava per pagare il cibo che mangiavamo e i vestiti che avevamo addosso. Ho avviato la mia attività di giardinaggio quella primavera. Ho distribuito volantini in un bel quartiere appena fuori città e ho trovato subito un paio di lavori...

1K I più visti

Likes 1

LA FAMIGLIA DI KRISTI 4_(1)

CAPITOLO QUARTO Quando arrivarono nella sua camera da letto, Roger entrò per primo. Notò per la prima volta che Bob era seduto nella sua poltrona reclinabile, apparentemente a riposo. Guardando il letto, vide che Erin era inginocchiata sul letto e si aggrappava alle sbarre della testiera. Guardando più da vicino, si rese conto che non aveva scelta. I suoi polsi erano legati alla testiera, costringendola a inginocchiarsi, le sue tette penzolanti dal suo petto che gravitavano sul lenzuolo sotto di lei. Tieni quelle gambe aperte puttana! Mi piace guardare il tuo bel culetto. Saremo pronti per il secondo round tra un...

941 I più visti

Likes 1

La mia vera storia di vita: capitolo uno

Diverse persone mi hanno chiesto di raccontare la storia della mia vita poiché ho accennato ad alcune delle mie esperienze insolite. Quindi penso che il miglior punto da cui iniziare sia la notte in cui sono finiti i miei 10 anni di matrimonio. Era un venerdì sera e mio marito Tim è tornato a casa ubriaco. Questa era diventata la sua pratica abituale negli ultimi due anni. Ha affermato che il suo capo gli stava causando un aumento dello stress e ha dovuto fermarsi con i ragazzi per rilassarsi. All'inizio tornava a casa un po' brillo per quando portavo a letto...

799 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.